Passa ai contenuti principali

cucina giapponese casalinga estiva: ricette di felicità

Per celebrare questa strana estate che sembra non avere limiti: ospiti a casa, curiosi di cucina giapponese. Per me una doppia felicità! E pranzo jap sia, allora, ovviamente di impostazione casalinga ed estiva.... 

Ci sarà senz'altro modo di rivedere (e pubblicare, e magari pure ri-fotografare) le singole ricette con più cura se servirà, ma qui nel post arriva tutto insieme. Perché il momento è gioioso e spensierato e foto e ricette sono lievi, buttate lì un po' a caso, come quando si è sopra pensiero e ci si muove leggeri, con moto spontaneo, un po' così, impegnati solamente a gustare la reciproca compagnia... e le cose vengono (abbastanza) bene comunque.

Se avessi diviso tutte queste ricette in molteplici post avrei vissuto di rendita per un mesetto (!) ma il gusto di veder apparire davanti agli occhi tanti piattini tutti insieme è unico. E se non lo posso trasmettere con una foto della tavola imbandita recupero il gusto dell'insieme raccogliendo brevemente tutto il menù in un unico luogo.



Ecco quindi, in ordine sparso, delle ricette estive giapponesi leggermente semplificate, presentate qui in 4 porzioni "massicce" e in presentazioni alquanto spettinate rispetto ai curati canoni estetici originali:

Natsu yasai chawanmushi - Crema di uova con verdure estive



Il più volte citato e (da me) amatissimo chawanmushi, questa volta con pomodori e funghi in versione agostana, servito a temperatura ambiente.


3 uova
480 ml. di brodo dashi
2 cucchiai di di salsa di soia
1 cucchiaio di mirin
1 cucchiaino di sake
2 cucchiai di piselli
1 cucchiaio di cipollino a rondelle
1 piccolo pomodoro
2 funghi shijtake secchi
sale
zucchero

Mettere a bagno i funghi in mezza tazza di acqua bollente per 20 minuti, fino a che sono belli gonfi e morbidi. Tagliarli a fettine eliminando il gambo e saltarli in tegame con un paio di cucchiai del loro liquido filtrato, ½ cucchiaio di soia e un pizzichino appena di zucchero, fino a che i funghi sono davvero morbidissimi.

Scottare i pisellini un minuto, scolare e lasciar raffreddare. Svuotare il pomodoro e metterlo capovolto con un pizzico di sale a perdere acqua per una decina di minuti, poi asciugarlo e tagliarlo a dadini.

Sciogliere nel brodo dashi caldo o tiepido il resto della soia, il mirin e un pizzichino di sale.

Sbattere le uova senza incorporare troppa aria, in modo da ottenere una crema omogenea ma senza bollicine e diluirle poi con il brodo aromatizzato.

Distribuire in 4 tazze resistenti al calore i piselli, i funghi scolati, il cipollino e i pomodori. Versare in ogni tazza 1/4 della miscela di uova, rimanendo circa un paio di centimetri sotto il bordo, quindi sigillare le tazze con pellicola da cucina, in modo che non entrino eventuali gocce di acqua.

Disporre le tazze in una pentola larga e versarvi attorno acqua bollente fino a circa 1/3 dell'altezza delle tazze.

Mettere sul fuoco, coprire e, da quando riprende il bollore, cuocere per circa 15 minuti; i chawanmushi saranno pronti quando le uova sono compatte e morbide tipo un budino ed affiora eventualmente un leggero strato di brodo sui bordi.

Levare la pellicola e far riposare. Servire tiepido o a temperatura ambiente.

---
Ingen no goma-ae - Fagiolini al sesamo



Di fatto una "non-ricetta"...

Scottare 200 g di fagiolini in acqua bollente non salata e scolarli quando sono ancora un po’ croccanti, tuffandoli in acqua fredda. Tagliarli a pezzi di 4 cm circa.

Mescolare, per formare una salsa cremosa: 1 cucchiaio  e ½ di pasta di sesamo (o tahina, o burro di arachidi), 2 cucchiai di sake, 1 cucchiaio di salsa di soia, 1 cucchiaino di zucchero (2, se si usa tahina).

Condire i fagiolini con la salsa, lasciar riposare una mezz'oretta e servirli in ciotoline individuali.
---
Sukemono yamaimo sarata - Insalata di patate ai sottaceti




la stra-consciuta insalata di patate giapponese, di cui ho parlato in tutti questi post (a cui rimando per una ricetta più curata):

500 g di patate, sbucciate e cotte (qui a vapore al microonde per 6 minuti a 900 w), di cui 1/3 ridotto a dadini ed il resto schiacciato e condito con: 1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato, 4 cucchiai di maionese, 1 cucchiaio di sakè, 1 cucchiaio di mirin, 1 cucchiaio di aceto della giardiniera.

Alla crema di patate unire le patate a dadini, 60 g di arista al forno tagliata a listelli, 60 g di giardiniera (sottaceti misti) scolata e ridotta a dadini piccolissimi, 60 g di pisellini scottati (qui scongelati al microonde con 1 cucchiaio di acqua coperti per 2 minuti). 

Servire spolverizzato di semi di sesamo nero.
---

Nasu to zukkini hiyashi somen - Spaghettini freddi con melanzane e zucchine



Le dosi qui sono veramente da cavallo... in Giappone sarebbero bastate per 10-12 persone! Andrebbero serviti non conditi, da intingere nella salsa con le bacchette, ma qui si era tra Italiani... Comunque sarebbe consigliabile almeno la presentazione in ciotole: permette poi se non altro di sorbire il brodino con eleganza... come non abbiamo fatto noi!


400 g di somen (spaghettini di frumento sottilissimi)
2 melanzane sottili
2 zucchine
1 cipollotto fresco
½  cucchiaio di semi di sesamo
olio di arachidi
sale

per la salsa (menshyu):
600 ml di brodo dashi
6 cucchiai di salsa di soia
6 cucchiai di mirin
2 di sakè
1 cucchiaino di zucchero

Scottare i somen per 1 minuto in acqua bollente non salata, scolare, sciacquare sotto l’acqua fredda e poi lasciar riposare i somen in una ciotola mescolati a cubetti di ghiaccio.

Per la salsa portare a bollore tutti gli ingredienti, cuocere un minuto, spegnere e lasciar raffreddare (la salsa che avanza si conserva in frigo per settimane).

Nel frattempo tagliare a dadini melanzane e zucchine e friggerle in olio caldo fino a che sono croccanti; scolarle su carta da cucina e salarle appena.

Tagliare a rondelle finissime il cipollotto e tostare il sesamo.

Dividere i somen in piatti individuali, (volendo con qualche cubetto di ghiaccio), decorare con le verdure fritte, i cipollotti e il sesamo, portare in tavola e versarci sopra il brodino freddo all'ultimo minuto. 
---
Kohitsuji - Agnello glassato allo zenzero



Ricetta assolutamente inventata, che si ispira ad un piatto assaggiato in una izakaya (osteria) di Narita anni fa e che ho voluto provare a riprodurre in chiave decisamente yoshoku, ben sapendo che non si trattava comunque di un piatto di grande e antica tradizione...

8 costine di agnello, circa 400 g in tutto, da separare tra di loro e marinare per 4 ore (ma anche 24) con:

3 cucchiai di salsa di soia
1 cucchiaio di aceto di riso
1/2 cucchiaio di zucchero di canna
10 g di zenzero fresco, grattugiato finissimo
1 spicchio di aglio, grattugiato finissimo
1/2 peperoncino rosso, sbriciolato
2 foglie di limone, ridotte a pezzetti
1 rametto di timo.



Levare dal frigo un'oretta prima. Scottare due o tre minuti per lato in padella all'ultimo momento con quel che resta della loro marinata (oppure dorare sulla griglia, ancora meglio), far riposare una decina di minuti coperte con alluminio e servire tiepide.
---
Mugicha - Bevanda estiva di orzo tostato
Tipica bevanda estiva giapponese... di cui purtroppo non ho fatto proprio le foto! Si intravede solo appena nel bicchiere dietro i fagiolini...

Pesare 25 g di grani di mugicha e metterli a bollire con 750 ml di acqua per una decina di minuti. Filtrare e raffreddare. Tenere la bevanda in frigo e servire molto fredda, meglio se con cubetti di ghiaccio.

Se non si hanno i grani pronti di mugicha, tostare a secco dell’orzo perlato in un tegame antiaderente fino a che è leggermente brunito e molto profumato e lasciar raffreddare prima di preparare il tè.
  • rivoli affluenti:
  • la colonna sonora del pranzo? Sorprendentemente: Gustav Mahler.

Commenti

  1. Ospiti felicissimi immagino...come, d'altronde, chiunque si sieda al tuo tavolo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, lo immagino anche io. Se vi va possiamo seguirci reciprocamente su Blogspot e anche su reti sociali come Twitter, Pinterest, Google+, Facebook, Bloglovin e NetworkedBlogs.

      Elimina
  2. @virò: il contraltare è stata poi una cena milanese... I menù successivi arriveranno col tempo...

    RispondiElimina
  3. Molto molto invitante tutto, sono andata a prendere nota della crema di uova....anhce la ricetta precedente chawanmushi ottimo ma a questo proposito chiedo posso diminuire il numero dei tuorli....mi spiego non sono allergica ma se evito è meglio e pensavo magari 1 uovo intero + 2 o 3 solo albume oppure diventa schifezza :-(( Per il resto non prendo nota dovrei fare solo per me e per me NON perdo tempo :-)) ciaooo amica buona giornata

    RispondiElimina
  4. @edvige: non ho mai preparato questo genere di "budino" con diverse proporzioni risperro alle uova intere. Proviamo e poi confrontiamoci... In ogni caso se 3 uova basano per 4 persone e prepari con un uovo e un albume per due persone potrebbe anche funzionare!

    RispondiElimina
  5. cenetta super ricca direi...ma i fagiolini sono semplici da provare! anche x una a digiuno di cucina nipponica come me :))

    RispondiElimina
  6. La cucina giapponese mi affascina e mi intriga da sempre. Girovago tra i tuoi post con gli occhi luccicanti e l'acquolina in bocca. Vorrei provare tutto. Ho un paio di libri di questa tradizione, uno sul sushi (ma va?!) e l'altro un po' più completo (quello della Canova Tura).
    Hai qualche altro volume da suggerirmi? Mi sono già segnata qualche tua ricetta.
    Fin'ora ho provato poco visto la difficoltà di reperire certi ingredienti. Figurati che sono già in crisi per il mirin. La difficoltà dei piccoli paesini di provincia. Ma non demordo.
    ciao e a presto.

    RispondiElimina
  7. @ilaria: guarda che in realtà è tutta scena... ogni ricetta è semplicissima e in fondo si tratta di un piatto di spaghetti alle verdure e di due costolette!

    @manu ela: il testo della Canova Tura è un ottimo inizio proprio perchè tratta a fondo della cucina casalinga. Se leggi a fondo quello e fai un po' di prove ti rendi conto che tanti bel libri con foto favolose alla fine insegnano ben poco. Un altro testo ottimo come base, se leggi l'inglese, è The essential japanese kitchen, di Emi Kazuko (Lorenz books, ISBN 978-0-7548-2560-9), che illustra tutti gli ingedienti e lgi strumenti principali della cucina jap e ne spiega l'utilizzo. Se non trovi il mirin usa il sakè con l'aggiunta di un pizzico di zucchero.

    RispondiElimina
  8. Non so esattamente perché, ma questo blog sta caricando molto lento per me. Chiunque altro avendo questo problema o è un problema sul mio fine? Vado a controllare di nuovo più tardi e vedere se il problema persiste.

    RispondiElimina
  9. Penso che questa sia una delle informazioni più importante per me. E io sono contento di leggere il tuo articolo. Ma dovrebbe notare su alcune cose generali, lo stile sito è grande, gli articoli è davvero eccellente: D. Buon lavoro, evviva

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!