Passa ai contenuti principali

con le capre, tra Arabia, Russia ed Ungheria

Quando ho letto che l'Araba Felice invitava a riprodurre una sua ricetta mettendo in palio il piacere puro del gioco della condivisione e che il paio di ghiotti attrezzini da cucina oggetto del suo giveaway sarebbero stati distribuiti con il salomonico criterio dell' estrazione a sorte,  mi son detta: queste sì sono motivazioni per partecipare!

Inizialmente, forse in sintonia con l'umore di quel momento agli inizi di giugno, avevo inspiegabilmente (!!!)pensato ad un fritto, tipo le frittelle di Marietta, i pakora o gli sfizi di gamberetti. Poi, alla luce della montagna di frittelle pazzesche che mi ha sommerso con l'MTC di giugno, chissà com'è... ho cambiato idea!

Naturalmente solo ora, che sono riuscita a uscire viva dall'assalto di quei kaki-age che per un mese nella mia vita sono spuntati ovunque, mi sono resa conto con terrore di quanto la scadenza dell'Araba fosse vicina. Ho provato a raccogliere le idee per selezionare con  calma in quale delle sue golose ricette cimentarmi ma ci è voluto un momento per recuperare una qualche sorta di lucidità... e nel frattempo qualche altro giorno era passato!

Tutto ciò per dire che ho scelto di riprodurre i suoi blinis allo yogurt al posto di qualche specialità più complessa e laboriosa ma che non si tratta di vigliaccheria. E' solo che mi erano già simpatici di partenza, erano oggettivamente semplici e veloci  e soprattutto... ho ficcato il naso in frigo e dispensa di domenica mattina per verificare cosa avessi in casa e tutto quel che serviva era, guarda un po', proprio a portata di mano. Insomma sono stati loro a chiamarmi...

Mi capita abbastanza spesso di preparare blinis stile pancakes un po' empirici di mia fantasia, ed ho oramai preso la mano anche con i blinis imparati da una  amica russa, che li lascia sottili e ampi come crêpes e li mangia caldi caldi, appena intinti nello zucchero (e li pubblicherò pure, prima o poi...). Questa versione però dell'Araba, con tutti quei begli albumi montati, mi è sembrata davvero sfiziosa.

Per la base dunque ho seguito proprio maniacalmente la sua ricetta, sostituendo semplicemente latte e yogurt normali con latte e yogurt di capra. Be'? Che c'è di strano?! Quelli avevo in frigo. E poi lei non specifica che origine debbano avere i latticini impiegati. Che ne sappiamo noi: magari lei senza parere ha usato latte di asina e yogurt di cammella...

Per l'accompagnamento, invece, ho sostituito salmone e panna acida della sua ricetta originaria (che tanto oggi nel mio frigo non ci sarebbero comunque stati...) con qualcosa che secondo me legava meglio con lo "stile caprino" che aveva involontariamente assunto la mia verisone dei blinis. Basandomi di nuovo su ciò che avevo in casa, alla fine,  i blinis russi dall'animo caprino sono loro malgrado diventati anche un pochettino... ungheresi!

Riporto qui gli ingredienti della ricetta originale dell'Araba Felice con tra parentesi le mie varianti per i


Blinis dell'Araba Felice (con variazione caprina)
per circa 25 blinis da 6 cm. (io ne ho fatti una dozzina con diametro 10-12 cm.):
150 g di farina
un tuorlo
3 albumi
mezza bustina di lievito per torte salate
la punta di un cucchiaino di zucchero
150 ml di latte (il mio di capra)
100 ml di yogurt bianco non zuccherato (il mio di capra)
sale
burro per la padella

per accompagnare,
al posto di salmone, panna acida, pepe rosa ed erba cipollina:
150 gr. di salame ungherese morbido alla paprika dolce
200 ml. di yogurt di capra
2 o 3 cucchiai di olio extravergine saporito
sale
pepe bianco
insalatina tenera

Scaldare leggermente il latte, unirvi lo yogurt, la farina, il lievito, il tuorlo il sale e lo zucchero e mescolare bene.

Montare i 3 albumi a neve ferma ed incorporarli al composto mescolando con delicatezza, poi coprire e lasciar riposare in frigo per 30 minuti.

Nel frattempo sbucciare il salame ungherese, sminuzzarne la pasta in piccoli bocconcini e metterla ad ammorbidire in una ciotolina con un paio di cucchiai di olio, tenendo coperto ma fuori dal frigo.

Scaldare una padellina antiaderente velandola appena con del burro. Cuocere i blinis uno o due alla volta, usando per ciascuno un paio di cucchiai di impasto, voltandoli sull'altro lato quando cominciano a consolidarsi sui bordi; ungere di nuovo il tegame con una nocciolina di burro se si asciuga troppo.

Impilarli a mano a mano che sono cotti in modo che non si secchino in superficie e restino caldi. Se non si consumano subito conservarli in frigo ben chiusi con pellicola e riscaldarli leggermente in forno o al microonde prima di servirli.


Servire i blinis con dell'insalatina fresca, qualche cucchiaiata di yogurt, prima condito con sale e una macinata lieve di pepe, e dei ciuffetti di polpa di salame scolati dall'olio in eccesso.


Se l'Araba non si offende troppo per l'invasione delle capre, parteciperei ungheresemente con questi blinis (che vorrebbero in modo un po' sghembo rappresentare uno omaggio alla ricetta originale, anche se potrebbe non sembrare) alla raccolta Araba felice nelle vostre cucine nella sezione "cannello"...


Piccola nota a margine: ho poi anche tratto spunto dall'amica russa  che li "puccia" nello zucchero: essendo a base neutra, mi son detta, perché non pensarli dolci? Ho provato con burro fuso e gelatina di cotogne, ho provato con zucchero al rosmarino e rose... ma i più golosi sono stati quelli, ancora tiepidi, con un semplice filo di miele. La mia colazione domenicale è sparita prima che potessi fotografarla.

(Lo ammetto però: anche la versione salata ungherese ha fatto ampiamente parte del mio banchetto di inizio di giornata, più qualche altra viziosa variazione salata sul tema che qui taccio per pudore... Che l'Inghilterra dello scorso weekend mi abbia lasciato segni troppo profondi?!)
  • rivoli affluenti:
  • be'... ovvio, semplicemente quella meravigliosa spatafiata di link citati in precedenza che portano praticamente tutti dritti dritti a qualche delizia dell'Araba Felice!

Commenti

  1. La variazione caprina mi ha conquistata! E come ormai credo tu sappia che le variazioni ma soprattutto i tocchi personali mi piacciono, perchè una ricetta è sempre quella ma è che la cucina che la infonde del suo spirito, del suo essere e della sua personalità.
    Tutto questo papiro per ringraziarti, di cuore, e augurarti in bocca al lupo :-)

    P.S. Intingerli nello zucchero è una cosa che faccio anche io, e non avevo confessato...

    RispondiElimina
  2. Errata corrige: è CHI la cucina che la infonde...ah, la fretta!

    RispondiElimina
  3. Quanto ci piacciono questi blinis!

    RispondiElimina
  4. Miop marito cucina i pancakes ogni domenica, che io mangio rigorosamente con lo sciroppo d'acero... ma credo sia arrivato il momento di declinarli salati e fare dei blini!

    RispondiElimina
  5. @arabafelice: sono d'accordo con te. Diciamo che qui ho infuso una certa mia personalità "caprina"?! No, dai, limitiamoci a "esterofila"...

    @lerocherhotel: il merito va tutto all'Araba, cari miei...

    @fantasie: la differenza tra blini e panancke credo sia inesistente... a meno che non si intendano i blinis con farina saracena penso siano proprio due nomi diversi per lo stesso piatto. Trovarselo servito pronto e fumante ogni domenica mattina però... non ha prezzo!

    RispondiElimina
  6. Beeeeeehhhhhh mi pace tanto la versione caprina, anche se qui é piú facile la versione vaccina...che ci vuoi fare: mucca batte capra con goleada...Bacioni

    RispondiElimina
  7. Qui dovrei chinare il capo due volte...una perchè non sono riuscito a partecipare all'MT e due perchè mi dici come si può competere a prescindere tutto con chi usa zucchero al rosmarino e rose...i capelli dritti in testa mi farai venire!!! :DDDDD
    ehehehehehe

    RispondiElimina
  8. @glu.fri: sai com'è, qui invece ai pedi delle Alpi anche le capre hanno una loro dignità...
    Scusa, sto ancora ridendo perchè mi immagino mucche e capre che giocano a calcio!

    @gambetto: ma come, se i capelli dritti in piedi sono un must in fatto di look per chi porta il mento sfuggente... Va be', la prossima ricetta sarà ancora più "normale", così poi non mi puoi proprio dire nulla!
    PS: ma non è che verso fine mese pensereste ad una gitarella qui al nord? Perchè si sta delineando una certa occasione di incroci...

    RispondiElimina
  9. Mi vuoi picchiare dal vivo?! :P ehehehehe
    PS
    Se si presenta l'occasione perchè no...certo sempre che mi prometti che non provi qualche tortura orientale su di me! :DDD

    RispondiElimina
  10. @gambetto: esatto, come l'hai capito? E sen tutti strumenti di tortura gastronomici...

    @monica: se ti riferisci alla visita sono strabiliata dal sorteggio quanto nemmeno puoi immaginare, se ti riferisci alla ricetta invece... è tutto merito dell'Araba!

    RispondiElimina
  11. complimenti per la vittoria ;-)
    A.

    RispondiElimina
  12. @fragoliva: grazie ma no ho meriti, è assolutamente stata tutta una questione di "fattore C".

    RispondiElimina
  13. Evviva il fattore C!! ...ma il fattore C è spesso accompagnato da talento e abilità, sai? ;)

    RispondiElimina
  14. @b&c: in generale potrei essere d'accordo, qui però si è andati proprio per estrazione ed a me non è mai capitato di vincere niente così... ecco perchè mi sono tanto sorpresa!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!