Passa ai contenuti principali

pollo, funghi e polenta per il link party di Edvige


Delle tante persone che ho conosciuto in rete molte si sono perse per strada, mentre quelle a cui mi sono sentita più legata le ho poi quasi tutte conosciute anche di persona, e alcune sono entrate costantemente nella mia vita reale. Una delle poche eccezioni è Edvige, che "frequento virtualmente" da anni ma che non sono mai riuscita ad incrociare, nonostante una volta, fuori Trieste, ci fossi andata  quasi vicina!

Si tratta di una baldanzosa signora che il giorno del suo settantaquattresimo compleanno ha deciso di organizzare nel suo blog "Memento Solonico" una festa virtuale della durata di oltre un mese, invitando a partecipare tutti gli amici della rete con cui si trova bene e che culminasse il 9 novembre, ottavo compleanno del suo blog.


Già una donna così è da adorare a prescindere, quando poi si spulcia nel suo blog e si leggono i suoi commenti ai post altrui si capisce che ha forza, simpatia e conoscenza, caratteristiche importanti non solo per diventare un bravo blogger ma proprio per essere una bella persona.

Il suo è uno di quei blog discreti e personali, specchio dell'anima e degli interessi della persona più che tentativo di rendersi visibili al mondo. Uno di quelli "vecchio stile", come era il mio all'inizio e che un po' rimpiango di non sentire più nello stesso modo, anche se resto sempre legata a quel paio di buone motivazioni di base che mi assicurano dal rischio di diventare per caso famosa.

Ecco perché mi fa proprio piacere partecipare al suo "link party" diffuso, uno di quelli senza regole, senza stress, dai tempi comodi, nato solo per il piacere di aggregare attorno a se per un mesetto persone interessanti. Inizialmente avevo pensato di partecipare replicando una ricetta, una di quelle che ho particolarmente apprezzato nel suo blog: gli spaetzle di spinaci con salsiccia di pollo e funghi, raccontata in uno dei suoi divertenti post legati alle sue avventure in vacanza e alle sue ricette di buon senso.

Poi in realtà, avendo abbondanza di funghi secchi e di cosce di pollo in casa, mentre la salsiccia di pollo mi mancava proprio, così come gli spinaci ed il tempo di andarmeli a prendere, ho deciso di  dedicarle invece una ricetta nuova che partisse però dai questi suoi stessi due ingredienti: pollo e funghi. Ho pensato ad una via di mezzo tra ragù e sminuzzato, da servire come condimento di una polenta morbidissima. Adatto al clima, alla stagione, ai luoghi di entrambe... ed ai gusti di Edvige, spero!

Mi auguro che lei apprezzi la ricetta nonostante il tempo in questi giorno con me sia tirannissimo ed abbia dunque cucinato tutto al volo mentre facevo altre varie cose (per la cronaca: assistevo moralmente e materialmente l'essere che stava trapanando il muro per montare una mensola, stampavo la ricetta di una torta natalizia giapponese da far realizzare per la cena di un'amica e  cercavo disperatamente e dappertutto la macchina fotografica... per poi rendermi conto di averla lasciata al lavoro!) 

Così, a causa del momento convulso, mi sono vista costretta a trascrivere le dosi ad occhio, avendo cucinato d'istinto, e soprattutto a pubblicare delle pessime foto gialle e sgranate, scattate con il cellulare, che non rendono minimamente giustizia al piatto. Scusami Edvige: ho preferito fare un po' di corsa che perdermi il link party con te!!! Appena ricucino il piatto peso fotografo tutto per bene e aggiorno il post. Comunque, a prescindere: grazie per lo spunto, è innegabile quanto  pollo e funghi funzionino bene insieme!


Ragù sfilacciato di pollo e funghi al vino rosso  e pepe, con polenta lenta al grana

per 4 persone:
per la polenta:
300 g di farina di mais bramata
1/2 bicchiere di latte
4 o 5 cucchiai di grana grattugiato
sale
pepe nero al mulinello

per il ragù sfilacciato:
4 fusi di pollo
30 g funghi misti secchi
10 g di porcini secchi
1 porro
 bella carota
1 spicchio di aglio
1 bel rametto di rosmarino
1 bicchiere di vino rosso corposo
1 cucchiaio di olio extravergine
1 cucchiaio di burro
sale
pepe nero al mulinello

Per il ragù mettere a bagno tutti i funghi in una tazza di acqua calda per una decina di minuti quindi scolarli, tagliuzzarli grossolanamente e filtrarne l'acqua di ammollo. Spellare i fusi di pollo (oppure lasciare la pelle ed eliminare il burro); tritare porro e carota: schiacciare l'aglio.

Sciogliere il burro con l'olio, unire carote, porri, funghi, aglio, rosmarino e 4 grani di pepe leggermente pestatie cuocere a fuoco dolce fino a che il porro è morbido e quasi trasparente.

Levare le verdure dal tegame e nel loro fondo posare i fusi di pollo, rosolandoli bene a fiamma vivace su tutti i lati. 

Rimettere le verdure nel tegame,  salare, quindi versare il vino rosso e far evaporare l'alcool a fiamma vivace. Unire a questo punto l'acqua dei funghi, portare a leggero bollore, abbassare la fiamma, coprire e lasciar cuocere 35-40 minuti, fino che il pollo è morbido e ben chiaro all'interno.

Intanto portare ad ebollizione un litro e mezzo di acqua, salare e farvi cadere a pioggia la farina gialla, mescolando con una frusta perché non si formino grumi. Abbassare la fiamma e cuocere la polenta per circa 50-60  minuti, fino a che è ben cotta, morbida e cremosa. 

Unire alla polenta il latte, il grana grattugiato e una bella gratatta di pepe, mescolare con cura, quindi spegnere, coprire e lasciar mantecare qualche minuto.

Nel frattempo spolpare il pollo, sminuzzarne la polpa e rimetterla nel tegame, mescolando sul fuoco perché la carne si amalgami bene alle verdure e si intrida di sugo.

Distribuire la polentina lenta in ciotole individuali, versarvi sopra il pollo con tutto il suo sughino e servire bel caldo. 

Padellare il tutto per un paio di minuti, eliminare le erbe, regolare se serve di sale, pepare abbondantemente e servire.


E con questo piatto magari nob bellissimo ma goloso e fumante sotto il naso chiudo le comunicazioni, impugno il cucchiaio (a me la polenta piace così, morbida e mangiata col cucchiaio!) e, prima di avventarmi sulla cena, ringrazio Edvige per la bella idea del link party e le faccio gli auguri per il suo doppio compleanno!
  • rivoli affluenti:
  • nel frattempo la mensola è montata... presto ne illustrerò l'utilizzo!

Commenti

  1. Mi ero persa il giveaway di Edvige, se riesco a trovare il tempo, parteciperò volentieri. Sono certa che questa tua ricetta le piacerà tantissimo! Molto molto succulenta 😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai come le farebbe piacere se partecipassi anche tu?! Hai tempo fino alle 24 del 9 dicembre.
      La ricetta in effetti è semplice e gustosa, un po' come quelle che lei predilige, ed ho cercato di calibrarla un po' sui suoi gusti. O che compleanno sarebbe'

      Elimina
  2. Mamma mia altro che succulenta una favola veramente. E' un onere avere una tua ricetta dedicat a me. Non occore dire che la farò e prestissimo gli ingredienti piacciono a me e maritino e non mancherò di fare qualche foto decente per vedere com mi do da fare con una ricetta super. GRAZIE ancora un abbraccio forte e buna giornata nonche buona settimana. :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, contentissima di averci azzeccato! Oramai ho imparato quali ingredienti non gradite o dovete evitare sia tu che tuo marito e sono quasi andata sul sicuro, ma azzeccare il gusto è un'altra cosa. Se poi mi mandi almeno una foto, quando lo prepari, così la inserisco nel post e mostro come avrebbe dovuto essere un'immagine decente! Grazie ancora dell'invito, è stato solo un piacere festeggiarti e un onore conoscerti.

      Elimina
    2. PS. Devo ancora aggiungere...in questo momento le 18:00 mi sono riletta con calma tutto quello che hai scritto di me e devo aggiungere che persone come te danno lo sprint a continuare perchè un apprezzamento cosi sincero ed una considerazione cosi alta, devo dire mi ha comossa già alla prima lettura sullo smart..purtroppo di difficile lettura. Fa bene al cuore perchè anche qui virtualmente si possono incontrare delle amiche che nonostante la lontananza il feeling esiste e persiste. Grazie carissima sei una bella persona e, come già scritto più volte, venire a leggerti e sempre un piacere perchè s'impara qualcosa che viene descritto con leggerezza ma ha la sua profondità. Mi dispiace non averti potuto incontrare all'occasione presentatasi ma spero ardentemente che questa si riproponga e cascasse il mondo non mancherò. Grazie ancora e... le mie immagini sono bruttissime perchè io riprendo magari con il piatto ancora in cucina..... L'onore e mio un abbraccio forte e buona serata. Edvige

      Elimina
  3. è facile essere in sintonia con una persona come te! Ricambio l'abbraccio con calore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annalena di solito non faccio questi avvisi ma ho parlato di te oggi il minimo per una cara amica. Buona fine settimana.😚

      Elimina
    2. Ma noooooo.... Ma tu esageri!

      Elimina
    3. PS. Per un pò fino all'anno prossimo sarai sulla mia sidebar foto della ricetta e link a te bye

      Elimina
  4. Ciao....vengo dal blog di Edvige e penso abbia fatto bene a parlare di te non solo per leggere tutte le belle e giuste cose che hai scritto su di lei, ma per far conoscere il tuo ricco e interessante blog anche a chi, come me, non era riuscita finora ad arrivarci. Complimenti e buona continuazione!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!