Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2020

red crab rice, blue cabbage and spiced chips: how to reinterpret a Gullah recipe fot MTC Taste the World

Within the new MTC Taste the World challenge about the Gullah-Gheechee culture and the red rice that characterizes its gastronomic specificity, I reproduced In my previous post the original basic recipe, where I reasoned about its red color: it’s also called Mulatto rice for the brown color due to tomato but in a great part also to the roasting of the vegetables and the bacon sizzling fat. Each Gullah family obviously has its own recipe: some prefer it beautiful red and fragrant with tomatoes, others are interested in a more complex flavor and less to a pronounced color, so that the tomato is there but not as the main star.  Once discovered that Alessandra ties the dish very much to its African origins, and consequently to jollof rice and thieboudienne, while I dedicated myself to deepening its evolution in America, I decided not to research here Gullahs' ancient culinary ties with their Motherland, which are however investigated by many other participants, but to find legacies al…

riso rosso al granchio, con cavolo blu e nuvole di cielo Gullah: la ricetta creativa partendo dal red rice dell'MTC Taste the World

(Full English version, here, English recipe below)
All'interno del novello MTC Taste the World stiamo conoscendo sulla cultura Gullah-Gheechee e sul red riceche ne caratterizza la specificità gastronomica. Nel mio post precedente dove ho riprodotto la ricetta base originale, ragionavo sul colore rosso donato al piatto dal pomodoro, che si chiama anche Mulatto rice per la tinta brunita che prende il riso, dovuto sia al pomodoro che alla tostatura delle verdure e del grasso del bacon. Ogni famiglia Gullah ha ovviamente la propria ricetta: chi lo preferisce bello rosso e profumato di pomodoro chi invece predilige un sapore più complesso ed un colore meno spiccato, in modo che il pomodoro partecipi ma non sia protagonista.
Avendo scoperto che Alessandra è della prima scuola perchè lega molto il piatto alle sue origini africane, e di conseguenza al jollof rice e al thieboudienne, mentre io mi dedicavo ad approfondire la sua evoluzione sul suolo americano, ho deciso di non raccontare in q…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!