Passa ai contenuti principali

la luna d'autunno giapponese in una zuppa: lo tsukimi soba

Ieri sera ho visto in cielo una spettacolare luna gigante, gialla e quasi tonda. E mi è venuto il mente che oggi in Giappone si celebra O-tsukimi, la contemplazione della luna piena di metà autunno. E' il periodo tra l'8 settembre e il 7 ottobre che nell'immaginario collettivo tradizionale è associato alla raccolta del riso e del taro e, appunto, allo splendore della luna, che si crede sia la più bella dell'anno e la meglio visibile, in un cielo limpido senza più i veli dell'afa estiva.

Questa sera si espongono sul davanzale gli tsukimi dango, dei dolcetti di riso simili ai mochi impilati in modo rituale, dell'erba susuki, che ricorda le spighe di riso, e del sake, bevanda di riso dai profondi significati simbolici. Poi in un'atmosfera intima e raccolta si attende con tranquillità il sorgere della luna piena insieme a parenti ed amici cari.
Si beve a quel punto lo tsukimi sake, cercando di riflettere la luna al centro della tazza della bevanda, e si mangiano i dolcetti di riso, che con la loro forma bianca e tonda ricordano la luna, come l'uovo che caratterizza lo tsukimi soba, la classica zuppa di tradizione. La luna piena si crede abbia un potere protettivo: illumina la via dei viandanti e tiene lontani gli Oni, gli spiriti maligni, dunque "mangiando la luna" ci si appropria del suo potere calmante e protettivo, condividendo i pasto con le divinità lunari.

Come da noi il raccolto del grano è simbolo di prosperità e motivo di festeggiamenti, lo stesso accade in Giappone con il riso, tanto è vero che questo cereale è assurto praticamente a simbolo del Paese: il nome più antico del Giappone, Mizu-ho-no-kuni, significa "la terra delle piante di riso nell'acqua" e proprio in autunno si tiene il maggior numero di matsuri (feste popolari). Il nome stesso del riso cotto, gohan, significa anche pasto, e riso bianco, mochi e sake, le elaborazioni umane del dono divino della pianta del riso, rappresentano offerte tipiche alle divinità e omaggio sugli altarini domestici dei defunti.

Offrire sake agli amici per O-tsukimi, dunque, significa legare dio a uomo e uomo a uomo. Simbolo tramite tra terra e cielo è anche l'erba susuki (miscantus in latino, eulalia in italiano), usata anticamente per impagliare i tetti delle case tradizionali, quindi per proteggere l'intimità domestica, ed è simbolo si lunga vita e salute perchè si credeva che fosse un suo stelo a legare l'anima al corpo.
Simbolo invece più giocoso di questa festività giapponese è "il coniglio sulla luna": racconta una favola buddista che un pellegrino stanco incontrasse sulla sua strada un coniglio, una lontra, una scimmia ed una volpe (in altre versioni uno sciacallo o un orso). Tutti si prodigarono per sfamarlo: la scimmia si arrampicò a cogliere frutti, la lontra pescò un pesce, la volpe rubò cibo in una casa vicina mentre il coniglio non seppe far altro che radunare erba e sterpi.

Mortificato della povertà del suo dono, il coniglio accese un fuoco con il proprio raccolto e vi ci si gettò, offrendo al viandante la propria carne. Ma, come in tutte le favole, il pellegrino era in realtà un Kami, un dio buono, che si commosse e volle ricordare il sacrificio dell'animaletto disegnando per sempre sulla luna la sagoma di un coniglio che pesta il riso per i mochi, quindi che sa offrire un cibo complesso, prelibato e sacro.
La leggenda dello tsuki no usagi (il coniglio sulla luna) ha un legame indissolubile con l'autunno ed è citata in infinite poesie e filastrocche. Persino Sailor Moon, che noi conosciamo come Bunny, in giapponese si chiama Unagi Tsukino e gli tsukini dango, i dango di cui sopra, spesso prendono la forma non di palline ma di coniglietti. E se un bimbo impaziente ne ruba uno prima del sorgere della luna non viene rimproverato come al solito: si dice che sia una bocca mandata da qualche Kami goloso!
Ma oggi non preparo dango (prossimamente su questi schermi) o mochi (la cui ricetta, in versione veloce e "fruttata", ho pubblicato qui). Come dicevo, in questa occasione anche l'uovo o il suo tuorlo sono considerati un simbolo della luna a livello culinario: appare nello tsukimi yaki-udon, degli spaghettoni saltati sulla piastra e accompagnati da un uovo all'occhio di bue, nello tsukimi-zushi, un gunkan-maki (sushi a barchetta) che ospita un tuorlo di uovo di quaglia, e ora ci sono perfino gli tsukimi hambaagu, panino con hamburger all'americana e uovo fritto.

Quello che interessa a me però è lo tsukimi soba, la zuppa più tradizionale, quella di cui sono protagonisti un uovo, un rotolino di spaghetti di grano saraceno soba (ma a volte si usano gli udon) e del brodo dashi aromatizzato con un kaeshi a base di soia e mirin, il tipico condimento che accompagna la pasta in Giappone.

La decorazione della zuppa prevede di solito solo un cipollino a rondelle e dell'alga nori, ma c'è chi aggiunge kamaboko (fettine di pasta di pesce cotta) alga wakame, tenkasu (briciole di tempura) verdure verdi o fettine di verdura intagliate, e chi profuma con olio di sesamo o con sichimi tigarashi (mix di peperoncino). Up to you, a me fa impazzire anche solo così!
TSUKIMI SOBA - ZUPPA DELLA LUNA DI MEZZO AUTUNNO
ingredienti per 4 persone:
200 g di soba
4 uova freschissime
1,2 l di brodo dashi
1 cipollino sottile
1/2 foglio di alga nori
4 cucchiai di salsa di soia
2 cucchiai di mirin (sake dolce da cucina)
1 cucchiaio di zucchero

Lessare la soba in 800 ml di acqua fresca  portata a bollore, scolare al dente (conservando l'acqua*) e sciacquare la pasta in acqua fredda.
Per il kaeshi portare a bollore il mirin giusto perchè sfumi l'alcol, quindi unire la salsa di soia e lo zucchero, lasciar amalgamare bene e spegnere.

Ritagliare l'alga nori a filettini sottili con le forbici (o ridurla a quadratini, io ho fatto entrambi perchè la amo molto) e ridurre il cipollino, compresa la parte verde, a rondelle quasi trasparenti.

Restringere il dashi a 1 l sobbollendo a fuoco basso, in modo che se ne intensifichi l'aroma, ed unire il kaeshi. A questo punto la tradizione vorrebbe le uova (o i soli tuorli crudi) versate direttamente nelle tazze individuali piene di soba e brodo bollente, ma io preferisco precuocerle leggermente in camicia.

Trasferire quindi 200 ml di dashi in un piccolo pentolino, portare a leggero bollore, creare un mulinello e versarvi un uovo, cuocendolo 3 minuti. Levare l'uovo in camicia e ripetere l'operazione con le altre uova. Io ho cercato di raggruppare il più possibile l'albume tutto da un lato per mostrare bene il tuorlo, come una luna tonda che esce dalle nubi.

Scaldare le ciotole individuali con acqua bollente, disporvi la soba, coprire con il brodo (circa 200 ml a testa) e aggiungere l'uovo.

Decorare con il cipollino e le striscioline di nori e servire.
Accompagnare la zuppa, ovviamente, con un bicchierino o più di sake, e poi ingozzarsi di mochi. E a proposito di sake cito un haiku a tema, tra gli infiniti versi poetici di O-tsukimi uno dei più legati alla nota alcolica della serata:

Una luna tremolante
Uno spettatore traballante
Stasera siamo ubriachi in due.
  • rivoli affluenti:
  • * l'acqua di cottura degli spaghettini saraceni, ricca di principi nutritivi, in Giappone si sorseggia da sola come un tè o si usa come brodino confortante, condito con kaeshi o con tsukejiru, la salsa per della soba fredda.  In questo caso il mio brodino di delizie è stato unirla al brodo di cottura delle uova non filtrato, che conteneva quindi qualche filo di albume rappreso. L'acqua della soba è ottima anche per la terra delle piante da appartamento.
  • le foto del davanzale e dei mochi a coniglietto vengono da qui, quella del sake qui, l'immagine del coniglio sulla luna da qui.

Commenti

  1. Le tue storie mi incantano e mi fano sognare, anche le ricette, ma i racconti sono meravigliosi, sei unica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, lo scorso anno avevo raccontato queste cose la sera di tsukimi in un parco, con bento jap e un piccolo telescopio con cui degli astronomi ci avevano illustrato tutti i segreti della luna piena nel cielo di settembre. Era stato magico.

      Elimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa per ac…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!