Passa ai contenuti principali

matematica a forma di cuore

Cosa c'entra una scrittrice americana di romanzi per adolescenti con l'improvvisa decisione di mettere in gioco questo blog, che fino a qualche momento fa aveva il gusto di starsene accuratamente nascosto tra le pieghe del web, lontano dai riflettori di contest, meme, premi e da tutto quello che in questo mondo serve a quanto pare come cassa di risonanza?

Anch'io avrei risposto "non c'entra un fico secco!" Nel senso che qui si parli pure di romanzi quanto si vuole ma non avevo intenzione di uscire allo scoperto più di così per nessuna ragione, ne' tantomeno di verificare chi mi leggesse, quanto, da dove, perchè e via dicendo...

L'altro giorno invece sono incappata in una proposta di Patricia di Aroma di Casa che mi ha dapprima stuzzicato per una questione di pura golosità e poi quasi intenerito, quando ho scoperto il vero punto di partenza di questo PIF. Così ho aderito. Anche se ci ho messo un pochino di tempo per capire cosa diavolo significasse "PIF", acronimo di Pay It Forward, che letteralmente si tradurrebbe "da pagare più avanti"...

In sostanza: Catherine Ryan Hyde, la scrittrice di cui sopra, nel 2000 pubblicò un romanzo dal titolo, appunto Pay It Forward, tradotto in Italia come La Formula del Cuore. Racconta di un ragazzino che vuole provare a migliorare il mondo cominciando dalle piccole cose, così si propone di compiere tre buone azioni per aiutare tre persone in difficoltà in qualcosa che non sono in grado di fare da sole, chiedendo loro di ripetere a loro volta dei gesti di aiuto nei confronti di altre tre persone ciascuno e così via, in una formula matematico/affettiva di moltiplicazione della solidarietà che crea una catena sempre più ampia di favori e gentilezze.

Il romanzo venne subito trasposto in film, sempre con lo stesso titolo (uscito in Italia come Un sogno per domani), e anche se l'autrice non fu totalmente soddisfatta di alcune modifiche apportate alla trama in fase di sceneggiatura, approvò comunque il progetto generale ed il film contribuì grandemente alla notorietà della sua storia. Da lì l'idea colpì l'immaginario collettivo, forse perchè per fortuna il terreno cominciava ad essere fertile. La sensibilità nei confronti di un pensiero positivo, solidale, operativo e costruttivo si stava infatti diffondendo ed approfondendo, come testimoniato dal successo silenzioso ma costante di iniziative tipo le banche del tempo...

Da quel momento l'acronimo PIF è stato utilizzato nei contesti più svariati, sempre a significare un impegno personale nel fare qualcosa per qualcun altro senza ricevere niente in cambio, "ripagando" una persona per qualcosa ricevuto in precedenza da qualcun altro. Insomma: si rende il favore a chi non te l'ha fatto, e chi riceve una cortesia da te a sua volta renderà a qualcun altro il favore che le hai fatto tu, in un concatenamento di gesti gentili che dovrebbe in teoria puntare sull'armonia del tutto invece che sulle nostre classiche piccole logiche di calcolo e scambio.

La Banca del Tempo sì che è una cosa seria, questo PIF a paragone naturalmente rimane solo un giochino, però aiuta a mentalizzarsi. E' una piccola goccia profumata di "bellezza della bontà". E mi piaceva l'idea di farla cadere anche dentro questo spazio, così mi sono fatta aiutare da Patricia per riproporre l'immagine simbolo di questo PIF che viaggia tra blog, anche perchè, dettaglio non da poco, con lei il regalino è diventato a tema culinario, cosa che io vorrei mantenere...



Stavo qui per elencare "le regole del PIF" ... ma detta così assomiglia troppo a delle "regole del piffero" che non valgono nulla, quindi provo ad esporle più seriamente.

Le regole di questo Pay It Forward sembrano semplici:

♥ io ho aderito alla proposta di Particia, che manderà a me e ad altre due persone/blogger un piccolo dono preparato con le sue mani entro un anno (eh sì, non siamo proprio dei fulmini! E poi vale la pena di pensarci bene e regalare una bella idea creativa...)

♥ A mia volta, "in cambio", la "ripagherò" preparando un regalino handmade per tre persone/blogger che si dimostreranno interessate a ricevere qualcosa da me lasciando qui un commento. Mi impegno ad inviare il dono sempre entro 365 giorni (ma forse ci riesco anche prima...) dalla loro adesione. Poi ci studiamo caso per caso il modo di scambiarci indirizzi e coordinate, naturalmente in forma assolutamente privata.

♥ A loro volta, "in cambio" queste tre persone potranno "ripagarmi" lanciando sui loro rispettivi blog questa stessa proposta, riportandovi l'immagine di cui sopra ed accettando le regole del PIF.

Mi semba un po' strano, arrivata a questo punto, non far seguire una ricetta a tutto questo bel ragionamento e la tentazione ci sarebbe pure, visto che l'ideuzza è anche già balenata, ma non vorrei confondere le idee a nessuno... e neppure dare tracce su quello che potrebbero essere i tre regali di mia produzione. Posso solo dire per certo che saranno mangerecci e tendenzialmente salati. Si sa: con i dolci io non vado d'accordissimo e poi ...di zucchero e miele in questo post credo di averne profusi già in abbondanza...
  • rivoli affluenti:
  • (andrò subito a leggermelo anch'io, naturalmente...): Catherine Ryan Hide, La Formula del Cuore, Edizioni Piemme

Commenti

  1. iomilanese-laura10 gennaio 2010 22:24

    pif, pif, hurrà!

    RispondiElimina
  2. cosa stai facendo?????? tu???? sicura???? stai bene???? :-DDDDDDDD
    domani passo con le aspirine!

    RispondiElimina
  3. @laura: mi sembra che qua siamo impazziti tutti...

    @babs: vedi che scherzi giocano un paio di giorni di febbre?!

    RispondiElimina
  4. Arrivo ora , h 1,18 , dopo aver cucinato tutto il giorno . In genere non sono un fulmine a capire questi meccanismi , figuriamoci a questa ora e in queste condizioni. Però a naso mi sa che sia una cosa interessante . Domani ripasso e ....forse capisco meglio !
    per ora un bacio . chiara

    RispondiElimina
  5. @chiara: mi consoli, non sono l'unica matta on line in notturna, allora...

    RispondiElimina
  6. anch'io ho aderito alla proposta di patricia, ma nessuno ha accettato da me, ci sono rimasta un po' male :(
    non sapevo la storia originaria, mi ha fatto piacere venire a leggerla qui

    RispondiElimina
  7. @lise.charmel: io sono caratterialmente una dietrologa per cui mi rimane difficile evitare di indagare su cosa "sta dietro" alle persone ed alle cose che incontro.
    Solo una volta conosciuta tutta la storia mi sono offerta a Patrizia, visto che si tratta di un'iniziativa "pulita" e gentile, dove la parte divertente (l'attesa, la sorpresa, la conoscenza reciproca "dietro le quinte",le mani in pasta...) si fonde con spunti di riflessione più profonda.
    Inoltre messa così mancano sostanzialmente aspetti tipo competizione, sfida, ricerca di visibilità, eccetera, cioè le componenti del essere-web che a me proprio non piacciono...
    Ho dunque spiegato tutta la storia in questo post perchè credo che la sua lettura allontani le persone meno curiose e sensibili, in cerca solo di un'immagine "alta" per il proprio blog, mentre potrebbe interessare e tranquillizzare chi avrebbe rinunciato per semplice timore di esporsi troppo (come me finora) oppure di non essere all'altezza delle aspettative altrui (come un paio dei tuoi commentatori), tanto è vero che in realtà se si vuole resta tutto "privato", sia gli indirizzi che l'oggetto vero e proprio del regalo che pure tempi e modalità di scambio...
    Il fatto che potrebbe non aderire nessuno l'ho tranquillamente messo in conto anch'io, visto che so perfettamente che questo è un piccolissimo blog poco frequentato (anche se bene!), poco conosciuto e niente affatto pubblicizzato. Non ci rimarrei male, sarebbe solo la conferma che in effetti il blog è poco visibile, che i suoi lettori sono timidi o riservati e forse anche che non ho saputo stimolare il loro interesse nella maniera giusta.
    Ti dirò: non avendo mai lanciato prima un'iniziativa da questo luogo, non so davvero neppure io cosa aspettarmi...
    Mi spiace che tu sia rimasta male perchè ho visto che sei partita con molto entusiasmo, ma rasserenati: il fatto che ti abbiano scritto quasi scusandosi per la loro rinuncia e che te ne abbiano pure scritte le ragioni secondo me è un indice di quanto le persone che ti leggono ti siano affezionate e ci tengano a non farti avvilire. Vuoi mettere?!

    RispondiElimina
  8. Ci voleva una persona come te per spiegare lo spirito di questa "piccola gentilezza" in questo modo... io ho capito subito quest'animo gentile... ma tu hai saputo anche trasmetterlo, che non è poco.
    Per Lise, che ha aderito con una spontaneità e freschezza commoventi e per te, acquaviva, cercherò di fare arrivare il meglio di me, contenuto in questo piccolo pensiero:)
    Un Abbraccio
    Patricia

    RispondiElimina
  9. iomilanese-laura11 gennaio 2010 14:33

    @ripensavo al pif. carino anche nell'essenzialità dell'acronimo. Per noi, napoletane dentro, è un po' come la faccenda del "caffè pagato". Tu lo offri, è un gesto gentile e non sai neppure chi e quando approfitterà di questo gesto. Mi piace di questa iniziativa tua l'effetto sorpresa e la circolarità. Beh scorre...no??????? Buona settimana

    RispondiElimina
  10. iomilanese-laura11 gennaio 2010 14:34

    @dimenticavo...peccato non avere un blog (bugiarda e falsissima!)ciao

    RispondiElimina
  11. acquaviva, tu sei una persona molto dolce e profonda. io devo dire che ci sono rimasta un po' male perché ero rimasta coinvolta nell'entusiasmo di preparare i regali alimentari per le mie amiche a natale e mi piaceva l'idea di continuare a farlo per altre persone, anche se sconosciute, tutto qui
    la visibilità in sé e per sé non mi interessa e anzi ho apprezzato la motivazione di chi mi ha scritto di non voler partecipare.
    be', vorrà dire che continuerò a sfornare biscotti per le persone che mi conoscono :)

    RispondiElimina
  12. @patricia: senti... non avremo grandi soddisfazioni a livello lotta per le adesioni... ma quanto ci si diverte?!

    @iomilanese-laura: esattamente come il caffè pagato! Anche tu un po' napoletana inside, allora... Ma quanti siamo nel club?! E poi non hai bisogno di aprire un blog, sai che puoi venire a dar fastidio qui quando ti pare!

    @lise: Brava, cucinare è sempre un ottima terapia quasi per tutto, figurati per le piccole delusioni! Inoltre, se pensi alla battuta di Laura "peccato non avere un blog": secondo me ci sono anche molte persone che ti leggono e che avrebbero partecipato volentieri ma non hanno un blog.

    RispondiElimina
  13. Si, è proprio ungioco divertente...;))
    A presto
    Pat

    RispondiElimina
  14. Manco da una 15ina di giorni per svariati motivi...leggo e sgrano gli occhi.
    Ma non è stupore è solo che a volte ci vuole coraggio anche solamente a farlo un gesto gentile...poi magari uno scopre che è più facile di quello che pensa. Ci rifletto se non ti dispiace. Ma non tanto se a partecipare o meno...quanto a cosa potrei condividere fatto da me. Mi prendo qualche giorno e poi ti contatto in privato. Ti autorizzo a bastonarmi se non lo faccio :P

    RispondiElimina
  15. @gambetto: preparo allora qualche bastoncino... di frolla, così non mi trovo disarmata, nel caso!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!