Passa ai contenuti principali

non tutti i roll giapponesi sono sushi: involtini giapponesi di carne e funghi

Nonostante io cucini spessissimo giapponese, mi rendo conto che da troppo tempo non pubblico sul blog una di quelle ricettine nipponiche che tanto adoro nel quotidiano. Essendo appena passato in Italia il momento dei funghi, ecco che racconto una delle mie ultime prove casalinghe, un piatto di carne e funghi, per contraddite chi pensa che la cucina giapponese sia fatta solo di pesce!

Appartiene al filone degli Yawata-maki, 八幡巻, che avevo già presentato qui in versione primaverile con asparagi tanto tempo fa. Il termine inizialmente definiva degli involtini di carne e bardana, pianta tipicamente coltivata nella prefettura di Yawata, ma con il tempo si è esteso a tutti gli involtini cotti di carne e verdura.

Qui le fettine di manzo avvolgono degli enokitake, funghi allungati, sottili e dalla piccola capocchia che crescono in famigliole, in natura sui ceppi di alcune piante, dove prendendo luce e diventano marroncini. In quel caso sono chiamati nameko, なめこ, mentre quelli coltivati, gli unici disponibili da noi in Italia, crescono al buio e sono dunque bianchi; in questo caso prendono il nome di enokitake 榎茸 o di enoki kinoko 榎きのこ, in entrambi i casi "funghi enoki". 

Il mio modo preferito di consumare gli enokitake è cuocerli al cartoccio, semplici semplici con una nocina di burro e un pizzico di sale. In questo caso invece prima di utilizzarli li metto a bagno  in acqua molto salata: ciò permette ai funghi di risultare leggermente croccanti al centro dell'involtino, dove prendono meno calore, senza risultare legnosi, ed alle teste di ammorbidirsi invece di diventare flaccide e gommose. Inoltre non si attaccano al fondo del tegame, nel caso il condimento fosse poco, e sono più saporiti anche dove non assorbono gli umori della carne.

Questa volta ho anche marinato preventivamente le fettine di carne di manzo 牛肉 gyū niku, per insaporirle, poi le ho avvolte attorno ai mazzetti di funghi e scottate velocemente in padella, giusto il tempo che gli enokitake si ammorbidissero un poco e il manzo si dorasse.  

Le dosi sono per quattro persone giapponesi, ovvero cinque mezzi involtini a testa (perchè le pietanze in Giappone è meglio servirle in bocconi dispari e mai comunque in numero di 4). Come apporto proteico sono perfette nella logica di un menù giapponese in cui compaiono altri piatti di verdura, riso e zuppa, ma per un pranzo italiano diventa piatto unico per due, se accompagnato da un'insalata e da riso saltato velocemente nel tegame da cui sono stati levati gli involtini.

La marinatura della carne, data la presenza di salsa di soia ed il sottile spessore delle fette, non deve superare i 30 minuti o la carne rischia di indurirsi. Va tagliata contro grana, sempre per restare morbida, a differenza di quanto si vede in foto. Purtroppo il taglio che avevo a disposizione era lungo e strettissimo ed ho dovuto tagliarlo secondo la vena: il piatto era comunque gustoso ma poteva essere decisamente più tenero seguendo le regole...
GYŪ-NIKU TO ENOKI NO YAWATA-MAKI -牛肉 と えのき茸 の 八幡 巻 - INVOLTINI DI MANZO E FUNGHI ENOKI
ingredienti per 2-4 persone:
250 g di polpa di manzo 
200 g di funghi enokitake
1 spicchio di aglio 
1 pezzo di zenzero grosso come l'aglio
2 cucchiai di salsa di soia
1 cucchiaio di sake
1 cucchiaino di zucchero
1/2 cucchiaio di olio di sesamo
1 cucchiaio di olio di arachidi
sale

Mettere prima la carne in freezer per 45 minuti perchè sia più facile da tagliare, e poi ricavarne una ventina di fettine da 3 mm.

Tritare finissimi o pestare in un mortaio aglio e zenzero, miscelarli a soia, sake, zucchero e olio di sesamo e tenervi la carne in marinata, anche fuori dal frigo ma ben coperta, per circa 30 minuti. 
 
Eliminare dagli enoki le basi terrose, dividerli in 10 mazzetti uniti alle basi e metterli a bagno in acqua tiepida con molto sale per 15 minuti, poi scolare molto bene, strizzando delicatamente i gambi.

Accostare due fettine di carne ben stese su un piatto leggermente accostate, a formare un'unica fetta; dividere un ciuffo di funghi in due e disporli all'inizio della carne "testa-piedi", in modo che le piccole cappelle di un gruppetto di funghi sporgano da un lato della carne e le loro radici siano a filo dall'altro, mentre le teste del secondo mazzetto sporgono dove le radici del primo si fermano e viceversa. 

Arrotolare strettamente la carne attorno ai gambi degli enoki, e ripetere con il resto degli ingredienti, formando in tutto una decina di involtini.
Scaldare l'olio di arachidi in un velo sottile dentro un ampio tegame, disporvi gli involtino e saltare a fuoco vivace per due o tre minuti, fino a che la carne è bel dorata su tutti i lati. 

Tagliare ogni rotolino in 2 parti al centro e servire, qualche mezzo involtino adagiato e qualcuno appoggiato alla parte tagliata con i funghi in alto, e irrorare con quel poco di fondo di cottura rimasto. 
  • rivoli affluenti:
  • qui una breve storia dell'uso della carne in Giappone e la ricetta degli Yawata-maki tradizionali.

Commenti

  1. Deve essere tutto buono ma sai qui da me trovare funghi a parte i soliti crimini o bianchi e qualche galletto altro è sconosciuto. Funghi secchi porcini si ma basta. Scusa se non passo spesso, ma sono ferma perché sono ora tre mesi dall'impianto pacemaker fine agosto, sto benino ma no ho ancora voglia di mettermi davanti pc. Solo dal smartphone è più veloce e scrivo distesa.... Buona giornata mia cara un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare Edvige e cerca di riprenderti al meglio, godendoti un giorno per volta. Sono già strafelice di sapere che stai bene e che hai ricominciato con qualche incursione sul web ❤️

      Elimina
  2. Hello There. I discovered your blog using msn. That is a really well written article.
    I will be sure to bookmark it and come back to learn extra of your helpful information. Thanks for the post.
    I'll certainly comeback 토토사이트

    RispondiElimina
  3. Hey! I'd like to start a blog so I can easily share my own experience and feelings online. Please let me know if you have any kind of ideas or tips for new aspiring blog owners.
    경마사이트
    경마

    RispondiElimina
  4. Woah! I'm really enjoying the template/theme of this website.
    It's simple, yet effective. A lot of times it's difficult to get that "perfect balance" between usability and visual appearance. 바카라

    RispondiElimina
  5. I am sure this article has touched all the internet viewers, its really really nice post on building up new website. 토토

    RispondiElimina
  6. Thanks for such a valuable post. I am waiting for your next post, I have enjoyed a lot reading this post keep it up.
    카지노사이트

    RispondiElimina
  7. Such an amazing and helpful post. I really really love it.
    바카라사이트

    RispondiElimina
  8. Simply desire to say your article is as amazing. The clearness on your post is simply spectacular and that i could assume you are a professional on this subject.
    토토사이트

    RispondiElimina
  9. It is very well written, and your points are well-expressed. I request you warmly, please, don’t ever stop writing.
    온라인카지노

    RispondiElimina
  10. 우리카지노20 dicembre 2021 11:02

    Hello, I am one of the most impressed people in your article. 우리카지노 What you wrote was very helpful to me. Thank you. Actually, I run a site similar to you. If you have time, could you visit my site? Please leave your comments after reading what I wrote. If you do so, I will actively reflect your opinion. I think it will be a great help to run my site. Have a good day.


    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!