Passa ai contenuti principali

Japan (food) on my mind

Un piccolo intervallo nella sequenza delle "ricette normali" di questa estività un po' pigra, blandamente punteggiata da un paio di apparizioni marcopoliane ma sostanzialmente domestica. Un andamento lento che nemmeno il rientro al ritmo attivo del lavoro riesce ad accelerare.

Forse devo cercare delle assonanze differenti che risveglino motivazioni efficaci. Ritrovarmi, meglio. Mi serve il Giappone, ovviamente. Una piccola ma potente scarica, come quelle emozioni che senti dentro quando ritrovi d'improvviso un profumo primordiale, un sapore dell'infanzia, un'atmosfera déjà vu.

Chissà come mai questo potere di rassicurazione per me lo hanno le pietanze giapponesi. Razionalmente non me lo spiego, è' come se al mio cuore "sapessero di casa". Una bontà lieve, archetipica, avvolgente, tiepida di coccole. Consolatoria. Una carezza.

La ricetta che segue è semplicissima e molto veloce (la fase di pressatura iniziale può essere sostituita da una energica e ripetuta tamponatura, se si preferisce accorciare i tempi). Popolarissima sia in Cina che in Giappone con tra le due verisoni microscopiche variazioni, ha anche quel tocco lievemente occidentale (*) che oggi mi lascia collegata anche ai sapori più mediterranei di questi giorni.


Kosho dofu nimono - Tofu brasato al pepe nero
ingredienti per 2-4 persone:
1 panetto di tofu compatto da circa 300 gr. (firm tofu)
2 cucchiai di amido di mais
2 cucchiai di sakè  (oppure vino di riso cinese, oppure vermouth rosso)
2 cucchiai di salsa di soja
1 cucchiaino di zucchero (o 1/2 cucchiaino, se si usano il vino cinese o il vermouth)
1 cucchiaio abbondante di olio di arachidi
pepe nero al mulinello

Tagliare il tofu in fette grossomodo quadrate, spesse almeno 1,5 cm. (ne verranno circa 12 pezzi) e lasciarle a perdere acqua per una mezz'oretta tra abbondanti fogli di carta da cucina con sopra un peso.

Tamponare ancora bene le fettine di tofu con carta asciutta per eliminare ogni umidità residua e passarle nell'amido di mais profumato con un'abbondante macinata di pepe.

Scaldare l'olio in un tegame ampio a sufficienza per contenere le fette di tofu in uno strato unico, adagiarvi il tofu e farlo dorare per un paio di minuti da ogni lato, fino a che si è formata una sottile crosticina. Girare le fette una sola volta con molta delicatezza aiutandosi con una spatola perché non si rompano.

Miscelare vino, soia e zucchero e versarli nel tegame, sollevando leggermente da un lato le fettine di tofu perché i condimenti penetrino bene anche sul fondo. Cuocere un minuto a fiamma decisa poi voltare delicatamente le fettine e lasciare che si colorino anche sull'altro lato.

Spegnare la fiamma quando la salsa di fondo si è ben ristretta e le fette di tofu cominciano quasi a caramellare, spolverare con un'ulteriore macinata di pepe.


Servire per due persone come piatto principale accompagnato con riso bianco a vapore (in questo caso meglio non far asciugare totalmente la salsa) oppure come pietanza leggera per quattro persone con verdure di stagione, appena saltate in un goccio di olio di arachidi per un paio di minuti e condite con sale e poco pepe nero.


(* Il pepe nero, apprezzato e coltivato anche in Giappone, è lì tipicamente usato per il manzo, tanto da essere oramai con la carne un abbinamento classico un po' come per noi potrebbe essere pomodoro e origano. Le vivande più delicate, come appunto il tofu o le verdure, vengono di solito aromatizzate con il cosiddetto "pepe giapponese", il sansho, le cui bacche provengono da una pianta completamente diversa da quella del pepe. La bacca del sansho è esattamente quella cinese del huājiā, da noi più conosciuto come "pepe di Sechuan".)
  • rivoli affluenti:
  • sempre per non dimenticare la persistente e oramai totalmente taciuta situazione giapponese del dopo terremoto: un piccolo link, testimonianza curiosa e drammaticamente silente.
  • una raccolta delle più disparate ricette cinesi a base di tofu in: Mu Tsun Lee, Tofu! Tofu! Tofu! Chinese style, Wei Chuan Publishing.

Commenti

  1. Meraviglioso. Ma sai cosa mi riempie di gioia?
    Che posso rifarla pure io qui!! Sake a parte, che sostituirò alla meno peggio...
    Grazie!

    RispondiElimina
  2. Sembra buonissima!
    Me la segno, che non e' facile fare il tofu saporito...
    un bacio.

    RispondiElimina
  3. Hai semplificato il semplificabile, per noi occidentali che ci piace l'etnico, basta che ha i nostri sapori!!
    grazie!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  4. Amo il pepe di Szechuan e il tofu, ma non avevo mai pensato di combinarli tra loro. forse è la volta buona che riesco a far mangiare il tofu a qualcuno.. Ti ringrazio perchè le mie papille gustano l'Oriente al solo leggere le tue ricette! Teresa G.

    RispondiElimina
  5. @arabafelice: immagino non ne esista la versione analcolica, tipo quella della birra...

    @meandfrankieavalon: di solito uso il tofu più per giocare con le consistenze che con i sapori... qui invece in effetti ci sono entrambi.

    @loredana: in effetti questo è un sapore tutto orientale ma non così spiazzante per un occidentale, che ci individua comunque un nonsochè di familiare...

    @teresa.g: grazie, anche le mie papille mi inviano segnali di benessere quando si parla, si legge o si annusa orientale.

    RispondiElimina
  6. Fortunatamente un tocco Japan e ti riconosciamo all'istante :-)
    Ma la pressatura è utile per il sapore o per la consistenza?

    RispondiElimina
  7. Ho bisogno di mangiare Giapponese. Almeno una volta al mese. Perchè mi fa sentire bene. Come ben dici tu ha un potere consolatorio, una coccola tutta per me.

    RispondiElimina
  8. @twostella: la pressatura serve ad eliminare più acqua possibile, in modo che l'amido aderisca bene e formi una sottile crosticina croccante e che in generale il tofu troppo umido non faccia schizzare l'olio.

    @pennaeforchetta: io ho risolto questa tua stessa necessità cominciando a cucinare jap a casa (tranne il pesce crudo, che adoro ma per il cui taglio sono troppo ignorante), il che accade minimo un paio di volte a settimana. Ho frigo e dispensa che parlano decisamente più giapponese che italiano!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!