Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2012

il bene nascosto

Questo ultimo mese è stato un vortice, ancora più di tutti i mesi precedenti. Si è fagocitato il mio tempo e le mie energie con tale voracità da non lasciarmi nemmeno capire che intanto è arrivata pure la fine dell'anno.

Mi è rimasto il fiatone per tutte le corse fatte, gli spaventi presi, i problemi affrontati... e ciò nonostante so di aver lasciato un milione di faccende incompiute. E questo stranissimo e complicato anno si chiude con la consapevolezza che la cosa non è affatto importante.

Per quanto riguarda il blog ho davvero pubblicato poco. Da una parte è un peccato avere l'archivio stipato di ricette, riflessioni, storie, spunti e fotografie che premono per uscire con una continuità che non mi sono potuta permettere, dall'altro so benissimo che tanto io sono fatta così: fino a che il computer non scoppia so che continuerò ad accumulare.

So che prima o poi verranno tempi sufficientemente dilatati da lasciare respiro anche alla pubblicazione. Non li posso prevedere ma…

Claudia Roden

Buffo come due persone che non si sono mai incontrate scoprano di avere una tale passione in comune che nel condividerla costituiscono una sorta di "sorellanza": collaborano per settimane ad un progetto che le entusiasma in pari misura, superano ogni avversità per non mancare agli appuntamenti e finiscono in pratica per passare la viglia di Natale insieme. Il tutto sul web. Senza mai essersi viste. Senza nemmeno conoscere l'una dell'altra "dettagli" come età, professione, luogo di residenza, stile di vita...

Questo post a quattro mani è nato dall'amore viscerale che sia Acquaviva cheEdith Pilaff, due blogger per caso, nella vita due malate di cucina, provano nei confronti dello stile narrativo, della profondità della ricerca, dell'accuratezza delle ricette di Claudia Roden. E prima di qualsiasi altra considerazione si parte con un'indispensabile biografia, perché quello che lega entrambe noi a questa straordinaria autrice è la sua assoluta credi…

Napoli mi insegna

A Napoli un'altra volta. Inevitabilmente... Un paio di giorni in quella città quando l'anno si avvicina alla conclusione sono diventati una specie di rito salvifico.

Anche se ci sono stata da qualche settimana, quando il clima natalizio era ancora solo in preparazione, mi sono resa conto che scenografie e decorazioni a tema non c'entrano. Ogni volta che mi capita di vivere Napoli sento che è la città in se per me in qualche modo consolatoria. Come una specie di Avvento privato.

Non so come, per me Napoli rappresenta sempre un'esperienza anche spirituale, che mi avvicina alle cose buone e calde, alla bellezza del piccolissimo, alla forza d'animo della sopravvivenza a tutti i costi, alla speranza che tutta la fatica del vivere in realtà abbia davvero uno scopo e che  il mistero di questa fatica apparentemente vana faccia parte del gioco.

Forse perché Napoli è ai miei occhi è città maestra di svelamenti, che sorprende con finestre che regalano affacci imprevedibili su…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!