martedì 8 agosto 2017

torta di melanzane al limone per prendere tempo


Il progetto gastronomico di cui parlavo la volta scorsa stenta a decollare. Non per mia mancanza (io sono pronta da aprile!) ma per complessità tecniche altrui per me del tutto oscure, che spero si sbroglino presto. I tempi saranno dunque un filo più lunghi, d'altro canto meglio aspettare un pochino per partire ma poi proseguire il percorso nel migliore dei modi e senza altri ingarbugliamenti.

Un po' mi dispiace perché sono finalmente rientrata nel mood cucinifero e, nonostante il tempo sia purtroppo sempre pochissimo, mi sarebbe piaciuto cavalcare l'onda e ri-lanciarmi tra blog e fornelli accompagnata dall'entusiasmo per questa nuova avventura culinaria. Ed avrei pure preferito che il progetto decollasse in un momento non così sfiancante dal punto di vista climatico da far apparire l'accensione di forni e fornelli quasi come una tortura. Ma non sono certo queste quisquilie a fermarmi...

Con la speranza che il prossimo post sia quello di partenza, mi prendo un po' di tempo e insieme mi consolo scrivendo e cucinando un ingrediente estivo che adoro: melanzane. E lo faccio, ma guarda un po', a forno acceso. 

Sì, però c'è sotto il trucco: la mattina prima di uscire ho preparato le basi, la sera le ho messe insieme, le ho infilate nel forno e poi... me ne sono uscita a cenare con un bel gelato. Al rientro spalancare la finestra, aprire il forno, mettere la teglia ad intiepidire sul davanzale e scappare subito fuori dalla cucina è stato un gioco da ragazzi.

Il piatto avrebbe dovuto servire per il pranzo del giorno dopo, se non che il profumino era invitante e aggiungiamoci che per qualcuno qua a lato il gelato non è una cena seria... così quando, a serata inoltrata, sono tornata in cucina per ritirare la teglia ormai fredda, ecco che era sparito del tutto il contenuto!

Avevo scattato un paio di foto appena uscita dal forno, riproponendomi un vero e proprio "set fotografico" la mattina successiva, con le guste luci e con anche un'immagine dellaa fetta tagliata. Bisogna invece accontentarsi di quel che cè. 

Pubblico comunque la ricetta, con piena convinzione del fatto che fosse buona data la testimonianza degli accadimenti! Quindi ringrazio l'assaggiatore ufficiale per aver contribuito al post con il suo consenso, nonché l'amica dal limoneto siciliano, le foglie dei suoi alberi ed i suoi limoni,


che hanno contribuito a rendere la ricetta profumata e molto allegra e che mi manca immensamente non poter rivedere dal vivo.  Dalla vita non si può avere tutto, d'altro canto... a quanto pare, per questa volta, nemmeno una torta di melanzane!



Crostata di melanzane al limone con pecorino

Ingredienti per 4-6 persone:
per la brisée al limone
250 g di farina 00
125 g di burro (a pezzettini morbidi)
1 uovo piccolo
1/2 limone
noce moscata
zucchero
sale

per la farcia

2 melanzane lunghe, c.a 400 g
250 g di ricotta
30 g di pecorino romano grattugiato
20 g di grana grattugiato
1 uovo
1 limone
1 spicchio di aglio
2 foglie di limone
1/2 cucchiaio di foglioline di timo
2 cucchiai di olio extravergine
sale
pepe nero al mulinello

Preparare la pasta brisée seguendo queste indicazioni però usando una gratta di pepe al posto delle  spezie, sostituendo il latte con un cucchiaio o due di succo di limone e profumando l'impasto con la scorza di mezzo limone grattugiata finissima. Avvolgerlo in pellicola e tenere in frigo un'oretta.

Tagliare le melanzane a dadini, spolverizzarle di sale, lasciarle scolare un'oretta, sciacquarle ed asciugarle bene con carta da cucina.

Saltare le melanzane nell'olio caldo con l'aglio a filetti, il timo e le foglie di limone, cuocendo circa 20 minuti a fuoco medio fino a che son morbide e leggermente abbrustolite. Non dovrebbe servire sale.

Miscelare la ricotta ai formaggi grattugiati e all'uovo e, appena sono tiepide, unirvi le melanzane con il loro fondo (se non si ama l'aglio lasciarlo conviene intero in cottura e a questo punto levarlo) e una bella grattata di pepe. Anche qui, grazie ai formaggi grattugiati, il sale non dovrebbe servire. Tenere in frigo fino a che la brisée è ben rassodata.

Stendere  la pasta con il matterello sulla spianatoia infarinata in un disco spesso circa 3 mm e deporla nella tortiera, prima leggermente unta e infarinata; bucherellare leggermente il fondo e mettere la teglia in frigo perché la pasta si rassodi di nuovo.

Accendere il forno a 180 ° statico (o 160 °C ventilato). Quando è caldo versare il ripieno sulla sfoglia, disponendo una foglia di limone sulla pasta e una sopra il ripieno. Decorare con il limone tagliato a rondelle ed appena unto di olio (io l'ho passato velocemente nella padella delle melanzane dopo che le avevo unite alla ricotta).


Cuocere circa 30 minuti e servire tiepida o a temperatura ambiente.



  • rivoli affluenti:
  • queste foglie di limone mi hanno dato altre idee... se per il progetto si dovrà attendere ancora temo ci sarà qui una serie di ricette un po' monotematiche!

4 commenti:

  1. Mi piacciono le foglie di limone nella ricetta...Mi spieghi un po' meglio come si possono utilizzare?

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Per aromatizzare pesce e carne, per avvolgerci stick di formaggio da grigliare, nell'acqua di lessatura di pasta, riso o cereali da fare in insalata. Unica cosa: non vanno mangiate, come per l'alloro

    RispondiElimina
  4. Ciao, amo davvero quello che fai, mi chiedo come potrei perdere il tuo blog

    RispondiElimina