domenica 19 luglio 2015

aperi-frutta: maki di riso al limone con kiwi, pollo e avocado

All'interno del menù per una serata tra amici attorno ad un fresco aperitivo declinato in tema "frutta", uno stuzzichino di molta scena e decisamente "trendy" è il classico sushi, qui ripensato con limone a profumare il riso insieme al "solito" aceto, mentre sottili strisce di petto di pollo danno sapidità al ripieno e bastoncini di avocado morbidezza.


Ma questi rotolini vedono soprattutto protagonista la freschezza un po' aspra dei kiwi. Il sapore complessivo del bocconcino è rotondo ed appagante, piacevolmente fresco e senza necessità di salse aggiuntive...


Maki di riso al limone con kiwi, pollo e avocado

ingredienti per 36 bocconcini:
280 g di riso Originario
2 kiwi
1/2 avocado
1/2 limone
200 g di petto di pollo
3 fogli quadrati di alga nori
4 cucchiai di aceto leggero, di mele o di riso
1 cucchiaino scarso di zucchero
sale
pepe bianco al mulinello

Sciogliere in un tegamino lo zucchero nell'aceto insieme ad un pizzichino appena di sale, e lasciar raffreddare. Quando è ben freddo unire 2 cucchiai di succo di limone filtrato e tenere coperto in frigo.

Sciacquare il riso 3 o 4 volte in acqua fresca, sprimacciandolo con le dita, fino a che l'acqua risulta limpida. Versarlo in un tegame, coprirlo con 320 ml di acqua, unire un pezzettino da 2 cm di scorza di limone, coprire con un coperchio pesante e portare a ebollizione.

Senza aprire in coperchio abbassare leggermente la fiamma, cuocere 10 minuti, quindi spegnere e, sempre senza aprire, lasciar riposare il riso altri 10 minuti. Il riso avrà assorbito tutta l'acqua e sarà morbido e brillante. 

Trasferire il riso caldo in una ciotola fredda, versarci sopra il condimento freddissimo (tranne 1 cucchiaio) e lavorare con delicatezza con una spatola, miscelando dal basso verso l'alto, in modo che il riso non si schiacci ma si condisca in modo uniforme, risultando alla fine bello gonfio e lucido. 

Unire 1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata finissima, mescolare ancora e postare sulla ciotola un telo umido, in modo che il riso ormai freddo non si asciughi.

Tagliare il petto di pollo in 2 fette spesse circa 5 mm e scottarle su una piastra calda 2 minuti per lato. Salare, pepare in abbondanza, trasferire in un piatto, coprire con un altro piatto rovesciato e lasciar riposare una decina di minuti, in modo che le fibre del pollo si "rilassino" e recuperino morbidezza. Tagliare quindi il pollo a striscioline spesse 4 mm seguendo il verso della venatura.

Fino a questo punto sono tutte operazioni che possono essere eseguite anche con qualche ora in anticipo. Se si preparano riso e pollo la sera prima meglio conservarli poi in frigo, se si tratta invece di attendere un paio d'ore il riso è meglio resti sotto il canovaccio, per non subire sbalzi termici che tendono a indurirlo.

Poco prima di servire sbucciare i kiwi e tagliarli a striscioline spesse circa come il pollo; sbucciare l'avocado, tagliarlo a striscioline spruzzarlo con il condimento tenuto da parte, in modo che non annerisca.

Tagliare ogni foglio di alga quadrato in 2 e disporre un rettangolo di alga su una stuoietta di bambù o su un canovaccio pulito con la parte lucida verso il basso. 

Coprire con un sesto del riso, distribuendolo in uno strato uniforme che arrivi con lo stesso spessore anche sui bordi, lasciando scoperto solo qualche millimetro di uno dei bordi lunghi.

Allineare al centro qualche bastoncino di kiwi per formare una striscia unica, e fare lo stesso con l'avocado e con il pollo. Arrotolare l'alga attorno al ripieno, stringendo bene con l'aiuto della stuoietta, in modo che il rotolino si sigilli. 

Preparare allo stesso modo altri 5 rotoli e, con un coltello affilato e bagnato, tagliare ogni rotolo in 6 bocconcini uguali, disponendoli poi sul piatto in verticale.



  • rivoli affluenti:
  • il menù completo dell'aperi-frutta qui, con un grazie a Dolefornitrice di kiwi e limone

1 commento:

  1. Grazie per questo articolo che aggiunge + in quello che già sappiamo. Ti seguo per un paio di mesi, e vi ringrazio per i vostri consigli che aiutano i giovani blogger oggi per promuovere al meglio il loro business.

    RispondiElimina