Passa ai contenuti principali

baci con azzardo, matcha e goji

Quando ho visto che Annarita de Il bosco di alici aveva proposto come tema dell'MTC di febbraio il Bacio, quello mitico di cioccolato… anziché cadere in deliquio come ogni essere umano che si rispetti mi sono elencata una serie di scuse per non partecipare: 

1) (motivo vero) con dolci e dolcetti non ho una corrispondenza di golosi sensi
2) (scusa base) in questo periodo sono incasinatissima e non ho testa per lavorare con cura vera alla tecnica del temperaggio, che non ho mai sentito la necessità di approfondire e di cui conosco la teoria ma in cui ho zero pratica
3) (scusa accessoria) da qualche settimana in casa si segue un regime alimentare controllato che vede di pessimo occhio cioccolati, latticini e zuccheri vari.

Ma poi ho pensato che accampare scuse con se stessi sarebbe stata una vera bassezza: la sfida dell'MTC, oltre ad insegnare ogni volta qualcosa di nuovo, funge da stimolo contro certe pigrizie mentali e serve soprattutto come lezione di umiltà. Chi sono io per sottrarmi a questo indispensabile bagno di saggezza? Tra tante lezioni amare che impartisce la vita perché non accettarne questa volta una dolcissima?! 

Non avendo abitudine ad avvicinare i dolci ho dovuto cercare una strada di approccio a me più affine. Ecco come sono nati i miei Baci, per il cui ripieno sono partita credendo di non avere idee mentre per strada ne ho accumulate parecchie. Magari non tutte ortodosse... penso ai commenti di mia sorella, ciocco-golosa in modo tradizionale, se avessi preparato una farcitura di datteri e arachidi o una con mochi di riso salato, per dire!

Alla fine ho scartato comunque l’idea di proporre dei Baci salati (altrimenti che sfida a me stessa sarebbe stata?!) e sono qui con un'ispirazione venuta dal modo giapponese di interpretare i dolcetti, che devono essere originali, equilibratissimi anche negli accostamenti più complessi, non troppo dolci (mood molto "mio") e sempre belli da vedere.

In questo caso ho pensato giapponesemente, come si fa anche per i piatti salati, cercando un’armonia di sapori base: amaro, dolce, aspro e sapido, escludendo per questa volta il piccante. Volevo che l’abbinamento dei sapori interni risultasse insospettabile e che il dolcetto, 
una volta addentato, avesse un aspetto curato ed armoniosamente insolito ma che dall'esterno sembrasse il più possibile un Bacio tradizionale, rivelando la propria originalità solo all'assaggio. 

L’artigianalità (e nel mio caso l’inesperienza!) del procedimento ha creato una certa imprecisione "naturale" delle forme, parte integrante del concetto nipponico di bellezza quindi a mia sensazione più che mai in tema con l’ispirazione di partenza.

Il temperaggio del cioccolato, con attrezzatura di fortuna, ha richiesto qualche prova; alla fine ho compreso il bilanciamento corretto delle temperature e la copertura è riuscita abbastanza lucida, ma avendo nel frattempo esaurito la scorta di cioccolato i Baci belli erano pochini.

Ovviamente un certo Essere si è rapiti e pappati proprio quelli dell’ultima produzione che erano rimasti in vista durante l'asciugatura  ("...tanto ne hai preparati molti, no?"), così qui ho fotografato i primi, quelli più opachi.

Pazienza: l’importante è aver compreso il sistema ed aver trovato un utilizzo non per forza salato per le uniche due attrezzature “giuste” in mio possesso, il microonde ed il termometro, entrambi rivelatisi per l'occasione davvero risolutivi. Chissà se mai replicherò...

Tornando alle varie sfumature di gusto da armonizzare nel ripieno: ho pensato come base ad una ganache di cioccolato bianco in cui si fondessero l'amaro delicato della polvere di tè matcha, l'aspro aromatico del limone e la dolcezza vellutata del latte di cocco. 


Per il “tuppo” del cioccolatino, invece, al posto della classica nocciola sta la dolcezza avvolgente della pasta di mandorle fusa al sapore leggermente sapido delle bacche di goji ed al profumo del rum. 

La copertura amara e croccante del cioccolato fondente serve da contrasto finale con l'insieme dei due ripieni. Un Bacio dal cremoso, sorprendente cuore verde e rosso. Il senno si è forse ritirato... Un azzardo? Un successo? 

A questo punto sono in overdose di cioccolato e non capisco più nulla! So di certo che imparando mi sono molto divertita, che i miei Baci sono stati apprezzati da chi li ha assaggiati e, soprattutto, che ora non mi si dovrà parlare di pasticceria per un po'...


Baci azzardati con matcha, goji e molto altro

ingredienti per circa 18 pezzi:
per la farcitura principale
200 g cioccolato bianco
70 g crema di cocco (latte di cocco denso)
1 cucchiaino di succo di limone
1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata finissima
½ cucchiaino di tè matcha in polvere

per il tuppo
40 g di latte di mandorle grezzo in panetto (o pasta di mandorle)
4 g di bacche di goji
15 ml di rum ambrato
10 g di cioccolato fondente al 50%

per la copertura
400 g di cioccolato fondente al 50%

Scaldare il rum in una ciotolina al microonde  a 900 w per 45 secondi, metterci a bagno le bacche di goji e lasciar riposare 15 minuti.

Intanto in una ciotola ampia scaldare la crema di cocco al microonde per 1 minuto a 900 w, prelevarne un paio di cucchiai e stemperarvi a parte il tè matcha con un frustino in modo che non si formino grumi.

Al resto del cocco unire il cioccolato bianco a pezzetti e mescolare delicatamente fino a che si è sciolto in modo uniforme. Unire il matcha diluito, il succo e la scorza di limone, mescolare bene e tenete in fresco una mezz’ora, quindi formare 18 palline da circa 2,5 cm, disporle su un vassoio rivestito di carta forno e riporre in frigo.

Sciogliere al microonde 10 g di cioccolato fondente a 900 w per 40 secondi e intanto Mettere nel frullatore la pasta di mandorle e le bacche di goji leggermente strizzate, unire il cioccolato fuso e qualche goccia del rum di ammollo e frullare fino ad ottenere una pasta omogenea. Coprire e tenere in fresco per mezz’ora, quindi formare 18 palline da 1 cm, inserirle sopra le palline al matcha e riporre nuovamente in frigo.


Dopo un’oretta (nel mio caso dopo una notte, per cause indipendenti dalla mia volontà) per la copertura sciogliere il cioccolato fondente nel microonde per circa 2 minuti a 900 w, interrompendo la cottura e mescolando a fondo ogni 30 secondi. Il cioccolato fuso deve a questo punto avere una temperatura intorno ai 45 °C.

Versarne 2/3 su un piano freddo (nel mio caso il retro di una leccarda del forno) e con una spatola stenderlo e raccoglierlo più volte, in modo da ridurne la temperatura a circa 28 °C.

Versare il cioccolato spatolato nel cioccolato più caldo e mescolare, fino a che la miscela è omogenea e la temperatura globale è di circa 31 °C.

Levare i cioccolatini dal frigo ed intingerli uno per volta nel cioccolato temperato con l’aiuto di una forchettina dai rebbi sottili, mettendoli a sgocciolare poi su una gratella.


Con questi Baci dal sapore armoniosamente complesso e dall'aspetto troppo opaco partecipo all'MTC di febbraio 2015.


Sul senso del biglietto che accompagna il Bacio ho già detto qualcosa qui. La ricetta del cioccolatino è a disposizione di tutti, il nome della persona a cui è dedicato, in questo caso, resta dolcemente personale.


PS: con la farcia di mandorle e goji avanzata, divisa in palline e rotolata nel cacao amaro, sono usciti dei tartufini niente male...



  • rivoli affluenti:
  • indispensabili per me in questa sfida, oltre alle utilissime spiegazioni di Annarita, i chiarimenti tecnici sul cioccolato ed il suo temperaggio, pubblicati su MTC dalla Redazione, che ringrazio con devozione
  • la frase del biglietto è tratta da: Italo Svevo, La coscienza di Zeno, 1923
  • un abbraccio a quell'esperta di mia sorella che, lo so già, alla vista dei risultati di questo post sicuramente inorridirà...

Commenti

  1. Beh non sei la sola ti confesso che io appena visto la sfida di questo mese ho subito pensato siiiii questo mese salto non c'è la posso fare invece poi ho provato e sono venuti dei baci dall'aspetto decente ma senza la copertura lucida anzi il mio problema è stato il dopo temperaggio perché mi sono dilungata troppo e il cioccolato si è freddato e io ero ko.....comunque va bene così! Complimenti per i tuoi baci in stile jap con il tè matcha deliziosi
    A presto Ilaria

    RispondiElimina
  2. Ogni volta che vedo una tua ricetta ho come la sensazione di trovarmi davanti a qualcuno che provenga da un altro pianeta...non nel senso di pazza scatenata ma di inarrivabile. Ho sempre ammirato la tua profonda cultura della cucina giapponese e non solo e anche questa volta sento le stesse emozioni. E meno male che accampavi scuse, del tuo bacio mi piace tutto anche l'utilizzo del latte di cocco denso al posto della panna. In effetti la parte grassa sembra quella della panna, pensa che a me piace molto montata: è più leggera e ha un sentore di cocco che mi fa impazzire. Sai che non ho mai assaggiato il thè matcha? devo rimediare e devo spulciare il tuo blog per imparare qualcosa. Bravissima.

    RispondiElimina
  3. anch'io avevo pensato al thé matcha ma mai sarei arrivata a questo risultato. Incantevoli questi baci! anche nella versione tartufo mi ispirano....

    RispondiElimina
  4. e meno male che non avevi vlglia nè passione nè tempo
    complimenti davvero irresistibili

    RispondiElimina
  5. @ilaria: anche io ho dovuto rifare il temperaggio e solo la seconda volta ho pensato di tenere poi la ciotola in caldo durante la copertura dei bocconcini. Quanto è bello imparare sbagliando, almeno per questo genere di cose...

    @annarita: non sapendo da che parte partire per confezionare un bonbon ho usato uno schema di pensiero che mi fosse familiare, così mi sono sentita a mio agio anche cioccolatando. Che poi tecnicamente il risultato non sia perfetto sono la prima a dirlo, ma dell'armonia dei sapori e dei contrasti di consistenza sono soddisfatta. E devo ringraziare te che con la tua sfida mi hai spronato a superare pigrizia e timore.

    @cristina: il matcha è stato il mio primo pensiero, che poi ho scartato e poi ho ripescato quando ho capito che non volevo cercare un sapore ma un'armonia. La strada però è ancora moooooolto lunga...

    @veronica: grazie ma credo ci siano in sfida dei veri capolavori al cui confronto questi baci sono davvero tentativi artigianali...

    RispondiElimina
  6. Intriganti ed originalissimi, i tuoi baci. La resa estetica e la combinazione equilibrata e sorprendente dei sapori non farebbe sospettare neppure per un momento la tua poca confidenza con dolci e dolcetti.

    RispondiElimina
  7. In questo caso non ho nemmeno la scusa dello zucchero perche qui è presente poco quello nei prodotti e non tutti. Il cioccolato extra fondente va bene anche a chi combatte con il colesterolo ma deve essere oltre il 70% a me sta bene mi piace amaro. Non ho scuse e quindi non so quando ma io la ricetta la conservo. Come sempre quello che scrivi mi affascina ed alle volte anche mi diverte perchè ti immagino nelle situazioni di cui scrivi. Grazie i tuoi post sono sempre interessanti. Un abbraccio e buona serata e buona settimana.

    RispondiElimina
  8. e meno male che non eri molto attratta dalla "sfera cioccolatosa" ....
    Originalissimi e affascinanti come sempre ogni cosa che fai!

    RispondiElimina
  9. Chi sei tu per sottrarti alla sfida?
    niente. solo un genio.
    ed è per questo che ti ho blindato con un vincolo di indissolubilità :-)
    immensa annalena....

    RispondiElimina
  10. @giulia: grazie per gli "intriganti", in effetti mi sono divertita molto più di quanto immaginassi... Che il mio lato dolce sia cercando di emergere?!

    @edvige grazie, un abbraccio a te

    @ilaria: devo ammettere che il cioccolato ha un potere seduttivo a volte davvero incontrollabile

    @alessandra: ringrazia solo che non ho ceduto alla tentazione di un cioccolatino singaporegno!


    RispondiElimina
  11. Le mie congratulazioni per il tuo sito! Mi ha aiutato molto e apprezzato, in particolare tutte le vostre azioni sono interessanti. Lunga vita al tuo sito. Soprattutto, non mollare mai; il tuo blog è davvero grande!
    Buona fortuna

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!