Passa ai contenuti principali

lasagne di limoncello eterodosse con provolone, cioccolato, nocciole...

Inutile: nonostante i miei tentativi di deviazione etnica dall'argomento... questo è proprio il mese della pasta fatta in casa! 

Dopo le tagliatelle di cacao e curry e le lasagne di Lambrusco, sotto il mattarello arriva una seconda visione di lasagne, complice una bottiglietta di limoncello homemade ricevuta in regalo ma un filo troppo forte da bere per i miei gusti. Poi da qui il percorso creativo è trasceso, forse per i fumi dell'alcool sprigionati dal tegamino in cui stavo restringendo il limoncello, sfiorando i limiti del delirio...

Nella mia memoria di bambina le scorpacciate dei frutti del nocciolo della corte della bisnonna veneta legavano le nocciole a quel territorio, allargato poi al Piemonte quando ho scoperto, poco più tardi, la tradizione del gianduia. Me l'ero sempre figurato, insomma, come un prodotto tipico delle alture del Nord.

Ho invece appena imparato da Pasquale che la regione maggior produttrice italiana di nocciole è la Campania! E allora ho pensato: limoncello e nocciole! Da lì ho cominciato a discendere la china della follia: le nocciole sono istintivamente abbinabili al cioccolato... che a sua volta per gli esperti è perfettamente accompagnato dal limoncello... 

Un'altra cosa che mi fa impazzire sono caciocavallo o provolone grigliati nelle foglie di limone... ma pure formaggio e nocciole funziona... così come alcuni gourmet abbinano il cioccolato ai formaggi stagionati... e pure a spezie piccanti particolarmente aromatiche...

Avrebbe funzionato allora tutto l'insieme, se avessi provato a trasformare questa farraginosa valanga di associazioni in un'unico piatto di lasagne?! Non restava che procurarsi una tavoletta di cioccolato fondente di quello con le nocciole intere, lasciar spazio alla sperimentazione e poi attendere i commenti dei commensali...

Anche per questa volta sono sopravvissuti!


Lasagne di limoncello in crema di provolone piccante e pepe di Sechuan con briciole di cioccolato fondente alle nocciole 

ingredienti per 4-6 persone:
per la sfoglia:
220 g di farina 0
100 g di semola di grano duro
80 ml 
di limoncello
3 uova, in tutto circa 170 g netti
1/2 limone

per i condimenti:
380 g di provolone piccante
1,5 l di latte
130 g di farina 0
100 g di burro
50 g di cioccolato fondente con nocciole
80 g di pecorino grattugiato
4 cucchiai di succo di limone
4 o 5 steli di erba cipollina
2 foglie di limone
zucchero
pepe di Sechuan
sale

Per la sfoglia mettere il limoncello e la scorza di limone in un tegamino e far sobbollire a fuco basso per un minuto, in modo che l'alcool evapori tutto ed il limoncello diventi sciropposo. Far raffreddare ed eliminare la scorza di limone.

Setacciare insieme le farine; sbattere leggermente le uova insieme con il limoncello in modo che si diluisca bene. Unire le uova alla farina disposta a fontana e lavorare energicamente per una quindicina di minuti, quindi lasciar riposare l'impasto sotto una ciotola capovolta per mezz'ora.

Per la salsa scaldare il latte con le foglie di limone e un pizzico di zucchero; sciogliere a parte il burro in un tegame e tostarvi la farina. Fuori dal fuoco unire a filo il latte caldo alla farina, mescolare beneper evitare grumi, riportare sul fuoco e cuocere circa 10 minuti. 

Tritare grossolanamente il provolone e tagliare a rondelle sottilissime l'erba cipollina ed unirli entrambi alla salsa un minuto prima di spegnere. Regolare di sale, levare le foglie di limone, unire 1 cucchiaio di succo di limone e una presa abbondante di pepe di Sechuan, mescolare bene e spegnere.

Stendere la sfoglia con il mattarello in un disco sottile 2 o 3 mm e di spessore uniforme (il sapore degli aromi si deve sentire) e lasciar asciugare una ventina di minuti. 



Ritagliare la sfoglia in circa 24 dischi da 7 cm di diametro e sbollentare in acqua bollente salata pochi pezzi per volta, stendendo poi ad asciugare su un telo pulito (non li passo in acqua fredda per mantenere più possibile gli aromi). Una volta cotti i dischi di pasta misurano 8 cm, poco più piccoli delle terrine in cui impilarli.

Triturare grossolanamente il cioccolato. Sovrapporre in quattro tegliette individuali sei strati di sfoglia alternandoli alla crema di provolone, alle briciole di cioccolato e ad una spolveratina di pecorino grattugiato. (Se si serve come primo e non come piatto unico è più proporzionato preparare 6 monoporzioni da 4 strati.)


Terminare con uno strato di salsa e di pecorino, cuocere in forno a 180 °C per 20 minuti, lasciar riposare 10 minuti e servire decorato con una spolverizzata di scorza di limone e qualche briciola di cioccolato alle nocciole, che si scioglierà mentre si porta in tavola.


E ovviamente anche con questa lasagna totalmente eterodossa 


partecipo all' MTC di ottobre proposto da Sabrina de Les Madeleines di Proust.


Prometto che manterrò la terza ispirazione (che sarebbe stata, ovviamente, "come si dice lasagna in giapponese") solo in testa, per non appesantire ulteriormente il lavoro delle giudici e la tavola dei miei commensali con ulteriori eterodossie ancor più estreme...

  • rivoli affluenti:
  • che dire? Qualcuno si ricorderà di quando da bambina sceglieva per il cono gelato i gusti cioccolato e limone e tutti la guardavano male: ora sorellina sai che precorrevi semplicemente i tempi! E che questa lasagna è anche un po' colpa tua.

Commenti

  1. Questa sarei davvero curiosissima di provarla perchè è oltre la mia immaginazione!!!
    In effetti ogni singolo ingrediente si combina benissimo con l'altro, creando una staffetta che porta uniti( e vincenti) al traguardo!
    Avrei immaginato una lasagna fritta con il limoncello, nell'impasto non ci sarei arrivata mai, ma.....per questo ci sei già tu!!
    Al primo giro in Liguria mi sa che ti tocca, faccio subito la spia a Chiara:)))))

    RispondiElimina
  2. uuuuuu ma è incredibile! !! che intuizione che hai avuto!!

    RispondiElimina
  3. Mon Dieu!!!!!!!! Non ho più parole.....

    RispondiElimina
  4. Che sprint queste lasagne, cara Annalena!
    :*

    RispondiElimina
  5. @fabiana: tu preavvertila e... guarda che ci conto!

    @rosaria: una catena che non finiva più... per fortuna ad un certo punto mi son fermata, sennò usciva un pasticcio peggio di questo!

    @cristina: ribadisco... la "solita" esagerata.

    @chiara: ah, allora non hai cambiato idea... ;-)

    RispondiElimina
  6. Forse perché conosce i mie tempi da bradipo , Fabiana mi ha avvisata con largo anticipo della ....."lasagna MTC" quindi , giovedì , per non deludere la mia sister/amica , mi sono messa all'opera .E sai cosa ? La sfoglia è impastata con il limoncello !
    Empatia ed amicizia con la tua ....cara Annalena :-)
    A questo punto , dopo averla cucinata e spazzolata , dovrò assolutamente pubblicarla .....in tempo utile !
    E a proposito di tempo , dovrai trovarne un po' per un sister tour enogastronomico :-) in terra ligure :-)))))))))
    A presto , un abbraccio , Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e se pensavate di tenermi fuori, vi sbagliate di grosso...anche perché ci vuole qualcuno di credibile, che spieghi alle forze dell'ordine che quelle tre disgraziate in preda ai fumi dell'alcol han solo fatto una degustazione comparata di lasagne...:-)

      Elimina
  7. E' proprio vero che non ci sono limiti alla fantasia! Hai fatto un piatto di una bontà imbarazzante! Come il gelato al cioccolato e limone! Ciao

    RispondiElimina
  8. che belli e saranno sicuramente una bonta'ottima idea...ciao sono nuova di questo mondo mi farebbe piacere seguirti spero lo faccia anche tu passa da meeeeeee!

    RispondiElimina
  9. @chiara: mi organizzo appena posso perchè a questo punto un sister tour si rivela assolutamente indispensabile!

    @andrea: me ne rendo conto, ecco, bravo: una lasagna imbarazzante...

    @anna: grazie

    RispondiElimina
  10. Dici che il gelato limone e cioccolato precorreva i tempi? E allora questa lasagna li supera e va oltre! Ma i commensali, oltre ad essere sopravvissuti, come hanno reagito?!

    RispondiElimina
  11. Originalissima!! Brava!!
    Un abbraccio
    Vera

    RispondiElimina
  12. Spettacolora come sapori accostati l'uno all'altro...musica.
    Una domanda, adoro il pepe di Sechuan però lo vorrei macinare ma non riesco ho provato con macinini diversi mi puoi suggerire qualcosa.^??? Grazie.

    RispondiElimina
  13. Non ho mai gradito l'abbinamento del gelato al limone con il cioccolato, quindi questa lasagna...mi destabilizza, ma se sei te a rassicurarmi sulla riuscita di questo abbinamento, guarda io ci credo ad occhi chiusi ed assaggio a razzo! :)

    RispondiElimina
  14. @virò: inizialmente erano molto scettici ma l'anno prima assaggiata cautamente e poi spazzolata tutta...

    @vera: grazie, un abbraccio a te

    @edvige: delle bacche del pepe di Sechuan in realtà si usa solo il guscio. Elimina i semi interni e poco prima di usarle tosta le bucce e pestale in un mortaio. Se usi la versione già in polvere uniscila al piatto solo alla fine.

    @ilaria: casomai provala con metà dose di cioccolato, magari cosparsa a strati alternati e non in tutti. Se vedi che sopravvivi e ci provi gusto la volta dopo ti regoli di conseguenza..

    RispondiElimina
  15. Grazie non lo sapevo le vendono in buste ma non ho mai notato che sono complete proverò guardare meglio non vorrei che siano proprio le bucce come dici tu e per questo che non riesco a macinale :-(( proverò a tostare e via nel mortaio. Grazie ancora e buona giornata.

    RispondiElimina
  16. Caspita, che tentazione di provarle...!!! Ringraziamo tutti la tua sorellina per l'ispirazione!! :-)

    RispondiElimina
  17. @edvige: non so se sono stata chiara: tieni le bucce ed elimina i semi, e tosta solo le bucce ;-)

    @daniela: brava, diciamolo forte... è da quando ho sei o sette anni che non ci dormo, sopra questo abbinamento...

    RispondiElimina
  18. Carissima sei stata super chiara, solo devo vedere non ho mai controllato se in queste buste il contenuto sono le bucce. Questo non è come dire tondo non sembra pieno ma non ho mai verificato non sapendo quello che mi hai invece spiegato.Se nella busta sono solo le bucce allora le tosto...se invece mi risulta ci siamo anche semi allora devo fare una bella selezione. Questo pepe in polvere non l'ho ancora trovato. Grazie ancora e scusa questo intermezzo di domande e risposta. Buona serata.

    RispondiElimina
  19. Cioccolato e limone a me ricorda Modica, per esempio.
    ... e ora, aspettiamoci una versione col Ragusano e il pistacchio...
    UN GENIO, altro che storie...

    RispondiElimina
  20. @edvige: ;-)

    @alessandra: qui c'è provolone perchè infatti non avevo sottomano un ragusano come si deve...

    RispondiElimina
  21. sappi che mi avrai sulla coscienza, così giusto per farti sentire un po' in colpa.. :))
    sto bevendo anche limoncello per entrare bene nella lasagna e ci ho messo dietro un pezzetto di cioccolata con un pezzetto di formaggio.
    ho in bocca un'esplosione di sapori completamente inedita!
    quasi quasi ti faccio vincere per la terza volta e a questo giro non hai due mesi di tempo per prepararti...! :))
    grazie genio. sei fantastica!
    sabri

    RispondiElimina
  22. Una ricetta d'altissima cucina! Mamma mia chissà che buone...Complimenti!

    Colgo l’occasione, se non l’ho già fatto, di invitarti al mio nuovo contest sulla Lenticchia!
    Ti riporto di seguito il link:
    http://kucinadikiara.blogspot.it/2014/10/4-contest-kucina-di-kiara-una.html

    Ti aspetto! Un bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
  23. Sto cercando di immaginare il gusto, ma proprio non ci riesco...non era tra quei bambini che prendeva il gelato ciocco limone, ma solo perchè da piccola mangiavo solo i gelati dai gusti chiari!!!!(che scema che ero, solo con gli anni mi sono resa conto di cosa mi perdevo!!!!)
    Buona giornat

    RispondiElimina
  24. Che dire? Ogni volta che passo di qua resto sbalordita e senza parole... la tua fantasia e la tua capacità di creare abbinamenti raffinati è impareggiabile. Ultimamente ho provato a fare degli gnocchi al cioccolato ripieni di pecorino, mi sono piaciuti, ma ho ammesso con me stessa che c'era ancora molto da lavorarci sopra. Poi arrivo qui e trovo tutte le risposte alle mie domande :)

    RispondiElimina
  25. @kiara: vengo certamente a curiosare, grazie

    @mila: da piccola anche a me il gelato cioccolato limone faceva impressione, poi crescendo... Però credo che nel gelato comunque non li abbinerei neppure ora.

    @mari: bella la tua idea degli gnocchi! da te sempre e solo ottimi spunti

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!