Passa ai contenuti principali

nessuna foto

Non sempre fotografo quando viaggio. Negli scorsi anni, ad esempio, ho vagato a più riprese per le montagne della Liguria nei miei micro-intervalli di relax. Con itinerari un po' a casaccio. Prevalentemente tra agosto e settembre. Prevalentemente seguendo i cartelli che annunciavano sagre di paese. E non mi sono mai portata la macchina fotografica. Non so esattamente se a posteriori me ne pento davvero.

Ho conosciuto in quei giri gente spettacolare, ho mangiato pietanze straordinarie ed ho pure vissuto emozioni intensissime, come un inaspettato concerto di archi al tramonto in una piazza/terrazzo che sembrava finta da tanto era perfetta, oppure una partita a bocce con i vecchietti locali su un campo praticamente nascosto al centro di un bosco... E di tutto ciò ho solo ricordi nel cuore ma nessuna immagine fotografica.

Forse è meglio così: impossibile per una fotografa inesperta come me fissare veramente una sensazione o un'atmosfera tanto a fondo da riuscire a trasferire per immagini a chi non era con me. Posso solo cercare di rendere l'idea a parole e a sapori, ed anche lì sono imperfetta... Certe emozioni profonde credo non potrebbero essere trasmesse anche se fossi un genio della fotografia o della narrazione.

Tutti quei ricordi comunque mi sono tornati vivissimi alla mente oggi perchè... mi ho ricevuto in dono delle piccole melanzanine! Non so se siano così minuscole perchè le piante dell'orto locale con il fresco degli ultimi giorni hanno rallentato la loro spinta propulsiva o se si tratti proprio della varietà nana tipica della Liguria, ad ogni modo appena le ho viste ho avuto un flash potentissimo: me non so quanti anni fa seduta su una panca alla sagra delle melanzane ripiene di Segno (frazione collinare di Vado Ligure, provincia di Savona), con un bicchiere di vino rosso in mano ed un simpatico abitante del luogo a fianco che mi racconta con tono a cospiratore il segreto della loro farcitura....

A dire la verità il signore in questione era anziano, un po' alticcio, parlava con smaccato accento siciliano e non aveva nemmeno mai messo piede in cucina, si limitava a riportare quello che lui supponeva ci mettesse la moglie. La signora stessa, rubiconda, cotonatura fresca di parrucchiere, abito della festa e tacchi alti, alla fine è venuta a recuperarlo sconsolata.

Si sono allontanati sottobraccio e lentamente, barcollando entrambi. Parlottavano tra di loro in dialetto siciliano... A me di quella serata non sono rimaste foto ma ricordo perfettamente questa immagine! E poi ho la loro ricetta segreta, molto golosa anche se decisamente improbabile: si parlava di polpa di melanzane, patate lesse, pane, erbe, mortadella, uova e formaggio. Di tradizione ligure insomma neanche l'ombra...

E di quella serata ho la memoria della musica dell'orchestrina in sottofondo (gente con una grande propensione per i successi anni '60 di Celentano) e soprattutto mi è rimasta dentro, vividissima, la sensazione di un momento perfetto, di quelli da godersi e basta, quei momenti fantastici perché impossibili da ripetere. E non credo fosse tutta colpa del vino.

La ricetta davvero ligure me la sono poi recuperata a posteriori da un testo classico, dove si suggerisce di usare la stessa procedura per riempire anche carciofi, zucchini, cardi, cipolle o funghi, in un trionfo di "ripieni di magro". E oggi non ho proprio potuto fare a meno di prepararmele "alla ligure", queste micro- melanzane, mai fotografate ma tanto farcite di ricordi. Ammetto però di aver commesso due grossi errori:

1) il pane secco ammollato nel latte serve in alternativa alla formaggina, quando non sia disponibile o non si abbia tempo di fare la quagliata. E nella ricetta più antica si parla di pane e latte e basta. Io invece ho usato entrambi in dose equivalente, dunque il ripieno per le melanzane è venuto più morbido, più abbondante e più ricco di quanto avrebbe dovuto essere.

2) come formaggio fresco ho usato (ben) 120 gr. di comunissima ricotta invece di quel cucchiaio appena di prescinseua che sarebbe eventualmente stato ammissibile. E qui, mi rendo conto, si sfiora la blasfemia...


Melanzanine ripiene quasi alla ligure

per 6 persone (o per 2, se si è molto golosi...):
6 melanzanine (circa 750 gr. in tutto)
20 gr. di funghi secchi
25 gr. di pane secco
1/2 bicchiere di latte
120 gr. di ricotta (non presente nella ricetta tradizionale, dove si cita come alternativa al pane e latte)
1 cucchiaio abbondante di maggiorana
1/2 cucchiaio di origano
20 gr. di parmigiano grattugiato
20 gr. di pecorino grattugiato
1 spicchio di aglio
2 uova
2 cucchiai scarsi di pangrattato
1 cucchiaio di olio extravergine ligure
sale
pepe

Lessare le melanzane intere, senza levare il picciolo, in abbondante acqua per 7 o 8 minuti, fino a che cominciano ad ammorbidirsi, quindi scolarle con una schiumarola, raffreddarle velocemente sotto l'acqua fredda ed asciugarle.

Nel frattempo mettere a bagno i funghi un poca acqua tiepida ed il pane nel latte.

Tagliare in due le melanzane per il lungo, picciolo compreso, e svuotarle della polpa per creare delle vaschette, che vanno salate leggermente e lasciate raffreddare. Il picciolo servirà poi, mi spiegava il signore, per prenderle in mano e mangiarle in un solo boccone...

Tritare grossolanamente la polpa estratta insieme ai funghi ben scolati, quindi saltarli in poco olio con l'aglio ed una presa di maggiorana fino a che è tutto bene asciutto, salando e pepando alla fine, ci vorranno due o tre minuti.

Strizzare il pane e sminuzzarlo in una ciotola, unendovi le verdure e le uova, prima sbattute con i due formaggi, la maggiorana rimasta e l'origano; regolare di sale, pepare e miscelare bene.

 Farcire le melanzane con il composto,  disporre in una teglia appena unta, spolverizzare con poco pangrattato e cuocere in forno statico a 180° per circa 40 minuti.


Servire le melanzane calde, tiepide o anche a temperatura ambiente.


Concordo assolutamente sul fatto che mangiate con le mani, in due o tre grossi morsi, sono indiscutibilmente più buone!


  • rivoli affluenti:
  • chiedo venia della mia superficialità a chi conosce i dettami del testo sacro: Gio Batta e Giovanni Ratto, La cuciniera genovese. La Vera Maniera di cucinare alla genovese, 1863.

Commenti

  1. Ma tu fotografi benissimo con le parole !
    Le melanzanine liguri le faró ma con le melanzanone argentine, anche se qui ci sono delle beby melanzane niente male...mumble mumble..aspetta che ti faccio dei finger food quasi alla ligure (e questo é un paese che deve molto al "quasi alla ligure..").

    Bacioni, Simonetta..e ben tornata

    RispondiElimina
  2. davvero invitanti queste melanzane!

    scrivi davvero molto bene, non c'è bisogno di fotografie a volte ;)

    volevo farti i complimenti per il blog, l'ho scoperto da poco per caso ma ho già sbirciato altre tue ricette, tutte bellissime! brava! mi sono anche aggiunta ai lettori fissi :)
    da pochissimo ne ho uno anch'io, passa a visitarlo se ti va!
    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
  3. Le fotografie sono importanti ma lo è di più la capacità di archiviare le immagini nel nostro cuore e nella nostra mente. Io ho tutte le immagini dei miei ricordi negli occhi, qualche volta guardo le foto per confermare le emozioni.
    Invece le tue melanzane vorrei "archiviarle" nelle mie papille gustative. Ciao Annalena, mi raccomando: non rispondere mai agli sms ;-)

    RispondiElimina
  4. @glufri: con tutti questi giri del mondo comincia a girare pure la mia testa!

    @michela: grazie mille, vengo senz'altro a curiosare.

    @libera: non serve tecnologia dici... forse per quello il telefono mi rema decisamente contro in questi giorni!

    RispondiElimina
  5. Beh?!
    Lasciamo passare una certa data di settembre così, cianciando di rientri, di mancanza di foto e di melanzane?

    Questo blog compie tre anni (dico: tre anni!)e tu pochi di più e passi tutto sotto silenzio?

    Ok, ci penso io allora, a nome di tutti gli affezionatissimi: happy birthday!!!

    RispondiElimina
  6. Cosa, cosa cosa??? E' il tuo BLOG-compleanno? MA AUGURISSIMI!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. @virò: non è stato un silenzio voluto, solo che la vita vera a volte prende ilò sopravvento sui tempi del blog, Ma tra poco rimedio...

    @mapi: graziiissssime... Sto anche lavorando alla pasqualina e rido sotto i baffi, per quello mi sono poi un po' distratta sulle date...

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!