Passa ai contenuti principali

riso rucola e vellutina: esperimenti...

Di nuovo, inevitabilmente, riso in questo periodo. Ma, in modo del tutto imprevisto, con un post completamente estrapolato da qualsiasi schema. Perché di imparare non si finisce davvero mai...

Avrei voluto continuare il viaggio nel mondo del riso chiacchierando di risi greggi, integrali, sbiancato, brillati... E invece, visto che c'è chi ci ha pensato meglio di me, salto tutto e devio il percorso sul parboiled, curiosa di verificare... la sua cottura per assorbimento! 

Non sapevo immaginare che risultati dessero risciacquatura ed ammollo di un riso elaborato per non rilasciare amido ma soprattutto da come questa caratteristica finisse per influire sul risultato finale in cottura

La lavorazione parboiled deriva infatti da una millenaria tecnica di macerazione ed essiccazione sviluppata in Oriente per garantire una migliore conservazione del riso sia da crudo che da cotto; con i moderni processi industriali oggi si ottiene quindi un riso il cui amido "indurisce" e, in sostanza, impedisce ai chicchi di assorbire troppo liquido. 

Il chicco resta di conseguenza sempre molto al dente anche se si eccede con la quantità di acqua o si prolunga troppo a lungo la cottura, e si conserva bene dopo cotto senza perdere ne' sapore ne' consistenza. 

Per questi stessi motivi risciacquo ed ammollo previsti dalla cottura per assorbimento, nata per risi decisamente amidacei che quelle caratteristiche mira a valorizzare, sono per un riso parboiled sostanzialmente ininfluenti. 

La cottura per assorbimento, insomma, è una tecnica che richiede tempo e cura e in questo senso in fin dei conti per il parboiled è quasi sprecata: alla fine si ottiene comunque un riso sgranato e dai chicchi consistenti, grossomodo come uscirebbero da una più semplice e veloce lessatura.

Personalmente uso di solito riso parboiled, preferibilmente varietà Patna, per piatti che richiedono cotture lunghe o ripetute e per piatti dai sapori complessi, come insalate di riso particolarmente cariche di aromi che devono non devono perdere profumo dopo cotte. E da qui mi è venuta l'ispirazione per un piatto che rendesse giustizia alle caratteristiche di questo riso, indipendentemente dalla tecnica di cottura.

Per sottolinearne la consistenza "croccante" abbino allora il mio parbiled, in questo caso di varietà Ribe di facile reperibilità, a dei morbidi fagioli, come si usa in molte tradizioni centroamericane (moros y cristianos, dirty rice e infiniti altri...). Ma poi la ricetta diventa tutta un esperimento...

Accompagno riso e fagioli con il sapore fresco e leggermente pungente della rucola e con quello dolce/asprigno delle albicocche secche, e sottolineo la croccantezza con del sedano crudo e la pastosità con degli anacardi; li profumo poi con una vinaigrette un filo insolita che prova a riassumere il tutto...

Nonostante la partenza dalle molte ispirazioni, la ricetta è realizzata con ingredienti reperibili in Italia, come nella miglior tradizione del Mondo il Casa. La presenza della rucola è fondamentale nel conferire carattere all'insieme e di fatto trasforma una "insalata di riso" in un "riso all'insalata"...


Riso rucola e vellutini con interventi dolci-croccanti

ingredienti per 4 persone:
240 g di riso Ribe parboiled
120 g di fagioli vellutina
60 g di rucola pulita
1 scalogno
1 piccolo gambo di sedano
30 g di anacardi (oppure mandorle)
15 g di albicocche secche
3 foglie di salvia
3 cucchiai di olio di arachidi
1 cucchiaio di aceto balsamico
1 cucchiaino di zucchero di canna
sale
pepe bianco al mulinello

Mettere a bagno i fagioli per 8 ore e sciacquarli. Tritare finemente lo scalogno e la salvia e rosolarli con 1 cucchiaio di olio per un paio di minuti in un tegame di coccio, quindi unire i fagioli e lasciar insaporire per un minuto.

Coprire con acqua calda, lasciar prendere un leggero bollore, quindi coprire parzialmente e cuocere a fuoco basso  per circa un'ora e mezza, salando verso fine cottura. Lasciar intiepidire.

Lessare il riso in acqua bollente salata per circa 15 minuti, scolare e spargere su un telo pulito perché si raffreddi spolverizzando con una grattata leggera di pepe (oppure cuocere per assorbimento come indicatqui, con un pizzichino di sale, senza bisogno di ammollo, aumentando leggermente l'acqua ed allungando la cottura di tre o 4 minuti, e poi far raffreddare su un telo).

Mettere a bagno le albicocche in acqua tiepida per qualche minuto, quindi tagliarle  a striscioline; tostare gli anacardi in una padellina antiaderente, levare dal fuoco appena cominciano a dorare e pestarli grossolanamente; tritare grossolanamente il sedano. In stagione vanno benissimo anche albicocche fresche tagliate a dadini.

Miscelare il riso ai fagioli ben scolati dal loro fondo di cottura; sciogliere lo zucchero di canna nell'aceto balsamico insieme ad un cucchiaio dell'acqua di ammollo delle albicocche; unire 1 pizzico di sale ed emulsionare con 2 cucchiai di olio, versare il condimento su riso e fagioli e lasciar insaporire una decina di minuti.

Aggiungere poi la rucola, gli anacardi, le albicocche ed il sedano, mescolare bene e dividere in ciotole individuali. Servire subito.

  • rivoli affluenti:
  • rucola aromatica al punto giusto: questa di Insal'Arte
  • i vellutina sono una varietà di fagioli coltivata in Sicilia e prendono il nome dal loroo colore rosso scuro, che ricorda, appunto, quello del velluto. Se non sono disponibili possono essere sostituiti da fagioli rossi (se si vuole velocizzare la ricetta eventualmente anche in scatola già cotti. In questo caso ne servono circa 300 g, peso sgocciolato).

Commenti

  1. Ciao! Questo piatto è adorabile. Sei sempre così precisa nelle tue approfondite spiegazioni... leggerti diventa ogni volta uno spunto a scoprire cose nuove. Una condivisione mente-mente e pancia-pancia. Complimenti! Ti abbraccio, Alessia

    RispondiElimina
  2. Questo piatto stupendo rivela ancora una volta la tua cultura straordinaria e la finezza del tuo palato. Ignoravo che la tecnica parboiled fosse millenaria, credevo fosse un'invenzione moderna. Per lo meno con questo post mi hai convinto che il parboiled dopo tutto non è da buttare via. :-)
    Da provare assolutamente la ricetta. :-p

    RispondiElimina
  3. Mi rendo sempre più conto che in materia di riso sei veramente un‘esperta. Sul riso ci sono davvero tanti, troppi, luoghi comuni. È curioso che un alimento all'apparenza così semplice possa essere invece così complesso.

    RispondiElimina
  4. @alessia: qualcuno più che "precisa" mi sa che mi definirebbe "pesante"! Grazie, un abbraccio anche a te

    @mapi: un'invenzione "moderna" è il riso precotto, quell'aberrazione che vien pronta in 5 minuti... La storia del parboiled invece ha un suo perchè che maari mi capiterà di raccontare anche un po' meglio,
    Il che non lo rende adatto a qualsiasi piatto, beninteso...
    Se vuoi sperimentare comunque cerca il Patna indiano, e poi ne parliamo

    @mari: il riso è un po' come il pane o la pasta: "sembrano" alimenti semplici...
    Comunque gli esperti sono ben altri, a me capita solo di essere un po' curiosa.

    RispondiElimina
  5. Bonjour,
    je découvre votre blog cet après-midi
    et je tiens à vous féliciter pour le travail accompli
    bravo et bonne continuation
    voyance par mail gratuite

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!