Passa ai contenuti principali

patate dolci e una vita esperanto

Arianna gioca a pallacanestro, bene, da sempre. Da ragazzina ha evitato la carriera agonistica ma crescendo ha fatto comunque dello sport il suo lavoro, oltre che la sua passione. Così ora insegna alle bimbe del minibasket della squadra cittadina e, grazie alla sua laurea in lingue, partecipa agli eventi internazionali da dietro le quinte come supporto operativo.

Daniel è un cestista portoricano, capitano della propria squadra e titolare in Nazionale. Durante un trasferimento aereo per incontrare un team europeo la squadra di Daniel fa uno scalo in Italia con sosta di 24 ore. L'allenatore decide per una sessione di allenamento al locale Palazzetto dello Sport e ad Arianna, che abita proprio lì a pochi passi, viene chiesto di fare gli onori di casa.


Arianna entra in confidenza con i giocatori, che ne apprezzano la preparazione tecnica e la simpatia. Finisce che la invitano in Portorico. Approfittando di un problema alla caviglia che le interrompe gli allenamenti del minibasket, Arianna dopo qualche settimana prende le ferie e ci va davvero. 


Viene ospitata a casa di Daniel, conosce suo cognato Yadier, professionista di baseball in una squadra della Liga de Béisbol portoricana. Nel ricorrere del suo destino sportivo, se ne innamora, ricambiata. 


In quasi un anno si incontrano cinque volte, di cui una sola in Italia. La prossima occasione sarà a settembre in Spagna, quando Yadier e la sorella accompagneranno Daniel, convocato per i Campionati Mondiali di Basket 2014. Ma settembre è lontano e lei inquieta.


Oggi Arianna è a casa. Mentre pensa a Yadier sbuccia una batata mameya, patata dolce portoricana di cui ha da poco scoperto l'esistenza e pure la reperibilità nella sua città. 
Lo fa svogliatamente.

Una batata... le sembra completamente fuori stagione e fuori contesto. Le patate le hanno sempre ispirato solo piatti invernali, fumanti e coccolosi. Ma perchè, si chiede, non riesce a prendere questo ingrediente e "pensarlo estivo"?!

Eppure questa batata è come l'anima di Yadier: colorata e dolce e versatile. Lui dice che per Arianna potrebbe anche lasciare tutto. Ma forse è proprio Yadier che lei non riesce ad immaginare fuori contesto. D'altronde per lei il Portorico è sempre stato all'altro capo del mondo, mai avrebbe pensato potesse far parte del suo futuro... Che fare? 


Intanto decide di lessare la batata senza sale ne' zucchero e poi la schiaccia. Arianna vuole capire che gusto ha così, nuda e semplice, senza  aromi e senza pre-giudizi. E si accorge che il sapore non è quello di una patata. Sa più di castagna, ma anche di banana e di carciofo... O cavolo!

Arianna si rende conto di non aver capito niente finora, di dover interpretare tutto da capo: cucinare la batata è l'occasione per un piatto nuovo senza traccia di esperienze conosciute, quelle che in superficie sembrano le stesse ma in verità sono tutte diverse. 

Allora vanno bene aglio e sale, come userebbe su patate italiane, e vanno bene zucchero e coriandolo, come si farebbe in Portorico. E poi ci mette del cocco che non c'entra con nessuno, peperoncino fresco che fa estate e piace a tutti, limone italiano, platano portoricano e chiude ogni cosa in un guscio croccante, come si fa sia in Italia che in Portorico.

Il loro futuro è già cambiato, anche se ognuno vive ancora nella propria città. Per entrambi non sarà più la vita tipica di un unico Paese. Qualsiasi collocazione sceglieranno, già oggi progettano in esperanto. Cibo compreso. Forse "dove" condividersi non è poi tanto importante.


Empanadas inventate con batatas e progetti

ingredienti per 16 pezzi:
3 patate dolci a polpa arancione, c.a 850 g in tutto
1 platano
3 cucchiai di cocco in polvere
1 uovo
1/2 limone
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di coriandolo tritato
1 cucchiaio di zucchero di canna
1/2 peperoncino fresco
2 cucchiai di olio di palma
sale

per l'impasto:
300 g di farina semintegrale di tipo 2 (+ 1 pugno per la spianatoia)
1 cucchiaio di olio di palma
1 cucchiaio di latte
sale

Sbucciare le patate dolci, tagliarle a tocchetti ed immergerle man mano in acqua fredda. Sciacquarle bene coprirle con altra acqua fredda, portare a bollore e cuocere per minuti, fino a che sono morbide.

Scolarle conservando l'acqua e schiacciarle con una forchetta o passarle al passapatate quando sono ancora calde.

Sciogliere la polvere di cocco in un bicchiere di acqua delle patate e mescolarli al purè. Grattugiare finissimo l'aglio e unirlo al composto con il peperoncino a rondelle finissime, lo zucchero, il succo del limone, il coriandolo e un pizzico di sale.

Impastare per qualche minuto la farina setacciata con 170 ml circa di acqua delle patate a temperatura ambiente, l'olio e il sale, fino ad ottenere un panetto liscio. Far riposare coperto una mezz'ora, poi dividere in 16 palline grandi come noci e stenderle in dischi sottili da circa cm di diametro.

Tagliare il platano sbucciato in 16 rondelle e friggerle nell'olio di palma; scolare su carta assorbente e spolverizzare di sale.

Unire al ripieno di patate dolci oramai freddo l'albume dell'uovo e sbattere il tuorlo con 1 cucchiaio di latte.



Disporre una cucchiaiata di patate dolci su ogni disco, aggiungere un pezzetto di platano, chiudere come un calzone e sigillare bene i bordi arrotolandoli su se stessi.

Mettere le empanadas in piedi sopra una teglia foderata di carta forno, spennellare con tuorlo e latte e cuocere in forno ventilato a 170° (o forno statico a 190°) per circa 25 minuti. Servire calde, oppure mettere a riposare su una gratella e servire poi tiepide o a temperatura ambiente.

  • rivoli affluenti:
  • * per piatti alternativi alle batatas schiacciate e condite si può unire altra acqua di cottura per arrivare ad una zuppa cremosa, da servire tiepida con bastoncini di sedano, oppure si può servire così com'è, decorato con foglie di coriandolo, come dip per crostini, chips e pinzimonio.
  • per intensificare il gusto del ripieno lo si può ripassare in padella con cipolla soffritta, oppure sostituire il cocco con concentrato di pomodoro. Non poniamo limiti all'esperanto culinario...

Commenti

  1. Ho letto esperanto e son venuta a vedere. Ricordo quando andavo al liceo ed finii in un programma sperimentale per studiare questa lingua...poi andò tutto in fumo. Inizialmente credevo fosse una nuova versione di piadina ed invece mi hai spiazzato...un bacio cri

    RispondiElimina
  2. @cri: potrei proporla fuori concorso, visto che l'impasto è simile ma ha olio invece di strutto ed è cotto al forno invece che al testo... è che piadinare mi ha preso la mano e sto scoprendo pericolosi universi paralleli!

    RispondiElimina
  3. I miei migliori congratulazioni per il tuo sito meraviglioso! Perfetto !!!

    voyance gratuite en ligne par mail

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!