Passa ai contenuti principali

pelmeni russi ai fegatini e caffè, sempre per un MTChalenge esterofilo

Ho preparato i miei primi pelmeni imparando dalle mani della mia amica Tamara, che è nata nelle campagne di Vladivostok, vissuta per anni a Mosca e per decenni in Ucraina, e che si è poi finalmente decisa a venire ad abitare a pochi passi da casa mia. Abbiamo cucinato insieme tante volte, fino a che lei è tornata in Ucraina ed io ho cambiato città, e mi ha mostrato ricette popolari tipiche del profondo est, cioè quelle della Russia fredda e vicina al Giappone, e piatti della Russia più europea, del centro sud, che condivide tradizioni e sapori anche con i Paesi dell'Est e con le aree montane mediorientali.

I ravioli sono una costante di quasi tutte le località russe, anche se cambiano molto di nome, di forma e di sfoglia, per non parlare poi delle farciture: credo che nessuno abbia mai provato a classificarle tutte! Quelli che mi ha insegnato Tamara li chiama pelmeni, usa una sfoglia abbastanza simile a quella italiana e li farcisce a crudo. Quello che mi piace del suo modo di cucinare è la miscellanea di saperi che lei fonde nei piatti, che sembrano tradizionali ma in realtà non lo sono.

Per esempio, mentre quasi ovunque in Russia, se non si servono come decorazione per minestre, i pelmeni vengono serviti "nudi" oppure conditi con burro fuso e/o panna acida, lei che è cresciuta in una regione molto più "asiatica" racconta che dalle sue parti si usano invece maionese oppure salsa di soia. Sulla maionese non trasalgo perchè so che si tratta di una salsa molto usata nella cucina sovietica, nei loro infiniti antipasti freddi ed insalate ma anche per piatti caldi come questi involtini di carne. Figuriamoci se ho da ridire sulla soia, che io metterei ovunque!

Dunque da questa sua abitudine parto per un primo piatto degno dell'MTChallenge in versione Smart, che si incastri bene nel mio menù di quattro portate a base di un solo pollo, di cui il dolce è turco ed il secondo sudafricano. Si chiedono ricette straniere di pollo personalizzate con un nostro tocco: così resto completamente in Russia ma posso fingere di occhieggiare alle logiche orientali!

Scelgo per la sfoglia gli ingredienti di Tamara, quindi niente burro, yogurt o panna acida nell'impasto ma olio di girasole, e la preparo con la sua tecnica casalinga, sostituendo il brodo di pollo all'acqua e sale che usa lei. Resto negli insegnamenti di Tamara anche per la forma, visto che è quella che si dice più antica, a quanto pare ereditata dai Cinesi (appunto!) attraverso Mongolia e Tibet. Le dosi qui sono per quattro persone, poco più di un'ottantina di pelmeni piccoli, perchè tirare la sfoglia con meno di un uovo mi sarebbe sembrato strano, quasi "immorale", italianamente parlando.

Per il ripieno, invece, avevo inizialmente pensato ai classici pelmeni s kurinoy pechenyu, che racchiudono fegatini rosolati con lardo e cipolle, molto usati nelle zone meridionali della Russia e anche in Ucraina, raccontava Tamara, dove i ravioli si chiamano vareniki e si dice che se li prepari contati ti si romperanno di sicuro. Poi mi sono resa conto che il mio unico pollo, con cui mi sono ripromessa si preparare l'intero menu, ovviamente ha un solo fegatino e che, comunque, anche tutte le sue frattaglie insieme non sarebbero sufficienti a farcire un'ottantina di ravioli...

Ma deviare sui kurinye pelmeni, con farcitura di pollo lesso e cipolle rosolate, mi sembra troppo banale, così decido di miscelare i due ripieni classici: arrostisco il pollo con lardo e cipolle invece di lessarlo, poi con il suo fondo e le interiora creo una salsina per legare e profumare il ripieno. E diciamo che, pur sostituendo il mitico salo (lardo) russo con l'ingrediente più simile che ho trovato al supermercatino sotto casa, una banale pancetta a dadini (sigh!), la farcia è decisa.

Per il condimento mi piace restare sulla salsa soia ma non mi va di cedere alla tentazione davvero asiatica: devo trovare qualcosa che la sostituisca negli aromi ma visivamente le somigli. E allora: con cosa stanno bene le frattaglie e la pancetta? Be'... con il caffè! Così ricostruisco visivamente la soia ad uso e consumo visivo di un Russo medio di Vladivostok, ma arrivo finalmente in Italia con il profumo del caffè.

Vivendo con un essere napoletano al mio fianco, in casa non possono entrare ovviamente caffè liofilizzati, facilmente solubili in qualsiasi liquido, ne' mi è permesso usare la sacra moka per un caffè fatto con il brodo di pollo, come mi sarebbe in realtà piaciuto. Con il brodo posso però preparare un caffè al modo turco (non ho il tradizionale cezve ma un pentolino sufficientemente simile sì), profumato in questo caso di alloro e limone, come spesso si fa nella preparazione del samogon, la robusta ed aromaticissima wodka casalinga.

I capperi (ebbene sì, in alcune zone della Russia i pelmeni si accompagnano con capperi!) e l'erba cipollina del decoro finale sono il salino e l'erbaceo che accompagnano la dolcezza del ripieno e la profumata acidità del caffè.

Ultimo dettaglio: se avessi deciso di lessare il pollo del ripieno, come nei pelmeni tradizionali, di certo avrei poi cotto i miei raviolini in quel nettare, magari prima ristretto e ulteriormente aromatizzato. Però qui non ho sufficiente materia "avicola" preparare un brodo vero e abbondante... così devo per forza (!) rassegnarmi a ricordare la loro antica origine e, coerentemente, mi vedo costretta (!) a brasarli in padella come dei guotie cinesi o dei gyoza giapponesi. Mi resta il pudore di tenere la parte dorata in basso, in modo fingere, ad una prima occhiata, che questi pelmeni siano quelli di Tamara. A cui ovviamente li dedico con tutto il cuore.
PODDELNYE PELMENI S KURINOY PECHENYU I KOFEYNYM SOUSOM - FINTI PELMENI AI FEGATINI CON SALSA AL CAFFE' 
ingredienti per 4 persone:
per la sfoglia:
200 farina + una manciatina per la spianatoia
1 uovo
1 cucchiaio di olio di girasole
sale
zucchero

per il brodo:
collo e punte delle ali del pollo
1 l di acqua di lessatura del pollo della ricetta turca (o del classico brodo di pollo leggero)
1 piccola cipolla
1/2 foglia di alloro
1 rametto di timo
sale
pepe nero al mulinello

per il ripieno:
polpa di pollo ricavata da 2 cosce e parte più polposa delle ali, c.a 200 g
fegatino, cuore e durelli del pollo
70 g di salo o lardo venato in una fetta spessa (io pancetta affumicata + 1 cucchiaio di olio)
1 cipolla
2 cucchiai di grappa homemade del mio papà (al posto di samogon)
1/2 cucchiaio di farina
5 o 6 steli di erba cipollina (+ qualcuno per il decoro)
sale
pepe nero al mulinello

per il condimento:
6 cucchiaini di caffè macinato
1 briciola di  foglia di alloro
1 scorzetta di limone
1 cucchiaio scarso di zucchero
20 g di burro
1 cucchiaio di grappa
1 cucchiaino di succo di limone
sale
4-6 capperi sotto sale
olio di girasole per la brasatura

Mettere i capperi in acqua dissalarsi per ore e ore.

Per il brodo portare ad ebollizione l'acqua di pollo della ricetta precedente con le ali e il collo di pollo, la cipolla a pezzi, 1/2 foglia di alloro e un rametto di timo e cuocere mezz'oretta, quindi salare, pepare, spegnere, far intiepidire e filtrare.

Per la sfoglia unire alla farina setacciata l'uovo, una presina leggera di sale, un pizzichino di zucchero, l'olio e tanto brodo filtrato tiepido quanto ne serve per avere una pasta morbida (circa 40-60 ml in base  alla dimensione dell'uovo e all'assorbimento della farina).

Lavorare l'impasto, prima nella ciotola e poi sulla spianatoia infarinata, per diversi minuti, quindi coprirlo con la ciotola capovolta e far riposare a temperatura ambiente per un'oretta.

Per il ripieno ridurre la carne del pollo a pezzetti, eliminando venuzze e cartilagini; tritare grossolanamente il lardo e finemente la cipolla; mondare le interiora e tagliarle a pezzettini (volendo si possono tenere a bagno in un poco di latte per una mezz'oretta, ma sono talmente poche...).

Fondere il lardo (o pancetta più olio) a fuoco basso e, quando il grasso è sciolto, alzare e rosolare brevemente a fuoco vivace, levando poi i pezzettini solidi belli dorati.

Nel fondo appassire la cipolla a fuoco medio per una decina di minuti, fino a che è morbida ed accenna a dorare.

Levare più della metà delle cipolle e nel loro fondo versare il pollo, rosolando a fuoco vivace per qualche minuto, fino a che è bello dorato su tutti i lati, poi levarlo dal tegame, salare, pepare e far intiepidire.

Nel fondo rimasto scottare le frattaglie a fuoco vivace per un minuto e sfumare con la grappa, poi spolverizzarle con la farina, facendola tostare fino a che è leggermente brunita.

Unire 50 ml di brodo e cuocere a fiamma bassa per qualche minuto, fino a che la salsa si addensa, quindi salare se serve, spegnere e far intiepidire.

Frullare la polpa del pollo cotta e la salsa di interiora, poi unirvi le cipolle dorate messe da parte, i "ciccioli" del lardo, 2 o 3 steli di erba cipollina tritata, e regolare, se serve, di densità con eventualmente poco brodo, e di sapore per sale e pepe.
Rilavorare brevemente l'impasto della sfoglia e stenderlo in spessore di 2 o 3 mm, poi tagliarlo in dischetti da 4 cm (il diametro dell'imbocco del bicchiere da grappa o da wodka).
Farcire con una nocciolina di ripieno, chiudere a semicerchio poi riunire le due e estremità lungo il lato dritto,
saldandole con una forte pressione (tipo un tortellino ma più piatto).
Disporre i pelmeni su un telo appena infarinato a mano a mano che vengono pronti e far riposare una mezz'oretta prima di cuocerli.
Per salsa al caffè: portare a bollore in un pentolino cilindrico, stretto e alto, 200 ml di brodo con scorzetta e alloro; levare dal fuoco, unire il caffè, mescolare bene e riportare a bollore.

Levare di nuovo dal fuoco, mescolare molto bene e portare di nuovo a bollore. Ri-levare dal fuoco, unire un goccio di brodo freddo per accelerare la posa del caffè, quindi versare senza filtrare in un contenitore fondo piatto e lasciar terminare la posa. Infine (i Turchi e le fattucchiere mi perdonino) filtrare il caffè attraverso carta da cucina.

Caramellare lo zucchero in un tegamino, fermarne la cottura con il burro ben freddo e un goccio di grappa, mescolare bene, poi aggiungere il succo di limone, un pizzichino di sale e il caffè e lasciar restringere un minuto prima di spegnere.
Poco prima di servire ungere con un velo appena di olio di girasole un ampio tegame antiaderente e scaldare a fiamma media; disporvi i ravioli con il lato piatto sul fondo e cuocere un paio di minuti, fino a che sotto si è formata una bella crosticina.
Unire un mestolino  di brodo freddo coprire e far cuocere i pelmeni, brasati sul fondo e a vapore nella parte superiore, per 2 o 3 minuti, fino a che il fondo è asciutto. (Se si hanno ospiti si possono cuocere e lasciar freddare scoperti nella padella, per poi riscaldarli brevemente con un altro goccino di olio e brodo al momento di servire.)

Raccoglierli un momento su un piatto con la parte croccante in alto, in modo che la crosticina prenda aria e perda umidità, poi disporli nei piatti individuali con la parte dorata (delittuosamente) sul fondo.
Servire con un cucchiaio di salsa al caffè sul fondo del piatto (ed il resto in una ciotolina a parte, per i più golosi), decorando con un cappero a testa, ben scolato ed aperto a fiore, un pizzico di erba cipollina tritata ed uno stelo intero e, se piace, un'ultima grattatina di pepe. Ovviamente accompagnare con bicchierini di wodka (o grappa), come farebbero a Vladivostok.
Piccolo retroscena: per la bontà della salsa al caffè, che io non ho potuto assaggiare causa intolleranza, garantisce l'essere napoletano che mi vive a fianco. Non che il suo parere sia molto obiettivo... comunque dopo tutti quelli cotti ci ha intinto anche dei pelmeni crudi!
Quelli che gli ho levato dalle grinfie li ho congelati su un vassoio coperto da un panno per due ore, poi trasferiti in un sacchetto da congelatore che ho chiuso levando l'aria. Si dovrebbero conservare per un mesetto e si possono cuocere lessandoli in acqua bollente salata con un cucchiaio di olio senza bisogno di scongelare.

Anche con questa ricetta, la terza, partecipo all'MTChallenge Smart sul pollo internazionale.
  • rivoli affluenti:
  • per saperne di più sul samogon un articolo interessante è questo.

Commenti

  1. No...va beh...hanno un'aria strepitosa!!!

    RispondiElimina
  2. Un piatto che parla russo ma che ci fa capire quanto tutta la cultura del cibo sia le legata, se uno guardasse solamente il piatto si sentirebbe in Italia
    Tu invece ci porti in Russia e ancora una volta ho viaggiato con te attraverso la tua capacità di mettere a nudo una ricetta
    Scusami se in questo periodo sono un po' ripetitiva, ma veramente rimango incantata
    Bravissima complimenti e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cucina è capace di farti sentire in italia con un piatto russo preparato alla cinese: se non è bellezza questa...

      Elimina
  3. io resto senza parole ma sempre con tanta ammirazione. Sei inarrivabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma piantala! Ho visto dei ravioli tuoi che noi umani...

      Elimina
  4. Un capolavoro senza pari... ed è veramente affascinante leggerti. Per quanto riguarda il caffè col brodo, da estrema nordica (nel senso che vivo in uno dei comuni più a nord d'Italia) do piena ragione "all'essere napoletano... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il caffè nei piatti salati è un tema che mi affascina ma che purtroppo sperimento poco perchè, causa intolleranza, non lo posso nemmeno assaggiare. Altrimenti credo che avrei la mia moka personale per esperimenti eterodossi!

      Elimina
  5. non ho assolutamente idea di cosa possano essere gli originali anche se tu ne dai una descrizione minuziosa ma questa tua interpretazione è una roba super raffinata che lascia senza fiato. Mi piace tutto ma quella salsa caramellata grappa e caffé e la ciliegina sulla torta il cappero, una favola davvero che mi fa volare con la fantasia e mi porta in mezzo alla steppa, sotto una tenda, accovacciata anche per terra ma sopra a tappeti preziosi e intorno ad un desco principesco!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la salsa al caffè fa volare anche me con la fantasia, dato che me la posso solo figurare in testa senza poterne provare il gusto. Lo zucchero caramellato me la avvicinava alla preparazione della salsa di soia e ho pensato fosse interessante contrapporre il suo amaro a quello più acido del caffè. Poi magari falla e dimmi tu se ha un senso davvero...

      Elimina
  6. tu non sai quanti pelmeni ho mangiato nella mia vita russa! perció questo post, oltre a farmi venire una nostaglia pazzesca di quel tempo, mi ha preso letteralmente per la dovizia di particolari con cui descrivi questo piatto molto bello per MTC smart. Io arrivo a breve con un'altra proposta... Ciao !

    RispondiElimina
  7. Conosco i pelmeni perchè ho una, anzi più di una, amica russa ma questi non sono solo ravioli, sono un piatto elaborato che racconta una storia, un sapere (il tuo) sconfinato. Fai sembrare tutto semplice poi leggi i passaggi e ti sconvolgi di quante siano state le preparazioni (mai scontate). Quando ho letto caffè il mio cervello ha fatto spazio al ricordo di certi gnocchi fatti in Garfagnana. Non ho più parole sei bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per gli gnocchi garfagnini è stato un pensiero creativo cumulativo, per i pelmeni... se hai amici russi approfitta, brava come loro io mai!

      Elimina
  8. questa è un capolavoro, punto.
    Vorrei dirti che ne ho mangiata anche una versione brasata, in Polonia, ma solo per completare il quadro della perfezione. Bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te l'avevo dette che con questa ricetta avreste sorriso...

      Elimina
  9. Faccio fatica ad immaginare una salsa al caffè per condire deri ravioli di carne, ma solo perchè non ho mai provato :-)) Questi potrebbero essere un valido spunto per iniziare a digerire mentalmente la simbiosi. Ti ammiro tanto, riesci a rendere comprensibile con elegante semplicità gesti e tradizioni a noi sconosciute e renderle doppiamente affascinanti.
    Quando tutto si sistemerà dovremmo pensare ad un altro corso esterofilo da proporre, russo sarebbe un buon inizio ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà la polpa del pollo nel raviolo è praticamente ininfluente, senti di più interiora e pancetta. E se pensi che sono entrambi sapori dolci, l'acido e amaro del caffè hanno un loro senso. Ma non lo dico io, ci sono fior di chef che abbinano da anni carne e caffè molto meglio di me... io copio solo!

      Elimina
    2. PS: ovvio che sono a tua disposizione per qualsiasi corso tu voglia organizzare.

      Elimina
  10. Passare da te è sempre scoprire qualcosa, come quando si fa un viaggio, ma sono sempre viaggi "di studio", dove si imparano cose nuove e si ricevono stimoli continui. Che dire d'altro se non grazie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che il prossimo viaggio voglio venire a tutti i costi in Toscana!

      Elimina
  11. Eccola , fra le quattro ricette da te proposte è questa quella che amo! Non solo per la sapienza e la perfezione con cui procedi sicura,e neanche per la bella trasformazione che hai fatto, realizzando dei ravioli russi alla cinese e che fanno sembrare di restare in Italia. E neanche perché è un piatto ben pensato, immaginato e raccontato... No... A questo ci hai abituato da un pezzo, ammaliandoci e facendoci viaggiare con te.
    I tuoi pelmeni mi piacciono moltissimo perché sono fatti con affetto e cuore . Tanto!
    E te ne ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sto cercano in effetti di far emergere meglio tutta la parte affettiva che spesso tendo a celare sotto gli aspetti storico-tecnici. La cucina come scuola di vita.

      Elimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa …

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!
In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

storia di un addio e di fidelin saraceni ai finferli

Molti dicono che sia impossibile ma lei ne è convinta: il primo ricordo di cui Alissa ha sempre avuto memoria è di se stessa piccolissima, sdraiata nella carrozzina sulla strada davanti alla vecchia Baita in quel paesino di montagna. E' di lei che guarda in su, verso il cielo, mentre nevica. La carrozzina è di sky blu fuori e di tessuto bianco dentro; un telo di sky blu abbottonato sulla struttura copre le coperte in cui lei è avvolta ed una visierina di plastica trasparente a mezza altezza la ripara dai fiocchi, che scendono lenti.

Vero che la carrozzina poi venne usata anche quando nacque la sorella, ma all'epoca Alissa aveva 14 mesi. Dicono che i ricordi si formino dai tre anni ma per allora la carrozzina era già stata data via. A lei non pare di averne mai vista una foto e, anche se fosse, sarebbe stata in bianco e nero, da dove spunta il ricordo del blu?
Forse è per questa strana visione che si è sempre sentita a casa in quel paesino. O forse perché ci ha trascorso tutte…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!