Passa ai contenuti principali

il buffet di capodanno secondo MTC: conciati per le feste!


Per la cena in piedi il tema che conclude Conciati per le Feste, il master natalizio di mise en place e bon ton dell' MTC, ecco la mia tavola per il buffet di Capodanno. L'ultima fatica non tanto per me, che nonostante i giorni pienissimi e convulsi mi dedico a questo "esercizio" con tanta passione, quanto per le tutor Caterina Reviglio SonninoAlessandra Gennaro ed Elisa Baker che, oltre a ne, hanno dovuto dare retta ad un'altra ventina di "allievi".

Per l'ultima sera dell'anno ho deciso di fare come se invitassi a casa mia un gruppo di amici con cui avevo vissuto nel 1996 l'esperienza di un viaggio attraverso gli Stati Uniti. Non la classicissima traversata Est- Ovest sulla Route 66 di cinematografica memoria, bensì un itinerario da Nord a Sud che ci portò ad attraversare anche stati poco conosciuti dal punto di vista turistico e a conoscere realtà culturali molto varie. Tra cui, ovviamente, l'esperienza culinaria forse più inaspettata e sorprendente della nostra vita.

A vent'anni di distanza come non celebrare il ricordo di quel viaggio con una cena a tema? Ovviamente a buffet, perchè nulla vi fu di formale in quella esperienza ed anche l'occasione di incontro odierna deve lasciare tutti liberi di assaggiare ciò che preferiscono e chiacchierare non solo con il vicino di posto...

E da qui prendono piede un invito, un'apparecchiatura, un menù e un'atmosfera tutti carichi di simpatia e di ricordi... So che non è particolarmente elegante un elenco di vivande che miscela lingue diverse, ma fu così che andò allora. di alcuni piatti conoscemmo solo il nome americano, di alti riconoscemmo gli ingredienti ma non sapemmo il nome corretto... un vero e proprio percorso di scoperta! Rivedendo poi tutto con calma a posteriori potemmo organizzare i ricordi ed attribuire la corretta definizione, sia in inglese che in italiano, a tutto ciò che avevamo imparato, ma per questa serata mi piaceva citare anche l'aspetto di confusione linguistica, per festeggiare ocn la spontaneità e (magari!) l'incoscienza di allora anche il nuovo anno che arriva.

Un menù costruito dalla versione finger-food di piatti assaggiati in alcune delle località che visitammo allora, stoviglie vintage che proprio negli anni '90 celebravano l'America nei loro decori pop, e a creare l'atmosfera oggetti simbolo di quel viaggio: le mappe che usammo, i ninnoli natalizi che acquistammo,  il modellino di latta di un'auto americana che mi arrivò in dono proprio quel Natale...

Gli assaggini contemplano specialità di: Boston, New York, Pittsburgh, Nashville, New Orleans, Mobile, Miami e Key West e piatti o bevande più diffusamente "americani". Le concessioni alla visione italiana del Capodanno sono poche: cotechino e lenticchie (anche se in versione americanizzata) come piatto forte, serviti a mezzanotte con lo spumante (questo, sì, tutto italiano), e poi vino che accompagna la cena, ad affiancare cocktail e sode con cui pasteggerebbero gli Americani, visto che si tratta comunque di un'occasione speciale. Però vini californiani, perchè la voglia di ripetere un viaggio simile sia chiara in ogni dettaglio!

Ed ecco come si sviluppa tutto quanto nei dettagli:

titolo
CAPODANNO VINTAGE: COME ERAVAMO VENT'ANNI FA... IN VIAGGIO TRA BOSTON E KEY WEST!

tema: condividere il ricordo di un viaggio attraverso gli Stati Uniti di vent’anni fa con gli amici che vi parteciparono

invito: testo di tono scherzoso e confidenziale, con caratteri d’epoca, stampato su mappa stradale americana che riproduce il nostro viaggio e ritagliato a tessera di puzzle, perchè ognuno degli invitati è una parte imprescindibile dell'esperienza e si incastra alla perfezione nella costruzione della serata.


palette colori: dominanti dell'azzurro rosso e avorio, più il multicolor del pop americano



mise en place: essendo il soggiorno piccolo, ho liberato una parete, vi ho posizionato contro un tavolo stretto e profondo, proprio sotto delle affiches americane acquistate durante quel viaggio. Ho posto le decorazioni sul fondo ed ho allestito la tavola a più riprese, rinnovando la disposizione di piatti, bicchieri, bevande e piatti di servizio per le vivande in quattro riprese, in base alle quattro "tappe" del viaggio rappresentato dal menù.


Tovagliato: tovaglia a terra in cotone azzurro con voille avorio a pois perlati in sovrapposizione (a citazione dell’occasione invernale, meno leggibile dal resto dei dettagli); tovaglioli piccoli, in cotone avorio con bordo ricamato in rosso.
dettagli del primo buffet, pronto per i piatti freddi ed il cocktail
Piatti: dimensione da dessert per i piattini delgi ospiti in tutti e quattro i servizi, da un servizio d’autore del ’94 con decori a tema pop americano, lo stesso di tutte le stoviglie del buffet; tazzine da caffè per la spuma, bicchierini di ceramica colorata per le salse del pinzimonio, bicchierini da punch per gli shot di zuppa, coppette di vetro messicano rosso per i dolcetti, rocco di betulla sotto la teglia del dolce. Non c’è un contenitore per il pane perchè il menù "all'americana" non lo prevede in tavola.
tavola pronta per il buffet di piatti caldi accompagnati dai vini
Bicchieri: tumbler bassi per il cocktail, con a fianco un vasetto di stecchini colorati per chi volesse pescarne la frutta; flûtes per vino bianco e calici medi per vino rosso; flûtes di nuovo per lo spumante; mug per l’hot drink. Vaso per caramelle vintage ad uso bowl per la sangria, glacette con piedistallo a fianco del tavolo per mantenere fresco il vino bianco e poi lo spumante, teiera americana fantasia per servire l’hot drink.

tavola allestita per cotechino, lenticchie e spumante
Posate: forchettine da antipasto per tutti i servizi, in acciaio dalle linee geometriche; cucchiaini in acciaio a manico fantasia (anche qui servizio firmato anni ’90) per la spuma e per gli shot di zuppa; cucchiai e posate di servizio direttamente nei piatti delle portate.

la tavola dei dessert, con la torta in primo piano e le tazze per l'hot drink a fianco
Centrotavola: più che una composizione unica a decorare la tavola ho sviluppato il tema "en longeur", disponendo sul fondo del tavolo, dove non intralciavano l’accesso al buffet, il modellino di latta dell’auto  e la mappa originale che usammo per il viaggio, e poi, su un tovagliolo rosso, una candela acquistata allora e una piccola coppa premio che ci regalammo a vicenda quando il gruppo arrivò al termine del viaggio. Alcuni ninnoli natalizi americani nei toni dell’azzurro sparsi qua e là completano l’insieme.


dettaglio di alcuni decori della tavola
Il decoro a creare atmosfera delle festività non abbonda sulla tavola in quanto già molto presente nel soggiorno, con una corona verde appesa al centro della stanza ricca di bocce dorate, stelle di cristallo e piccole luci bianche (nella foto scattata di giorno le luci si vedono poco),

la corona di luci e stelle appesa al centro del soffitto
ed un piccolo albero di Natale forato da rametti di legno sbiancati, ricco di lucine bianche ed addobbato nei toni del rosso e avorio. Sotto l’albero attendono i regalini per gli ospiti, tra loro diversi perchè ognuno è dedicato ad un ricordo specifico del viaggio condiviso con la singola persona a cui è destinato.

i regalini per gli ospiti in attesa sotto l'alberello





























Ecco ora le immancabili note di bon ton, che tra amici sono molto informali e personalizzate:

dress code come padrona di casa: jeans, camicia azzurra, maglioncino di lana grigio con ricamo appena sopra il taschino da cui escono personaggi Disney (from Orlando), ballerine azzurre. Orecchini al lobo con giri di piccoli cristalli dorati e blu.

dress code se fossi un’invitata: jeans con cintura in cuoio a fibbia grossa, camicia bianca di cotone operato a nido d'ape e sneakers bianche; sopra la camicia gilet nero frangiato con borchie dorate (from Nashville); laccetto di cuoio attorno al colletto ma lasciato allentato. Grossi orecchini ad anello in oro.


il regalo che offrirei come invitata: l'ingrandimento di una foto del gruppo di amici scattata durante il viaggio, incorniciata in un portafoto in acciaio di design anni '90. 

Ed infine ecco il menù, in foto e poi per esteso, con le "note tecniche" omesse nella stampa ufficiale...




Menù del Capodanno vintage USA anni '90:

primo buffet (piatti freddi):
       pesci 
-       Spicchi di Bagel con Salmone, Cream Cheese ed Erba Cipollina (New York)
-       Crostini con Burro di Gamberi Speziato (New.Orleans)
carni
-       Bicchierini di Spuma di Cernia al Lime, Arancia e Aglio (Key West)
-       Mini-Sandwich di Tacchino alle Mele con Gelatina di Gravy (New York)
-       Tartine al Latte con Sfilacci di Prosciutto Cotto in BBQ Sauce (Pittsburgh)
verdure
-       Pinzimonio con Quattro Salse (Honey Mustard, Blue Cheese, Thousand sland, Ranch)
-       Micro-Tatin di verdure caramellate (patate, patate dolci, rape, cipolle)

secondo buffet (piatti caldi):
      pesci
-       Clam Chowder Shot (Boston)
-       Volauvent con Capesante alla Newburg (New York)
-       Crab Cakes con Salsa di Mango (Miami)
     carni
-       Spiedini di Cavoletti di Bruxelles e Pancetta (Boston)
-       Hot Chicken Goujon con Cetriolini (Nashville)
      verdure
-       Fili di Zucca con Burro di Acero e Cranberry (Boston)
-       Grits alla Birra Scura e Cheddar (Mobile)

a mezzanotte:
-                     Wellington di Cotechino e Funghi
-                      Lenticchie di Quattro Colori con Noci e Melagrana

dolci:
-       Christmas Apple Pie con Sale Vanigliato
-       Eggnog Thumbprint
-       Pecan Tassies (Mobile)

bevande:
-       cocktail, con il buffet freddo: Sangria al Sidro con Frutta Invernale
-       vino bianco, con il buffet caldo: Chardonnay Viintner's Reserve Californie 2015 Kendall-Jackson
-       vino rosso, con buffet caldo: Cabernet-Sauvignon Cask 23 Napa Valley 2007 Stag's Leap Cellars
-   spumante, con il cotechino: Prosecco Superiore Conegliano Valdobiadene Le Fade Ricci
-    hot drink, con i dolci: Bourbon Toddy allo Zenzero 

Aggiornamento: 
osservazioni delle tutor, che mi riprometto di mettere in pratica appena ho un attimo di tempo:
1) levare la mappa (tanto il tema è sufficientemente chiaro anche senza) e tenere tutte le altre decorazioni della tavola sul lato sinistro, in modo da riempire meglio la parte nuda di parete, meglio se alzando la candela
2) evitare i bicchierini colorati nella prima tavola per lasciare più spazio (e dovrò inventarmi dunque un altro modo per presentare le salse del pinzimonio)
  • rivoli affluenti:
  • che dire di più?! Solamente... peccato che sia finita!

Commenti

  1. Bellissimo il tema e buonissimo il menù 😉🥂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Simo,l'idea in effetti è quella di una serata rilassata e godereccia

      Elimina
  2. Post molto interessante e bellissimo blog complimenti! Ti seguo!
    http://marycosmesi.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. Post molto interessante e bellissimo blog complimenti! Ti seguo!
    http://marycosmesi.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Accidenti alla serata godereccia...per fare tutto quello amesso che sapessi come fare avri avuto bisogno di una bella brigata di cucina ed una cucine 3 volte almeno più grande della mia che è piccolissima in due non ci stiamo :(
    Buono menu avrei voluto esserci invisibile...
    Buon anno mia cara a te e famiglia, salute e felicità e che i desideri possano concretizzarsi. Ciaoooo

    RispondiElimina
  5. Tanti auguri Annalena, buon anno <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, auguri di cuore anche a te per tutto, farfallina

      Elimina
  6. Ecco io ho fatto un viaggio simile di un mese da Sud a Nord... da Key west ad Acadia nel Maine, e lo rifarei oggi stesso!! Interessante il menu e se davvero avessi fatto un Capodanno così i tuoi amici sarebbero stati felici di ricordare insieme a te!!

    RispondiElimina
  7. Your work surprised me a lot because it's been a long time since I found this wonderful sharing.

    voyance Email

    RispondiElimina
  8. Grazie per averci portato a rilassarsi, il vostro sito è meraviglioso, io sono ogni giorno più e non vedo fine quindi non ci sono novità.

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!