Passa ai contenuti principali

il bene nascosto

Questo ultimo mese è stato un vortice, ancora più di tutti i mesi precedenti. Si è fagocitato il mio tempo e le mie energie con tale voracità da non lasciarmi nemmeno capire che intanto è arrivata pure la fine dell'anno.

Mi è rimasto il fiatone per tutte le corse fatte, gli spaventi presi, i problemi affrontati... e ciò nonostante so di aver lasciato un milione di faccende incompiute. E questo stranissimo e complicato anno si chiude con la consapevolezza che la cosa non è affatto importante.

Per quanto riguarda il blog ho davvero pubblicato poco. Da una parte è un peccato avere l'archivio stipato di ricette, riflessioni, storie, spunti e fotografie che premono per uscire con una continuità che non mi sono potuta permettere, dall'altro so benissimo che tanto io sono fatta così: fino a che il computer non scoppia so che continuerò ad accumulare.

So che prima o poi verranno tempi sufficientemente dilatati da lasciare respiro anche alla pubblicazione. Non li posso prevedere ma vorrei fossero prossimi. Ne sarei solo felice, anche perché riprendere un rapporto più costante con il blog significherebbe che alcuni aspetti della vita reale si sono finalmente semplificati ed hanno potuto restituire spazio anche agli impegni di puro piacere.

Saluto questo anno che si sta chiudendo con una voglia matta di cucina giapponese e di weekend britannici. Con la prima spero di poter riprendere a brevissimo, per i secondi temo dovrò aspettare un po' di più.

Così non è giapponese la proposta di oggi ma ha dentro un pochettino di Inghilterra... nel tentativo  di coniugare un ingrediente italiano classico di queste feste di fine anno con lo stimolo a pensarlo in modo "alternativo", sia per cottura che per abbinamenti, derivato dal tema di dicembre  di Salutiamoci (il link porta al blog che contiene tutte le notizie e gli aggiornamenti relativi all'iniziativa).

Salutiamoci è l'interessantissima raccolta di ricette salutari che propone ogni mese di ragionare attorno ad un ingrediente di stagione, scatenando la fantasia nel rispetto delle regole di una cucina pensata "per stare bene" e delle peculiari caratteristiche dell'ingrediente stesso. Per dicembre la raccolta è ospitata da L'orto di Michelle e ha come protagonista broccoli e cavolfiori.

Saluto questo anno con una ricetta di broccoli e lenticchie, cotte inizialmente secondo la tradizione umbra. I broccoli invece prendono dai vapori delle lenticchie la loro morbidezza finale, contrastata dalla delicata croccantezza delle noci,  il tutto insaporito con qualche goccia di una salsa inglese dalla storia interessantissima (che racconterò un'altra volta, quando mi saranno tornati tempo ed energie) e dalle mille imitazioni (di cui una casalinga riporto pure più sotto).

Saluto questo anno con un ringraziamento per tutto il bene arrivato. Non è stato facile da individuare sotto la massa delle difficoltà che l'hanno spesso sommerso, ma ha dato un significato profondo e consolatorio anche alle sofferenze attraverso cui si è lasciato scoprire, curare, coltivare e infine raccogliere. Ed è il motivo per cui vale sempre la pena di alzarsi la mattina e di guardare il nuovo giorno con gli occhi velati di bellezza.


Spuma tiepida di broccoli lenticchie e noci
ingredienti per 6/8 persone come antipastino o contorno, per 4 come piatto principale:
300 gr. di lenticchie piccole di Castelluccio
1 broccolo verde da circa 1 kg.
80 gr. di gherigli di noci
1 cipolla dorata
2 spicchi di aglio
1 rametto di rosmarino
2 cucchiai di salsa Worcestershire casalinga (*)
4 o 5 cucchiai di olio extravergine
2 cucchiai di olio di noci
sale integrale

Tritare cipolla ed aglio ed appassirli con 2 cucchiai di olio in un tegame di coccio a fiamma bassa fino a che sono trasparenti.

Sciacquare bene le lenticchie eliminando eventuali impurità, scolarle ed aggiungerle alla cipolla insieme al rametto di rosmarino (tranne un paio di ciuffetti, da tenere per decoro).

Coprire con 700 ml. di acqua calda, chiudere il coperchio e cuocere a fiamma bassa fino a che le lenticchie sono abbastanza morbide e l'acqua tutta consumata. Ci vorrà poco meno di un'ora.

Nel frattempo mondare il broccolo, dividerlo in cimette e cuocerle a vapore molto al dente (io al microonde a 900 w per 7 minuti).

Condire le lenticchie con la salsa Worcestershire, mescolare bene, unire un altro mestolo di acqua calda, versare sopra le lenticchie i broccoli, salare leggermente, chiudere di nuovo il coperchio e completare la cottura delle cimette con il vapore delle lenticchie, per circa 10 minuti. Le verdure dovranno essere entrambe morbide e l'acqua tutta consumata.

Mettere da parte un paio di cucchiai di lenticchie e qualche cimetta di broccolo e frullare tutto il resto fino ad ottenere una crema soda e non troppo regolare.

Tritare grossolanamente le noci (lasciandone qualcuna intera per il decoro), mescolarle al frullato di verdure, regolare se serve di sale, condire con un filo di olio extravergine miscelato all'olio di noci e montare con una frusta fino a che il composto rimane soffice e spumoso.


Distribuire la spuma in coppette individuali e servire tiepido, decorando ogni porzione con un mezzo gheriglio di noce, un cucchiaino di lenticchie intere ed un fiore di broccolo.


Lo stesso frullato, allungato con un paio di mestoli di acqua calda e rimesso sul fuoco qualche minuto, diventa una splendida zuppa per 4 persone, da regolare di sale, da decorare con le noci intere e le foglioline di rosmarino e da servire con un leggero giro di olio extravergine.


(* un condimento casalingo naturale, simile nell'utilizzo come insaporitore anche se non esattamente negli aromi, alla salsa Worcestershire, si prepara miscelando:

6 cucchiai di colatura di alici,
4 cucchiai di aceto di riso,
2 cucchiaio di pasta di tamarindo
1 pizzico di peperoncino in polvere
e la polpa di un piccolo fico secco sbollentata per ammorbidirla e poi ridotta in pasta.

Lasciar macerare per un paio di giorni in un vasetto di vetro e conservare in frigo per massimo 15 giorni.)

  • rivoli affluenti:
  • per le proprietà di broccoli e cavolfiori l'articolo specifico di Salutiamoci qui.

Commenti

  1. una meraviglia di post :-) e quella salsa è un gioco di prestigio...
    buon 2013

    RispondiElimina
  2. La Worcestershire sauce fatta in casa e' una genialata!In effetti ha una storia bizzarra,testamento del legame tra UK ed India.
    Pero' se becco ancora qualcuno a metterla nella bolognese,giuro che lo licenzio,eh eh...
    :)

    RispondiElimina
  3. Proprio carina questa ricettina: la copio e me la riservo....magari per la prossima festa dell'Epifania. Ripeterla, stasera, per 50/60 persone.....mi sento un po' in ritardo ;-)
    Ti ringrazio perchè con l'ultima frase del tuo post hai dato "voce" e "consistenza" a qualcosa che sento di condividere con te e che mi porta a dirti: ti voglio bene!

    RispondiElimina
  4. Cia Annalena, io penso: se tu avessi tempo per pubblicare il tuo archivio, come faresti? Non ti vedo "tipa" da pubblicare frettolosamente una ricetta con un leggero testo sul genere: *buongiorno blogger, come va oggi? Qui c'è il sole, il gatto dorme e tra poco vado a fare la spesa...200 g. di pasta, 100 di olive ecc.....*
    La qualità richiede tempo... Sai che non vedo l'ora di vederti a Milano perchè ci sarai vero? Lo troverai il tempo? Un bacio e l'augurio, banale, lo so, per un 2013 meno in affanno ma sempre ricco di emozioni sia per te che per noi♥

    RispondiElimina
  5. @stelladisale: grazie... vedi che a furia di frequentarvi comincio ad imparare?!

    @edith.pilaff: bisognerebbe studiare un modo per cui i limiti alla creatività e alla sperimentazione venissero "autocreati" attraverso una conoscenza profonda dell'ingrediente o del piatto che si vogliono interpretare...

    @giulietta: grazie...

    @libera: in effetti pubblicare una ricetta senza pensiero solo per stare dietro a ritmi dettati da logiche "blogghesche" devo dire non mi passa nemmmeno per la capa... E' certo anche per questo che il mio blog resta poco visibile e devo dire che neppure me ne rammarico più di tanto. Un abbraccio anche a te.

    RispondiElimina
  6. ciao cara, piacere io mi chiamo Vanna,e sono felice di essere passata da te! trovo il tuo blog molto interessante e quindi mi sono unita, se ti va di venire da me mi fa molto piacere, a presto! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
  7. giovanna.vanna: grazie, passo volentieri

    RispondiElimina
  8. Che bella questa ricetta, ti linko anche nella raccolta delle lenticchie :) Grazie!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa per ac…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!