Passa ai contenuti principali

un aperitivo italiano con occhi stranieri

Credo tutti conoscano in rete il fenomeno Ufuud, che da qualche tempo commercializza prodotti gastronomici italiani on line, proponendosi soprattutto di promuoverli fuori dai confini italiani, dove si raccontano in questo modo

Sono stata invitata a creare per loro ricette adatte ad un consumatore straniero, o a chiunque si lasci stuzzicare dall'idea di utilizzare prodotti italiani in modo meno classico del solito, con una visione della cucina aperta all'internazionale. E, mai come questo momento, nulla mi sembra più importante della curiosità aperta verso lo straniero, in cucina e nella vita.

Parlando di cibo, ovvio che ognuno, una volta che si trova tra le mani certe (magari sconosciute) squisitezze, impara anche a gustarsele in purezza o a utilizzarle proprio per piatti tradizionali italiani. In quel senso non ci sarebbe stato bisogno di me: nel primo caso è il prodotto stesso a parlare per sé, mentre nel secondo... di nostre ricette classiche è pieno il web, non sono certo io a dover raccontare niente a nessuno.

Con una visione invece più "internazionale" della faccenda, si pensa con la testa di chi non vive in Italia e apre un paniere di ingredienti mai provati: li assaggia e decide senza preconcetti di utilizzarli per variare una specialità di casa sua. Scaturiscono allora idee in effetti un po' alternative.

Ad esempio: una volta incontrati una crema spalmabile al parmigiano, un pesto di pomodori secchi, delle fettine di prosciutto crudo, un sugo al nero di seppia e una Weisennon  nascono un antipasto di tartine e rotolini e poi una bella spaghettata, il tutto accompagnato da birra fresca...

I prodotti Ufuud si sono invece trasformati in un aperitivo: tanti insoliti snack a ruotare attorno ad un cocktail. Una sorta di "benvenuto" con cui eccellenti prodotti italiani aprono i rapporti con chi all'estero magari non li conosce, mostrandosi al meglio fin da subito sia per le loro caratteristiche intrinseche che per la loro duttilità.

E mi sono immaginata che per ogni prodotto ci fosse un goloso di una diversa parte del globo che volesse sperimentarlo in un piatto della propria tradizione, in modo da collaborare con la propria specialità ad una festa tra amici che si vogliono conoscere meglio. Un party che potremmo chiamare...


Cinque Continenti in un Aperitivo

E spero che questo piccolo menù per una serata speciale possa corrispondere in pieno al motto di Ufuud, facendo sentire ogni cittadino del mondo "like an Italian"!

Ed ecco le ricette:
Con la birra Weisen...



Cocktail di birra alle spezie e zenzero 
ispirato dallo Shandy austaliano

Ingredienti per 4-6 persone:
1 bottiglia da 75 cl di birra agricola di frumento Ticinensis Cascina Morosina Weisen
80 ml di whiskey
70 g zucchero
30 g di zenzero fresco
1 limone
5 grani di pepe
2 chiodi di garofano

Pelare e ridurre lo zenzero a fettine sottili; pestare leggermente sotto la lama di un coltello pesante i grandi di pepe e i chiodi di garofano.

In un tegamino versare 200 ml di acqua ed unire lo zucchero, lo zenzero, il pepe, i chiodi di garofano e un pezzetto di scorza di limone (solo la parte gialla) da 4 cm.

Portare a leggero bollore, mescolando per sciogliere bene lo zucchero, poi abbassare la fiamma e cuocere piano per circa 15 minuti, fino a che il liquido è ridotto circa a un terzo e si è formato uno sciroppo denso e profumato.

Spegnere, lasciar raffreddare e filtrare. Lo sciroppo si può anche preparare in anticipo e conservare i frigo fino all’ultimo momento. Mettere in fresco ovviamente la birra e, se possibile, anche i bicchieri.

Al momento di servire tagliare il limone a spicchietti. Versare un paio di cucchiai di sciroppo in ogni bicchiere ed unire due cucchiai di whiskey.

Versare lentamente la birra ben fredda nei bicchieri e servire subito, accompagnando con le fettine di limone, da spremere sopra il bicchiere appena prima di sorseggiare il cocktail.
---
Con il sugo al nero di seppia...



Bocconcini di uova bicolori 
ispirati dai Tamagoyaki giapponesi

ingredienti per 4-6 persone:
4 uova grandi (circa 220 g pesate sgusciate)
circa 55 ml di brodo vegetale (deve essere circa un quarto del peso delle uova)
2 cucchiai di condimento per pasta al nero di seppia Delfino
1 cucchiaio di salsa di pomodoro
1 cucchiaio di Marsala
½ cucchiaino di zucchero
1 goccia di olio extravergine
sale

Aprire le uova in una ciotola e sbatterle con delicatezza perché tuorli ed albumi si amalgamino senza creare bollicine in superficie. Eliminare eventuali filamenti di albume rimasti interi e lasciar riposare perché si disperdano le eventuali bolle d'aria formatesi.

Intiepidire in brodo quanto basta per sciogliervi lo zucchero; spegnere, unire il Marsala e lasciar tornare a temperatura ambiente.

Mescolare il brodo alle uova e dividere il composto in due: a una metà unire il sugo al nero di seppia e all’altra il pomodoro e un pizzico appena di sale, se serve.

Passare la superficie di un padellino antiaderente, meglio se di forma rettangolare, con carta assorbente appena unta di olio e scaldarlo. Versarvi un mestolino di uovo rosso, lasciando cuocere a fuoco medio fino a che il lato sotto è appena dorato e la superficie comincia a rapprendersi.

Con grande delicatezza avvolgere la frittatina sottile su se stessa; la superficie ancora morbida delle uova dovrebbe servire da collante tra uno strato e l’altro. Spostare l'involtino su un lato del padellino ed aggiungere un mestolino di uovo nero, alzando leggermente la frittata perché l'uovo scorra anche sotto di essa.

Quando questo nuovo strato ha raggiunto la stessa consistenza del primo rotolarvi sopra la frittatina, in modo da formare un secondo strato sottilissimo di uovo nero che avvolge il primo rotolino rosso. Continuare allo stesso modo, utilizzando rosso e nero in strati alternati, fino ad aver consumato metà delle uova.

Trasferire la frittata su una stuoietta di bambù o su un telo e stringere in modo da darle una forma a parallelepipedo rettangolare il più regolare possibile. Lasciar raffreddare mentre con il resto delle uova si prepara un altro rotolo di frittata, ungendo da capo il padellino prima del primo strato.

Quando i rotoli di frittata sono entrambi a temperatura ambiente, con un coltello ben affilato tagliarli in 6 o 8 parti e disporli nel piatto di portata in odo che si vedano le striature di colore.
---
Con la crema di parmigiano...



Pancakes di pesce al parmigiano con funghi e nocciole
ispirati dalle Seattle Fish Fritters statunitensi

Ingredienti per circa 10 pezzi:
250 g di polpa di pesce bianco (qui nasello) pulito
450 g di funghi champignon o cremini
100 g di crema al parmigiano reggiano Dispensa di Amerigo
20 g di pane secco
1 cucchiaio di farina
1 cucchiaio di nocciole sgusciate
1 uovo
1 arancia
1 cucchiaio di timo
15 g di burro
3 cucchiai di olio
pepe bianco al mulinello
sale

Mondare bene i funghi e tagliarli a fettine. Se ne ottengono circa 300 g.

Sciogliere in un tegame il burro con un cucchiaio di olio, unire i funghi e il timo, salare e cuocere a fuoco medio fino a che i funghi sono morbidi e cominciano a dorarsi, unendo se serve qualche cucchiaio di acqua perché restino morbidi. Lasciar intiepidire.

Spremere l’arancia, filtrarne il succo ed ammollarvi il pane fino a che è morbido, poi strizzarlo bene; grattugiare un cucchiaino di scorza di arancia; tritare grossolanamente le nocciole.

Tritare grossolanamente la polpa del pesce al coltello o con la mezzaluna, senza ridurla in pasta ma lasciandola a piccoli bocconcini. Eliminare con cura le eventuali lische residue.

Mettere da parte una ventina di funghi, le fettine più belle, tritare grossolanamente il resto e pesarne 50 g. Unirli al pane ben strizzato, insieme alla scorzetta grattugiata, alle nocciole, alla polpa di pesce e a 40 g di crema di parmigiano.

Sbattere l’uovo con la farina e unire al composto; regolare di sale se serve, pepare, mescolare con cura e lasciar riposare il composto in frigo anche un paio di ore, se non si usa subito.

Poco prima di servire ungere leggermente una padella di olio e cuocere il composto a cucchiaiate a fuoco medio, fino a che la superficie inferiore è dorata.

Premere un paio di funghetti sulla superficie ancora morbida di ogni pancake, voltarlo con una paletta e terminare la cottura anche sull’altro lato. Ci vorranno in tutto circa 4 minuti.

Mescolare intanto il trito di funghi rimasto a 60 g di crema di parmigiano e decorare i pancakes con un ciuffetto di crema, servendo il resto in una ciotola a parte.
---
Con il pestato di pomodori secchi...



Sigari croccanti con feta e pomodori secchi 
ispirati dai Böreği turchi

ingredienti per circa 10 pezzi:
1 rotolo di pasta fillo
200 g di feta
1 patata da circa 180 g
80 g di pestato di pomodori secchi Ursini
2 uova
2 cucchiai di latte
½ cucchiaio di prezzemolo tritato
½ cucchiaio di erba cipollina
1 cucchiaio di olio extravergine
sale

Lessare la patata con la buccia, pelarla e passarla allo schiacciapatate (io l’ho sbucciata, tagliata a pezzi e cotta a vapore nel microonde a 900 W per 5 minuti).

Sciacquare la feta, tamponarla bene e sminuzzarla in bricioline. Unirvi l’uovo, le erbe, la patata e la crema di pomodori secchi. Mescolare bene e regolare di sale, se serve (attenzione: la feta è già molto saporita). Se l’impasto fosse molto compatto si può ammorbidire con 1 cucchiaio o 2 di latte.

Tagliare i rettangoli di pasta fillo in due lunghe strisce, disporne una sul piano di lavoro e tenere ben coperte le altre con un panno perché non si secchino.

Formare con una cucchiaiata di ripieno un salsicciotto e disporlo vicino ad uno dei lati corti della pasta; piegarvi sopra il bordo corto e poi i due bordi lunghi, che verranno voltati all'interno per tutta la lunghezza della striscia.

Avvolgere la parte farcita lungo tutta la striscia di pasta in modo da formare un sigaro, sigillarne l’estremità con una goccia dia acqua e disporre il rotolino, con la giunta verso il basso, su una placca unta. Ripetere l’operazione con il resto degli ingredienti.

Spennellare abbondantemente gli involtini di olio e infornare a 180 °C statico per circa 20-25 minuti, fino a che la superficie dei sigari è bella dorata e croccante.
---
Con il prosciutto crudo...


Involtini di prosciutto e avocado in crosta di pane
ispirati dal Guacamole messicano

Ingredienti per 10 pezzi:
1 avocado non troppo maturo
80 g di prosciutto crudo in 10 fette sottili Devodier
2 uova
50 g di farina
50 g di pangrattato
20 g di farina di mais
½ limone
1 spicchio di aglio
1/2 cucchiaio di coriandolo tritato
2 cucchiai di olio extravergine
sale
(facoltativo: peperoncino in polvere)

Sbucciare e tagliare l’avocado in 10 spicchi, spruzzandoli appena con succo di limone.

Salare leggermente la farina; miscelare il pangrattato alla farina di mais; grattugiare finemente l’aglio o pestarlo in un mortaio per ridurlo in pasta. Sbattere le uova ed unirvi l’aglio, il coriandolo e, se si usa, un pizzico di peperoncino.

Avvolgere una fetta di prosciutto attorno ad ogni spicchio di avocado; passare gli involti  nella farina bianca, poi nelle uova e poi nel pane, disponendoli quindi su una placca unta.

Spruzzare la superficie con l’olio in modo uniforme (ideale un nebulizzatore che lo rende spray) e infornare a 200 °C statico (o 180 °C ventilato) per 20-25 minuti, fino a che il pane è dorato ed il prosciutto croccante.

Grattugiare finissima la scorza di limone, cospargerla sugli involtini e servire subito.
---
Cosa resta da dire? Solo che è nato tutto da queste meraviglie:


  • rivoli affluenti:
  • I prodotti Ufuud utilizzati sono:
  •  Birra Agricola Ticinensis – Weizen della Azienda Agricola Cascina Morosina, Abbiategrasso (Mi)
  • Sugo al nero di seppia – Condimento per Pasta di Delfino, Cetara (Sa)
  • Crema al Parmigiano Reggiano delle Vacche Rosse de La Dispensa di Amerigo, Valsamoggia (Bo)
  • Pestato di Pomodori Secchi in Olio Extravergine di Oliva di Ursini, Fossacesia (Ch)
  • Prosciutto Magro di Qualità - Solo Rosa di Devodier, Lesignano de’ Bagni (Pr)

Commenti

  1. Il menù mi piace molto, soprattutto la birra, ma io non conoscevo ufuud.. bella scoperta!

    RispondiElimina
  2. Solo tu potevi essere la "testimonial", concedimi il termine, di ufuud ;-) Buona giornata e grazie per le ideuzze che mi hai dato :-)

    RispondiElimina
  3. Ho preso nota di tutto mi servono idee per gli aperitivi anche se in fondo i miei nipote e genere di cose particolari....sono sprecati ma almeno maritozzo, figlia ed io ci strafogheremo.
    L'unico che non ho copiato quello in pasta fillo perchè non mi piace ne feta e ne i pomodori secchi e poi la fillo mi è difficile a trovarla e quella che forse trovo non è granchè, provata assorbe tanto di quell'olio che sembra di berlo :-((
    Buona giornata e grazie come sempre.

    RispondiElimina
  4. @giulia: sì, bella scoperta davvero.

    @libera: si capisce che mi ci sono divertita, eh?!

    @edvige: il trucco per la fillo è spennellarla solo fino a che scompare la polverina, non di più. In ogni caso mi sembra che l'aperitivo sia abbastanza completo anche senza uno degli snack!

    RispondiElimina
  5. Imparare a conoscersi, per capirsi. Avessero tutti almeno un terzo del tuo buon senso e della tua apertura! Non conoscevo ufood, ma assolutamente riconoscono in questi piatti da aperitivi tutto il tuo stile!

    RispondiElimina
  6. @valentina: avessero tutti almeno un terzo del tuo entusiasmo nel fare le cose, si sarebbe felici e non si penserebbe ad altro che a cercare di star bene e far stare bene...

    RispondiElimina
  7. bellissime idee in questo post...
    ...c'è sempre da imparare da te...anche le proposte che apparentemente sembrano più semplici, hanno sempre un "background" affatto banale!

    RispondiElimina
  8. @ilaria: più che altro lascio che la curiosità mi sopraffaccia... ;)

    RispondiElimina
  9. E 'davvero un pezzo di informazioni piacevole e utile. Sono contento che hai condiviso queste informazioni utili con noi. Si prega di tenerci aggiornati in questo modo. Grazie per aver condiviso.

    RispondiElimina
  10. Você toca um nervo há na verdade eu também acho que é uma falta de confiança em mim.

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!