Passa ai contenuti principali

pregiudizi, scuse e svolazzi

Sarà un post criptico e parecchio contorto, avverto subito, così si passa direttamente alla ricetta senza perdere tempo...

Post su un fatto strano e veloce. Troppo veloce, tanto da non riflettere. Una persona che stimo (e che passa spesso di qua) ha commentato in un blog altrui esponendo educatamente ma decisamente delle perplessità in merito ad una parte dei contenuti di quel blog con cui non si trovava d'accordo. Ha ricevuto una risposta che a me suonava stranamente piccata, così sono intervenuta chiedendo spiegazioni per il tono aspro ed un po' supponente della replica, ai miei occhi ingiustificato.

Sì, lo so che non sarebbero dovuti essere fatti miei... ma ho letto tutto d'un fiato, mi è venuto istintivo difendere un commento che mi sembrava equilibrato e non ho contato fino a dieci prima di parlare perchè davvero non trovavo ragioni per una replica tanto acida.

Dentro di me davo per scontato che chi usava quei toni avesse dei pregiudizi e si volesse arroccare sulle proprie posizioni per evitare di confrontarsi in merito ad essi. Errore... O meglio: il pregiudizio c'era, ma non stava dove pareva a me.

Chi rispondeva aveva dedotto intenzioni nascoste e malevole nel commento iniziale basandosi su alcune parole chiave che avevano fatto scattare la chiusura in difesa. Di certo nessuna particolare macchinazione si nascondeva dietro il primo intervento, dunque tale chiusura si basava su presupposti sbagliati. Questo era in verità un pregiudizio, probabilmente legato ad una ipersensibilità sviluppata in precedenza verso situazioni analoghe.

Però nel rispondere a me la persona titolare del blog, pur accusandomi velatamente di appartenere allo stesso supposto "complotto" ai suoi danni, mi spiegava anche che si era innervosita perchè aveva trovato le parole del primo commento parzialmente basate a loro volta su un pregiudizio. Fino a che non mi è stato messo sotto gli occhi non l'avevo visto, eppure in effetti c'era... La cosa mi ha spiazzato.

Resto sempre amareggiata quando non si possono sciogliere le incomprensioni, mi innervosiscono i dialoghi tra sordi, non mi piacciono le accuse ingiustificate. Questa volta però anche io sono rimasta vittima di un pregiudizio e chiedo volentieri scusa per la mia parte di responsabilità. Diciamo che almeno mi sono portata a casa una lezione imparata sul campo...

Purtroppo i toni presi dalla conversazione non hanno permesso a nessuno di ascoltare con apertura ed attenzione gli interventi altrui e secondo me l'episodio si è chiuso in modo sterile. Questo è un peccato, un'occasione mancata di confronto reale, daltronde la discussione non si svolgeva a casa mia, giustamente stabilire modalità e limiti era di altri.

Dunque ho ingoiato per una volta la mia esasperata voglia di capire fino in fondo e sono tornata, un po' delusa dai puntini di sospensione, al mio spazio ed ai miei argomenti... per andare a sbattere direttamente il muso contro un altro dei miei limiti!

Ultimamente qualcun altro (sempre di quelli che passano spesso di qua) mi ha fatto indirettamente notare quante poche ricette "normali" ci siano in questo blog (!) ed anche se questa volta rifugiandomi in cucina ho cercato di "restare schiscia" (traduzione non letterale dal lombardo: "volare basso") come il mio umore... ci sono ricascata. Niente da fare: quasi ogni inevitabilmente ci devo piazzare uno svolazzo dei miei, in queste ricette!

Questa volta avrebbero potuto uscire delle scaloppine limone, prezzemolo e pepe ma sono diventate scaloppine lime, coriandolo e peperoncino giapponese, poi si sono pure arrotolate su se stesse e poi all'aglio si è aggiunto lo zenzero e poi il burro invece che dorarle da fuori ha fatto da ripieno, ammorbidendo ed aromatizzando la carne dall'interno... Così sono miseramente franata dentro un vortice di variazioni sul tema.

Insomma: diciamo che oggi, visto che sono in vena, mi scuso anche per gli svolazzi della ricetta in cui mi sono beatamente crogiolata. Comunque anche in versione "plane", usando prezzemolo, limone e pepe, la ricetta dovrebbe funzionare... così mi posso in fondo forse pure perdonare da sola!


Involtini di pollo e burro al lime
ingredienti per 4 persone:
500 gr. di petto di pollo o fesa di tacchino
2 piccoli lime
1 cucchiaio di coriandolo tritato
1 spicchio d'aglio
1 dadino di zenzero grosso come l'aglio
30 gr. di burro
1 cucchiaio olio di arachidi
1 cucchiaino di zucchero di canna
1 pizzico di sichimi togarashi (peperoncino giapponese in polvere misto a scorza d'arancia in polvere e semi di sesamo tostato)
sale

Lasciare ammorbidire il burro fuori dal frigo per una mezz'oretta (oppure tagliarlo a dadini e passarlo al microonde per 15 secondi a 900w e poi lasciarlo riposare qualche minuto coperto) e intanto pestare in un mortaio l'aglio insieme allo zenzero e a un pizzichino di sale grosso fino a ridurli in una crema. Io avevo bisogno di sfogarmi ed il mortaio è stato terapeutico ma se non si è in vena di intensa manualità si possono semplicemente frullare insieme burro, aglio e zenzero...

Tagliare il pollo in 8 fette il più possibile uniformi ed eventualmente stenderle (tra due strati di pellicola) con l'aiuto di un batticarne leggero per ottenere uno spessore omogeneo, quindi spolverizzarle con una leggerissima presa di togarashi.

Grattugiare la scorza di un lime ed unirne mezzo cucchiaino al burro insieme al coriandolo e alla pasta di aglio, lavorare con la forchetta prima e con la punta delle dita poi fino ad ottenere la consistenza di una pomata e poi spalmarlo sulle fettine di pollo in uno strato uniforme ma non troppo sottile, mantenendo libero circa un cm. su tutto il perimetro.

Arrotolare le fettine con il burro all'interno, fermandole con un giro di spago da cucina (o uno stecchino).

Saltarle per un paio di minuti a fuoco vivo nell'olio caldo fino a che sono dorate su tutti i lati, quindi abbassare la fiamma, coprire e lasciar cuocere lentamente per 8-10 minuti, in modo che cuociano dolcemente anche all'interno.

Levare dalla padella gli involtini tenendoli in caldo ed eliminare lo spago; nel fondo di cottura versare il resto della scorza di lime, il succo spremuto di un lime e mezzo e lo zucchero, rimestando a fuoco basso fino a che lo zucchero è ben sciolto ed il sugo comincia a restringersi e caramellarsi.

Rimettere gli involtini nel tegame e rigirarli nella salsa, quindi spegnere e servire subito, magari tagliandoli in due oppure a rondelle, e decorando con qualche strisciolina del mezzo lime rimasto. Io qui ho accompagnato con un'insalata di verza condita con lime ed aceto basamico, ma se si lascia il sughetto un po' abbondante gli involtini stanno anche bene sopra dei noodle o del semplice riso bianco a vapore, noodle o riso magari cotti a loro volta con una piccola scorzetta di lime e qualche foglia di coriandolo.
  • rivoli affluenti:
  • sui pregiudizi, le verità nascoste, l'imparare dalla conversazione si potrebbe dottamente citare Socrate, ma oggi me ne starei tranquillamente sul culinario... L'ispirazione per gli involtini è presa, con grande libertà di interpretazione, da una ricetta vista in: Wok!, Parragon UK

Commenti

  1. Letto tutto! non conoscendo i blog e nulla della questione posso solo dirti che io sarei come te, una persona che ama farsì che ogni confronto non sia sterile ma produttivo, che ci siano chiarimenti reali...costruttivi per tutte le parti in causa!...cmq anche in questo, come dici tu, hai imparato una lezione personale...e non è mai male!
    Facile incappare in equivoci e pregiudizi quando la comunicazione è solo scritta, quando non si conosce realmente una persona, non si può ne sentire la voce, per coglierne i toni...ne guardarne i gesti e li sguardi! ...bisogna cercar di esser più onesti possibile...ma la cosa deve sempre venir da tutte le parti in causa! :)
    cmq...mi piace la ricetta...con la tua interpretazione... amo il coriandolo e pure il lime...fatalità usati qualche giorno fà per far la guacamole! :)
    ciaoooo!

    RispondiElimina
  2. che belli i tuoi svolazzi e le variazioni sul tema! Io non mangio carne ma questa ricetta è intrigante... e poi è sempre un piacere leggere i tuoi post. Ciao Anit50

    RispondiElimina
  3. @terry: letto tutto?! Che coraggio...
    Hai ragione, gli equivoci sorgono più facilmente se non ci si parla di persona, a maggior ragione se, come nei mio caso, non si è cresciuti in internet e non se ne conoscono alcune intrinseche logiche e distorsioni.
    Il tuo guacamole l'ho ammirato in diretta ed ero anche convinta di aver commentato raccontandoti una variante ocn la paprika affumicata... ma magari è successo solo nella mia testa. Che vuoi, sarà l'età...

    @anit50: se mangi pesce puoi replicare tranquillamente l'idea con di filetti bianchi, magari diminuendo leggermente lo zucchero e soprattutto accorciando la cottura. Se invece sei proprio vegana mi interesserebbe capire secondo te cosa si potrebbe utilizzare. Melanzane a fette (in stagione)? Seitan?

    RispondiElimina
  4. sorvolo sulla ricetta, perchè a me piace punto e basta. invece mi domando per quale cavolo di motivo ti scusi. proprio tu..... i puntini di sospenzione sai a cosa riferiscono.
    perchè ti scusi???? il blog è tuo, è un diario personale che vuoi rendere pubblico giusto? e a allora? non sei libera di scrivere quello che vuoi, come lo vuoi e con gli ingredienti che vuoi? mi pare esagerato tutto questo. il blog non ha la finalità di scrivere ricette "per gli altri" ma di scrivere quello che tu crei. tu crei cosine particolari. e allora???? se mi piacciono ti dico "mmmm che meraviglia!" se non mi piacciono non le copio e incollo. fine. stop. nessuna polemica è ammessa. è uno spazio tuo e devi farci quello che vuoi. ovviamente vale per ogni blogger. giusto? :-)
    bacio

    RispondiElimina
  5. io trovo che la tua ricetta sia ottima!! e credo che il blog è tuo e ci scrivi quello che vuoi per te!!baci!!

    RispondiElimina
  6. @babs e federica: beh, le seconde scuse in realtà erano scherzose... tanto è vero che ho comunque proposto una ricetta "non normale" e mi sono pure subito assolta da sola.
    Comunque grazie ad entrambe per la solidarietà, ne faccio vero tesoro!

    RispondiElimina
  7. Ma perche' non la smetti con queste ricette, cosi' normali?

    :-) :-) :-)))))

    Dai, ci piaci cosi' come sei, e il tuo blog dev'essere specchio di te.

    PS - Mica male, pero', questa ricetta.

    RispondiElimina
  8. @corradoT: vedi che mi capisci? Un blog di ricette "anormali" è esattamente lo specchio di come sono io...

    RispondiElimina
  9. acquaviva, il pesce lo mangio grazie del suggerimento, ma anche le melanzane mi intrigano, soprattutto usando quelle viola chiaro

    RispondiElimina
  10. @anit50: .. magari puoi provarli in un mix: filettino di pesce e fettina sottile di melanzana grigilata arrotolati insieme...

    RispondiElimina
  11. io vengo apposta per le tue ricette "strane"
    :D

    RispondiElimina
  12. 1-2-3 prova
    ho avuto dei problemi a commentare, vediamo se ora funziona!

    RispondiElimina
  13. @desperate.viz: senti chi parla...
    (PS: Ma allora, la tua cenetta sanvalentiniana di cui eri tanto orgogliosa?!)

    RispondiElimina
  14. Ho letto due volte il post perchè effettivamente sono mooolto 'lento'...però una cosa la posso dire, con certezza consolidata nel tempo: "...questo blog è molto rock!" ehehhehe. Lo dico con un sano sorriso intelligente che per me è una novità ovviamente ma almeno stavolta concedimelo :P La ricetta volge sempre ad oriente...ma questo è oramai scontato ahahaaha
    PS
    Le incomprensioni non sono inutili quando sono una ottima scusa per capire meglio, il resto è solo una occasione perduta, prima per se stessi...

    RispondiElimina
  15. purtroppo è così facile "incomprendersi"...facile come generare incomprensioni se ci cerca di mediare. come te non riesco a non intervenire e soffro. come soffro quando mi capita di lasciare messaggi in post che mi hanno fatto pensare e non trovare alcun cenno. sarà che per me le persone sono tanto importanti al di là del web...la ricetta è trasformabile e fattibile. me lo sai che per me non è la ricetta che fa la tavola.

    RispondiElimina
  16. @gambetto: cosa è nuovo per te, che il sorriso sia sano o intelligente?! A parte gli scherzi... hai detto bene: quando le incomprensioni non si sciolgono resta proprio l'amaro di un'occasione perduta. Sarà per questo che nel sughetto ho messo pure un pizzico di zucchero?

    @titona: questa storia dei commenti senza risposta in effetti fa pensare anche me. Come essere considerati un numero del contatore più che un pensiero vivo ed individuale...

    RispondiElimina
  17. Sai che da me quando facciamo i peperoni in padella, l'aggiunta di un cucchiaino di zucchero è d'obbligo. Onestamente nulla centra con la tua ricetta ma si è presentata questa 'immagine' nella mia mente quando ho letto la tua risposta che te l'ho riportata senza filtri! ehehehe

    RispondiElimina
  18. @gambetto: ma invece di lasciar cadere queste piccole perle così, come per caso... schiaffaci pure la ricetta completa! Tipo: da me quando facciamo i peperoni usiamo olio, aglio, sale, uvetta, zucchero e aceto (per dire)... Incuriosire e basta è una crudeltà!

    RispondiElimina
  19. Eccomi :) La ricetta è di quelle che mia mamma fa sempre in estate e che prima o poi posterò pur essendo di una semplicità unica.
    Si puliscono i peperono tagliandoli a rombi (inessenziale) e si friggono a fiamma sostenuta in olio evo preriscaldato (abbondante si ma non pensando assolutamente al classico quantitativo da frittura)con 2/3 spicchi di aglio in camicia. Quando si colorano in maniera evidente, tendendo alla piccola 'bruciatura' laterale, l'olio quasi tutto consumato, si aggiunge un cucchiaino abbondate di zucchero. Si rigirano, si spegne la fiamma e si aggiunge il sale. In questo modo non solo non spellano ma rimangono anche belli sodi. L'ideale è associarli ad un bel fiordilatte :))

    RispondiElimina
  20. @gambetto: questa non la posso proprio modificare alla mia maniera... è già perfetta così! Me la segno in attesa della stagione giusta e nel frattempo muoio di acquolina...

    RispondiElimina
  21. Anch'io ho letto tutto con grande interesse (anche se non conosco minimamente la vicenda).
    Capisco la tua voglia di capire, di andare oltre e la frustazione che purtroppo proviamo troppo spesso. E' difficile comunicare e le parole hanno spesso pesi diversi per ognuno...
    Pero' guarda sono d'accordissimo con Babs, non ti devi assolutamente scusare di nulla fai quello che vuoi, è uno spazio di libertà e noi veniamo perché ci piace la tua acqua che scorre via :-)
    Poi che vuol dire ricette normali? (finché usi ingredienti commestibili... ;-)
    N.B. La tua ricetta 'limosa' mi piace da morire!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!