Passa ai contenuti principali

quella volta che tenni un corso di cucina giapponese...

No, il titolo esatto di questo post dovrebbe essere: quella volta che pensavo di tenere un corso di cucina giapponese ma, invece di insegnare ad altri, imparai io qualcosa di me stessa.

A differenza di numerose altre occasioni precedenti in cui mi era capitato di parlare in pubblico della cucina giapponese, questa volta non si trattava trattato di sola teoria: alle informazioni di tipo culturale avevo affiancato una dimostrazione pratica di cucina. Ovviamente casalinga, perchè quello è il mio livello!
Ecco come il katei ryori, la cucina domestica, è diventato argomento di discussione e modalità di condivisione ad un incontro tra appassionati e curiosi di Giappone: lì abbiamo sottolineato le differenze tra i piatti di casa e le arti culinarie degli chef professionisti dei ristoranti, lì ho evitato di nominare il sushi se non per raccontare quanta esperienza serva per avvicinarcisi in modo corretto, e sempre lì spero che i partecipanti abbiano fatto proprie alcune basi tecniche, come cottura del riso o preparazione del brodo dashi, che sono i punti di partenza della gastronomia nipponica, qualsiasi strada si scelga poi di percorrere.
Fino a qui sembra tutto semplice. Ma prima dell'incontro, quando mi è stato chiesto da Cinzia, l'organizzatrice dell'incontro a Casa Cortella, di scrivere le ricette per poterne lasciare copia a tutti i partecipanti, nonostante mi fossi prefissa di parlare poco e di cucinare molto non ho resistito alle tentazione di accompagnarle con un "minimo" di introduzione socio-culturale, che spaziava dalle origini della cucina giapponese alle sue regole interne modulate sul numero cinque, dai suoi ingredienti tipici al galateo che accompagna la scelta, la preparazione, la presentazione ed il consumo dei piatti che compongono il pasto che viene offerto a degli ospiti.
A discapito della volontà di essere sintetica e di legare lo scritto alla semplice occasione di una cena giapponese tardo autunnale tra amici, ne sono in verità usciti un testo ed un glossario non brevissimi. In effetti li avevo nella testa da un po' ma non mi ero mai presa la briga di metterli su carta, Rilettili poi però a mente fresca, mi sono resa conto che non contenevano che un decimo delle cose che mi sembravano indispensabili e che avrei voluto dire anche solo per introdurre il discorso della mentalità giapponese in cucina!
Così mi è nato un dubbio: forse occorre che io mi fermi un attino a riflettere su cosa fare di tutta una serie di conoscenze che ultimamente ho raramente occasione di mettere in pratica, sia in ambito giapponese che in altri campi, intendo, e magari anche che io mi avvii a prendere decisioni serie su cosa voglio davvero fare da grande.
Mentre ci rifletto pubblico le foto scattate durante l'incontro. Io ero talmente presa dal discorso che non ci ho proprio pensato, neppure quando poi ci siamo seduti a tavola per condividere l'assaggio delle nostre comuni fatiche. Ringrazio dunque Cinzia che le ha dotate di didascalie e pubblicate sulla pagina Facebook della sua scuola (da cui le ho prontamente scippate!), ma la ringrazio anche per la scossa interiore che mi ha provocato il presentarmi all'appuntamento sul Giappone, da lei fortemente voluto, costringendomi a queste riflessioni.
Per i più curiosi il menù dell'incontro è facilmente riassumibile e lo si vede quasi tutto nella foto di apertura:
yakikuri gohan, riso bianco con caldarroste
sumashi-jiro, brodo trasparente con decori di stagione
isobeage iwari, involtini fritti di sardine a alga nori
shiitake chawanmushi, crema di uova ai funghi
kabocha no sawayaka ni, zucca stufata al limone
horenso no ohitashi, spinaci conditi
kohaku namasu tsukemono, verdure bianche e rosse marinate con aceto
kaki kudamono, cachi freschi e sake caldo, serviti a chiusura (non in foto).
  • rivoli affluenti:
  • Elencare i testi da cui ho preso spunti per la stesura della dispensa, invece, come volevo fare qui nei rivoli per attestare le mie fonti, si è rivelato decisamente complesso: dopo aver contato gli unidic libri ancora impilati sullo scrittoio e la trentina già riposti sul primo dei vari ripiani della mia libreria dedicati al Giappone, mi sono detta che anche questo fa parte dell'ordine mentale cui devo costringermi per definire una volta per tutte cosa farò da grande. E al momento ho rinunciato a citarli tutti qui.

Commenti

  1. Bellisimo articolo mi piacerebbe fare la crema di uova con i funghi, hai forse messo la ricetta?? Grazie e buona settimana.

    RispondiElimina
  2. Ciao Edvige, per rispetto nei confronti della scuola non pubblico qui le ricette del corso, ma trovi nel mio bloh la stessa crema in versione estiva e in versione primaverile. Sono entrambi buoni spunti, basta sostituire gli ingredienti "decorativi" con qualcosa di più autunnale ed abbondare, appunto, con i funghi. Questi i due link: http://acquavivascorre.blogspot.com/2015/08/cucina-giapponese-casalinga-estiva.html e http://acquavivascorre.blogspot.com/2012/04/una-preghiera-implicita.html

    RispondiElimina
  3. Grazie cara amica vado a vedere subito i funghi shitake li trovo anche freschi. Buona giornata

    RispondiElimina
  4. Congratulations on this great job and give us the opportunity to 'smart'!

    Voyance gratuite

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa per ac…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!