Passa ai contenuti principali

pizzoccheri chiavennaschi per il Calendario del Cibo Italiano MTC

So che parlare di pizzoccheri valtellinesi e pensare a listarelle di pasta di grano saraceno è tutt'uno, anche per il Calendario del Cibo Italiano by MTC, che oggi, come ogni 15 febbraio, celebra la Giornata Nazionale dei Pizzoccheri. Ma sulle Alpi esistono vari formati di pasta di grano saraceno, spesso a gnocchetti, e altrettanti gnocchi esistono preparati con altre farine. Curioso in Valtellina è il caso della Valchiavenna, che chiama i propri gnocchetti bianchi proprio pizzoccheri!

Mentre la Giornata del Calendario del 2019 si era riferita solo ai tradizionali e conosciutissimi pizzoccheri di Teglio, assurti a simbolo gastronomico della Valtellina, la Giornata del Calendario del 2018 aveva già accennato della particolarità dei pizzoccheri della Valchiavenna, senza però entrare nei dettagli della ricetta.

Ci entro oggi io, specificando, a scanso di equivoci, che non ne esiste (ancora) un vero disciplinare e che la preparazione, come ogni "classico" della tradizione popolare, varia di frazione in frazione: ad esempio sotto Chiavenna vengono spesso preparati con sola farina bianca ed acqua e/o latte, salendo le pendici della valle si aggiunge anche del pane raffermo e nelle zone di malga il latte sostituisce sempre l'acqua.

Nel robusto condimento abbondano ovunque il burro fuso (i pizzoccheri ci devono "nuotare!), il pepe ed il formaggio, preferibilmente il casera, un latteria locale semigrasso DOP differente per lavorazione e per sapore dal bitto storico, con cui spesso viene confuso.

Per il resto, ho imparato la mia versione a 1340 metri di altitudine nella frazioncina di Fraciscio: il profumo qui è  quello dell'aglio e, da piatto povero quale nasce, i pizzoccheri si mescolano alle sostanziose patate, senza il "lusso" delle verdure di stagione come le verze o le biete che colorano il condimento dei pizzoccheri scuri. Unica mia digressione verdeggiante è la salvia, che adoro incroccantita nel burro ma che di tradizione non compare quasi mai con i pizzoccheri bianchi.

Il piatto è sostanzioso, nato per fornire energie e conforto a chi lavorava dall'alba al tramonto tra gelo e fatiche; inoltre il burro di condimento dovrebbe essere molto tostato, con profumo e colore di nocciola. Lo so, detta così al giorno d'oggi non appare il piatto più leggero e sano del mondo... ma il concerto di questi sapori di tradizione è davvero unico e in fondo purtoppo non si mangiano pizzoccheri tutti i giorni. E poi semel in anno licet insanire.
PIZZOCCHERI ALLA CHIAVENNASCA
ingredienti per 6-8 persone:
5-600 ml circa di latte
500 g di patate
400 g di farina bianca
240 g di burro
200 g di formaggio casera
100 g di grana
100 g di pane secco senza crosta
3 spicchi di aglio
2 o 3 rametti di salvia
sale
pepe nero al mulinello
Scaldare 450 ml di latte insieme con il pane spezzettato; quando comincia a sobbollire mescolare vigorosamente e a lungo con una frusta in modo da far sciogliere il pane e formare una "pappa" asciutta ed omogenea; versare in una ciotola e far raffreddare.
Unire al pane la farina setacciata, 40 g di burro fuso tiepido, una bella presa di sale e un'abbondante grattata di pepe.

Mescolare bene ed unire altro latte, qualche cucchiaio per volta, in modo che l'impasto risulti morbido e un po' colloso ma maneggiabile. Il mio impasto ha assorbito circa altri 150 ml di latte perchè ho usato un pane molto secco, a volte ne bastano 50-80 ml. Coprire e lasciar riposare 3 o 4 ore a temperatura ambiente.
Ridurre il casera a pezzettini, grattugiare il grana, tagliare l'aglio a rondelle, sfogliare i rametti di salvia, sbucciare e tagliare le patate a dadi da 1,5-2 cm.

Portare ad ebollizione abbondante acqua in una pentola larga, salare e versarvi le patate, che si dispongono naturalmente sul fondo in un solo strato.

Nel frattempo in una pirofila, sul fuoco o in forno a 100 °C, fondere 150 g di burro con quasi tutto l'aglio e la salvia (questo è il mio trucco per non dorare molto tutto il burro ma conservare le proporzioni tra pizzoccheri e condimento). Tenere poi la teglia vicino al fornello su fiamma bassissima quando si cominciano a cuocere gli gnocchetti.

Disporre solo gli ultimi 50 g di burro, qualche rondella di aglio e  una decina di foglie di salvia in un padellino a parte e scaldare a fuoco vivace, lasciando che burro e aglio prendano un bel colore nocciola e la salvia si incroccantisca, poi spegnere subito.

Quando l'acqua delle patate ha ripreso decisamente bollore, con l'aiuto di due cucchiaini bagnati versarvi l'impasto degli gnocchi, formando dei piccoli bocconcini non più grandi delle patate.

Cuocerli un paio di minuti da quando vengono a galla e trasferirli a mano a mano con una schiumarola nella teglia con il burro fuso, alternando ad ogni strato una manciata di casera, una di grana e una grattata di pepe e mescolando ogni volta.

Sempre con la schiumarola scolare gli ultimi pizzoccheri insieme alle patate, che saranno molto morbide, e versando tutto nella pirofila.

Cospargere con il casera e il grana rimasti, mescolare bene (i formaggi a questo punto saranno fusi in una salsa cremosa e filante), versarvi sopra il burro nocciola con aglio e salvia croccanti, mescolare ancora e spolverizzare di nuovo di pepe.
Servire subito, meglio in ciotole o piatti a loro volta scaldati, e mantenere la pirofila in caldo se non la si svuota subito, in modo che i formaggi non rapprendano.
  • rivoli affluenti:
  • notare nelle foto in teglia il mare di burro il cui i pizzoccheri devono navigare. Si può scegliere ovviamente di usarne di meno, ma semel in anno...
  • avevo spiegato meglio qui la differenza nei dettagli tra i pizzoccheri chiavennaschi e quelli valtellinesi e quelle vecchie foto non rendevano giustizia a nessuno dei due!

Commenti

  1. Se dovessi scegliere IL cibo del cuore...è questo. Senza se, senza ma e galleggiante in burro, aglio e salvia. Poche certezze ma granitiche!

    RispondiElimina
  2. Grazie per questi meravigliosi pizzoccheri bianchi, hai ragione se si preparano devono essere conditi come sono nati ridurre il burro sarebbe snaturarli, meglio una volta buoni che tante volte mediocri
    Un abbraccio Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo di avere proprio una sorta di dipendenza affettiva dal burro...

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. As claimed by Stanford Medical, It is in fact the SINGLE reason women in this country live 10 years more and weigh 19 KG less than we do.

    (By the way, it has totally NOTHING to do with genetics or some secret-exercise and really, EVERYTHING related to "how" they eat.)

    BTW, I said "HOW", and not "WHAT"...

    Tap on this link to see if this easy quiz can help you find out your true weight loss possibilities

    RispondiElimina
  5. Thank you for these very interesting tips, it's really nice to come across articles as interesting as yours! I wish you health, longevity, success, happiness and peace of heart.

    voyance

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa …

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!
In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

storia di un addio e di fidelin saraceni ai finferli

Molti dicono che sia impossibile ma lei ne è convinta: il primo ricordo di cui Alissa ha sempre avuto memoria è di se stessa piccolissima, sdraiata nella carrozzina sulla strada davanti alla vecchia Baita in quel paesino di montagna. E' di lei che guarda in su, verso il cielo, mentre nevica. La carrozzina è di sky blu fuori e di tessuto bianco dentro; un telo di sky blu abbottonato sulla struttura copre le coperte in cui lei è avvolta ed una visierina di plastica trasparente a mezza altezza la ripara dai fiocchi, che scendono lenti.

Vero che la carrozzina poi venne usata anche quando nacque la sorella, ma all'epoca Alissa aveva 14 mesi. Dicono che i ricordi si formino dai tre anni ma per allora la carrozzina era già stata data via. A lei non pare di averne mai vista una foto e, anche se fosse, sarebbe stata in bianco e nero, da dove spunta il ricordo del blu?
Forse è per questa strana visione che si è sempre sentita a casa in quel paesino. O forse perché ci ha trascorso tutte…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!