Passa ai contenuti principali

l'eleganza dal fango: 99 colombe per Sorelle Nurzia

Tutti quanti il 6 aprile di un anno fa abbiamo sentito raccontare dagli organi di informazione del terremoto in Abruzzo e siamo inorriditi, ci siamo commossi, magari abbiamo anche pregato o mandato in qualche modo una piccola offerta a qualcuno. Poi abbiamo cambiato canale televisivo, voltato pagina del giornale, spento la radio o il computer, tornando alle occupazioni quotidiane con una punta di malinconia e fatalismo in fondo al cuore, ma fondamentalmente in pace.

Io per prima, in quell'occasione come in altre analoghe, l'ho pensato come un fatto lontano, di quelli che capitano solo agli altri, e ho creduto di esserne "fortunatamente" estranea. Nonostante mi si fossero ripresentati alla memoria i volti commossi dei nonni quando raccontavano di un bombardamento durante la guerra e di un incendio una decina d'anni dopo che per due volte avevano completamente "buttato all'aria" la famiglia ed il lavoro, nonostante abbia provato sulla mia pelle qualche anno fa le conseguenze di una disastrosa alluvione, tenevo tutto quanto distante, cercando vigliaccamente di lasciare che le emozioni a riguardo si assopissero tra le pieghe della cronaca, che tutto annulla e parifica in un ovattato rumore di fondo.

Il 10 aprile di un anno fa uno squillo di telefono mi ha risvegliato dal torpore: un gentilissimo signore che svolge all'Aquila la mia stessa attività professionale mi chiedeva molto discretamente un favore tra colleghi, non potendo essere lui operativo nell'immediato. Solo attraverso conoscenze comuni sono venuta poi a sapere che era riuscito a salvare la famiglia per miracolo, casa ed attività entrambe in fumo. Con due coperte sulle spalle e le chiavi dell'auto casualmente in tasca, aveva potuto accompagnare moglie, figli e suocera nel monolocale al mare prestato da un amico, accogliendo con sè anche un collaboratore che nel terremoto aveva perso il figlio.

Non aveva in quei giorni di che sfamarli e vestirli, avendo trovato in quella casa di fortuna solo una scatola di cracker, due lattine di tonno, qualche costume da bagno e poco altro. Nessun portafogli in tasca, nessun documento d'identità per poter prelevare qualcosa in una diversa filiale della sua banca (anch'essa crollata), nessuna possibilità di frugare tra le macerie di casa o del luogo di lavoro.

Per la sopravvivenza quotidiana si appoggiava alla solidarietà di un vicino di monolocale, ogni giorno ringraziava per il dono della famiglia salva, ricacciava giù per la gola l'umiliazione di non poter offrire loro assolutamente niente e provava a ritrovare una provvisoria dignità racimolando un'apparenza di lavoro che gli restituisse il ruolo di padre di famiglia almeno in prospettiva. Così, senza strumenti ed in mezzo al nulla, semplicemente allacciando contatti con chi continuava tranquillamente a vivere un po' più lontano dal cumulo delle macerie di edifici e di vite aquilani.

Questo signore, con gli stessi panni addosso da cinque giorni, con un solo ed unico file recuperato in modo rocambolesco a testimonianza di tutto il lavoro di una vita, mi stava chiamando da sotto una tenda/centralino per non mollare quel filo di speranza che lo teneva aggrappato ad una improbabilissima opportunità lavorativa, scusandosi pure per "il disturbo" che mi procurava. E mi stava dando una lezione di storia e di umanità.

Incredibile come ci si renda conto così che "gli altri" sono anche te. Pauroso il panico che ci assale quando ci accorgiamo finalmente che è tutto possibile e dannatamente concreto, che non avere di colpo più nemmeno l'appuntamento quotidiano con il gesto semplice e modesto di un paio di calzini puliti da infilare faccia una tale, enorme differenza...

Quella telefonata e le altre che poi ci siamo scambiati hanno rappresentato per me l'evidenza materiale della tragedia che nessuna immagine televisiva fino a quel momento mi aveva reso a pieno. Siamo abituati a veder miscelate scene di fiction e fatti reali come avessero lo stesso valore (immagino che qualche ragazzino abbia addirittura preso in quei giorni i servizi dei telegiornali come episodi di un film d'azione o di guerra!). Alla fine tutto perde di densità, di credibilità, come se niente fosse veramente degno di attenzione. Almeno per me era così. Causa di profonda vergogna...

Ma quelle telefonate sono state soprattutto testimonianza intensa di umanità. Una dignità fatta di forza, amore e volontà, la voce di una persona vera, di un piccolo eroe elegante. Ecco: ho imparato l'eleganza da un signore con un telefono in mano in mezzo al fango ed alla devastazione. Una lezione di vita che non potrò scordare.


Per questo non posso che ringraziare lui, cercare di evitare ogni retorica e passare il testimone ad Artemisia Comina e Lydia che riguardo al quel terremoto raccontano meglio di me la storia di Sorelle Nurzia e delle 99 COLOMBE che potremmo aiutare a spiccare di nuovo il volo...


Aggiungo poi in sordina una piccola pietanza che parte da una scatoletta di tonno e da un pacchetto di cracker, semplicemente insieme ad un paio di ingredienti trovati in frigo (io che ho la fortuna, un frigo, di averlo avuto, in questo ultimo anno...)


Crema di tonno al mandarino
ingredienti per due o tre persone:
1 scatoletta di tonno sott'olio da 80 gr.
1 mandarino
2 cucchiai di yogurt bianco compatto (perfetto quello greco, il mio era altoatesino)
1 cucchiaio di succo di limone
5 gocce di salsa worchestershire
1 cucchiaio abbondante di pinoli
3 o 4 pacchetti di cracker salati
sale e pepe

Tostare i pinoli per qualche secondo in un padellino antiaderente fino a che cominciano a dorare e spegnere subito, lasciandoli raffreddare.

Scolare bene il tonno dall'olio di conservazione e frullarlo finemente con lo yogurt, in succo di mezzo mandarino e del limone e la salsa worchestershire.

Alla crema così ottenuta aggiungere i pinoli tostati (tranne qualcuno da tenere per la decorazione) ed uno o due cracker sbriciolati, frullandone uno per volta nel composto per verificare la densità della crema, che risulterà così leggermente granulosa, sottolineando le due consistenze.

Regolare di sale e pepe e servire decorato con gli spicchi del mezzo mandarino rimasto pelati al vivo e con qualche pinolo tostato, accompagnando la crema con gli altri cracker.

  • rivoli affluenti: 
  • sul rumore di fondo che annulla il vero significato della comunicazione: Umberto Eco, Opera Aperta, Bompiani

Commenti

  1. Buonissima questa crema, hai visto con pochi ingredienti che favolose bontà vengono fuori??? baci

    RispondiElimina
  2. Niente commenti stavolta.
    Solo un saluto affettuso ed un grazie :)

    RispondiElimina
  3. ogni giorno dal 28 febbraio ho aperto il blog alla ricerca dei tuoi "pennsieri", oggi finalmente l'ho trovato e ..... grazie anche da me ..

    RispondiElimina
  4. Ciao, e' stato un piacere conoscerti di persona, a Roma. Vorrei spedirti una e-mail, mi mandi il tuo indirizzo?
    CIAO DI NUOVO

    RispondiElimina
  5. ho vissuto una simile esperienza con un cliente dell'aquila. e il disagio che sento ogni volta al telefono per la mia condizione privilegiata non si stempera. troppi punti di sospensione...

    RispondiElimina
  6. cara acquaviva, apprezzo la tua partecipazione.

    RispondiElimina
  7. @luciana: sono davvero d'accordo con te...

    @gambetto: non abbiamo fatto in tempo a dircene un sacco, di cose importanti. A volte però le parole non servono nemmeno, come qui. Grazie a voi...

    @paola: in effetti sono mancata per un po' dal blog e dal computer... La prossima volta che vado in trasfertaa mi organizzo meglio, però...

    @corradoT: agli ordini capo!

    @mogliedaunavita: esatto, ti senti a disagio e in colpa tutto insieme, davvero solo una gocciolina nel mare...

    @artemisia: grazie a te per avermi coinvolto!

    RispondiElimina
  8. Grazie per aver condiviso questo momento . Come sempre le tue parole mi emozionano. chiara

    RispondiElimina
  9. @chiara: è importante sapersi sentire vicini...

    RispondiElimina
  10. Grazie per quello che hai scritto, e per come lo hai scritto .
    Un abbraccio ;-)

    RispondiElimina
  11. Ci sono una serie di cose che mi mi sono piaciute di questa iniziativa...intanto la diffusione a macchia d'olio che sta avendo nel web, poi la conferma di come ogni nostro gesto sia solo una goccia nel mare ma che tante gocce formano un oceano, poi il blog aperto per l'occasione dove ho letto che l'impresa sta ricevendo tantissimi ordini e sta assumendo persone per far fronte al nuovo carico di lavoro...

    E c'è ancora chi pensa che avere un blog sia solo uno svago!...

    RispondiElimina
  12. @muscaria: l'importante è che almeno serva a qualcosina davvero.

    @virò: appunto...

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!