Passa ai contenuti principali

il silenzio di agosto

Avvertenza: questo post non contiene ricette e parla di argomenti per la maggior parte noiosi e personali. Si può tranquillamente saltare.

Per tre anni l'estate non ho fatto vacanze. Nel senso che l'attività lavorativa ogni anno era sospesa per una decina di giorni al centro di agosto, ma per un motivo o per l'altro negli ultimi tre anni ad agosto non mi sono mossa. Va be', facciamo un po' di outing, tanto di questi tempi la rete è quasi deserta e non se ne accorge nessuno...

Tre anni fa mi sono potuta concedere sono due giorni al mare, dopo di che motivi familiari mi hanno riportato a casa, mentre due anni fa ho approfittato della chiusura agostana per traslocare casa (dire "non mi sono mossa" in quel caso è un malriuscito eufemismo...).

Lo scorso anno invece l'ho trascorso proprio al lavoro, dopo una micro-puntatina in montagna, a terminare un noiosissimo ed urgentissimo arretrato. Ma non è stata poi una grande sofferenza perchè in qualche modo mi sentivo una privilegiata. Il lusso stava nel decidermi da sola gli orari, nel ritrovarmi completamente da sola in un luogo solitamente affollato e soprattutto non vedere la mia concentrazione costantemente interrotta da squilli di telefono e bussate alla porta.

Mi illudevo che sarei poi partita a settembre od ottobre. Invece ho tirato fino al giugno successivo prima di concedermi tre (di numero) giorni in Inghilterra. I risultati han cominciato a farsi notare presto ... nel senso che forse prima di queste annate statiche apparivo leggermente più normale.

Ed ora sono qui, ancora al lavoro per qualche giorno, strisciante a livello di energie fisiche ma euforica mentalmente perchè, finalmente, quest'anno ho deciso di infischiarmene di imprevisti, doveri ed arretrati e di partire a qualsiasi costo.

Tutto questo, oltre che per raccontare un po' di fatti miei a caso, soprattutto per spiegare perchè ho latitato ultimamente sul blog (traduzione acquavivese di "infischiarsene degli arretrati": giocare d'anticipo e lavorare il triplo prima della partenza...) e perchè sparirò proprio del tutto per qualche giorno.

La prima parte del programma è chiara: Gran Bretagna di nuovo, a zonzo per una settimana fuori dai circuiti classici tra campagne, paesetti e paesoni, a recuperare tutte quelle sensazioni che ho dovuto abbbandonare sul posto l'ultima volta a causa della fretta.

L'ultima parte del programma è chiara: qualche giorno in riva al mare ligure, tra ombra, libri e tende svolazzanti, a godermi quella chimera di riposo inseguito da anni, che dovrebbe tamponare il ripidissimo, triennale tracollo psicofisico evidente nella sottoscritta a tutti i livelli.

La parte centrale del programma non ha un programma, volutamente. Oltre a precauzionalmente (scaramanticamente?) tradurre il concetto acquavivese di "infischiarsene degli imprevisti",  serve poi a barare sulla parte dell"infischiarsene dei doveri", dato che mi sono assunta per agosto un compito semilavorativo che mi ritrovo a non poter delegare come teoricamente previsto...

Mi piacerebbe, per la verità, riuscire a dedicare qualche giorno anche ad un'opportunità complessa e stimolante a cui avevo accennato qualche giorno fa, che in realtà potrebbe concretizzarsi all'ultimo come potrebbe svanire nell'assoluto nulla. E che arriverà con calma, al momento giusto, che può non essere questo. Diciamo che questo momento intermedio non determinato serve soprattutto a gustarsi qualche giorno a casa, come negli anni scorsi ho imparato a fare in fondo anche gioiosamente.

Forse in effetti non è corretto sostenere che non ho fatto vacanze, sarebbe più vero dire che negli ultimi tre hanni non ho viaggiato durane le ferie estive, ma ho imparato a gustarmi la pigrizia, il silenzio e la calma di una vacanza in città durante il deserto mese di agosto. E  non ci voglio rinunciare, almeno per qualche giorno, nemmeno questa volta, nonostante ora io abbia l'occasione anche di partire...

Non so con precisione se in tutto questo frattempo mi troverò a scrivere e cucinare qui dentro; solo l'anno scorso il computer è entrato in una mia estate e non ci ho ancora fatto l'abitudine. Vedo che molti blog annunciano  la "chiusura per ferie", altri hanno semplicemente lasciato in vetrina l'ultimo post pubblicato, altri ancora continuano a raccontarsi dalle località di villeggiatura, dalle tappe di viaggio o, come sempre, da casa.

Io devo ammettere di non aver ancora scelto una linea editoriale quindi non so qui che capiterà. Diciamo solo che non mi porto il computer in viaggio ma che fa parte delle mie vacanze. Per il momento di silenzio che durerà qualche giorno lascio spazio a delle immagini, illustrazione del mio personale concetto di vacanza:  una è la partenza (il mezzo o la destinazione non sono importanti, basta sia un moto verso altrove)


una è incontrovertibilmente la Gran Bretagna affascinante e minuta, che al momento gioca il ruolo di meta


ed una è proprio solo il relax, che non sta nel viaggio o nel luogo o nella durata ma nello "stacco", nella capacità di anima e corpo di starsene per un momento in silenzio...

  • rivoli affluenti:
  • per ciascuno la personale selezione di libri che giace da tempo sul comondino in attesa di tempo e spazio da dedicare alla lettura.
  • In fondo alla mia pila, quindi quello con più antico diritto di precedenza: Marcela Serrano, Il Tempo di Blanca, Feltrinelli

Commenti

  1. Visto che siamo in molto pochi...posso aprirmi anche io un pò di più.
    C'è stato un periodo prelaurea per il quale per varie ragioni familiari nn sono andato in vacanza per 3 anni di seguito. Per vacanza intendo andare "fuori" con gli amici o la ragazza per qualche giorno, pur non mancandomi inviti a casa di amici...e varie.
    Quando non si può è inutile la ricerca del palliativo.
    Ne ho sempre approfittato quindi...dando lezioni private, sfruttando al meglio la parte "balneare" della mia città, leggendo, (ero più piccolo) facendomi prestare una consolle di videogiochi, andando a correre...
    Cosa mi è rimasto di quelle vacanze...gran parte di Goethe e Saramago...ragazze passate ai quiz preuniversitari o ad esami della stessa a fine Settembre, una città che non conoscevo ed una maggiore consapevolezza di un silenzio non cercato...ed infine anche un incontro con Naomi Campbell a meno di 30cm da soli io, lei e le sue guardie del corpo :)
    Non che la cosa sia rilevante, quest'ultima intendo, tutt'altro! :)
    Oggi quello status dell'epoca lo porto sempre con me come una sorta di viaggio nel non-viaggio quando il solo miraggio di una partenza mi ha dato maggiore lucidità e serenità...quella che per carattere c'è ed è anche spessa ma che difficilmente si manifesta così come all'epoca.
    Non è il ricordo che amplifica in questo caso...effettivamente certi passaggi di vita hanno maggiore luce...
    La tua mancanza di programmazione in un certo senso mi ricorda la richiesta latente di un non-viaggio nel viaggio...probabilmente mi sbaglio...forse no...
    PS
    Please sotterra questo post quanto prima con un altro sulle alghe e la cucina orientale caucasica...insomma fai tu...ma volta pagina...più che altro per l'outing di entrambi...ehehhehehe :PPPPP

    RispondiElimina
  2. goditi le vacanze, perchè se uno comincia a non farle, si rischia di abituarsi.
    ciao

    RispondiElimina
  3. A zonzo per la Gran Bretagna mi sembra un gran bel programma :-D
    Baci e buon viaggio!

    RispondiElimina
  4. Invidio molto (in senso buono) il tuo viaggio in Inghilterra... che voglia di campagna inglese...tu posta come e quando vuoi...io attendo resoconti mia cara!:)
    che tutto vada come desideri...un bacione!

    RispondiElimina
  5. Un augurio di vacanze ristoratrici. :D

    RispondiElimina
  6. @tutti: ma pensa te, avrei detto che un post così di questi tempi sarebbe andato completamente deserto...


    @glu.fri: appunto. Abbreacci anche a te ma soprattutto: buon compleanno! (PS: che giorno sarebbe esattamente?)

    @gambetto: "il mare locale" qui non lo vedi nemmeno con il binocolo, di correre e broccolare studentesse non mi sarei mai nemmeno sognata, i videogiochi anche volendo non capisco proprio come funzionano... ma in quanto a letture e turismo domestico credo negli ultimi tre anni non mi abbia battuto nessuno!
    Come vedi anche dalle foto, comunque, nel miscelare viaggio e non-viaggio sono diventata una vera professionista. Per concludere: insieme dovremmo poter coniare una perfetta non-definizione di vacanza...

    @enrico: parole sagge... Probabilmente questa volta salto su un aereo proprio per questo! E poi ti immagini il livello di spappolatura del mio cervello se infilarri il quarto anno statico di fila?!

    @twostella: so che tu mi puoi perfettamente capire... Ciao Stellina, buona estate anche a te.

    @terry: certo che sei nei tre giorni di giugno ho scattato foto sufficienti ad una trentina di post (mi sono fermata a tre o quattro per decenza, ma avrei potuto scatenarmi quasi all'infinito...), figurati che combinerò in una settimana! Ma sai che mi sento gasata come una bambina? Forse stare a lungo senza viaggi, come per molte altre cose, te li fa poi assaporare con molto più gusto.

    @edith pilaff: "ristoratrici"... apprezzo il termine in tutte le sue sfumature! Non posso che augurarti altrettanto!

    RispondiElimina
  7. Un abbraccio forte dal .....mar ligure :-)
    chiara

    RispondiElimina
  8. E invece ci sono anche io... sono in vacanza, ma fin quando riesco ad avee la connessione, i miei pochi minuti con oi me le concedo... buone vacanze non programmate, o non del tutto... pensa che io nonostante mi sforzi sempre di programmarle non ci riesco mai e me ne vergogno... forse invece tu mi hai fato vedere il lato positivo della cosa!
    Bai
    Stefania

    RispondiElimina
  9. Ehehehehe
    Vada per la non-definizione di vacanza :))))
    PS
    Che vuol dire broccolare?!

    RispondiElimina
  10. @chiara: ho come la sottile sensazione che tutto ciò ti suoni vagamente familiare... Un abbraccio molto forte.

    @fantasie: sai, io parlo parlo... ma mi sa che farò di tutto, come te, per cercare delle connessioni. E' strano come questo non-luogo in realtà sia diventato una presenza costante e quasi "fisica" nelle mie giornate...

    @gambetto: non so esattamente l'origine del termine, ma mi immagino un giovane puledro in un campo di freschi broccoletti... Jo Falchetto tradurrebbe: "lumare le pupe".

    RispondiElimina
  11. Ahahahahaaha :DDDD
    Per quanto mi piacerebbe tanto esserlo stato...purtroppo ero solo un "nerd" di fiducia al quale consegnare le speranze degli esami di Settembre!
    "Lumare le pupe..." questa poi è ancor più inedita! ehehehehehe

    RispondiElimina
  12. @gambetto: Jo Falchetto... uno dei travestimenti di Snoopie, il cane di Linus... nei fumetti dei Peanuts...
    Santa polenta, qui occorre un corso di azzeramento di quelli pesanti!!!
    Operiamo uno scambio: "Capisaldi dello slang d'epoca" versus "Arte della pasticceria napoletana".,Mi giungono infatti voci di manufatti insuperabili usciti da casa Gambetti...

    RispondiElimina
  13. "Tracollo psicofisico"???
    Quando ci siamo visti a Roma, quest'inverno, non pareva proprio :)
    Dai, allora: viaggia, fermati, guarda, pensa.
    Ma soprattutto applica l'elogio della lentezza.
    A presto :)

    RispondiElimina
  14. Pensa che Jo Falchetto mi ha ricordato "Joe il Condor" del cartoon Gatchaman che tra l'altro non vedevo se non per la sigla iniziale che mi piaceva :PPPP ehehheehehe
    Sono rovinato irrimediabilmente dici?! :P
    Ok per lo scambio allora ma sappi che di te ho davvero paura perchè non vorrei che con qualche tecnica orientale di ipnosi mi infondessi la passione per la cucina orientale con tutte le loro alghe, radici, germogli...aahhahahahaha :DDDDDDD
    Ringrazia chi ti ha dato quella soffiata ricordandole che è troppo buona nei giudizi :))))

    RispondiElimina
  15. @corradoT: ti ringrazio della galanteria... ma non ti sembrerò mica una in possesso di tutte le sue facoltà!
    Diciamo così: se mi impegnassi avrei ampi margini di miglioramento. Almeno fisicamente, perchè mentalmente, come dicevo...
    Seguirò i tuoi consigli, anche se magari non nell'esatta seequenza. Grazie, buona lentezza anche a te.

    @gambetto non dico "se" ma dico "quando" capiterà avrai modo di sorbirti non tanto una lezione ma proprio una dimostrazione pratica di come la passione per alcune semplici basi della cucina all'orientale tu l'hai già, ma la chiami in altro modo perchè non è condita con la soja...
    Comunque tra salicornia, carote ed insalatina novella... non dirmi che tu non hai mai assaggiato alghe, radici e germogli!

    RispondiElimina
  16. Ho fatto silenzio...
    ah il mio compleanno e'il 15 agosto. Giorno senza mezzi termini o troppo caldo o troppo freddo, o troppo rumoroso o troppo silenzioso. Dipende dall'ubicazione del soggetto nel globo terraqueo...
    Continuo nel mio silenzio...Baci e ti auguro di fare essattemente quello che vuoi nell'istante che vuoi...

    RispondiElimina
  17. Ehmm...non so come dirlo...ma alghe, radici e germogli orientali proprio no :P
    Forse una volta in un ristorantino di mare mi hanno portato delle frittelle di alghe che erano solo pasta-cresciuta ma nulla altro...la soia ad esempio non so proprio cosa sia...
    Ah aspetta...una volta ho provato il tofu ma dire che non mi ha entusiasmato è poco...
    Diciamo per il quando allora?! :PPP ehehehehe

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!