Passa ai contenuti principali

le erbe dell'inventore della carbonara

Chi direbbe mai che la carbonara sia nata a ridosso della guerra a Riccione da un'ispirazione iugoslava?! Lo testimonia però la storia, specificamente nella persona di Renato Gualandi, chef bolognese classe 1921, che in seguito cucinerà in Italia ed all'estero per importanti personaggi della storia e della cultura internazionale, ma che era in zona il 20 e 21 settembre 1944, quando gli alleati anglo-americani liberarono Riccione.

Lo chef venne chiamato ad allestire una grande cena di gala in onore di ministri e generali inglesi ed americani, con il compito di utilizzare gli ingredienti messi a disposizione dalle truppe alleate e di fondere la tradizione gastronomica italiana con quella anglosassone.

Il menù che riuscì a creare prevedeva, tra l'altro, anche gli spaghetti "alla carbonara", oltre ad una torta alta un metro e mezzo che riproduceva le due torri di Bologna, come augurio di una prossima liberazione anche della sua città natale.

Quasi tutti gli ingredienti provenivano dalle scorte militari, così gli spaghetti vennero conditi utilizzando bacon saltato nel burro, crema di latte e formaggio fuso, rosso d'uovo in polvere e pepe macinato fresco. Il piatto era intelligentemente accompagnato da bocconcini di pane al prezzemolo per poter raccogliere fino all'ultima goccia della gustosa cremina.

Lo chef Gualandi, che poco prima cucinava per l'esercito sul confine iugoslavo, racconta di essersi ispirato alla ricetta degli slikrofi, sorta di minestra con tortellini allo speck tipica di Idrija, nell'attuale Slovenia. Di qui l'idea di proporre un condimento per la pasta utilizzando il bacon al posto dello speck, che al momento non aveva a disposizione.

Dopo una vita avventurosamente trascorsa in cucina (a partire dal 1932, anno in cui cominciò come garzone di macelleria, racconta con orgoglio) e costellata di successi e riconoscimenti, dagli anni '80 l'anziano chef passa oltre, si ritira in collina, lavora come consulente e soprattutto coltiva con metodi naturali ulivi, vigne, frutteti e un orto ricco di erbe officinali e aromatiche.

Chiamato a dimostrare l'importanza delle erbe e degli aromi naturali in cucina in una serie di convegni, pubblica in un libro le sue riflessioni in merito, riassumendo in quelle ricette la sua visione della cucina che coniuga sapientemente l'amore per i prodotti di stagione del territorio e le preparazioni semplici della tradizione con le ispirazioni dei grandi maestri francesi e con la conoscenza della sontuosa cucina nobile dei secoli scorsi. Su tutto domina la sua passione per le erbe, di cui elenca anche le virtù curative.

Detto così sembra semplice ed anche tremendamente "trendy", ma la cosa davvero fenomenale è che questo incredibile signore, dall'alto della sua immensa cultura, parlava (e cucinava) così già più di trent'anni fa, quando tutti gli altri (o quasi) inondavano qualsiasi piatto di panna, quando nessuno (o quasi) sapeva cosa fosse l'aceto balsamico, e quando proporre una minestra di legumi "poveri" con erbe di campo o un ragù con le frattaglie ottocentesco non appariva per niente un'operazione profondamente culturale...

E qui ci ritroviamo noi, lontani per scelta da qualsiasi discussione sull'origine della carbonara, ma fermamente decisi a goderci con voluttà l'aria fresca di collina ed i profumi delle erbe dell'orto, naturalmente attraverso una delle garbate ricette dello chef Renato Gualandi:



Fiori di zucca ripieni di erbe

(le dosi, l'albume a neve, le polpettine e la salsa sono una mia interpretazione)
25 fiori di zucca non troppo grossi (colti la mattina, quando sono bene aperti...)
100 gr. pane raffermo
200 ml. latte
1 uovo
40 gr. parmigiano grattugiato
2 cucchiai erbe fresche tritate: prezzemolo, borragine, basilico, pimpinella...
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaio di olio
1/2 bicchiere di brodo vegetale
noce moscata
sale
pepe

Mondare con cura i fiori, liberarli dai pistilli e spolverarli con un panno umido.

Ammollare il pane nel latte, quindi unirvi il tuorlo, il parmigiano, le erbe, l'aglio tritatissimo, una leggera grattata di noce moscata, sale e pepe.

Montare l'albume a neve molto ferma ed incorporarlo delicatamente al composto, quindi farcire i fiori, lasciando un minimo di spazio in cima per poterli chiudere arrotolando le punte dei petali (se avanzasse del ripieno si possono formare delle polpettine che vanno passate in un velo di farina).

Scaldare l'olio in un largo tegame, scottarci un momento i fiori (e le polpettine) su tutti i lati fino a che coloriscono leggermente, quindi versare il brodo, abbassare la fiamma, coprire e lasciar cuocere lentamente fno a che il liquido è assorbito (circa 15 minuti).

Servire eventualmente con a fianco una salsina di pomodoro aromatizzata con le stesse erbe.
  • rivoli affluenti:
  • Renato Gualandi, Erbissima. Pregevoli suggerimenti per adoperar meglio: Spezie - erbe - condimenti - aromi, Leopoldo Fusconi Editore
  • Alberto A. Fabbri, Renato Gualandi. Peripezie di un cuoco bolognese, Slow Food Editore

Commenti

  1. Non immaginavo che la carbonara fosse una preparazione così relativamente recente...

    Vedi però che quando le varie Nigelle & c. ci mettono la panna reinterpretano in qualche modo la ricetta originaria, nonostante l'orrore dei laziali doc?!

    Mi piace il taglio storico, mi piacciono i titoli in minuscolo (tranne quello dei cappelletti, perchè?)e mi diverte che prima racconti l'evoluzione di un piatto e poi posti la ricetta di un altro...

    E' così che si fa!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Beh, insomma... mi sa che lui ci ha messo la panna perchè doveva usare uova in polvere...

    Con il taglio storico invece aspetta: non ho ancora cominciato! Devo prima impratichirmi con i tempi e modi del mezzo.

    Però ho corretto la maiuscola incriminata, ho sistemato alcune incongruenze delle spaziature ed ho pure capito come si eliminano i commenti (uno dei miei, non ti preoccupare!). Quasi incredibile...

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!