Passa ai contenuti principali

Gualandi reprise

No, non vorrei aver dato al tutto un senso limitato. Parlando l'altra volta del libro di ricette di Renato Gualandi ho forse reso l'idea di una raccolta di ricette popolari del dopoguerra, di classici dell'alta cucina anni '60 ed '80 e di preparazioni a base di erbe "[...] semplici e facilmente eseguibili anche da chi in cucina non ci sta spesso". C'è tutto ciò, ma il libro è popolato anche da una marea di proposte originali, coltissime, curiose e a volte davvero sorprendenti.

Mi ritrovo oggi in frigo un mezzo avocado, così mi ricordo di alcuni flash che, nello sfogliare il libro di cui sopra, mi avevano colpito. Sono ricette sorridenti, e con la stessa allegria mi provo a riprodurle e miscelarle ad altro... anche se tutta questa incoscienza nel trattare liberamente una materia tanto più dotta di me rischia di farmi rasentare l'eresia!

La prima è uno Zabaione di avocado, che in origine nasce per accompagnare delle pernici ripiene. Diciamo che la cacciagione in generale non è tanto il mio genere... per di più oggi ho pure la scusa di non avere pernici sottomano, così glisso con eleganza. La servirò con involtini di lonza, speck e grana a scaglie, rosolati e poi sfumati con vino bianco, pochissimo rum e uno spruzzo di worchestershire sauce, decorando tutto con una dadolata di pomodori freschi.

Cito il testo originale dello zabaione, perchè anche la lingua ha un suo fascino classico che contribuisce alla piacevolezza del momento. Io ho solo aggiunto un paio di gocce di tabasco e sostituito marsala e cognac con vino bianco più una goccia di rum:

"In una casseruola a fondo conico mettete mezzo avocado ben maturo passato al setaccio e unite tre rossi d'uovo, mezzo cucchiaio di zucchero, un bicchierino di Cognac, uno di Marsala secco, due gusci di brodo; sbattete tutto molto bene a freddo con una presina di sale. Ponete la casseruola a bagnomaria lavorando in continuazione fino a ricavare un buon zabaione che toglierete dal fuoco al primo bollore."

La seconda ricetta è stata scelta per utilizzare i tre albumi avanzati dallo zabaione e qualche ritaglio di formaggio che piangeva frigo, tutti troppo piccoli per avere un senso individuale, tutti troppo orgogliosi per fondersi nel solito piatto "ai quattro formaggi".

Si intitola Offelle di bianco d'uovo. L'offella è un dolcetto diffuso nel Nord Italia in molte versioni, quasi tutte a base di bianco d'uovo, ma è anche un raviolo in una certa parte del Triveneto, e in Milano città la parola ofelè, "offelliere", è sinonimo di pasticcere.

Mi piace molto invece questa interpretazione fritta al formaggio che ne dà Gualandi, proprio perchè sono da sempre molto ingolosita dalle contaminazioni tra dolce e salato, e per di più la miscela di zucchero, formaggio, essenze floreali e spezie è mooooolto molto rinascimentale... Lo zucchero infatti, come molte spezie, dati i costi di importazione all'epoca era considerato un bene di lusso, dunque presente in molti piatti salati proprio come una della tante "spezie", soprattutto allo scopo di ostentare ricchezza e raffinatezza sulle tavole dei nobili e dei regnanti, a differenza del molto più diffuso e "popolare" miele.


Riporto qui delle dosi dimezzate rispetto al testo originale (con tra parentesi le mie varianti), con cui si ottengono una trentina di sgonfiotti:

250 gr. gruiyère grattugiato (ho usato 90 gr. di gorgonzola e 160 gr. di parmigiano)
75 gr. di farina
3 bianchi d'uovo
2 cucchiaini spezie miste ed erbe secche in polvere (ho usato una miscela svizzera per la fondue fromage: pepe nero, cumino, semi di senape, paprika, sedano, noce moscata e trifoglio)
1 cucchiaio zucchero
1/2 bicchierino acqua di rosa (2 cucchiai di acqua di fiori d'arancio)
olio d'oliva per friggere (di arachidi)
"Lavorate bene il tutto, infine incorporatevi i bianchi d'uovo montati a neve. Avrete scaldato, nel frattempo, dell'olio in una padella bianca; con l'aiuto di un cucchiaio fatevi cadere il composto con garbo. Fate ben dorare dalle due parti, passate un momento sulla carta assorbente e servite ben caldo".

Di nuovo evito iconoclasticamente la carbonara a cui Gualandi deve la sua fama e continuo ad adorarlo per tutto il resto della sua personalissima produzione!
(P.S.: ho provato anche le offelle con lo zabaione ma non rendono al massimo, meglio una salsina tiepida di pomodoro in cui si è sciolto appena un pizzico di cannella, mentre lo zabaione guadagna dal supporto del fondo di cottura della carne che gli gocciola sopra...)
  • rivoli affluenti:
  • fonte delle due ricette: Renato Gualandi, Erbissima. Pregevoli suggerimenti per adoperar meglio: Spezie - erbe - condimenti - aromi, Leopoldo Fusconi Editore
  • la rarità degli ingredienti come origine della formazione del gusto: Alberto Capatti, Massimo Montanari, La cucina italiana. Storia di una cultura, Editori Laterza

Commenti

  1. Non credo in cucina ci sia realmente il rischio di "rasentare l'eresia" perchè non esiste una bibbia che stabilisca il giusto e lo sbagliato... Puoi rischiare al massimo di non soddisfare i commensali ma non è nulla per cui si rischi il rogo!

    In qualche post precedente parlavi della cannella nelle preparazioni salate che qui vedo per la prima volta (e mi piace) ed ora apprendo come lo zucchero fosse prezioso e raro...

    ...che seguendo le tue orme io esca dalle mie e cominci ad apprezzare il lato storico/geografico/culturale del cibo? E' un rischio che correrei...

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!