Passa ai contenuti principali

debiti di cioccolato

Mia sorella adora il cioccolato: ne parla, ne legge, ne cucina, ne mangia... una volta le abbiamo pure regalato una sessione di massaggi in cui glielo hanno spalmato addosso! Io non ne sono affatto golosa invece, a meno di considerarlo un ingrediente/spezia per qualche preparazione salata o molto originale. Insomma: svicolo!

Cucino dolci raramente, al cioccolato o cacao quasi mai... L'ultima volta che mia sorella mi ha chiesto un'idea per un dolce cioccolatoso le ho proposto questo con le melanzane... non si può proprio dire che io l'abbia fatto del mio meglio per accontentarla, insomma. Sarà per quello che non me ne ha domandate più, di ricette dolci?!

Oggi però preparare una torta al cioccolato credibile è per me quasi un obbligo morale: è il suo compleanno e, vivendo lontane, non posso per il momento che puntare su una sorpresa virtuale, rimandando al prossimo incontro il piacere di farle dal vivo un regalo vero e proprio.

E come sorpresa provo a rispondere a quella sua vecchia richiesta nei cui confronti si è come sviluppato un debito. Offro la ricetta per una torta "vera". L'abbinamento cioccolato, banane e panna è un classico, la base lievitata pure... l'utilizzo finale di questa base ed il tipo di panna lo sono molto meno e si rifanno ad un dolce tradizionale russo insegnatomi da un'amica di quelle parti.

Spero che, nonostante le (mie) inevitabili deviazioni su strade dall'effetto meno "classico", sia nel gusto che nell'aspetto alla fine quel che è venuto fuori sia abbastanza cioccolatoso per piacere anche a chi oggi si merita una torta di compleanno "seria" e decisamente un po' più goduriosa della (mia) media:

Auguri surèla!


Tort Bananovi - Torta di banane e cioccolato russa alla panna acida
ingedienti per una torta da 8/10 persone:
5 banane
100 gr. di cioccolato fondente da copertura
2 cucchiai di cacao amaro
150 gr. di farina
4 uova
380 gr. di zucchero
750 ml. di panna acida (*)
1 cucchiaino da tè di bicarbonato
1 o 2 cucchiai di aceto di mele
1 noce di burro
qualche cucchiaio di latte
qualche goccia di estratto di vaniglia

(* Se non fosse disponibile la panna acida, che spesso si trova nei nostri supermercati con il nome di crème fraiche, in questa ricetta è sostituibile con 700 ml. di panna da montare miscelata a 3 cucchiai di mascarpone e 1 cucchiaio di succo di limone, oppure metà panna e metà yogurt greco, e lasciata riposare in frigo un paio di ore.)
Sbattere le uova con metà dello zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, aggiungere 250 ml. di panna e diluire bene.

Sciogliere il bicarbonato nell'aceto fino a che comincia a fare schiuma ed unire al composto (questo è un passaggio che proprio mi ha affascinato...).

Unire all'impasto la farina setacciata miscelando bene e regolare eventualmente la densità con ancora poca panna o poca farina per ottenere una crema abbastanza fluida, che deve ricordare grossomodo la consistenza della nostra panna da cucina.

Dividere la crema in due parti di cui una un po' più abbondante ed a quest'ultima unire il cacao, mescolando fino a che si è sciolto in modo uniforme.

Versare gli impasti in due teglie (o cuocere in sequenza i due impasti nella stessa teglia) da 24 cm. di diametro foderate di carta forno bagnata e strizzata e cuocere in forno a circa 200° per 30 minuti, coprendone la superficie con un foglio di alluminio nel momento in cui dovesse scurire troppo, fino a che sono ben lievitate e morbide.

Lasciar intiepidire, sformare e fare raffreddare bene capovolte su una gratella. Nel frattempo montare la rimanente panna con il resto dello zucchero e la vaniglia, in modo da ottenere una crema abbastanza soda, da tenere in frigo fino all'ultimo momento.

Tagliare la torta al cacao a cubotti regolari di circa 3 cm. di lato, disporre invece la base chiara su un piatto da portata e spalmarlo con qualche cucchiaio di crema di panna.

Sbucciare e tagliare le banane a rondelle, disporne qualcuna sulla base chiara a coprire la crema ed unire il resto alla panna, tenendone da parte qualcuna.

Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente con il burro, unire quindi due o tre cucchiai di latte a filo e rimestare fino a che si ottinene una crema vellutata, quindi spegnere e lasciar intiepidire senza però che si solidifichi.

Unire alla panna anche i cubotti di base al cacao e con il composto formare sopra la base chiara una cupola, compattare bene ed infilare le banane rimaste qua e là a chiudere eventuali "buchi" della composizione.

Far colare il cioccolato tiepido sopra la cupola formando come una rete di fili (versione della mia amica russa)


oppure coprire completamente la cupola con il cioccolato fuso (versione mia), lasciandone anche raffreddare un pochino a parte in un piatto fino a che si indurisce.


Spezzettare in grosse briciole il cioccolato oramai solidificato ed infilare qua e là le scaglie nella cupola per terminare la decorazione.


Il dolce va conservato fuori dal frigo e consumato dopo un riposo di almeno un'oretta (ma entro le 12 ore).
Si può service con eventualmente qualche altra cucchiaiata di panna acida a parte, brindandoci sopra, se non si è astemi, con un bicchierino di vodka russa...
  • rivoli affluenti:
  •  non c'entra niente come trama, ma per l'atmosfera, lo stile, il titolo sì: Andrea De Carlo, Di noi tre, Mondadori

Commenti

  1. Non sai proprio resistere alle contaminazioni! Comunque la Smietana cremosa e spessa è una vera delizia, anche pr gli amanti del tradizionale. Poi se l'abbinamento è un bel 100 grammi di Stalichnaija, come direbbe il mio amico Zhenija, l'innamoramento è completo.

    RispondiElimina
  2. Una torta piu' seria o piu' goduriosa?....
    Bellissima,poi con la bottiglia "Schiapparelli/Man ray" al suo fianco diventa irresistibile.
    Forse non l'ho menzionato in un commento precedente quando si parlo' di questo argomento,
    ma ho uno strano libro sulla pasticceria russa,con delle ricette piuttosto inusuali,alcune delle quali cominciano con..prendete 40 uova....
    Quando torno a casa ti mando il titolo..
    Un bacio!

    RispondiElimina
  3. Oh mon Dieu!

    Passino la panna acida e il bicarbonato sciolto nell'aceto: ma questa è una torta vera, senza alghe nè melanzane!

    La dedicherei a tutti coloro che hanno la fortuna di avere una sorella: tesoro prezioso, presenza costante, uguale ma diversa, lontana ma vicina, affetto profondo, che capisce quello che pensi senza che ci sia bisogno di dirglielo, che condivide radici profonde ed indispensabili come l'aria...

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Cin cin ! all'autrice della torta , alla festeggiata , e a tutti quelli che la festeggiano ! Un abbraccio , chiara

    RispondiElimina
  6. @entrico: appunto...

    @edith pilaff: vero che la bottiglia rivestita di pelouche è un vero "tocco di finezza"?!
    Ovvio che aspetto il titolo russo (sì, ma tu... in che senso devi tornare?!)

    RispondiElimina
  7. @virò: per panna acida ed aceto discutine con la mia amica russa, per il sapore finale... gliela rifarò di pissona pissonalmente e poi ti dirà che ne pensa mia sorella!
    Grazie per l'inno alla sorellitudine, grazie in assoluto.

    @babs: ti ho scritto in privato...

    @chiara: ed un brindisi anche alle amiche, oltre che alle sorelle, oserei dire...

    RispondiElimina
  8. DA provare...assolutamente da provare...buona serata!!!

    RispondiElimina
  9. Tanti auguri a tua sorella, e complimenti a te per la magnifica torta!
    E' un tripudiogoduriosocremoso irresistibile, e quella bottiglia impellicciata è un vero tocco d'artista.

    RispondiElimina
  10. Tanti auguri alla sorella e cin cin cioccolatoso con quella bella pelliccetta...Grande ricetta...!!

    RispondiElimina
  11. Ciao,
    siamo una trattoria siciliana di Milano. Siamo in via Savona. Ci piace il tuo blog.
    Siamo appena partiti, ma posteremo tutto all'insegna della Sicilia: ricette, vini, racconti di città e cultura.
    Se ti va puoi seguirci.
    A presto!
    Trattoria Trinacria
    http://trattoriatrinacria.blogspot.com

    RispondiElimina
  12. Ciao,il titolo in questione e' La pasticceria russa di E. Casati- G.Ortona.Include ricette come "Mazurki di pasta frolla",Krendel'ki,Ragoulis d'orzo,Biejmel etc.MNon ho mai provato nessuna delle ricette,ma sembra decisamente interessante...
    P.S. Tornare nel senso tornare dall'internet cafe',non ho la connessione a casa...
    Un salutone!

    RispondiElimina
  13. Wow...strabordante di golosità, lussuriosa direi!!! che super torta!!! anche io come te non cerco il cioccolato, mi piace ma non è una fissa ...mi resta in casa mesi ... ma davanti ad una torta del genere cederei in tentazione!

    RispondiElimina
  14. Noooooooooooooooooooooo......una settimana assente da blog e dintorni e che ti scopro...che hai fatto un dolce per tua sorella!!! Non c'è più religione :)
    Vabbè che panna acida ed aceto sono pur sempre una tua degna firma...ma addirittura sentir dissertare di colate di cioccolato questo mi porta proprio alla commozione :PP ehehehhehehe
    La storia è costellata di conversioni..."fussechefusse la vorta bona" che ti converti definitivamente al mondo della pasticceria...OCCIDENTALE...MITTLEEUROPEA...meglio essere precisi con te...che ti vedo sugli Urali a contenderti con i pastori un dolce di bacche e latte acido con bacche rosse selvatiche! :D ahahahaahahhahaha
    AUGURISSIMI alla sister allora!! :))))))

    RispondiElimina
  15. Alla faccia del dolce di chi non fa mai dolci!!!!!
    Banana/cioccolato è un must, in questo caso rinnovato con altre tradizioni di combinare le due bontà. Hai un futuro anche come pasticcera...:-)))
    baci

    RispondiElimina
  16. @eli.fla: e allora provala...

    @muscaria. i complimenti andrebbero alla mia amica russa che mi ha passato sia la ricetta che la bottiglia vestita, io mo sono limitata a riprodurre pa prima e fotografare la seconda...

    @glu.fri: mi accorgo di essermi di colpo immera nel girone dei golosi, a quanto pare... Comunque per l'occasione, devo ammetterlo, lo sono diventata anch'io...

    @annamaria simonini: considero la faccenda con l'occhio critico di chi osserva degli esperimenti di comunicazione alternativa.
    Non capisco quanto voi siate consapevoli che il vostro non è un modo di fare ortodosso. Sarebbe meglio evitare strumetalizzazioni di questo tipo nei confronti di sapzi altrui e dichiarare preventivamente gli intenti commerciali al titolare del blog in via privata prima di entrare "in diretta" con comunicazioni in po' forzate rispetto all'ambito.

    @edith pilaff: grazie, efficientissima, me lo segno subito. Certo che non ti ferma niente e nessuno!

    @terry: cedi, cedi... questa volta mi son lasciata travolgere anch'io!

    @gambetto: è vero, ho preparato una torta quasi normale... ma questa settimana ho anche fritto della trippa in pastella!

    @mariuzza: no no, qui che se ne intende di dolci e forni non sono io... diciamo che questa volta mi è andata di... fortuna!

    RispondiElimina
  17. Ho provato questa meraviglia ed è ottima anche se la mia preferenza assoluta in tema di dolci al cioccolato rimane la torta Sacher.

    RispondiElimina
  18. ciao! volevo invitarti a partecipare alla mia raccolta sui dolci da regalare agli amici a natale...http://japanthewonderland.blogspot.com/2010/11/la-nostra-prima-raccolta-regalo-di.html
    passa a dare 1 occhiata se vuoi, grazie! ^__^

    RispondiElimina
  19. @grei: eddai, è già tanto che abbia provato a cucinare dolci con una torta "umana", perchè pretendi di catapultarmi nell'ipergalattico?! La volta che preparerò una sacher sì che nevicherà...

    @sayuri: be', non è che ci azzecchi tanto con i dolci... Grazie dell'invito... magari ci provo ma devo prima prepararmi mentalmente!

    RispondiElimina
  20. Scusami Acquavì, ma dire che non ci azzecchi tanto coi dolci dopo aver pubblicato una goduria del genere fa veramente rotolare dal ridere!!! :-D

    La torta è spettacolare, ed avendo già sperimentato il connubio cioccolato-panna acida grazie a (o per colpa di) raravis, so già che è vincente.

    Grandiosa preparazione, un inno alla sororitas!!! :-D

    P.S.: che belle cose ha scritto Virò sulle sorelle! Anche per me e mia sorella è così.

    RispondiElimina
  21. @mapi: sai cosa? Non essendone glosa, quando cucino i dolci non trepido tutto il tempo pregustandomi il risultato finale. Forse per questo alla fine mi sembrano "meno riusciti" rispetto ai piatti salati.
    Probabilmente Virò è stata così brava perche sis tava guardando allo specchio...

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!