sabato 21 dicembre 2013

contorni danesi per una tavola invernale

Post veloce e mood invernale, per questo 21 dicembre in cui inizia ufficialmente l'inverno e manca pochissimo tempo ed infinite incombenze al Natale. Cerco rifugio nelle tradizioni danesi dunque, Paese che mi riesce ad ispirare calma ordine e serenità e dove le verdure resistenti al freddo vengono ampiamente valorizzate in ricette da vero confort food, ricche di sapori burrosi ed avvolgenti. Mai come in questi giorni qui si sente la necessità di pacatezza e di coccole.

Ed ecco un paio di piatti tradizionali danesi molto semplici, di solito serviti come contorni a portate di carne: la verza in salsa cremosa e le patate caramellate. 

Si tratta di due ricette che possono entrare a pieno titolo ne Il mondo in casa, ovvero i piatti di origine straniera facilmente preparabili con prodotti italiani. E che oggi mi sembrano essere speciali e ricchi nonostante la loro semplicità... e mi regalano la sensazione di essere un po' così anche io!


il cavolo verza a gusto si può aromatizzare anche con aneto o cumino (ma qui ho preferito il semplice pepe), mentre le patate caramellate, in cui qui ho arbitrariamente incluso delle patate viola, sono immancabili sulla tavola di Natale danese.

Ecco la ricetta della verza, per cui si potrebbero utilizzare anche un misto di verza, cavolo cappuccio e cavolo nero o altre verdure invernali a foglia:


Grønkⱥl mød fløde - Verza in crema alla danese

ingredienti per 8-10 persone:
850 g di foglie di verza
600 ml di latte
400 ml di panna
80 g di burro
6 cucchiai di farina
sale
pepe bianco al mulinello

Scottare le foglie di verza in acqua bollente leggermente salata per 5 o 6 minuti, scolarle bene, strizzarle per eliminare più acqua possibile e tritarle.

Miscelare latte e panna; setacciare la farina e miscelarla al latte con una frusta con cura, mescolando energicamente perché non si formino grumi e salare.

Sciogliere  il burro a fiamma bassa in un ampio tegame, levare dal fuoco ed unirvi il composto di latte, mescolando con cura. Rimettere sul fuoco e cuocere a fiamma bassa mescolando fino a che la salsa si inspessisce. La densità deve essere quella di una crema vellutata e non troppo soda. Se servisse aggiungere eventualmente qualche cucchiaio ancora di latte.

Unire la verza, mescolare bene, regolare di sale e lasciar insaporire. Spolverizzare di abbondante pepe e servire ben caldo.

E poi la ricetta delle patate, a cui si potrebbero aggiungere anche rape e topinambour. Se non si ha a disposizione il burro salato basta salare leggerissimamente le patate mentre le si salta in padella:


Sukkerbrunede kartofler - Patate caramellate alla danese

ingredienti per 8-10 persone:
800 g di patate piccole a pasta gialla
800 g di patate piccole a pasta viola
100 g di zucchero
70 g di burro salato

Lessare le patate con la buccia in abbondante acqua bollente non salata, oppure cuocerle al microonde coperte con due cucchiai di acqua a 900 w per 10-12 minuti, fino a che sono morbide ma ancora compatte.

Lasciar intiepidire le patate, sbucciarle ed eventualmente dividere in due pezzi le più grandi, lasciandole poi  riposare all'aria per un'oretta perché si raffreddino completamente e si compattino.

Sciogliere lo zucchero in un ampio tegame senza mescolare fino a che si forma un caramello appena biondo, quindi unire il burro salato e lasciarlo fondere.

Unire le patate, far insaporire un paio di minuti fino a quando si rivestono di caramello lucente e servire ben calde.

  • rivoli affluenti:
  • altri interessanti spunti di cucina danese in: Sonia Maxwell, Scandinavian Cooking. Classic cooking from Sweden, Norway, Denmark and Finland, The Apple Press, 1995, ISBN 1-85076-569-3
  • la verza risulta più veloce da preparare se si scottano due minuti in acqua bollente o al microonde le foglie già ridotte a julienne, come queste, di OrtoRomi. Vanno sempre strizzate molto bene prima di procedere con la ricetta.

3 commenti:

  1. adoro il cumino nelle verze, ce l'ho buttato d'istinto! belle le patate caramellate....carissima, è stato bello conoscerti a Genova, ti auguro buone feste
    Cris

    RispondiElimina
  2. In realtà a me la Danimarca ispira ben altro che calma e pacatezza, sai com'è, il primo, indimenticabile fidanzato è stato proprio un danese conosciuto in vacanza;)))))!!!!!
    Mi piace molto l'idea di unire alle patate anche topinambour e rape che oltre tutto, caramellate, sono fantastiche!!!

    RispondiElimina
  3. @cris: buone feste anche a te e spero ci sarà modo di incorciarsi cin un pochino più di calma!

    @fabiana: sarà che non ho mai avuto fidanzati danesi ma solo amici, sarà che ci sono stata solo per diletto, sarà che l'inverno lì è un'altra cosa... ma per me la cucina danese quando fuori fa freddo è davvero un balsamo per l'anima.

    RispondiElimina