Passa ai contenuti principali

il tempo delle armonie

Claudio sopra pensiero si avvicina al lavabo del bagno, apre l'acqua e comincia a lavarsi i denti. Non si accorge subito che qualcosa non va; solo dopo essersi sparso il dentifricio per tutta la bocca sente un sapore strano, un'inconsueta consistenza. Guarda il tubetto e si accorge di aver spremuto sullo spazzolino la crema per le mani. Testaccia mia...

E' vero, si sente prendere in giro per la sua sbadataggine praticamente da una vita ma oggi c'è un motivo in più che gli impedisce di concentrarsi su ciò che sta facendo e lo rende più distratto del solito: Salima è in arrivo.

Si sono conosciuti due anni fa, lui per lavoro nel Paese di lei, lei receptionist dell'albergo dove la sua azienda gli ha trovato alloggio. Parlano tra loro in francese, lui stentatamente, e ridono insieme di quegli strafalcioni, superando l'abituale riservatezza di Salima, che lei  solitamente mantiene sia per questioni professionali sia per educazione di famiglia. Poi da cosa nasce cosa e la storia decolla.

E' sempre lui a volare. La famiglia di lei, nonostante sia di mentalità aperta e le abbia permesso di studiare e di lavorare e pure di fidanzarsi con uno straniero, preferisce così. Entrambi rispettano questo desiderio senza che costituisca un peso. Il peso vero è la madre di Claudio, che di questo amore quasi non vuole sentir parlare.

Per carità, la madre è sempre stata una bravissima donna e non è la nazionalità di Salima a disturbarla. L'ha conosciuta attraverso i racconti del figlio, le foto e le mail che lui le ha mostrato, la voce del marito che, beato lui, parla il francese e ha dunque potuto chiacchierare qualche volta con la fidanzata del figlio al telefono. E la mamma ha imparato ad apprezzarla anche Salima, come persona, ad essere sinceri.

Quel che proprio proprio non le va giù è che Salima sia musulmana. Sarà irragionevole, sarà bigotto, sarà egoista, ma il sentimento che le sgorga spontaneamente nel cuore nei confronti di Salima è la diffidenza. Così le è andata più che bene finora la routine di Claudio, che quasi ogni mese parte per qualche giorno ma per il resto del tempo se ne sta tranquillo nel suo appartamento due piano sotto il loro. Al riparo. Quasi come non stesse cambiando niente.

Questa volta però non può fingere di nulla. Salima sta arrivando in Italia con i genitori per conoscere la famiglia di Claudio. Le cose, insomma, sono diventate serie. Lei da due giorni dice di essere ammalata, resta chiusa in camera, prega il figlio di accogliere tutti a casa sua, due piani più sotto. Litiga con il marito, rifiuta di cucinare e si sente pure stupida, per la verità, ma non riesce a reagire diversamente.

Claudio non pensa a sua madre stamattina. Ha solo voglia di correre in aereoporto, vedere Selima che gli viene incontro, provare a salutare i suoi genitori con qualche parola della loro lingua gentile, quella che il suo amore gli sta insegnando poco per volta, ridere tutti insieme della sua pronuncia terrificante. Se non sarà in grado suo padre di convincere la mamma che la religione non può realmente essere motivo di guerra e rifiuto ci penserà lui, nel tempo, mostrandole quanto sarà bella ed armoniosa ogni giorno la vita condivisa tra due cuori che si appartengono, anche se pregano dei differenti.

Un'ultima occhiata allo specchio, il nodo alla cravatta raddrizzato, un controllo che lo spezzatino preparato ieri sera sia al suo posto in frigo ed i cuscini nuovi sul divano ben sprimacciati. Con un gesto il post-it sulla porta d'ingresso che gli ricorda di comprare il pane passa nella tasca della giacca. Claudio sa perfettamente che lo dimenticherà lì, ma è il pensiero di un attimo, già scordato mentre la chiave gira nella toppa. Dal cortile un'occhiata alle finestre dei suoi, la camera della mamma ancora con le tapparelle abbassate. Ci sarà tempo.

Prende l'auto e si avvia verso l'aereoporto. Le mani sul volante sono salde e tranquille. Profumano di menta. Le annusa meglio. Ovviamente ha completato il disastro: nella sua disattenzione... se le è spalmate di dentrifricio! Ride tra sé Claudio, e continua a guidare. Testaccia mia...

Una ricetta tailandese li aspetta nel frigo di Claudio, che cerca armonia tra sapori differenti: il piccante del curry, il dolce dello zucchero, il sapido della salsa di pesce, l'acido del tamarindo, il morbido delle patate, il croccante delle arachidi. Tutto sotto il profumo delle spezie, con la sontuosità del latte di cocco a velare di bianco una ricetta di origine musulmana. A cottura lenta, perché per le armonie ci vuole tempo.


Mussaman curry - Spezzatino thai di manzo e patate "alla musulmana"
ingredienti per 3 o 4 persone:
400 gr. di reale di manzo
3 patate medie (circa 5-600 gr.)
1 cipolla
400 ml. di latte di cocco
25 gr. di arachidi tostate salate
1/2 cucchiaio di pasta di curry mussaman (*)
2 cucchiai scarsi di pasta di tamarindo (o il succo di 2 lime)
1 cucchiaio di nuoc mam (o colatura di alici, o al limite salsa di soja)
1 cucchiaio di zucchero di canna
6 bacche di cardamomo verde
1 piccola stecca di cannella

Tagliare la carne a dadi di circa 2x2 cm.; pestare leggermente cardamomo e cannella, lasciandoli comunque grossomodo interi.

Portare a bollore 350 ml. di latte di cocco in un wok o in un ampio tegame, versarvi la carne e cuocere semicoperto a fuoco basso per circa 40 minuti, rimestando ogni tanto.

Nel frattempo sbucciare e tagliare le patate a cubotti poco più piccoli di quelli della carne; sbucciare la cipolla e tagliarla in 8 spicchi; pestare grossolanamente le arachidi.

Scaldare in un pentolino a parte il resto del latte di cocco, sciogliervi la pasta di curry, quella di tamarindo (se si usa il succo di lime unirlo alla carne solo alla fine, insieme alle arachidi), il nuoc mam, lo zucchero e le spezie e cuocere a fuoco bassissimo un paio di minuti, perché si sprigionino bene i profumi e si crei una crema omogenea.

Unire questa crema alla carne insieme a patate e cipolle, coprire e cuocere circa 30 minuti.

Un paio di minuti prima di spegnere unire le arachidi e, se serve, alzare il fuoco per asciugare la salsa di cottura nel caso fosse rimasta ancora un po' liquida.

Servire caldo o tiepido, accompagnando con insalata fresca mista a cetrioli e frutta di stagione a fettine.


(* La pasta di curry mussaman può essere sostituita con pasta di curry verde thai, oppure preparata frullando o pestando in un mortaio 15 peperoncini rossi freschi con 4 cucchiai di cipollotti tritati, 5 spicchi di aglio, 1 stelo di erba cipollina, 1 dadino di galanga fresca, e poi uniti a 1 cucchiaino di semi di cumino tostati con 1 cucchiaio di semi di coriandolo, 2 chiodi di garofano e 6 grani di pepe nero e poi polverizzati. Il tutto va unito a1 cucchiaino di pasta di gamberetti, 1 pizzico di sale, 1 di zucchero e 2 cucchiai di olio di arachidi.)
  •  rivoli affluenti:
  • lo spunto per la ricetta è preso da: Judy Bastyra, The Cook's Encyclopedia of Thai Cooking, Hermes House.

Commenti

  1. Con te faccio sempre una enorme fatica, lo ammetto perchè mi offri molteplici spunti e non so mai quale "esploderà" a fine racconto-ricetta. Qui l'argomento è ostico. Posso dire per esperienza che il problema non è mai la religione ma la cultura delle persone ed a quella solo in rari casi si sopperisce con il tempo, l'affetto copre ma non elimina, certe finestre sono più piccole di altre e la speranza che si possano aprire di più è l'illusione ingannevole che serve solo ad ingannarsi.
    Sulla ricetta non dico nulla ok?! :P ahahahahahaa

    RispondiElimina
  2. Mai come a tavola le origini e le culture differenti trovano un meraviglioso luogo di incontro e confronto.

    Una volta alzati, però, mi trovo a dover concordare con Gambetto: l'affetto copre ma non elimina...

    In ogni caso...ora scrivi il seguito della storia, vero? Mica mi puoi lasciare così in sospeso...

    RispondiElimina
  3. @gambetto: credo moltissimo nella costruttività del confronto culturale, che si basa sostanzialmente sull'intelligenza delle persone molto più che sulla favoletta dell'amore "che vince su tutto". Nel caso dell'Islam sono d'accordo con te che la religione corrisponda spesso con una cultura che in Italia viene percepita come profondamente differente, ma nelle persone moderate ed intelligenti di entrambe le fedi (come per qualsiasi altro ambito sociale o etnico) è comunque un'occasione di arricchimento reciproco, raramente è una barriera reale. Non credo di essere l'unica a conoscere coppie ed avere amicizie interconfessionali, solo che la cronaca riporta più facilmente tragedie e lotte rispetto al quotidiano basato su rispetto e confronto. Questo raccontino serve solo a ricordare che la normalità passa dalle piccole accettazioni, magari stimolate proprio da un innamoramento o dall'amore di un genitore verso la felicità di un figlio.

    @virò: a dire la verità non mi sembra un finale sospeso. Certamente comprensibili diffidenze iniziali verso una cultura che non si conosce, ma vuoi dire che dal 1967 di "Indovina chi viene a cena" la mamma di Claudio non ha mai avuto il dubbio che sulle paure si possa anche ragionare? Noi siamo testimoni di incredibili ottusità ma non tutte le famiglie per fortuna predicano bene e razzolano male.

    RispondiElimina
  4. Ho sempre pensato che la cultura e l'intelligenza rendano possibile un'intesa fra le più diverse persone.
    Lo sai, vero, che ricette come questa mi stuzzicano molto? Mi piace tantissimo la carne che cuoce lentamente tra mille sapori e ne esce...rinnovata.
    A proposito: mi sono lanciata! ;-) Non è un lancio alla grande ma serve giusto per ambientarmi. Ciao

    RispondiElimina
  5. @gulietta... per una che tende a non discostarsi dalle tradizioni lessare il manzo nel latte di cocco sarebbe davvero un bel colpo, indipendentemente dalla validità assoluta del confronto e dello scambio culturale.

    RispondiElimina
  6. É sempre un piacere passare da te... I tuoi racconti...le parole... Le emozioni... Le ricette.... Sempre speciale! Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Grazie, il piacere è assolutamente reciproco!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!