Passa ai contenuti principali

giusto per mia sorella... le orecchiette fatte a mano

Una volta pubblicai una ricetta con delle orecchiette al limone fatte a mano e ci fu chi si stupì del fatto che le sapessi preparare by scrap.

Mia sorella in particolare da quel giorno mi ha chiesto ripetutamente di spiegarle ne dettaglio quello che avevo imparato girando tra le stradine di Bari vecchia e mettendomi per caso a parlare con la signora Cosima che, sedia sull'uscio e tavola di legno davanti a sé, preparava orecchiette chiacchierando con le amiche ed accogliendo con grande gentilezza le domande dei passanti che, come me, si fermavano incuriositi dal lavorìo delle sue mani.

Io da lei ho imparato a formare le orecchiette con la punta tonda di un vecchio coltello, anche se mi spiegava che sua cognata Sabina li faceva direttamente con le dita, utilizzando il pollice... anzi: i pollici visto che, a sua detta, preparava le orecchiette due per volta, una con la destra e una con la sinistra.

Anche se mi sarebbe piaciuto vedere la cognata all'opera, devo dire che i cortesi, pazienti e precisi insegnamenti della signora Cosima hanno dato i loro frutti, visto che sono riuscita a seguirli pure io, che con la tradizione pastaia non ho una cippa di familiarità. Ed eccomi infine qui, più per soddisfazione di mia sorella che per reale convincimento di essere all'altezza, a spiegare con le parole come si prepara l'impasto e con le foto passo passo come si formano le orecchiette.

Non essendo, mi rendo conto, queste orecchiette davvero all'altezza della tradizione pugliese, per il condimento non oso avvicinarmi alle cime di rapa e, per non sommare sacrilegio a sacrilegio, mi trattengo in Lombardia: salto le orecchiette con della verza soffocata e poi insaporisco il tutto con pepe e quartirolo.

Lo so già: mia sorella mi rimprovererà di non aver pensato ad un formaggio più grasso, che avrebbe avvicinato molto questo condimento a quello dei pizzoccheri. Ma la rassicuro: non dovrà aspettare più di tanto per una bella immersione nel magico mondo della gastronomia montana nostrana...
ORECCHIETTE INTEGRALI CON VERZA E QUARTIROLO
ingredienti per 4 persone come primo (o per 2, molto golose, come piatto unico):
250 g circa di semola integrale di grano duro
100 g di quartirolo
8 belle foglie di verza
1 spicchio di aglio
4 foglie di salvia
3 cucchiai di olio extravergine
sale
pepe nero al mulinello

Unire a 200 g di semola, prima setacciata e disposta a fontana, circa 110/120 ml di acqua tiepida ed un pizzico di sale.

Lavorare energicamente sulla spianatoia per almeno 15 minuti, unendo poco per vola altra semola fino ad ottenere una palla di impasto liscia, morbida e compatta.

Lasciar riposare coperto per una mezz'oretta, poi dividere l'impasto in rotolini e tagliare a tocchetti.
Premere con un coltello stondato al centro di ogni tocchetto, trascinandolo sulla spianatoia, quindi rivoltare l'orecchietta sulla punta del pollice in modo che la parte ruvida risulti all'esterno della cupoletta.
Lasciar asciugare le orecchiette sulla spianatoia leggermente spolverizzata di semola.
Se non si usano subito meglio congelarle su un vassoio e poi riunirle in un sacchetto, lasciando meno aria possibile all'interno quando lo si chiude. Tenere in freezer massimo un mese. Queste però sono state utilizzate fresche il giorno stesso.
Per il condimento tagliare la verza a striscioline, eliminando le coste più dure; pestare leggermente l'aglio sbucciato e privato dell'anima; ridurre il quartirolo a fettine molto sottili e poi spezzettarle.

Scaldare l'olio con aglio e salvia, unire la verza, far insaporire un paio di minuti quindi salare, unire mezzo bicchiere di acqua, coprire e lasciar stufare una decina di minuti, fino a che la verza è morbida ma ancora verde brillante.

Lessare le orecchiette in abbondante acqua salata, scolarle con una schiumarola dopo un paio di minuti che sono venute a galla e trasferirle direttamente nel tegame con la verza.

Saltare la pasta con la verdura un paio di minuti, spegnere, unire il quartirolo ed una bella grattata di pepe. Mescolare bene e servire.
  • rivoli affluenti:
  • ringrazio ufficialmente l'essere per avermi insegnato a comporre tante immagini in una sola dopo anni e anni di blog a foto singole
  • un'alternativa di condimento più estiva? Orecchiette con frutta, gamberi e peperoni verdi.

Commenti

  1. Mi inchino alla tua bravura comunque, io ci ho provato ma mi sono venute delle schifezze, le tue sono stupende e anche il condimento mi piace un sacco <3 baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, ben tornata anche a queste piccole cose quotidiane che confortano più di mille gesti eclatanti. Potremmo sempre trovarci una volta a prepararle insieme, se ti va... così tu in cambio mi insegni qualche segreto valdostano che hai saputo carpire!

      Elimina
  2. Senza parole per cotanta bravura preso nota ma dubito che le farò... ma posso sempre acquistare fresche dal pastaio...ottimo sughetto. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente la bravura era quella delle signore baresi, questo è solo uno scimmiottamento vagamente fortunato!

      Elimina
  3. Che spettacolo! Non ho approfittato della bravura e velocità di mia suocera...ora poniamo rimedio: a quando una cucinata a quattro mani?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non vedo l'ora! Però non contare troppo sulla velocità delle mie mani...

      Elimina
  4. According to Stanford Medical, It is in fact the ONLY reason women in this country get to live 10 years longer and weigh an average of 19 KG less than us.

    (Just so you know, it has totally NOTHING to do with genetics or some hard exercise and really, EVERYTHING to do with "how" they are eating.)

    BTW, I said "HOW", and not "WHAT"...

    TAP this link to uncover if this easy quiz can help you release your real weight loss potential

    RispondiElimina
  5. I find your site super great, I wish you all the success because you deserve it, good luck and congratulations for this superb site!

    voyance discount gratuite

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa …

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!
In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

storia di un addio e di fidelin saraceni ai finferli

Molti dicono che sia impossibile ma lei ne è convinta: il primo ricordo di cui Alissa ha sempre avuto memoria è di se stessa piccolissima, sdraiata nella carrozzina sulla strada davanti alla vecchia Baita in quel paesino di montagna. E' di lei che guarda in su, verso il cielo, mentre nevica. La carrozzina è di sky blu fuori e di tessuto bianco dentro; un telo di sky blu abbottonato sulla struttura copre le coperte in cui lei è avvolta ed una visierina di plastica trasparente a mezza altezza la ripara dai fiocchi, che scendono lenti.

Vero che la carrozzina poi venne usata anche quando nacque la sorella, ma all'epoca Alissa aveva 14 mesi. Dicono che i ricordi si formino dai tre anni ma per allora la carrozzina era già stata data via. A lei non pare di averne mai vista una foto e, anche se fosse, sarebbe stata in bianco e nero, da dove spunta il ricordo del blu?
Forse è per questa strana visione che si è sempre sentita a casa in quel paesino. O forse perché ci ha trascorso tutte…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!