Passa ai contenuti principali

la difficoltà di essere semplici

Mi piace la semplicità. E' una difficile conquista, da ottenere dopo anni di accoglimenti, riflessioni e scremature. Ed è altrettanto impegnativo mantenerla come abitudine di vita, per lo meno nei rapporti con se stessi e con gli altri. "Semplice" nel mio linguaggio non è sinonimo di "facile", bensì di "essenziale". Persino un grande architetto come Mies van del Rohe ha sostenuto che il vero segreto della qualità in architettura fosse proprio la sottrazione: "Less is more"...

In realtà ha detto frasi meno famose ma ancor più significative, per esempio nel 1956 in riferimento ad una committenza ricca e arida: "non voglio essere interessante, voglio essere buono!" o parlando nel 1938 dell'insegnamento dell'architettura: "attraverso gli scopi pratici siamo legati alla specifica struttura della nostra epoca, mentre i valori sono legati alla natura spirituale dell'uomo. I fini pratici riguardano solo il progresso materiale, mentre i valori che professiamo rivelano il livello della nostra cultura. Gli scopi pratici ed i valori differiscono tra loro, ma sono intimamente connessi. A che cosa dovrebbero riferirsi infatti i valori, se non agli scopi della nostra vita? [...] Ogni insegnamento di architettura deve spiegare queste relazioni e interrelazioni. Dobbiamo chiarire, passo per passo, che cosa è possibile, che cosa è necessario e che cosa è significativo. Se l'insegnamento ho uno scopo, è d'ispirare vera consapevolezza e responsabilità." 

L'arte di ottenere dei risultati semplici, insomma, è altamente complessa proprio perchè fondata su equilibri essenziali e difficili da individuare. In architettura, nell'insegnamento... ed anche in cucina! Non sempre le mie ricette in questo senso sono semplici nell'esecuzione, ma arrivano spesso ad un equilibrio "primario" nel gusto finale, che coinvolge sapore ma anche, profumo, texture ed i gesti stessi con cui ci si relaziona a quello specifico piatto... Ad ogni modo cerco almeno di semplificarmi la vita nell'organizzazione delle ricette qui dentro il blog, descrivendole nei tag più per ingrediente che per portata o per esempio evitando etichette come "light" (ognuno sa regolare da solo il proprio regime alimentare) o "fusion" (a ben vedere quale piatto non lo è?!).

Quando uso l'etichetta "vegetariano", dunque, intendo descrivere davvero una caratteristica "semplice": l'assenza nella ricetta di carne o pesce e loro derivati (tipo salumi, bottarga, ecc.). Nelle stesse ricette capita siano presenti però ingredienti di origine animale come latticini o uova. Non ritengo opportuno in questa sede analizzare motivazioni etiche o contromotivazioni nutrizionali che possono spingere ognuno verso un certo regime alimentare, ne' entrare nelle infinite sottodistinzioni dei termini che indicano chi esclude dalla propria alimentazione i prù svariati prodotti, compresi i vegetali che sono venuti a contatto con animali o che sono stati coltivati anzichè raccolti da produzioni spontanee... Io qui la metto così: semplicemente.

Mi è arrivato in casa un magnifico cestino di finferli. Ne ho fatto il tema della cena, con una zuppa autunnale molto tranquilla ed un secondo un pochino più complesso, di cui parlerò più avanti. Ognuno dei due piatti ha insomma una forma differente di "semplicità"...

Per la zuppa ho preso spunto dalle zuppe d'orzo svizzere ed altoatesine, che spesso favoriscono la cremosità del piatto con con un roux iniziale (cioè farina tostata nel grasso), che oltre a regalare il proprio aroma alla zuppa funge da addensante, oppure con crema di latte. A me piace in entrambe le versioni. Nel caso si preferisse le seconda, basta saltare il passaggio burro/farina e sostituire semplicemente 1/3 del brodo con crema di latte, a questo punto magari usando un formaggio di malga a piccoli dadini al posto del parmigiano.


Zuppa di cereali e finferli ai chiodi di garofano

ingredienti per 4 persone:
200 gr. di orzo, riso e farro premiscelati (ho usato il mix di tre cereali della Gallo perchè sono in parte precotti separatamente, in modo da uniformare i tempi della cottura finale)
300 gr.di  finferli
1 piccola cipolla,
1 spicchio d'aglio,
2 cucchiai di farina
1 rametto di rosmarino
2 chiodi di garofano,
1/2 bicchierino di Cognac
2 cucchiai di olio extravergine
10 gr. di burro
1 lt. abbondante di brodo vegetale
parmigiano grattugiato
sale
pepe al mulinello

Pulire accuratamente i funghi dal terriccio con un coltellino ed un panno umido. Se non si riuscisse a mondarli del tutto si possono sciacquare molto velocemente in un colino sotto l'acqua corrente e scolarli poi molto bene proprio un momento prima di buttali in padella.

Fondere il burro in una pentola, unirvi i chiodi di garofano e la farina e tostarla fino a che diventa color nocciola; allungarla quindi con il brodo (essendo un insieme di aromi da lasciare intatti eviterei di utilizzare per il brodo un dado industriale, eventualmente va bene anche solo dell'acqua salata o, ancor meglio, il magnifico dado casalingo di evelyne!), lasciando poi sobbollire piano coperto per una decina di minuti.

Nel frattempo affettare la cipolla, schiacciare l'aglio e farli insaporire un paio di minuti in un altro tegame con l'olio ed il rosmarino, unire poi i funghi, salare leggerissimamente e cuocere a fiamma media circa 15/20 minuti.

Unire il mix di cereali ai funghi, rimestare bene perchè si impregnino di condimento, cuocere un paio di minuti quindi sfumare con il Cognac, lasciandolo ben evaporare.

Versare quasi tutto il brodo bollente nel tegame, mescolare bene, coprire, abbassare la fiamma e lasciar cuocere circa 15 minuti, fino a che i cereali sono quasi completamente morbidi, unendo se serve qualche altro cucchiaio di brodo se si dovesse asciugare troppo.

Unire a questo punto un paio di manciate di parmigiano, regolare di sale, pepare abbondantemente e lasciar riposare coperto a fuoco spento per 2 o 3 minuti, in modo che la zuppa si compatti leggermente. Se invece piace più liquida meglio cuocerla per 18 minuti, regolare di sale e pepe e servire subito, con il formaggio a parte.
Dato che la zuppa riposando tende ad asciugare, se ne avanza un pochino il giorno dopo ci si ritrova una specie di risotto, adattissimo a fare delle corocchette con l'aggiunta di uovo, formaggio grattugiato e pangrattato, oppure ad essere consumato in forma di frittata...
  • rivoli affluenti:
  • Leonardo Benevolo, "L'opera di Mies van der Rohe" in Storia dell'architettura moderna, 1960/1983

Commenti

  1. Condivido in pieno la scelta della 'semplicità' in cucina come sinonimo di essenzialità, indipendentemente dalla laboriosità di un piatto. Affrontavo l'argomento, anche se con una prospettiva differente nell'ultimo post pubblicato.
    Belle le frasi di "Mies Van der Rohe" del quale ho visitato a Barcellona la ricostruzione di un padiglione che aveva realizzato tempo addietro. Per ignoranza tecnica non lo apprezzato fino in fondo...ma l'architetto che era con me il senso del suo lavoro me lo ha spiegato abbastanza bene. La zuppa la trovo strepitosa nella sua grana elementare. Se mi capitano a tiro dei finferli provo il tuo piatto senza ombra di dubbio! Grazie come sempre e buona giornata

    RispondiElimina
  2. ciao belessa!
    considerando il mal di gola che mi sta spiazzando, direi che trovarmi davanti a questa "coccola" mi ha fatto pensare che potrebbe anche essere un toccasana per il fuoco che arde laggiù vero le tonsille..... baci!!!!

    RispondiElimina
  3. @gambetto: guarda, ho assaggiato ieri sera un piatto fa-vo-lo-so che in sostanza... era un uovo con due consistenze! Quando mai forse riuscirò a riprodurlo, dopo anni di esperimenti, magari riparliamo del significato filosofico della semplicità...

    @babs: magari per il mal di gola era più efficace la zuppa thai: o risolveva in un lampo... o ti devastava del tutto!

    RispondiElimina
  4. Sembra che pensiamo all'unisono, stavo appunto riflettendo anch'io sulla semplicità (a dire il vero la mia è una rilessione continua su tale argomento che mi sta molto a cuore) e sono capitato pure sul sito (e la visione della vita) di Pietro Pacelli.
    Tu che ne pensi ?

    RispondiElimina
  5. Trasmettere vera consapevolezza e responsabilità?

    Difficile ma bellissimo: potrebbe essere la missione sia di un genitore, sia di un amico vero, sia di un fratello.

    Mi piace: ci devo meditare...

    RispondiElimina
  6. OT, OT, OT - Devo ricorrere ad Acquapedia: come togliere dalle dita l'odore di cipolla? Si, e' banale, ma ne ho provate tante e nessuna ha risolto definitivamente. Puoi aiutare?
    Grazie in anticipo :-)


    PS - Eviterei la bollitura delle dita, come qualche foodblogger birichina aveva suggerito..

    RispondiElimina
  7. @mais: sinceramente non lo conosco. Per quel poco che so di lui "mi perplede" un attimo la sua volontà di scrivere un libro per migliorare le persone che lo leggono ed in generale il mondo... Più che ascoltare chi detta il verbo mi interessa capire meglio le persone che ho intorno (mai letto niente di D. Goleman sull'intelligenza emotiva?).
    Per riflettere sulla natura della semplicità, invece, mi ha affascinato una serie di dibattiti dall'approccio olistico tra un docente di fisica ed un filosofo. E' di qualche anno fa, non ricordo i nomi, ma se ti interessa vado a recuperare gli appunti...

    @virò: spesso gli insegnanti che ho conosciuto erano talmente amanti della propria materia da essere convinti che fosse la chiave di soluzione a tutto. Agli architetti capita spesso...
    Nei rapporti familiari invece credo che la trasmissione della consapevolezza non abbia componenti demiurgiche ma sia puramente una delle basi fondanti dell'amore...

    RispondiElimina
  8. @corradoT: un sistema tradizionale è strofinarle con il prezzemolo (però poi profumano di prezzemolo...); io le sfrego sotto l'acqua corrente con un oggetto di acciaio, come fosse un sapone. In genere funziona...

    RispondiElimina
  9. Che introduzione, è sempre un grande piacere leggerti. Ed è vero la semplicità è difficile, pochi elementi che devono pero' sposarsi alla perfezione. Con questa zuppetta sembra tu ci sia riuscita!
    Buona serata

    RispondiElimina
  10. @dada: grazie e buona serata anche a te

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!