Passa ai contenuti principali

rassegnata al dolce

Questo è un post senza costruzione, raccoglie semplicemente i gesti di una domenica mattina un po' svogliata. Ma ogni tanto fa anche bene mollare un pochino la presa...

 Domenica scorsa si sono presentate una serie di concause... non so che mi è preso... ed è stato come "inevitabile" cascare in una torta! Della probabile ragione per cui non sono golosissima di dolci ho già detto parlando delle mie "traumatiche" esperienze infantili (!!!), ma tant'è, qua e là e destino che mi ci debba rassegnare...

Piccoli ospiti ultimamente mi sono girati per casa ed il mio piano durante le scorse settimane era organizzare una megapasticciata biscottifera, in cui avremmo preparato insieme biscottini di ogni forma e sapore. Il tempo però se ne volava sempre in altri lavoretti creativi, così per non arrivare sguarnita all'ora di merenda mi sono lasciata irretire da un'offerta speciale di biscotti.

Gli ospiti hanno gradito, ma la scorta era forse eccessiva ed ora che le visite si sono rarefatte mi trovo in dispensa ancora qualche pacchetto di biscotti di cui non sono golosa e che ci metterei una vita a smaltire... a meno di non usarli tutti insieme in una botta sola! Ok: come?

Beh... è domenica, fuori piove, l'idea del profumino sprigionato dal forno caldo diventa confortante, la mattinata è libera, due cachi occhieggiano dalla fruttiera... Un po' controvoglia mi sono convinta che il mio destino sarebbe stato dolce. Metto cachi e biscotti vicino e lascio vagare la mente...


Da bambina odiavo i cachi, quando poi ho scoperto che sia il frutto che il loro nome sono di diretta discendenza giapponese... per uno stranissimo legame tra conoscenza e gusto ho cominciato a riconsiderarli.
E decido che sì, oggi ci provo con un dolce, ma con i prossimi chissà...


Cheesecake ai cachi e nocciole con salsa caramellata
ingredienti per una tortiera tonda da 23 cm.:
una confezione da 230 gr. di biscotti Grancereale con fave di cacao
2 cachi maturi (c.a 430 gr. in tutto) del tipo loti (i vaniglia, che sono più sodi, qui non sarebbero il massimo)
15 gr. di nocciole sgusciate e spellate (+ 4 o 5 per la decorazione)
320 gr. cream cheese (ovvero in Italia formaggio cremoso tipo Philadelphia)
80 gr. di yogurt greco compatto (nella versione americana si userebbe la sour cream... ma se non piace il sapore acidino in assoluto si può sostituire anche lo yogurt con metà panna liquida e metà ricotta)
80 gr. di burro
2 fogli di gelatina alimentare
50 gr. di zucchero semolato
1 cucchiaio e 1/2 di zucchero di canna

Mettere da parte 4 biscotti e frullare il resto con le nocciole e lo zucchero di canna fino ad ottenere una granella sottilissima, quasi una polvere. Nel frattempo accendere il forno a 190°.

Fondere il burro al microonde (o scioglierlo a bagnomaria, in modo che non frigga) ed incorporarlo alla polvere di biscotti, rimstando perchè sia tutto ben amalgamato e compatto.

Stendere l'impasto di biscotti in una tortiera a cerniera con i bordi alti creando una "vaschetta" di spessore uniforme che risalga anche sui lati per un paio di centimetri (io per sicurezza ho foderato lo stampo con carta forno bagnata, strizzata ed asciugata, ma penso se ne possa fare tranquillamene a meno) ed infornare per circa 7/8 minuti, quindi lasciar raffreddare fuori dal forno posando la tortiera su una gratella.

Nel frattempo mettere a bagno la gelatina in una ciotola di acqua fredda e svuotare per bene i chachi con un cucchiaio (se sono sodi ridurre la polpa a pezzettini, ma assicurarsi che siano comunque molto dolci), frullarne la polpa e passarla poi al setaccio.

Scaldare un paio di cucchiai di polpa di cachi fino al bollore, spegnere e sciogliervi la gelatina ben strizzata, quindi lasciar raffreddare.

Rimettere metà del passato di cachi nel frullatore con il formaggio e lo yogurt, miscelare bene quindi unrvi la polpa alla gelatina e mescolare di nuovo con cura.

Versare la crema di formaggio nel guscio di biscotti oramai freddo, livellare bene e tenere in frigo almeno 3 ore (ma va bene anche tutta la notte).

Scaldare in un tegamino di acciaio lo zucchero bianco con 50 ml. di acqua in modo che si sciolga, quindi portare a leggero bollore e cuocere per circa 2 minuti, in modo che lo sciroppo cominci appena a caramellare.

Unirvi il passato di cachi rimasto e cuocere un altro paio di minuti dalla ripresa del bollore; spegnere quando si sentono bene sia l'aroma del frutto che quello del caramello, lasciar raffreddare e tenere coperto fino al momento di servire.

Poco prima di servire sganciare i bordi della tortiera, far scivolare la torta su un piatto da portata e spalmarvi sopra la salsa caramellata, decorando con un paio di biscotti spezzettati e le nocciole rimaste (che qui non ci sono perchè una manina furba e un po' ladruncola interferiva con la decorazione!)
  • rivoli affluenti:
  • per la ricetta base dei cheesecake senza cottura: Martha Day, Classic Puddings and Pies. Traditional recipes for delectable desserts, Hermes House 

Commenti

  1. Anche io domenica mi sono cimentata con un esperimento tra cachi e nocciole :-)))per cui immagino il sapore del tuo favoloso cheesecake! Slurp!

    RispondiElimina
  2. @twostella: ma dai, io intanto stavo leggendo proprio adesso del tuo bellissimo patè...

    RispondiElimina
  3. non ci posso credere! TU hai fatto UN DOLCE????? adesso può succedere di tutto :-DDDD
    scherzi a parte, hai fatto veramente un bel miscuglio e una bella torta, me ne hai lasciata una fettina da assaggiare?
    :-)

    RispondiElimina
  4. E'incredibile...riesci a trovare sempre un fil rouge che volge ad oriente :-P
    Mi piace la grazia con la quale ti sei accostata a questa preparazione dolce...che siii ho capito nasce per una esigenza pratica...ma non è che poi la cosa ti piace e fai i conti con il passato passando a produrre tutte le varianti orientali di pasticceria?! :-P Ovviamente scherzo ma i complimenti sono sentiti :-)

    RispondiElimina
  5. @babs: beh, con te che fai tagliatelle e ravioli non ci si deve stupire più di niente...

    @gambetto: la pasticceria giapponese è legata alla cerimonia del tè e quindi non mancherò di parlarne. E di certo mi intriga di più cimentarmi con dolcetti arabi o indiani che con i nostri dolci classici, sarà perchè il mio gusto della scoperta in quel caso supera abbondantemente la scarsa golosità di fronte al dolce...

    RispondiElimina
  6. Ma...allora...sei umana anche tu!

    RispondiElimina
  7. Bellismo dolce, veramente particolare, in questi giorni sto scoprendo sempre di più la versatilità di questo frutto!a presto

    RispondiElimina
  8. Ciao, mi intrufolo qui per suggerirti di dare uno sguardo da me, ho lanciato ul mio primo contest. E' un po' difficile, ma e' stuzzicante. Se non altro mette in moto le rotelline della mente.
    Ciao, buona giornata :-)

    RispondiElimina
  9. buonissimmi i cachi, anzi mi hai fatto venire in mente una cosa che mi racconta sempre mia nonna.
    quando lei era giovane, era in ospedale perchè era in attesa di una mia zia, una signora in visita accanto alla gestante del letto a fianco si lamentava dell'orario e non sapeva cosa fare al marito. mia nonna scherzando disse: " Io a mio marito faccio sempre la pasta con i cachi" la signora stupita chiese la ricetta...mia nonna credeva che avesse capito che stava scherzando, ma invece no, l'indomani la signora è tornata con un occhio nero...

    RispondiElimina
  10. @virò: sono purtroppo mooolto umana, però un po' meno golosa di dolci...

    @milla: grazie, vedrai ora che ti combino con i cachi...

    @corrado: ho un paio di ricette già in programma che si avvicinano alle tue richieste. Le foto sono già fatte, se ti va posso scriverne le varianti per adeguarle alle tie regole...

    @aria: pasta con i cachi? Mi tenti con un'ideuzza... In fondo perchè mai porre limiti alla divina provvidenza? Questa sì che è una sfida! CorradoT: hai sentito?!

    RispondiElimina
  11. Grande Acquaviva! Procedi. Saresti giusto la prima...

    RispondiElimina
  12. @aria: ma sono 3 su 5? Guarda un po' il mio blog, per favore :-)

    RispondiElimina
  13. Chissà se leggi i commenti anche di post così "vecchi"? Lo spero!!! Questa ricetta farà impazzire un mio grandissimo amico, e in più ci divertiamo a volte a fare i dolci insieme. Vorrei fare questa ricetta con lui e poi lasciargli il dolce da potare a casa, ma le tre ore di riposo prima del caramello sono un problema. Dici che facciamo un casotto, se lo facciamo subito dopo aver spalmato la crema senza aspettare, e solo poi mettiamo in frigo a riposare??

    RispondiElimina
  14. @emily: be', puoi anche spalmare il caramello sulla torta appena entrambi sono ben freddi, unendo anche le nocciole; magari eviterei il decoro di biscotti, che altrimentipoi in frigo si inumidisce e si smolla. L'unico rischio, se la base non è un minimo rassodata, è che il caramello si unicsca alla crema. Il gusto non ci rimette, l'estetica forse un po' sì...

    RispondiElimina
  15. Infatti era proprio quello il dubbio, ahimè. Che il caramello si unisca alla crema rovinando l'estetica di un dolce da regalare.. Ci proverò. Molto gentile, comunque ^^ grazie!

    RispondiElimina
  16. @emily: un'alternativa è regalare la torta "bianca" con un vasettino di caramello a parte ed un bel bigliettino che spieghi come spalmarglielo sopra...

    RispondiElimina
  17. Alla fine è andato tutto bene..ho fatto la base con le mandorle (nocciole sparite ehm ^^) e meno zucchero, ho messo la salsa non appena raffreddata facendo attenzione che non si mischiasse alla crema di formaggio.
    L'ho regalata ed è stato un successone ;) mia madre che l'ha assaggiata ha messo il muso perchè non l'ho regalata a lei, e adesso devo rifarla! Eheheheh direi che la tua ricetta ha fatto colpo. Grazie, e complimenti! :)

    RispondiElimina
  18. @emily: figurati, adesso abbiamo imparato entrambe che la salsa si può "osare" senza attesa...

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!