Passa ai contenuti principali

delicatezza e nitore: gnocchi di patate con brasato all'acqua di cocco


Di nuovo gnocchi. Di nuovo per l' MTC n. 59, con a ricetta di Annarita de Il Bosco di Alici per l'impasto base, tutta la libertà di questo mondo per aromatizzazioni e condimenti. Di nuovo, per me, un monito alla morigeratezza. 

Dopo essermi cercata la sobrietà a tutti i costi per la mia versione degli gnocchi ripieni, dove ho abbinato catalogna, pollo e tartufo per la farcia ed invece della salsa ho presentato un brodo di ragusano, per questa sfida sullo gnocco "normale" devo applicarmi ancora di più per ridurre ulteriormente al minimo le sventatezze dell'originalità a tutti i costi.

Ho in casa le farine più strane volendo, tra cui una di arachidi e una addirittura di banane, per dire. Ma ho preferito partire da un sapore che si abbini alle patate degli gnocchi e concentrarmi sullo sviluppare con il massimo nitore quell'abbinamento. 

Se per la ricetta precedente, però, ero patita da un ingrediente nostrano e di famiglia, questa volta ne scelgo uno "esotico" che, almeno nelle intenzioni, tenta di rimanere in assonanze delicatissime con il sapore "classico" degli gnocchi di patate.

Uno dei profumi che adoro è quello del cocco. Non quello finto delle creme solari, ma quello puro e volatile dell'acqua contenuta nella noce appena aperta. In Italia forse stupisce ma nella cucina asiatica, così come in quella dell'America Latina e di certe zone dell'Africa, cocco e patate sono un abbinamento classico. E da quello parto.

In genere in quelle tradizioni l'accoppiata, che si sfrutta sia per piatti salati che per dolci, è corredata da spezie molto intense oppure da ingredienti molto zuccherini. Io vorrei invece in qualche modo preservare la "purezza" dell'acqua di cocco da un lato e del sapore degli gnocchi di patate dall'altro. Così penso ad una cultura gastronomica abituata, sia nel delicato che nel forte, ad accostamenti netti e raffinati, e mi ritrovo spontaneamente in Vietnam.

L'ispirazione è thịt kho, un brasato di maiale e uova di origine popolare dalle mille varianti, dagli aromi raffinatissimi oppure dirompenti, con versioni che prevedono anche un caramello di zucchero di palma ed altre l'acqua di cocco come liquido di cottura. 

Seguo questo secondo filone. Però riduco al minimo gli ingredienti accessori, in modo che un brasato "pulito", non per forza orientale, dai sapori accurati e semplici, delicatissimamente profumato di cocco, diventi il condimento degli gnocchi di patate.

Questi restano molto semplici, preparati secondo i dettami di Annarita; accolgono nell'impasto il piccolo tocco profumato delle erbe fresche che ho sottratto al brasato, tritate un po' grosse perchè lo scopo non è colorare ma insaporire. 

Sarebbe stato perfetto il basilico vietnamita, un'erba profumata e pungente che in Italia non si trova. Un mix di coriandolo, basilico e menta nostrani ottengono un risultato forse ancora più interessante. 

Rinuncio anche a spezie come la corteccia di cassia (dall'aroma simile alla cannella), al cardamomo nero e ad altri profumi decisi, per lasciare solo ad un tocco di anice e garofano il sottile compito di supportare senza troppo parere l'acqua di cocco. 

Ne esce un brasato che si scioglie in bocca, che avvolge degli gnocchi freschi e profumati, e niente sa di cocco o di spezie o di soia e tutto ha il sapore della sorpresa e dell'equilibrio. Non ho tritato la carne, anche se la cosa avrebbe reso il condimento più vicino ad un "ragù" all'italiana, perché del gioco fanno parte anche le diverse consistenze tra gnocchi, pancetta e collo.

Due chip di cocco croccanti a chiudere il cerchio e un mazzetto di erbe fresche lasciato cadere sopra, come si fa in Oriente con i piatti di pasta o di riso. Chissà se lo farebbero anche con gli gnocchi di patate...

Gnocchi di patate alle erbe fresche con brasato di maiale in acqua di cocco e chip croccanti di cocco

ingredienti per 4 persone

per gli gnocchi:
600 g patate vecchie,
180 g circa di farina 00, più una mancuata per la spianatoia
menta
basilico
coriandolo
sale

per il condimento e la decorazione:
200 g di pancetta fresca di maiale
200 g di collo di maiale
2 noci di cocco da circa 450 g ciascuna
1 cipolla
1 spicchio di aglio
1 pezzo di zenzero grosso come l'aglio
4 cucchiai di salsa soia
1 stella di anice
2 chiodi di garofano
1 mazzetto di menta
1 mazzetto di basilico
1 mazzetto di coriandolo
1 bicchiere di olio di arachidi per friggere
sale

Con un punteruolo (o un cacciavite) forare le noci di cocco in due dei tre "occhi" che hanno in cima, far colare fuori tutto il liquido e filtrarlo. Se ne dovrebbero ricavare in tutto circa 350 ml. In alternativa esiste l'acqua di cocco in lattina, ma di solito è zuccherata. 

Rompere il guscio delle noci di cocco con la parte appuntita di un martello, estrarne la polpa e sciacquarla. Tenerne da parte un pezzo di forma regolare da circa 50 g e conservare il resto in frigo immersa in acqua fresca per altre preparazioni (*).



Tagliare entrambe le carni a fette spesse 5 mm e poi a quadrotti da 15 cm. Tritare grossolanamente la cipolla e schiacciare in poltiglia aglio e zenzero in un mortaio. 

Scaldare un tegame vuoto, versarvi la carne e cuocere a fuoco vivace fino a che il grasso si è un po' sciolto, la polpa è tutta sbiancata, ha eventualmente rilasciato e riassorbito la sua acqua e comincia a colorirsi.

Unire cipolla, zenzero e aglio, far insaporire un minuto quindi versare nel tegame le spezie, la salsa di soia e l'acqua di cocco.

Portare a leggero bollore, coprire, abbassare la fiamma e lasciar e sobbollire per un'oretta, mscolando ogni tanto, quindi scoprire e, sempre a fuoco bassissimo, cuocere un'altra mezz'ora, fino a che la carne è morbidissima, la pancetta gelatinosa e il fondo si è ridotto ad un liquido denso e saporito. Eliminare le spezie e spegnere. 

Per le chips di cocco intanto tagliare a scaglie sottili la polpa di cocco con un pelapatate e lasciarle a bagno almeno 30 minuti in acqua molto salata, quindi scolarle ed asciugarle completamente premendole prima tra fogli di carta assorbente e poi lasciando asciugare all'aria.

Per gli gnocchi sforacchiare le patate, metterle in un contenitore da microonde con coperchio e cuocere a 900 w per 10 minuti, voltandole sottosopra un paio di volte. Intanto tritare finissimamente le erbe.

Sbucciare le patate a caldo e passarle nello schiacciapatate, facendole cadere sulla spianatoia ben allargate perchè respirino continuando ad asciugare. 


Unire le erbe, un pizzico di sale e poi la farina in due o tre riprese, impastando velocemente il tutto (io ne ho usata circa una cucchiaiata in meno). Formare poi dei rotolini, tagliarli a tocchetti e passarli sul rigagnocchi, distribuendoli poi ben allargati su un telo.





Poco prima di servire spezzettare le erbe con le mani in grossi pezzi e mescolarle tra loro. Friggere le scaglie di cocco in abbondante olio a 170 °C per un paio di minuti e scolare su carta assorbente.



Lessare gli gnocchi in abbondante acqua salata appena fremente, scolarli con un mestolo forato appena vengono a galla e versarli nel tegame del brasato (io ho preparato la carne il giorno prima e l'ho poi riscaldata in una pirofila mentre preparavo gli gnocchi).



Mescolare per insaporire bene, dividere nei piatti individuali, disporre un ciuffo di erbe fresche sopra ogni piatto, decorare con qualche chip di cocco e servire.



Anche con questa ricetta partecipo all'MTC n. 59, qui nella categoria "gnocchi classici" (!!!) 


  • rivoli affluenti:
  • tutte le altre meravigliose proposte dei partecipanti a questo MTC: qui
  • (* presto su questi schermi la ricetta per l'uso della polpa di cocco avanzata)

Commenti

  1. Questi gnocchi sono molto stuzzicanti non sono così brava ad immaginarne il gusto perché hai fatto un mix di ingredienti molto particolare, ma sicuramente buonissimi
    Grazie per tutta la tua disponibilità a raccontarci da dove è nata l'idea del piatto
    Ho anche imparato come si fa a ricavare il latte di con cocco ( io avrei spaccato la noce)
    Ciao Manu

    RispondiElimina
  2. Questo piatto cara mia dovrei mangiarlo da te magari quello che avanza, maritozzo solo vedere e sentire l'odore del cocco chiede...divorzio :D :D
    Mi sa che devo solo sognare. Buona fine settimana un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. No dai...la farina di banane?! E ovviamente finirà nella prossima ricetta salata...

    RispondiElimina
  4. Sono incantata da questa ricetta, sì, malgrado il maiale :)) Ma qui il doc mi sta riformando e si sa, chi va con lo zoppo...
    Infatti è proprio il condimento che desta la mia curiosità, tipo da farlo come piatto principale.
    Vedo che usi l'acqua delle noci di cocco, mi chiedo se, secondo te, si può usare quella dei cocchi verdi freschi, che è più abbondante ma, forse, meno concentrata. Che ne dici?
    Eccelsa come sempre, quegli gnocchi, poi, sono perfetti.

    RispondiElimina
  5. @manu: grazie! Ps: questa è acqua di cocco, molto delicata. Il latte lo ricavi grattugiato e spremere la polpa del cocco ed è più intendo e cremoso.

    @edvige: il bello di questa ricetta è che il "sapore di cocco" proprio non si sente! Chips a parte, ovviamente.

    @virò: ovviamente...!

    @eleonora: direi che se avessi avuto sotto mano cocco verde avrei decisamente optato per quello! Magari, fino a che non hanno terminato l'opera di convincimento, puoi provare con
    guancette di manzo e allungare i tempi

    RispondiElimina
  6. Sono incantata, come ogni volta che passo da qui, purtroppo meno spesso di quanto vorrei e di quanto ne avrei bisogno. Perchè ogni volta da te è una scoperta, un viaggio attraverso profumi e sapori diversi.
    Io sono incantata da queste cucine lontane che tu sai riproporre così bene e interpretare in chiave più nostrana. Gli gnocchi alla vietnamita, poesia pura. Oltretutto con le tue modifiche rendi possibile avvicinarsi a questi piatti pur non riuscendo a reperire tutti gli ingredienti specifici. Grazie e son sincera se ti dico che questa ricetta (anche questa) me la segno e la voglio provare. Buon fine settimana. Manuela.

    RispondiElimina
  7. @manu.ela: queste cucine non sono poi così lontane, come vedi: con pochi ingredienti reperibili anche qui si possono prendere ispirazioni interessanti. Come in questo caso era più un principio di equilibrio che l'utilizzo di sapori vietnamiti veri e propri.

    RispondiElimina
  8. che ispirazione delicat e profumata, mi fai venire proprio voglia di provarli

    RispondiElimina
  9. @lara: grazie, in effetti il sapore è delicatamente sorprendente

    RispondiElimina
  10. Mi sembrava che tu fossi stata fin troppo castigata con la ricetta precedente, mi son detta "ma è lei"? Ora ti riconosco, quando tutta la tua conoscenza esce fuori non può che riuscire un piatto strepitoso. Brava davvero. Tra parentesi pure io adoro il cocco.

    RispondiElimina
  11. @annarita: e pensa che qui mi sono sentita ancora più misurata...

    RispondiElimina
  12. E pensa un po' :)
    Ce l'ho senza zucchero,l'acqua di cocco.. dici che sia giunto il momento di lanciarmi?
    E quanto sei sempre piu' brava?????

    RispondiElimina
  13. @alessandra:lanciati, lanciati... che casomai ti prendo io!

    RispondiElimina
  14. Congratulations, keep up the good work. I'll come back and do advertising for your site.

    RispondiElimina
  15. Un grande grazie per questa sezione molto chiaro !! bella giornata

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa …

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!
In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!