Passa ai contenuti principali

harira, la zuppa marocchina che riconcilia con il mondo

Ogni tanto in questo periodo, un po' più spesso del solito, l'essere ed io usciamo a cena. Cerchiamo a nostro modo di osservare in modo serio la cautela da tutti raccomandata ma anche di sostenere la buona volontà dei ristoratori che stanno cercando di non soccombere rimanendo aperti. A me danno l'impressione che si tratti non solo di coraggio imprenditoriale ma soprattutto di solide certezze in merito alle proprie abitudini in tema di sicurezza alimentare e di scrupoloso rispetto di tutte le recenti indicazioni aggiuntive. Sono diversi, dunque, i locali dove ceniamo con grande serenità.

L'altra sera era hina-matsuri, festa durante la quale in Giappone si prega per la salute, la bellezza e la crescita gioiosa delle bambine ed il ristorante Shiro l'ha celebrato proponendo uno speciale chirashi dai delicati colori primaverili. Da lunedì a giovedì prossimi, invece, il ristorante Finger's Garden propone un percorso gastronomico alla scoperta di tonnetto, palamita e cucina giapponese a base di pesce azzurro dalla pesca sostenibile. E da qualche giorno il ristorante Osaka ha attivato un servizio gratuito di delivery per i suoi bento e menù della pausa pranzo.

Io personalmente non mi stancherei mai di mangiare giapponese, però è giusto collaborare anche con altre realtà ristorative... soprattutto se si è certi di incontrare dei cuochi autentici che ogni volta possono insegnarti qualcosa. E così la scorsa settimana siamo andati da Maison Touareg, di cui avevo già parlato qui come un'eccellenza della cucina marocchina a Milano, e ci siamo confortati con una chicca che, all'inizio servita solo come piatto speciale in periodo di ramadan oppure su richiesta, si è finalmente conquistata un posto fisso nel loro menù: la harira.

Si può considerare LA zuppa per antonomasia in Marocco, servita come comfort food anche a colazione quando fa freddo ma anche nei piccoli caffè la sera, una piccola coccola che ci si concede al ritorno dal lavoro, e come piatto ristoratore all'alba che chiude i lunghi festeggiamenti dei matrimoni tradizionali. Ma la parte del leone la fa nel periodo di Ramadan: per molti è una gioia trovarsela scodellata ogni sera per tutto il mese e risulta quasi impensabile rompere il digiuno della giornata con qualsiasi altro cibo.

Ovviamente ogni località ne ha una sua variante, ma le basi vedono sempre almeno un legume (a sudest fave, cui si aggiunge cavolo, a nord lenticchie e ceci, altrove legumi misti), cipolla e pomodoro, di cui non si smorza l'acidità, che anzi viene spesso volutamente esaltata dal succo di limone. Ma il tratto veramente distintivo, comune ad ogni variante di harira, è la consistenza cremosa e vellutata: non a caso il suo nome deriva dalla parola araba harir, ovvero "seta".

La sua specifica consistenza si ottiene non solo utilizzando parte degli ingredienti tritati o frullati e regolando perfettamente il rapporto tra brodo e parti solide, ma anche addensando verso la fine la zuppa o con una miscela di acqua e farina detta tedouira, oppure con delle uova sbattute. Io qui ho scelto la via della pastella (in versione semplice, 'che la si potrebbe anche far fermentare un paio di giorni con del lievito) perchè avevo commensali vegetariani ed ho tenuto di conseguenza la mia zuppa meat free ed ho impiegato l'acqua di cottura dei ceci al posto di brodo di ossa, di agnello, di manzo o di pollo che invece si utilizza di solito.

In diverse zone la zuppa è profumata con lo smen, un burro ovino salato e fermentato che le dona non solo la sua parte grassa ma anche un grande aroma, paragonabile a quello di un nostro pecorino molto stagionato. Per rendere la zuppa più sostanziosa si usano anche bocconcini della carne del brodo e/o uova, unite sode e tritate oppure sbattute e poi versate a filo nella zuppa bollente per creare dei fili dorati. Come ulteriore apporto sia per rendere l'harira più densa che nutriente e golosa, spesso si aggiungono amidi: dei tagliolini spezzati (doudia) o del riso.

Viene servita di solito in tazze o scodelle e sorbita da un cucchiaio, la tradizione vorrebbe di legno. Durante il Ramadan, a rifocillare dopo una lunga giornata di digiuno, la si accompagna con datteri o con chebakia, dei dolcetti fritti al miele molto simili alle nostre carteddate, alternando un morsetto dolce ad una cucchiaiata di zuppa; il resto dell'anno, nei locali popolari e in famiglia, spesso costituisce un piatto unico e viene accompagnata con pani tipo msmen o khobz e da tè caldo.

Per la harira versione di Fès basta chiedere ad Eleonora. Io invece, cercando di riprodurre la delizia della Maison Touareg, oltre a seguire le loro indicazioni ed affidami alla memoria del mio palato, ho consultato credo almeno una dozzina di libri (il mio scaffale di cucina si farcisce da decenni di testi sul Marocco). Sono arrivata ad un mix dei quattro che mi sembrava si avvicinassero maggiormente all'agognato ideale.. e non è bastato: la zuppa del ristorante, nonostante abbia usato proprio la cannella che mi hanno regalato loro, era comunque più buona. Dovrò sacrificarmi e tornare più volte per scoprire ogni loro segreto... anche se devo aspettare qualche settimana, perchè essendo una piccola attività familiare con il problema dei bambini a casa da scuola li ha costretti a chiudere per qualche giorno.

In ogni caso ho capito che non serve caricare di spezie più di tanto: i sapori sono già ricchi e, con questo procedimento, ben fusi tra loro, con il discreto tocco di quella meravigliosa cannella a donare profondità e lo spruzzo finale di limone finale a rinfrescare il tutto. Le dosi qui sono perfette per 4-6 persone come piatto unico nel suo pieno senso di comfort food dopo una giornata di stenti, ma sono sufficienti anche per 8-10 come apertura di un convivio affollato, con un menù più ampio ed il senso marocchino della serata familiare.

Ma che sia antipasto, primo, piatto unico o puro e semplice sfizio "etnico", il ruolo che io sento  fondamentale della harira è quello di avvolgere di serenità e riconciliare con il mondo, qualsiasi sia lo stato d'animo di partenza.
HARIRA, MY WAY
ingredienti per 6 persone:
120 g di ceci secchi
250 g di  lenticchie (a me piacciono tantissimo e abbondo, ma ne bastano anche 180 g)
500 g di pomodori perini maturi (o 1 scatola di pelati, o 400 g di polpa rustica di pomodoro)
1 grossa cipolla
2 spicchi di aglio
1 bel gambo di sedano con le foglie
1 limone (più uno per servire)
20 g di zenzero fresco (io lo preferisco, ma di solito se ne usa 1 cucchiaino in polvere)
2 o 3 cucchiai di concentrato di pomodoro (dipende da quanto maturi e saporiti sono i pomodori freschi)
20 g di farina
50 g tagliolini all'uovo o capelli d'angelo (oppure 2 cucchiai di riso crudo, o 100 g di riso cotto)
1 ciuffo di coriandolo fresco
1 ciuffo di prezzemolo fresco (più qualche foglia per il decoro)
1 foglia di alloro
1 pezzetto da 4 cm di corteccia di cannella (o 1/2 cucchiaino in polvere)
1 cucchiaino di curcuma in polvere
1/4 di cucchiaino di semi di cumino
1/2 cucchiaino di paprika piccante (oppure di peperoncino in polvere, o di pepe nero appena macinato, o anche di harissa, che però va unita alla fine insieme alla pasta)
2 o 3 cucchiai di olio extravergine
sale

(NB: aggiornamento delle dosi del brodo dopo i consigli di amici marocchini: la mia zuppa così è troppo densa, deve risultare decisamente più brodosa. Per questo credo sia meglio anche diminuire leggermente la quantità di lenticchie)

Ammollare i ceci per 12 ore, poi sciacquarli e lessarli 2 ore in 2,5 3 l di acqua fresca, con l'alloro e 3 gambi di prezzemolo. Per accorciare i tempi di cottura si possono spellare i ceci scolati, strofinandoli vigorosamente in un un telo pulito.

Una volta cotti, scolare i ceci, filtrando e conservandone l'acqua di cottura. Se ne dovrebbero ottenere almeno circa 1,2 2 l.

Ammollare le lenticchie 30 minuti. In un pentolino sciogliere la farina con un frustino in 200 ml di acqua di cottura dei ceci fredda e far riposare coperto.

Spellare i pomodori, scottandoli prima un minuto in acqua bollente oppure usando (come ho fatto io) l'apposito coltellino. Ridurli a pezzetti e frullarli con il gambo di sedano, prima mondato ed affettato, e con un ciuffetto delle sue foglie.

Frullare lo zenzero fresco, l'aglio e la cipolla mondati e rosolarli in olio a fuoco basso in una pentola di coccio per una decina di minuti, fino a che la cipolla è trasparente.

Unire al soffritto tutte le spezie ed i ceci, far insaporire un paio di minuti e poi aggiungere 800  ml 1,5 l dell'acqua di cottura dei ceci.

Portare tutto a bollore, unire le lenticchie scolate e cuocere coperto a fuoco basso per 10-15 minuti.

Intanto scaldare a fuoco bassissimo il mix di farina, unendovi il concentrato di pomodoro ed i pomodori frullati, rimestando fino a che si addensa in una crema morbida, salando alla fine. Ci vogliono circa 5-6 minuti.

Versare il composto a filo nella zuppa, sempre mescolando per scioglierlo bene, quindi unire 2 o 3 rametti interi sia di coriandolo che di prezzemolo ed il succo di 1/2 limone.

Cuocere altri 10-15 minuti (i tempi dipendono dal tipo di lenticchie) fino a che i legumi sono perfettamente cotti ed il brodo è denso e vellutato, rimestando spesso perchè tra farina e lenticchie ora la zuppa tende ad attaccare.

Se si prepara la zuppa in anticipo rispetto alla cena fermarsi qui (si conserva in frigo per 3 giorni ed in freezer per 3 mesi), altrimenti tritare due cucchiai di foglie di prezzemolo ed altrettante di coriandolo.

Poco prima di servire regolare di sale, levare i rametti di erbe cotti, l'alloro e la cannella, unire i tagliolini, prima spezzati in tocchetti da 4 o 5 cm, e cuocere 5 minuti (oppure 15 minuti se si usa il riso crudo, oppure aggiungere al bollore il riso cotto).

Regolare a gusto la densità della zuppa aggiungendo ancora un po' di acqua dei ceci o cuocendo un minuto in più, unire succo del rimanente 1/2 limone e il trito di erbe fresche e mescolare bene.

Dividere in ciotole individuali, decorare con ciuffetti di coriandolo fresco e servire con spicchietti di limone a parte.
  • rivoli affluenti:
  • i quattro libri superstiti sono:
  • Claudia Roden, La cucina del Medio Oriente, Vallardi, 1989, ISBN 88-11-92690-4
  • Claudia Roden, The Book of Jewish Food, Penguin Books, 1999, ISBN 978014466096
  • AA.VV., L'Enciclopedia della Cucina Internazionale. Vol. 23. Africa e Medioriente, De Agostini, 2006
  • Hassan M'Souli, Moroccan Modern, New Holland Publisher, 2007, ISBN 978-1-84537-816-5
  • per una versione gluten free sostituire la farina con amido di mais e, ovviamente, impiegare riso al posto della pasta. Per una versione vegana basta usare dei capelli d'angelo, altra pastina di grano duro o riso invece dei tagliolini all'uovo.

Commenti

  1. E fate bene ad uscire! Sempre nel rispetto delle regole ma è giusto a mio parere non rintanarsi troppo in casa....
    Amo da sempre conoscere nuove culture e nuovi piatti, adoro la cucina asiatica e orientale, sapori a volte sconosciuti e diversi ma non per questo meno buoni, questa zuppa è davvero favolosa e riscalda anima e corpo <3 baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti la sto confrontando con le ricette di casa di altri amici marocchini e mi diverto da morire a vedere come ognuno mi consigli cose differenti, così come capiterebbe qui se chiedessi pareri alle nonne lombarde sul minestrone perfetto. Tutto il mondo è paese, insomma. Comunque mi dicono tutti che è troppo densa, quindi è di certo meglio usare più liquidi. Ora correggo!

      Elimina
  2. La densità era uno degli aspetti golosi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me non dispiace ma effettivamente al ristorante era più liquida. Comunque puoi sempre seguire la ricetta senza correzioni!

      Elimina
  3. Your Affiliate Money Making Machine is ready -

    Plus, earning money online using it is as easy as 1 . 2 . 3!

    Here are the steps to make it work...

    STEP 1. Input into the system which affiliate products the system will promote
    STEP 2. Add PUSH BUTTON TRAFFIC (it LITERALLY takes 2 minutes)
    STEP 3. Watch the system grow your list and sell your affiliate products all on it's own!

    Are you ready to make money ONLINE??

    Click here to launch the system

    RispondiElimina
  4. Water Hack Burns 2 lb of Fat OVERNIGHT

    At least 160 000 men and women are losing weight with a simple and SECRET "liquid hack" to burn 2lbs every night as they sleep.

    It is proven and it works all the time.

    Here are the easy steps for this hack:

    1) Grab a glass and fill it half full

    2) Now learn this crazy hack

    and be 2lbs thinner the next day!

    RispondiElimina
  5. Thank you for these good moments on your blog. I am often in the post to watch (again and again) these wonderful articles that you shared. Really very interesting. All the best !

    Voyance gratuite

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!