martedì 16 dicembre 2014

dolci regali perchè... non c'è due senza tre!

Esce oggi nelle librerie Dolci Regali, il terzo libro della collana di MTChallenge (perchè, appunto, non c'è due senza tre!), il cui titolo è fedele al contenuto... sia che lo si interpreti come "doni zuccherati" che, come vuole essere inteso: "dessert da re"! 

Prima della scoperta delle Americhe la coltivazione della canna da zucchero era limitata a poche zone e lo zucchero era considerato una spezia di estremo lusso. Con il calare del prezzo e l'aumentare della diffusione di questo fantastico ingrediente, in pratica nacque la pasticceria, inizialmente ad opera dei cuochi di corte soprattutto francesi (ed ecco perché i dolci sono "regali"!), poi passata nelle mani di professionisti borghesi, poi entrata anche nella case delle comuni massaie e sfociata nei dolci delle sagre popolari.

Questa raccolta di ricette di dolci lievitati racconta proprio questa storia: la copertina parla di ori e corone (oro è la fascia del titolo, che qui sul blog purtroppo sembra beige!), ma all'interno l'allure della nobiltà si trasforma in pratica concreta: si trovano trucchi e consigli pratici per far lievitare qualsiasi cosa e oltre 130 ricette. 

In parte sono brioche, babà e dolci eleganti, 



in parte ricette di dolci popolari come graffe e maritozzi, e poi bagne per insaporire i lievitati, creme per farcirli o accompagnarli, e anche conserve di ogni tipo (confetture, liquori, sciroppi, ecc.) che, grazie allo zucchero, contribuiscono oggi come secoli fa a riempire le dispense invernali con i dolci profumi dell'estate.



Autore del libro? la community dell'MTChallenge, guidata e coordinata da Alessandra Gennaro

Non un singolo autore, dunque, ma un gruppo di persone (per l'occasione abbigliate come pasticceri di antiche corti!) che partecipa al progetto dell'MTChallenge, blog che da anni ogni mese si confronta su una ricetta e la approfondisce da tutti i punti di vista, sfidandosi  poi nel riporoporla in chiave personale per farne piacevole occasione di confronto e crescita. Ed in mezzo ci stiamo pure io e una mia ricetta...


Le immagini? Tutte curatissime, dalle eleganti immagini di Paolo Picciotto

alle ironiche illustrazioni di Mai Esteve,


nel perfetto spirito MTC per cui la bellezza di cultura ed ironia vanno "naturalmente" sotto braccio.

Ancora più importante, questo è un libro sia buono che gustoso. Nel senso che acquistando una copia di Dolci Regali si contribuisce alla creazione di borse di studio per i ragazzi di Piazza dei Mestieri, un progetto rivolto ai giovani oggetto della dispersione scolastica e che si propone di insegnare loro i mestieri: dal ciabattino al sarto, dal parrucchiere al mastro birraio, dal grafico a, ovviamente, il cuoco!



La Piazza dei Mestieri vuole ricreare il clima delle piazze di una volta dove persone, arti e mestieri si incontravano e si trasferivano vicendevolmente conoscenze e abilità con un processo di osmosi culturale.


Piazza come punto di aggregazione tra i ragazzi, che fonde i contenuti educativi con uno sguardo positivo e fiducioso nei confronti della  realtà, che deriva dall'apprendimento del lavoro, dal modo di usare il proprio tempo libero, e dalla valorizzazione dei propri talenti, anche attraverso l’introduzione all'arte, alla musica e al gusto.


Da oggi Dolci Regali viene distribuito a tutte le librerie d'Italia, è disponibile online su Amazon, IBS e sul sito di SAGEP, la casa editrice. Per una causa che sia buona ed insieme gustosa.



  • rivoli affluenti: 
  •  AA VV, Dolci Regali, Sagep, Genova, 2014, ISBN978-88-6373-317-4
  • 144 pagine, a cura di Alessandra Gennaro, editor Fabrizio Fazzari, impaginazione di Barbara Ottonello, € 18,00.
  •  I precedenti libri della collana MTC: L'Ora del paTé e Insalata da Tiffany
  • per saperne di più c'è anche la pagina facebook 

8 commenti:

  1. Stavolta, ci mettiamo pure il contributo dello zio pasticcere. E l'intreccio è a 4, onde evitare la lite in famiglia, a maggior ragione visto che è Natale (a casa mia, tradizionale periodo di minacce,. dal divorzio alla strage di parenti). E la ricetta è a colpo sicuro, come son tutte quelle targate acquaviva. L'enesimo contributo essenziale, l'ennesimo grazie che dà solo la misura di quanto le parole non bastino ad esprimere la riconoscenza, l'ammirazione, l'amicizia e la stima che si rinnovano, ogni volta, per la bravura che hai, per la persona che sei. Grazie davvero.

    RispondiElimina
  2. Cara Annalena, vorrei aver un milesimo della tua bravura a spiegare le cose, e non solo... ma mi meto il cuore in pace perche non sucederà mai! Te lo dico sempre ma perche è vero, come spieghi tu non ce nessuno!
    Grazie di questo stupendo post!

    besos!

    RispondiElimina
  3. Sempre interessante passare da te Annalena!

    RispondiElimina
  4. @alessandra: senti chi parla!!!

    @mai: vogliamo parlare di tutto quello che fai tu, come non può farlo nessuno?!

    @flavia: e siamo solo all'inizio...

    RispondiElimina
  5. Non vedo l'ora di inserirlo nella mia collezione...praticamente sta diventando una collana!

    RispondiElimina
  6. Bellissimo regalo che avete elaborato x noi! presto sarà mio! e si trissa!

    RispondiElimina
  7. @virò: eccoti accontentata...

    @ilaria: ti divertirai!

    RispondiElimina
  8. Francamente sei grande di aver fatto un tale sito, sei una persona meravigliosa e la condivisione di idee vi ringrazio molto, amo le persone che vogliono condividere le loro conoscenze e non li tengono a se stessi.
    Un grande ringraziamento

    RispondiElimina