Passa ai contenuti principali

summer detox reprise: la versione giapponese

Distratta nell'ultima settimana dalla valanga Matsuri, riprendo ora le fila del blog e della mia vita reale, anche se non riesco a separarmi completamente dall'atmosfera giapponese in cui ho vissuto nei giorni scorsi.

Per questo, tornando a bomba sulla Raccolta Summer Detox in collaborazione con OrtoRomi, il cui scopo è raccogliere spunti per delle bibite rinfrescanti, nutrienti sane e disintossicanti, che abbiano come ingrediente principale le verdure... non vedo perché non approfondire il tema in chiave nipponica!

Giappone? Quindi certamente riso, certamente verdura, certamente un pizzico di zucchero anche nelle preparazioni salate, certamente scarsa abitudine alla frutta con pochissime eccezioni. Tralascerei qui pesce e alghe, due ulteriori pilastri della dieta nipponica che concettualmente fatico un po' (almeno per ora) ad includere in una bevanda. E da qui si parte con la costruzione di questo insolito smoothie ispirato al Paese del Sol Levante...

Riso, prima di tutto, quasi un simbolo del Paese: in una bibita il riso diventa acqua di riso, homemade, ricchissima di vitamine e sali minerali. In pratica si tratta del "latte di riso" che si trova anche in commercio già pronto in commercio, in quel caso addizionato di calcio per conferirgli proprietà nutritive più simili al nostro latte vaccino.

Le verdure partono invece da un mix di insalatine fresche... giapponesi! Che, niente paura, si trovano facilmente sotto casa: il mix di Insal'Arte detto Orientali contiene infatti mitsuna e tatsoi, oltre che lattughino verde e rosso e bietoline. 

Il termine mitsuna (nome scientifico brassica rapa japonica) in giapponese riunisce e parole "acqua" e "senape", per descrivere il suo caratteristico gusto blandamente piccante, che "frizza" sulla lingua un po' come la nostra rucola, a cui le foglie della misuba, allungate e frastagliate, somigliano vagamente. 

Anche il tatsoi o tasai (nome scientifico brassica narinosa) ha un gusto leggermente peperino, che si avvicina un po' allo spinacino fresco, anche se le foglioline giovani, le migliori da mangiare bere crude, nell'aspetto ricordano più la valeriana.

In Giappone sono entrambe varietà apprezzate perché crescono facilmente anche nelle stagioni fredde e sono quindi disponibili tutto l'anno, sia da consumare in insalata sia per essere cotte in zuppe, saltate in padella, stufate con la soia così via.

Per quanto riguarda la frutta, in Giappone è considerata un cibo lussuoso perché, data la conformazione montagnosa, fino alla fine dell'800 se ne coltivavano pochissime specie, destinate prevalentemente all'imperatore e alla sua corte. 

Non esistono quindi bevande o dolci a base di frutta nella tradizione; quelli attuali sono prodotti giovanissimi, evoluzioni di idee occidentali che hanno cominciato a diffondersi presso la popolazione comune solo nel secondo dopoguerra. Ancora oggi in Giappone la frutta è un prodotto molto costoso, che ci si concede di tanto in tanto come un piccolo lusso o che si porta in omaggio per ringraziare un ospite di riguardo. Tranne l'umeboshi...

Si tratta di un tipicissimo frutto nipponico, denominato comunemente "prugna giapponese" anche se appartiene alla famiglia delle albicocche, forse perché in Italia le umeboshi si trovano prevalentemente essiccate, ricordando nell'aspetto e nel colore proprio le nostre prugne secche.

Raramente l'umeboshi è usata fresca e di solito è conservata sotto sale, perché, anche se è un frutto, viene comunemente usato
a come insaporitore per pietanze non dolci. Le umeboshi sono considerate dai Giapponesi un alimento ricco di virtù e dalle miracolose proprietà curative per ogni tipo di infermità... un po' come per le nostre mamme il brodino di pollo! 

I frutti che ho scelto di introdurre in questa bibita detox sono quindi delle piccole albicocche non troppo mature, per ricordare il gusto leggermente acidulo delle umeboshi, di cui qui aggiungo un paio di esemplari più per coerenza con il tema che per effettiva necessità (*).

Per un buon equilibrio nei sapori base, dunque, a riso e insalate italiane neutri che fanno da base, si unisce l'aroma gradevolmente pungente delle insalate giapponesi, la dolce asprezza dei due tipi di albicocche e, come componente dolce, invece di ulteriore zucchero, una manciata di poco giapponesi ma dolcissime ciliegie di Vignola molto mature. Ma andiamo con ordine...


Smoothie di riso con albicocche e insalate giapponesi

Ingredienti per 2 bicchieri da c.a 200 ml:
100 g di riso Originario (o altro riso a chicco tondo)
60 g di insalatine miste, giapponesi e italiane, come detto sopra 
4 piccole albicocche non tropo mature, circa 120 g in tutto
10 ciliegie di Vignola, c.a 80 g in tutto
2 umeboshi secche (*)
1 cucchiaino di zucchero

per la decorazione:
ciliegie, albicocche, zucchero di canna

Portare ad ebollizione 600 ml di acqua, versarci il riso e lo zucchero e cuocere coperto a fiamma bassa per circa 12-15 minuti, fino a che i chicchi di riso sono molto teneri. 

Prelevare un paio di cucchiai dell'acqua di cottura bollente e mettervi a bagno le umeboshi secche. Estrarre il riso dal resto dell'acqua con un mestolo forato e farlo asciugare senza sciacquarlo. Lasciar raffreddare la sua acqua, filtrarla e misurarne circa 200 g. 

Snocciolare le albicocche e le ciliegie, ridurle a pezzetti e metterle nel frullatore con le insalate pulite. Unire le umeboshi a pezzettini, la loro acqua di ammollo e l'acqua di riso e frullare fino ad avere un frullato abbastanza liquido, bello liscio ed uniforme.

Per regolarne la densità si possono unire a questo punto 2 o 3 cucchiai di riso cotto, frullando fino ad ottenere una bibita della cremosità desiderata (io ne ho usati circa 40 g)

Tenere il frigo fino al momento di servire e decorare con albicocche e ciliegie. Poco prima di servire, volendo, formare con le mani umide delle palline di riso cotto, rotolarle  nello zucchero di canna ed offrirle come snack accanto alla bibita.



Questa, ovviamente, è solo una mia idea: le bibite di verdura possono avere infinite sfaccettature! Chi avesse voglia di contribuire alla raccolta di idee per bevande detox, e magari di veder pubblicata la propria ricetta sul ricettario in preparazione, e di rischiare pure di essere invitato tra le campagne venete presso la sede OrtoRomi... può segnalare il link della propria ricetta entro le 24.00 dell'8 luglio nei commenti a questo post di apertura raccolta, seguendo le indicazioni lì contenute, oppure a quello analogo di Daniela & Diocleziano.



  • rivoli affluenti:
  • (* a livello di sapore, se non si hanno umeboshi a disposizione si possono eventualmente sostituire con una albicocca fresca in più e uno spruzzo di succo di limone)
  • se si volesse una bibita un po' meno giapponese e di un verde molto brillante, ho fatto un altro esperimento: si possono sostituire albicocche e ciliegie con due kiwi, uno acerbo e uno maturo, ed aggiungere eventualmente un pizzico di zucchero di canna nel frullatore.

Commenti

  1. Bella! Com'è il sapore? Non riesco ad immaginarlo?

    RispondiElimina
  2. Congratulazioni per il tuo sito! Davvero, è grande e come ho visto nelle prime posizioni è vero che la condivisione e interfaccia del sito sono davvero una manna per lo stile di lavoro. Davvero un grande grazie!

    gay telephone ; voyance gratuite en ligne

    RispondiElimina
  3. Davvero interessante questo smoothie, ricetta segnata e la provo prestissimo. Un saluto, Daniela.

    RispondiElimina
  4. @virò: a me piace, ma tu puoi anche inventartene uno tutto tuo...

    @daniela: Grazie, un saluto anche a te

    RispondiElimina
  5. Penso che questa sia una delle informazioni più importanti per me. E io sono contento di leggere il tuo articolo. Ma dovrebbe notare su alcune cose generali, Lo stile del sito è grande, gli articoli è davvero eccellente: D. Buon lavoro, applausi

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!