Passa ai contenuti principali

la polenta di ferragosto!


Feriae Augusti, "le vacanze di Augusto"... anche gli imperatori romani andavano in vacanza, in questo periodo, più precisamente Roma era in festa per l'intero mese, con i riti più solenni il 13 agosto, a celebrare Diana dea delle fasi della luna e della maternità, e poi all'Opiconsiva del 25 agosto, festa di Opi dea della fertilità edi Conso dio dei campi.

Le Feriae, dette Augusti perchè indette dall'imperatore Ottaviano Augusto, erano come i Saturnali (l'odierno Carnevale) una delle poche occasioni in cui era permesso che schiavi e padroni si mescolassero liberamente. Forse per questo le feriae sono rimaste talmente radicate nella tradizione popolare che con l'avvento del Cristianesimo la Madonna ha sostituito le dee pagane nella celebrazione della fertilità e della maternità ma agosto è rimasto un momento di riposo ed un'occasione di svago.

Chissà qual era per gli antichi Romani una pietanza più speciale delle altre per celebrare l'evento... Ogni classe sociale in realtà aveva un tipo di alimentazione diversa, ma solitamente durante le grandi feste i ricchi distribuivano alla plebe in segno di munificenza cereali, farina e gallette, che venivano perlopiù consumati sotto forma di pappette o polentine, miscelandoli a frutti o verdure selvatiche e ad occasionali prede di caccia o pesca. E che, noi vogliamo essere da meno?!

No, un momento: proporre a mezzo agosto con un caldo da togliere il respiro una polenta può apparire un filo "strambo" ma non si tratta solo di filologia, ho dalla mia una paio di perfette scusanti. Intanto qui il clima non è propriamente mediterraneo: da qualche giorno mi trovo in montagna, in un paesino dall'arietta fresca che da un versante riceve il sole solo dopo le 9.30 e dall'altro va in ombra già alle cinque del pomeriggio, dove si gira con la felpina e si è lontanissimi da ogni sospetto di afa estiva...


Poi per il pranzo di oggi, in cui si riunisce una bella compagnia, ognuno doveva mettere a disposizione un ingrediente a proprio gusto... C'è stato chi, ligio alle tradizioni locali, ha procurato farina di mais bramata, chi sta seguendo una dieta e ha partecipato con passato di verdure light ed un cestino di erbe fresche dell'orto, chi all'alba era nel bosco a caccia di funghi, chi, cittadino fino al midollo, è arrivato con comodo e dal proprio bagagliaio ha estratto... una baffa di salmone!

Tutta la banda per l'occasione pregustava un vero "piatto della festa", ma le aspettative comuni andavano mediate con la scarsa dotazione di base della cucina a disposizione, con le necessità light di parte della compagnia e con i gusti più rustici di qualcun altro... Ho cercato rifugio nell'abitudine veneta a polenta e pesce ed in quella svizzera di abbinare i funghi praticamente con tutto come verdura estiva... ed ecco cosa ne è uscito, alla salute (nonostante qualche falso storico) degli antichi Romani!


Polenta di vedure con salmone e funghi(anche se proporrei, per un minimo di coerenza con il paesaggio montano, di replicare eventualmente il piatto con della trota al posto del salmone)

dosi per 4/6 persone:
500 gr. farina gialla bramata
1 tazza (c.a 200 ml.) passato di verdura (in questo caso patata, carota, zucchina, pomodoro, cipolla, biete, brodo vegetale)
500 gr. filetti di salmone fresco
250 gr. c.a di funghi freschi misti (qui 1 piccolo porcino, 150 gr. di prataioli e 50 gr. di gallinacci)
1 cucchiaio porcini secchi
6 foglie di salvia
1 rametto di rosmarino
1 cucchiaio di timo secco
1 cucchiaio di farina bianca
2 cucchiai di latte
1 spicchio d'aglio
olio extravergine di oliva
10 gr. di burro
2 bacche di ginepro
noce moscata
pepe al mulinello
sale fino e grosso

Portare ad ebollizione 1,5 lt. di acqua, salare, unire un cucchiaio d'olio e gettarvi in un colpo solo la farina gialla, rimestando vigorosamente con una frusta fino a che è tutto ben amalgamato e senza grumi, quindi continuare a cuocere a fuoco basso per una quarantina di minuti, rimestando spesso con un cucchiaio di legno.

Nel frattempo mettere a bagno i funghi secchi in un bicchiere di acqua e pulire i funghi freschi con un coltellino ed un panno umido, tagliandoli poi a fettine.

Sciogliere il burro con due cucchiai di olio in un tegame ed unirvi l'aglio sbucciato, le bacche di ginepro, 2 foglie di salvia spezzettate e mezzo rametto di rosmarino, facendo ben insaporire.

Unirvi i funghi freschi e quelli secchi ben scolati (conservando l'acqua) e tagliuzzati, cuocendo a fuoco basso una decina di minuti fino a che avranno rilasciato tutta l'acqua, quindi salare ed unirvi una cucchiaiata di farina bianca.

Filtrare l'acqua di ammollo dei porcini secchi ed unirla gradualmente ai funghi, in modo che mentre cuociono si formi una salsina cremosa ed un filo legata; cuocere a fuoco basso per circa una mezz'oretta aggiungendo gradualmente circa un altro bicchiere di acqua.

Poco prima della fine regolare eventualmente di sale, diluire con due cucchiai di latte, amalgamare bene, pepare leggermente e spegnere, conservando al caldo coperto fino al momento di servire.

Scaldare il passato di verdura insieme al resto della salvia tritata, al timo, ad una grattata di noce moscata e ad una di pepe ed unire alla polenta a fine cottura insieme ad un paio di cucchiai di olio; mescolare bene, regolare di sale e verificare se serve ancora un poco di acqua calda perchè la polenta risulti compatta ma molto morbida. Coprire e tenere in caldo a riposare qualche minuto.

Scaldare un cucchiaio di olio in un largo tegame con il rosmarino rimanente ed adagiarvi dalla parte della pelle il salmone privato delle lische con una pinzetta e tagliato a fette di formato regolare ed il più possibile uniforme.

Lasciar dorare a fuoco vivace, quindi voltare e lasciar schiarire bene tutta la superficie; quando i pezzi di salmone saranno chiari fuori ed ancora rosati al centro spegnere e coprire il tegame, in modo che il pesce finisca di cuocersi con il suo vapore, quindi spolverare di sale grosso.

Servire un paio di cucchiaiate di polenta morbida a testa con il salmone sopra ed una cucchiaiata di funghi a lato.
  • rivoli affluenti:
  • cibi dell'antica Roma: Marco (Gavio) Apicio, L'arte culinaria. Manuale di Gastronomia Classica
  • la stratificazione alimentare per ceti nell'antica Roma: Jean-Louis Flandrin, Massimo Montanari (cura), Storia dell'alimentazione, Editori Laterza

Commenti

  1. Questa idea del passato di verdura unito alla polenta mi sembra un riciclo davvero geniale!

    RispondiElimina
  2. P.s. la prima foto mi ha tolto il respiro!

    RispondiElimina
  3. spesso abbiamo sotto gli occhi bellezze che diamo per scontate. Mi riferisco alla foto, non al riciclo!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!