Passa ai contenuti principali

teglia di patate.hu

Prosegue la breve saga nel blog dell'"Ungheria in Cucina", dopo la versione "conigliosa" del pollo alla paprika di qualche giorno fa e l'incursione di un loro salume nell'ultimo piatto di lenticchie... Nella vita il mood ungherese è stato molto più lungo ma non tutto quello che preparo finisce sul blog. Almeno non subito!

Ecco come ho usato il vero ultimo barattolo di panna tieföl, fortunatamente nascosta in frigo dietro una montagna di salsicce. Sempre ungheresi ovviamente. Perché con certe persone, sia nei regali che nella vita, non esistono le mezze misure.

Protagonista della ricetta di oggi, un piatto casalingo ungherese che rappresenta uno dei confort food più terapeutici che abbia mai assaggiato, è proprio la salsiccia ungherese. Sto parlando di quella secca, che può apparire a noi incolti più un salame sottile e stagionato che una salsiccia fresca.

Mettiamo dunque un po' di ordine: in Ungheria la produzione di salumi è una vera arte, che, per una botta di fortuna altrui generosità, è quasi tutta raccolta oggi sul mio tavolo.

Quello che noi chiamiamo "salame ungherese" non è il banale salume a grana fine che si trova in Italia, ma il téliszalámiquesto!


E' un salame fresco, prodotto con le carni del pregiato maiale Mangalitsa ed il suo nome significa "salame invernale". Si consuma fresco, a fette, meglio se su pane imburrato. Molto aromatico, non ha bisogno di altro accompagnamento se non una buona birra. 

Tutta un'altra cosa sono le kolbász, salsicce o salami stagionati, anche questi spesso affumicati, dalla consistenza molto meno morbida e dagli aromi generalmente più pungenti, sempre partendo dalla base di paprika comune praticamente a tutti i salumi ungheresi.

Le füstolt kolbász sono le salsicce più fortemente affumicate, le száraz  kolbász quelle prevalentemente essiccate, ovvero queste... 


Quella di sinistra è una Gyulai kolbász, la salsiccia tipica della zona di Gyula, molto profumata; quella a destra è la Csabai kolbász, prodotta a Békéscsaba, simile alla precedente ma leggermente meno odorosa, dalla consistenza più morbida e dal sapore più speziato e leggermente più piccante.

Entrambe si possono gustare così, in purezza, a fette sottili, accompagnate da pane e burro, ma hanno un impiego versatile e golosissimo anche in cucina: si usano per il lecsó, lo stufato di peperoni e pomodori, per il paprikás krumpli, lo stufato di patate, per la jókai bableves, la zuppa di fagioli, per il gulash di carne, per confezionare salatini ed insaporire insalate. E, ovviamente, per il rakott krumpli, la teglia patate di oggi!

Premetto che non è una versione tradizionalissima, fosse solo per la quantità di panna acida, di cui sono golosissima e che ho impiegato a badilate, praticamente in dose doppia del normale... 

La tradizione vorrebbe la panna condita con sale, per qualcuno pepe o paprika e per molti strutto o burro. Avendo già esagerato in partenza non mi sembrava il caso di aggiungere materia grassa. Mi sono limitata a miscelare un cucchiaio di olio allo strato di panna che va a copertura, giusto per favorire la gratinatura della superficie.

Il piatto ovviamente ha infinite varianti: chi unisce anche altri tipi di salumi ungheresi, chi aggiunge cipolle, che mette del formaggio tra gli strati, chi carica il tutto con ulteriore paprika... Niente di tutto ciò: qui mi sono attenuta alla versione supersemplice della ricetta.

Un unico escamotage per creare in superficie una crosticina croccante: c'è chi usa pangrattato, chi usa formaggio (di solito il trapista), chi non mette proprio niente... In questo caso ho optato per un compromesso, usando pane ma anche formaggio italiano. Imprecisione storica, certo. Il piatto, devo dire, non ne ha però risentito: scofanato in un lampo!


Rakott krumpli - Teglia di patate all'ungherese

Ingredienti per 2 o 3 persone (ma nel mio caso si potrebbero anche raddoppiare le dosi...):
700 g di patate
270 g di tieföl (panna acida)
60 g di száraz kolbász (qui un misto delle due salsicce)
2 uova
2 cucchiai di pangrattato
1 cucchiaio di grana grattugiato
1 cucchiaio di olio extravergine leggero
sale
pepe nero al mulinello

Le patate andrebbero lessate con la buccia tenendole un po' al dente, lasciate ben raffreddare, meglio anche riposare per una notte (un po' come per i rösti), e poi sbucciate e tagliate a fette di 5 mm. 

Io in realtà preferisco sbucciarle, affettarle e cuocerle a vapore al microonde a 900 W per 10 minuti, perché con questo sistema le patate restano asciutte e molto saporite, tanto è vero che non si percepisce quasi l'assenza del sale ne' c'è bisogno di lasciarle riposare ore perché la polpa si compatti.

Rassodare le uova, raffreddarle, sgusciarle e tagliarle a rondelle o a pezzetti. Affettare sottilmente il salame. Condire la panna con sale e poco pepe.

Cospargere il fondo di una pirofila con un cucchiaio di pangrattato (oppure imburrarlo, o passarlo con lo strutto) e disporvi uno strato di patate (circa 1/3 del totale). 

Coprire con metà delle uova e poi metà della salsiccia e terminare con uno strato di panna, anche qui circa 1/3 del totale. Ripetere l'operazione per un altra serie di strati identici, coprendo alla fine tutto di patate.


Miscelare l'olio con la panna rimasta e spalmare bene sulla superficie delle patate, quindi spolverizzare con il pangrattato rimasto e con il formaggio.

Informare a 180 °C in forno statico e cuocere 45 minuti, poi tenere sotto il grill a massima temperatura per 5 minuti, fino a che la superficie è ben dorata. 

Attendere un attimo prima di papparselo: appena levato dal forno il rakott krumpli è ustionante...

  • rivoli affluenti:
  • in materia di salsicce ungheresi non si finisce mai di imparare. Per notizie più precise e idee di ricette c'è addirittura un sito apposta: questo!

Commenti

  1. Buonoooooo il primo detto salame ungherese lo conosco a Trieste se lo trovava spesso originale ora purtroppo solo imitazioni non è la stessa cosa. Ottimo questo piatto ma mi mancano gli ingredienti principi ....
    Anch'io faccio un piatto ungherese anzi lo rifaccio le palacsinta ripiene di carne di maiale chiuse a pacchetto con panna acida e poi in forno. Un modo insolito per le "palatschiken" tedesco che a Trieste storpiate sono diventate "palacinche o amlett per il vecchio dialetto triestino" alias assomigliamo alle crepes. Buon Natale a te e Famiglia cara nel caso che magari non riesco a passare meglio due che nessuno.
    Un abbraccio.
    Baseto

    RispondiElimina
  2. @evige: fuori da questa oasi di regali mangerecci ungheresi che ho ricevuto ultimamente anche a me mancano gli ingredienti principali! Forse è per questo che anche un piatto tanto semplice diventa speciale e me lo gusto proprio... "con gusto".
    Grazie, auguri anche a te e ai tuoi.

    RispondiElimina
  3. Ciao, mi piace molto quello che fai mi chiedo come potrei aver perso il tuo blog

    RispondiElimina
  4. Battito meraviglioso! Vorrei apprendista mentre si modifica il vostro sito, come posso iscriversi per un sito web blog? L'account mi aiutò un accordo accettabile. Ero stato un po 'a conoscenza di questa vostra trasmissione offerto brillante concetto chiaro.

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!