Passa ai contenuti principali

spaghetti con gallinacci, pomodori secchi e pepe rosso: più Calabria di così...


Ultima tappa (sigh!) del #girodeiprimi, il goloso giro d'Italia alla scoperta di condimenti per la pasta ispirati alle tradizioni regionali promosso da Pasta di Canossa e La Melagranata- Food Creative Idea, che un questa occasione ci accompagna alla scoperta dei sapori di Calabria tramite il formato di pasta più classico che ci sia: lo spaghetto!

La prima volta che visitai la Calabria ero bambina e con la famiglia girammo un po' la regione in auto alla scoperta delle bellezze e dei sapori locali. Mi padre rimase folgorato dal gusto piccante di molte pietanze e prodotti e da allora non ha più abbandonato la sua propensione per il peperoncino, che utilizza con abbondanza in tutti i suoi piatti... neanche fosse diventato davvero un po' calabrese inside!

Un'altro profumo è per me legato indissolubilmente alla Calabria attraverso il ricordo di un'avventura a cui sono  affezionata: una giornata con mio padre nel boschi della Sila in cerca di funghi. Si cercavano rositi o rossitti, funghi che dalle nostre parti non si trovano ma sono molto comuni in Calabria, protagonisti di molti gustosissimi piatti locali ma spesso più semplicemente cotti alla brace, a volte insieme alla pancetta, a volte con pane casereccio.

Per avvicinare gli Spaghetti Pasta di Canossa a quel fantastico sapore di bosco ho poche speranze di trovare i rositi nei boschi di queste parti o sul banco dell'ortolano sotto casa, così li sostituisco con dei gallinacci (che si chiamano così sia in Sila che da me, ma che sarebbero più correttamente i finferli). Sono vagamente simili ai rositi nell'aspetto, anche se questi risultano più rosati di colore e più teneri come consistenza. Ma la stagione chiama, la golosità pure e lasciare che gli Spaghetti Pasta di Canossa visitino la Calabria a settembre senza incontrare dei funghi mi pareva un delitto! 

Rispetto al sugo classico di funghi calabrese, con pomodoro aglio e peperoncino (e a volte salsiccia), voglio lasciare più spazio ai gallinacci, così uso poco pomodoro fresco, giusto per rendere il sugo vagamente rosato, e per il sapore tipicamente "calabro" accosto ai funghi dei pomodori secchi trattati alla calabrese, dunque aromaticamente piccanti di pepe rosso

E' una spezia che ovviamente ho in casa, viso le forniture periodiche che mio padre si fa arrivare da un amico calabrese che coltiva nell'orto i peperoncini adatti, ne cura personalmente la guardianìa (l'essiccazione naturale) e poi li frantuma nel saziere (mortaio) di casa. Si potrebbe sostituire il pepe rosso calabrese con un misto di peperoncino e paprika in polvere... ma non è esattamente la stessa cosa!

Ho anche un vasetto di pomodori secchi alla calabrese che mio padre ha preparato per noi qualche mese fa... senza sapere quanto mi sarebbero venuti utili oggi! Ne descrivo più sotto il procedimento ma, se non si avesse tempo di prepararli con sufficiente anticipo, in alternativa si possono scottare pomodori secchi comuni e unire pepe rosso e origano a gusto, e magari qualche filetto di aglio in più, al sauté di funghi.

A finire il piatto una spolverata di pane saltato cita la croccantezza persa dei gallinacci, la pancetta tostata ricorda quella che spesso accompagna i rositi alla brace e infine un tocco di basilico dona freschezza al tutto. Semplice nel procedimento ma, soprattutto ora che i funghi sono quelli freschi, una vera e propria goduria. Alla calabrese, naturalmente!


Spaghetti con sauté di gallinacci e pomodori secchi alla calabrese

per 4 persone:

320 g di spaghetti Pasta di Canossa
400 g di gallinacci (finferli) o, se possibile, rositi
2 piccoli pomodori maturi, in tutto c.a 180 g
4 falde di pomodori secchi alla calabrese *
1 spicchio di aglio
50 g di mollica di pane calabrese casereccio
40 g di pancetta tesa (se piace il piccante si può usare quella calabrese)
10 foglie di basilico
4 cucchiai di olio extravergine di oliva (se piace il piccante si può usare l'olio di conserva dei pomodori secchi)
zucchero
sale

* per i pomodori secchi alla calabrese
pomodori secchi
pepe rosso calabrese
aceto di vino bianco
aglio
origano
olio extravergine


Per i pomodori alla calabrese scottare i pomodori secchi un minuto in acqua e pari quantità di aceto portati a bollore, in modo che si ammorbidiscano, poi scolarli e lasciarli asciugare molto bene su un telo pulito.

Spolverizzare i pomodori secchi di pepe rosso e origano e disporli a strati, con aglio ridotto a fettine, in un vasetto di vetro pulito. Colmare di olio, premere bene i pomodori perchè non resti aria dentro il vaso, rabboccare l'olio, chiudere e lasciar riposare almeno un mese (ma meglio tre) prima di consumare.

Mondare bene i finferli e sciacquarli delicatamente eliminando tutti i residui di terra, tamponarli con carta da cucina e tagliarli tutti della stessa grandezza. Per evitare che diventino viscidi in cottura scaldarli in un tegame caldo a secco in modo che perdano l'acqua di vegetazione e si asciughino bene.

In un tegame pulito scaldare l'olio con l'aglio leggermente schiacciati e saltare i finferli per un paio minuti. Intanto ridurre i pomodori secchi e quelli freschi a filettini (nel mio caso con anche la parte dei semi, che a me piace molto).

Unire i pomodori ai funghi, salare leggermente e cuocere a fuoco medio per una decina di minuti, fino a che i finferli sono morbidi, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua perchè non si asciughino troppo e un pizzichino di zucchero per attenuare l'eventuale acidità dei pomodori freschi.


Ridurre la mollica di pane in briciole minute; tritare grossolanamente il basilico. Tagliare la pancetta in 4 fette spesse 2 mm e tostarle in un tegamino a fuoco vivo fino a che diventano croccanti. Levarle dal tegame e nel loro fondo rosolare la mollica di pane fino a che è croccante e dorata. Spegnere, salare leggermente e mescolare al basilico tritato.

Lessare gli spaghetti al dente in abbondante acqua bollente salata per 6 minuti, scolali e versarli nel tegame dei funghi. Spadellare un minuto in modo che si insaporiscano bene, eliminare l'aglio e dividerli nei piatti individuali.

Spolverizzare con il pane al basilico, decorare ogni piatto con una fettina di pancetta croccante e servire. Accompagnare con un vino rosso calabrese rotondo e pulito, particolarmente adatto agli aromi piccanti del piatto, come un Peperosso Calabria 2014. 


E se si invita a cena mio padre, oltre ad usare pancetta calabrese e olio dei pomodori, lasciargli pure il vasetto del pepe rosso a disposizione in tavola! 


Con questa ricetta partecipo al contest #girodeiprimi indetto da La Melagranata - Food Creative Idea e dal pastificio Pasta di Canossa.


Se si evita la decorazione con la pancetta il piatto è vegetariano.

  • rivoli affluenti:
  • per saperne di più sui funghi tipici della Sila e sulle regole per la raccolta: qui
  • per saperne di più sul peperoncino calabrese da cui si ricava il pepe rosso: qui

Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Pancetta, pomodori secchi, finferli, spaghetti... una poesia questo piatto e un fuoco di artificio per il palato. Posso addirittura sentirne il profumo se osservo bene le foto! Il sugo che hai ideato mi piace assai! Ma io ho sempre pensato che il pepe rosso fossero le bacche di Sichuan. Lo voglio anche io il pepe rosso calabrese!!!

    RispondiElimina
  3. @mile.z: spesso si fa confusione! Il pepe rosa sono le bacche dello schinus, un falso pepe sudanericano; il pepe di Sichuan è una bacca molto aromatica di origine cinese, sempre falso pepe, los tesso che in Giappone si chiama sansho; il pepe rosso calabrese è peperoncino essiccato e polverizzato. Quindi nessuno dei tre in realtà c'entra con il pepe vero e proprio!

    RispondiElimina
  4. un bell'accostamento di sapori decisi! BBBuono!

    RispondiElimina
  5. @ilaria: il risultato finale comunque è saporito ma più delicato di quanto possa lasciar intendere l'elenco degli ingredienti. Ripeterò senz'altro.

    RispondiElimina
  6. That's a good idea indeed future article we read a little while and sometimes its opposite on the subject!

    RispondiElimina
  7. C'est interessant de trouver comme ce genre de postes.
    voyance gratuite en ligne

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!