Passa ai contenuti principali

dedica a mio padre con arrosto ai funghi e fichi

Ho trascorso qualche giorno pensando con inconsueta frequenza a mio padre. Poi ho saputo (evidentemente il sangue non è acqua!) che era caduto e, una volta convintosi ad andare dal medico dopo giorni di resistenza, aveva scoperto di avere delle costole incrinate.

Avei voluto andare da lui ma credo di avergli fatto un favore rimanendo a casa mia, forzata da una stupida influenza. Lui è uomo di altri tempi, con il dovere morale di mostrarsi una roccia: avrebbe mal sopportato l'ennesima persona al suo capezzale preoccupata per lui.

Nei giorni precedenti, quando pensarlo era inconsapevole del suo attuale disagio, avevo elaborato una ricetta che mi sembrava adatta al suo gusto. Così, appena la febbre mi ha dato tregua, ho cucinato come fosse per lui. La mia ricetta ha funghi e fichi ed il motivo, appare evidente, non è certo la stagione!

D'estate in monagna portava sempre noi bambini nei boschi, insegnandoci a cogliere i mirtilli senza rovinarne le piantine e a distinguere i funghi buoni da quelli "matti". Ogni  raccoglieva certi funghi speciali, che lui chiama "prataioli" (nome in realtà riferibile alle molte varietà... tra cui non ho mai visto la sua!) e li metteva sottolio, perdendosi a pulire anche i funghetti più piccoli e a riempirne almeno un vasetto a testa, più quello grosso che conservava lui in cantina e che si apriva a Natale, come tradizionale e attesissimo antipasto "di famiglia".
L'estate scorsa è stata l'ultima: troppo rischioso vagare ancora da solo nei boschi, troppa fatica le ore  passate a invasare. Certo, ho imparato da lui a prepararli come si deve, la cosa un po' mi consola della futura mancanza degli originali, ma quando vado per boschi ho troppa poca vista e costanza nella ricerca per metterne mai insieme abbastanza anche per un solo barattolo!

I fichi invece sono il mio frutto preferito, di cui avevamo una pianta nel prato della vecchia casa di famiglia da parte svizzera. Mio padre lì ci ha insegnato a non arrampicarci sul fico: è un albero traditore, diceva, i suoi rami potrebbero spezzarsi senza preavviso! Così ci coglieva lui quelli che stavano più in alto, badando che non "facessero troppo latte", cioè che non uscisse troppo siero bianco dal picciolo, segno che il fico era ancora acerbo, così avremo evitato il mal di pancia.

Una ricetta nata pensando a mio padre, quindi, non può che partire dai funghi e passare dai fichi, per poi approdare in un arrosto, piatto che mia madre non prepara mai e dunque risulta "speciale" a prescindere, proprio perchè non ha fatto quasi mai parte dei nostri pranzi domenicali di famiglia.

Devo ricostruire però la stagione: i funghi sono semplici champignon coltivati, arricchiti da una manciata di porcini secchi (sempre dono di mio padre), mentre per i fichi uso quelli secchi, dono del padre dell'essere, che come ogni Natale anche questa volta ci ha riempito di frutta secca di ogni genere, come da immancabile tradizione napoletana. Mi piace, in fondo, avvolgere entrambi i papà, uno del Nord e uno del Sud, in un unico, profumato abbraccio.

Per favorire la compresenza di funghi e fichi penso prima ad aromi che funzionano con entrambi, come pepe e alloro, e poi completo con qualche profumo "dei miei", poco classico per un arrosto dedicato a due Italiani di altri tempi ma perfetto con fichi, funghi e con la carne semplice della coppa di maiale: uno spunto nordico è la senape, uno più mediterraneo il coriandolo, ed uno perfetto "dalle Alpi alle Piramidi" il cumino: l'arrosto per abbracciare mio padre e mio suocero è in forno, alla faccia di tutte le costole ammaccate di questo mondo!
ARROSTO DI COPPA AI FUNGHI E FICHI, CON PATATE DOLCI
ingredienti per 4 persone:
1 trancio di coppa di maiale da 700 g
4 patate dolci, in tutto ca 650 g
800 g di champignon
2 cucchiai di porcini secchi
3 bei fichi bianchi secchi morbidi, circa 60 g
2 grossi spicchi di aglio
2 foglie di alloro
1/4 di cucchiaino di semi di coriandolo
1/4 di cucchiaino di semi di cumino
1/4 di cucchiaino di semi di senape gialla
3 grani di pepe nero
10 g di di burro
4 o 5 cucchiai di olio
sale

Sbucciare le patate dolci e tagliarle a dadini, tuffandole in una ciotola di acqua fresca a mano a mano che vengono pronte. Scolarle e semi-cuocerle a vapore (io nel microonde a 950 w per 5 minuti).

Ammollare i porcini per 10 minuti in mezza tazza di acqua tiepida; scolarli, filtrare la loro acqua e dividerla in due. Tagliuzzare i porcini più grandi. Tagliare i fichi a pezzetti di 1 cm e ammollarli in metà dell'acqua dei funghi.

Mondare e tagliare a fette gli champignon. Pestare 1 spicchio di aglio e metterlo in tegame con 1 foglia di alloro, 2 cucchiai di olio e il burro. Unirvi champignon e porcini e cuocere a fuoco medio per 30 minuti, unendo sale e un po' dell'acqua dei porcini filtrata, fino a che sono morbidi e dorati. Unire i fichi scolati (conservare l'acqua), regolare di sale, pepare delicatamente, mescolare bene e spegnere.
Tagliare la coppa a spirale e farcirla con il mix di funghi e fichi, dopo aver eliminato aglio e alloro. Richiudere e legare bene la carne.
Pestare insieme coriandolo, cumino, senape, 1 spicchio di aglio sbucciato, la foglia di alloro (meglio secca, si sbriciola più finemente), i grani di pepe e una presa di sale grosso. Massaggiare bene tutta la superficie della coppa farcita con la pasta di spezie.
Scaldare un paio di cucchiai di olio in un tegame che vada in forno e rosolare la carne su tutti i lati, in modo che sia dorata e sigillata.

Unire nel tegame le patate dolci, salarle, mescolarle bene al fondo, ungendole se serve con altro olio.
Irrorare con i liquidi rimasti da funghi e fichi e cuocere in forno ventilato a 180 °C per circa 50 minuti, voltando la coppa a 3/4 di cottura.

Levare dal forno, coprire e lasciar riposare una decina di minuti.
Levare lo spago, tagliare l'arrosto a fette spesse e servire con le patate dolci a fianco.
  • rivoli affluenti:
  • di nuovo chiedo venia per le foto, che sono ancora scattate con il cellulare e senza possibilità di luce decente. Per fortuna la macchina fotografica sta per tornare all'ovile!

Commenti

  1. Bellissima ricetta e ricordi profumati che condivido pienamente...

    RispondiElimina

  2. j ai passé un bon moments et j en ai eue plein les yeux!!!
    voyance gratuite

    RispondiElimina
  3. Thanks to you, I was able to learn a lot of interesting things. I hope to learn more. I congratulate you on these wonderful shares. Keep going !

    voyance par mail

    RispondiElimina

  4. Tech world is introducing you to their social media techniques to gain that brand personality you are lacking.
    Best Social media marketing services in Pakistan

    RispondiElimina
  5. He is an American professional wrestler currently signed to WWE, performing on the Raw brand
    Shelton Benjamin Information

    RispondiElimina
  6. His estimated net worth is around a whopping $7 billion, as of March 2021 according to our news reports.
    Edward Thorp net Worth

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!