mercoledì 13 gennaio 2010

senza tempo

Totale silenzio riguardo all'iniziativa del Pay It Forward. Chissà se c'è semplicemente bisogno di pensarci sopra con più calma oppure è proprio un'idea balzana in sè che qui dentro non avrebbe mai potuto funzionare... La provo a spostare di lato per evitare che venga fagocitata dalla successione di post in arrivo e la lascio in vista ancora un po'. Così ho più tempo anch'io per capire meglio. Anche perchè oggi di tempo per fermarmi a pensare non ne ho proprio!

Ieri sera ho preparato delle lasagne e, senza pensare, ho lasciato i quadrotti di sfoglia avanzata a seccare su un telo per tutta la notte, immaginando di poter scegliere oggi se utilizzarli per dei ravioli aperti a pranzo, se riporli in dispensa oppure se surgelarli. Questa mattina invece mi sono trovata una bella sorpresa...


La sfoglia si era tutta crepata! Dapprima ho pensato alla soluzione più semplice: completare l'opera di sminuzzamento per farne dei maltagliati e mi sono messa di buona lena a spezzettare. Ne è uscito un bel montarozzo di ritagli a cui più avanti troverò il destino.... E poi è squillato il telefono: "Ci troviamo stasera per un aperitivo?"

Suonava divertente, così è nato questo post superveloce, esattamente come la seguente ricettina... "senza tempo" (sia perchè va di fretta, sia perchè è eternamente replicabile e modificabile), che racconto brevemente prima di scappare... Ecco dunque, in due parole, come una bella manciata di quegli scampoli di pasta è stata convertita in una nuvola di:


Chips di maltagliati

ingredienti:
150 gr. di sfoglia fresca (fatta con 1 uovo, 100 gr. di farina e 1 pizzico di sale e stesa sottile come per ravioli, oppure qualche rettangolo di sfoglia da lasagne pronta, fresca o secca)
1 cucchiaio di za-tar*
sale
zucchero
olio per friggere (io uso quello di arachidi)

(* lo za-tar è una miscela di spezie ed erbe essicate e poverizzate. Di origine medioevale, è diffusa nella cucina araba e mediorientale e comprende sempre semi di sesamo, timo od origano ed un pizzico di sale. Nella mia versione ci sono anche: anice, cumino, summac, semi di finocchio, semi di coriandolo, ceci tostati e pistacchi. Si può sostituire con un'altra miscela di spezie a piacere.)

Tagliare la sfoglia fresca o spezzettare la sfoglia secca a pezzetti irregolari.


Friggere pochi pezzi per volta per qualche secondo in olio ben caldo (ma non bollente, altrimenti bruciano!), pronti a levare subito le chips con una pinza od un ragno.

Mettere a scolare su carta assorbente e spolverizzare con le spezie, poco sale e pochissimo zucchero e servire subito, come snack per un aperitivo oppure come ingrediente croccante di una insalata mista. Spolverizzati di solo zucchero, pepe e cannella sono perfetti invece sbriciolati su frutta cotta, macedonia e/o gelato...
  • rivoli affluenti:
  • per un po' di idee sulle miscele di spezie: Jill Norman, El gran libro de las especias. Guìa pràtica de las especias y semillas aromàticas, El Pais Aguilar

16 commenti:

  1. ...avrei preferito una sorte più...pastosa. Originale come sempre l'idea !

    RispondiElimina
  2. @grey: don't worry, le declinazioni successive sono in arrivo... mica potevo friggere mezzo chilo di pasta!

    RispondiElimina
  3. Ogni volta che vedo qualcosa che mi ricorda le catene di S.Antonio giro lo sguardo, quindi non ho capito un Pif del Pif ma se ti serve una volontaria per ricevere una leccornia eccomi qua! (O forse no perchè è solo per blogger, nè?)...

    Quindi...la tua idea di riciclo happy hour è proprio bella, mi ricordo di una volta in cui hai improvvisato un aperitivo friggendo dei tortellini da intingere in un'altrettanto improvvisata salsina all'avocado...

    (Com'era la salsina, te la ricordi?)

    RispondiElimina
  4. Che genietto :-))))))) brava !
    ciao , chiara

    RispondiElimina
  5. Grande idea per recuperare la pasta! :)
    brava!!!!

    ciao

    Terry

    RispondiElimina
  6. @virò: forse hai ragione tu... nonostante tutte le spiegazioni la sensazione probabilmente resta quella di una banalissima catena di sant'Antonio, a cui io per prima non partecipo mai per principio, nel blog come nella vita. Ma meglio di così non mi sono saputa spiegare. Pazienza, si vede che non ho trasmesso abbastanza.
    Quei famosi tortellini fritti erano una sorta di wanton improvvisati, sinceramente la salsa di avocado... vattlapesca... nemmeno me la ricordavo...

    @chiara: genietto io?! E della tua kataifi allora cosa dovrei dire?!

    @terry: in effetti è proprio buona, oltre che divertente. E poi ogni volta te la spezi come ti pare...

    RispondiElimina
  7. Noo...non usare quel tono poverino! Non è che ti sei spiegata male tu è che ho letto io di corsa saltando le righe...

    Mo' torno indietro, leggo per bene e poi ti dico...

    RispondiElimina
  8. ok, ho letto per bene ed in effetti non è una catena di s.Antonio!

    La modalità sorprendente è che chi trasmette l'idea non riceve nulla da chi aderisce: originale!

    Ora che ne ho colto lo spirito mi chiedo come mai incontri così tante difficoltà tra i bloggers...illuminami!

    RispondiElimina
  9. @virò: ...a me lo chiedi?! Vorrei ricordarti che io sono una di quelli che ci ha pensato su un momento e poi ha aderito...
    Ma tieni anche conto che a me in assoluto sfuggono molte delle logiche dei blogger "professionisti", sia per inesperienza sia proprio per mia impostazione mentale.
    Forse dovrei tornare ai propositi inizali e passare oltre rinunciando a capire. Però lasciare la traccettina qui a lato devo dire che mi diverte molto... chissà nel tempo cosa può succedere!

    RispondiElimina
  10. Una ricetta geniale, senza tempo che ci salverà sempre! Poi i chips diventano cosi' più internazionali no? Buon fine settimana

    RispondiElimina
  11. dada: "geniale" mi sembra esagerato, una semplice intuizione del momento che casualmente si è rivelata azzeccata. Ma a volte combino di quei pasticci...
    Buon weekend anche a te e grazie

    RispondiElimina
  12. questa ricetta cade a fagiolo, una settimana fa abbiamo fatto i ravioli con ricotta di bufala, è rimasta della pasta che abbiamo spezzettato perchè ormai si era asciugata e crepata. corro a provarla.
    un caro saluto

    RispondiElimina
  13. iomilanese-laura16 gennaio 2010 17:03

    @ti seguo con fiducia cos' totale, che sono quasi disposta a fare la sfoglia, ricordare di dimenticarmela all'aria, per poi friggerla...missà, come dice qualche folletto belga...che esagero!buon we

    RispondiElimina
  14. iomilanese-laura sei fantastica! è quello che capita anche a me quando leggo i post di acquaviva, ma non osavo scriverlo !!!!!
    come si dice dalle mie parti "se siamo in due a pensarla allo stesso modo" .... in questo caso a provare la stessa "voglia" vuol dire che acquaviva ci ha "stregate"! brava acquaviva!

    RispondiElimina
  15. @aria: allora poi fammi sapere!

    @iomilanese & paola: dovremmo istituire una sorta di fanclub circolare: una volta mi alleo io con Laura per lodare Paola, una volta mi organizzo con Paola per osannare Laura, e se questa volta era il vostro turno dobbiamo solo stabilire come sarà il prossimo giro...

    RispondiElimina
  16. iomilanese-laura17 gennaio 2010 23:25

    @prossimo giro a sorpresa, dài!

    RispondiElimina