Passa ai contenuti principali

"i gnocchi" di zucca ritrascritti

In apertura del nuovo anno del blog una ricetta della memoria, con la citazione della mia coraggiosa nonna veneta superlavoratrice che riusciva comunque a mettere in tavola, soprattutto nei giorni di festa, delle totali delizie. Le "rubavano" un po' di tempo ma riempivano i cuori e le pance della famiglia di soddisfazione.

Ho avuto a tratti il colpo di genio, durante la prima adolescenza, di starle appiccicata in cucina e di chiederle i segreti di qualche ricetta, munita di carta e penna per fissare con cura le sue istruzioni. In realtà ho avuto poco da appuntare e mi sono trovata soprattutto a trascrivere i suoi gesti, perché le sue descrizioni erano, per abitudine e per carattere, molto sintetiche: si doveva sempre andar veloci ed evitare di perdere tempo!

Per esempio, per i suoi gnocchi di zucca, le indicazioni letterali sono state: "Cuoci la zucca (di che tipo? quanta? come? per quanto?), poi la passi in padella (con che grassi o aromi?) fino a che si disfa; quando è fredda unisci farina fino a che sta insieme ma è ancora molle (...?!), ci metti sale pepe e noce moscata e poi la butti a cucchiaiate (grandi quanto?) nell'acqua bollente. Scoli i gnocchi (come? dopo quanto?) e li condisci con (litri di) burro fritto con la salvia."

Per imparare davvero a "fare i gnocchi" da lei ho dovuto assistere alla preparazione due o tre volte. Già... in famiglia si diceva "i gnocchi", e questi della nonna tali sono ancora oggi. Specificare che fossero di zucca è superfluo: non ne preparava altri se non quelli di semolino "alla romana", che erano però tutta un'altra storia.

La ricetta qui sotto è il risultato delle mie fatiche adolescenziali da reporter e delle successive sperimentazioni in cucina... si tratta insomma di gnocchi originali ma ritrascritti! 

Anche se mia nonna utilizzava la zucca mantovana, quella tonda schiacciata dalla buccia verde, io questa volta ho provato con una zucca violino o violina (la butternut squash americana), che mi guardava dal banco del mercato con occhioni languidi.

Per non sottolinearne la grande dolcezza ho optato per un condimento diverso dal tradizionale lago di burro fuso, una delizia di cui la nonna con questo piatto ha contribuito a renderci tutti golosi. Propongo invece "i gnocchi" con una sapida fonduta di formaggio. Formaggio di montagna, ovviamente, che anche la nonna veneta possa apprezzare!


"I gnocchi" della nonna veneta
ingredienti per 2 persone golose o 4 parche:
1 zucca violina da circa 1300 g 
100-110 g di farina 0
100 g di latte
60 g di formaggio latteria o altro formaggio di montagna
2 cucchiai di pecorino grattugiato (facoltativo)
noce moscata
1/2 cucchiaio di olio
pepe nero al mulinello
sale

Tagliare il formaggio a dadini minuscoli come piselli e metterli in una ciotola coperti con il latte, lasciando riposare da un'ora a 12 ore.

Ridurre la polpa della zucca, nettata da scorza e semi, a dadini da 1 cm. Se ne ottengono circa 900 g.


Versare la zucca in una padella antiaderente, coprire, accendere il fuoco e cuocere a fiamma media per 20 minuti, mescolando ogni tanto.

Quando i dadini diventano morbidi e cominciano a disfarsi, salare e continuare a cuocere scoperto per altri 25 minuti circa, mescolando e schiacciando frequentemente con un cucchiaio di legno fino a che la zucca diventa una purea asciutta e soda, dal gusto abbastanza concentrato. 


Condire con abbondante pepe e noce moscata, mescolare bene e lasciar raffreddare la purea (io tutta la notte); una volta pronta all'uso dovrebbe pesare circa 450 g.

Aggiungere alla zucca la farina, come faceva mia nonna, un cucchiaio per volta, fino ad ottenere un impasto "elastico ma molle". Io ne ho usati 100 g ma poteva starcene un altro pizzico: più farina si usa più gli gnocchi cuocendo diventano compatti e questi sono come piacevano alla nonna, ma anche un filo più sodi mi saprebbero piaciuti.

Mettere a bollire l'acqua per la cottura degli gnocchi ed intanto versare in un tegame  il formaggio con il latte e scaldare a fuoco bassissimo, mescolando ogni tanto, fino a che si forma una crema; tenere poi in caldo a bagnomaria.

Salare l'acqua in ebollizione ed unire 1/2 cucchiaio di olio; tuffarvi l'impasto a piccole cucchiaiate; lasciar sobbollire fino a che gli gnocchi vengono a galla, scolarli delicatamente con un mestolo forato e versarli direttamente nel formaggio fuso.

Distribuire nei piatti individuali già caldi e condire con una bella macinata di pepe e, volendo, una manciata di pecorino grattugiato. Essendo morbidissimi si prestano bene ad essere mangiati col cucchiaio.


  • rivoli affluenti:
  • messaggio dedicato: hai visto come possono venire utili le ciotole colorate per cui stentavi a trovare un senso?!

Commenti

  1. Meraviglioso articolo e altrettanto la ricetta.

    RispondiElimina
  2. Bellissima la ritrascrizione...peccato non aver fatto anch'io la reporter con mia suocera: avrei un patrimonio immenso!
    La ciotola...credo vivesse la sua esistenza in attesa di questi gnocchi!

    RispondiElimina
  3. x me gli gnocchi dei ricordi sono di patate, ma questi sembrano gustosissimi! mi arriva un messaggio: provatemi provatemi!! ps.Ciotolina super in tinta..direi ad Hoc ;)
    un caro augurio di Buon Anno!

    RispondiElimina
  4. @roberta: grazie!

    @virò: tua suocera era davvero un mito di sapienza "anche" gastronomica! Di ciotole ne ho due, se ne vuoi una...

    @ilaria: il messaggio in effetti lo continuano a mandare anche a me... ogni volta che guardo la ciotola vuota! Auguri anche a te.

    RispondiElimina
  5. Io non lo farò in originalità ma il vostro blog è così buono non si può dire altro che GRAZIE!

    RispondiElimina
  6. Informazioni utili. Mi fortunato Ho scoperto il vostro sito per caso, e sono scioccato perché questo scherzo del destino non ha avuto luogo prima! I segnalibro esso.

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!