Passa ai contenuti principali

one "good" idea for Onigiri Action 2020: chestnuts and Italian ham


Throughout this month of October I like to partecipate in Onigiri Action, a worldwide charity initiative in which various international sponsors donate five school meals to disadvantaged children for each image of onigiri (お に ぎ り or more formally お 握 り) which is published citing the initiative, online or directly on their website on this map

In recent days I sent photos of some onigiri I already published here in the blog, but I also want to prepare a dedicated one. I immediately thought of a traditional fall Japanese recipe easily transformable into an onigiri: my beloved kuri gohan, 栗 ご は ん, the "chestnut rice" I talked about during one of my seasonal Japanese cooking class

I liked the correspondence between that dish and macch or mach (both read "mak"), a traditional and ancient chestnut soup typical of Northern Italy (forementioned here) which, according to local products, was prepared with chestnuts and rice, chestnuts and millet or chestnuts and barley... the same three historic cereals of the Japanese diet!

In Piedmont region (where mach means "only, solely" and the soup is also called machët, small mach) chestnuts and rice are cooked in milk; in Valtellina mountains (where macch indicates a thick soup or porridge) if there was no barley or rice, panìco (foxtail millet, setaria italica) was used, a cereal similar to millet which has now almost disappeared; in the nearby Swiss Ticino region, (where official language is Italian and macch is the local word for dry chestnuts) dried chestnuts or their flour were used.

In Lombardy region, mine, macch could be flavoured, when possible, with pork pieces: sometimes not very noble parts such as rinds and butchery cuttings, sometimes with trotters, which once cooked were chopped into the soup, sometimes even just with bones, but on the most fortunate occasions tasty lard or pancetta (italian bacon) appeared.

I hook on to this pork taste to insert an Italian element in the Japanese tradition: if classical kuri gohan authorize some aroma in cooking water and at most a sprinkling of black sesame as additional flavours, in truth onigiri can accommodate everything. They are also called omusubi (お む す び, honorable union), tonjiki (頓 食, literally "fast food" but intended as a "round bite of rice/food") or nigirimeshi (握 り 飯, hand-pressed food/rice): all names show the lack of limits to the ingredients, except for the indispensable rice pressed by hands.
  
But let's start from basics: today o-nigiri attributes the honorary "o" to a hand-pressed rice ball, the same as nigirizushi (握 り 寿司, literally hand-made sushi), out of Japan the most popular sushi shape together with maki. The substantial difference between nigiri and onigiri is not really in the shape or in the presence/absence of raw fish: it is that the first las rice seasoned with vinegar, salt and sugar, the second has not, it is at most slightly salted or cooked in flawoured water. In any case, nigirizushi  traditional rice shapes include only these...
There are traditionally three shapes for onigirisankaku gata (三角 型, "triangular in shape", reminiscent of a mountain, in homage to the deities), the best known in the West, tawara gata (俵 型, "shaped like a bale", the cylindrical one in which the rice was collected in the fields to carry it on shoulders), the most used in bento, and maru gata (丸 型, "round in shape"), perhaps the  simpler one to be made. 
And then fancy onigiri are spreading, reproducing animals, flowers, cartoon characters and so on. But please note: if prepared with seasoned sushi rice, any onigiri loses this qualification and becomes a fancy sushi!
To be an onigiri, however, there is no need to have a filling (called gu, 具, kanji which also means "ingredients"): the other ingredients can also be placed as rice toppings, mixed with the rice before pressing it or not used at all: a small white rice onigiri wrapped in crunchy nori seaweed, for example, is one of my simplest and most profound delicacies! 

Nori seaweed is however useful for picking up the onigiri, which can be a snack, a packed lunch or a street food and it was born to be eaten with our fingers; but nori is not mandatory and for this purpose it can be replaced, to taste, from fresh shiso leaves, salad or other things.

There are many traditional fillings/toppings/decorations with ingredients, locations and names that I am not going to list now. Suffice it to say that so far I have not yet found an onigiri like the one I present here, and it seems so strange to me that no one has yet thought about it that I can't wait to be proven wrong! 

In summary: chestnuts cooked and perfumed together with rice as for kuri gohan, but then separated to become a hidden filling together with some "very Italian" strips of raw ham, which in Japanese translates パルマハ ム, parumahamu, from Parma ham, aka our prosciutto di Parma (!). Italian ham is umami enough to match all other Japanese flavours and it represents the jummy pork of our Lombard macch.

栗とパルマハムの秋の鬼切 - 
KURI TO PARUMAHAMU NO AKI NO ONIGIRI - AUTUMN ONIGIRI WITH CHESTNUTS AND PARMA HAM FILLING
ingredients for about 10 onigiri:
2 Japanese cups Japanese rice (about 8,5 oz)
2 Japanese cups light dashi broth (about 1,3 cups) 
8-10 fresh chestnuts (about 3,5 oz)
0,5 oz  Parma ham, thinly sliced ​
1 tbsp sake
1 pinch salt
reel black pepper, to taste

Rinse the rice in fresh water, drain and repeat 3 or 4 times, until the water is clear. Leave it to soak for half an hour in fresh water, then drain and let it rest for about 15 minutes.

Meanwhile boil the chestnuts or... take the shortcut: cut their skin as if to roast them and soak them in warm water for 30 minutes; open the skin slightly, arrange chestnuts in a circle in a microwave dish so that they do not touch each other, add 3 tablespoons of water, cover and cook at 800 W for 10 minutes. Peel them from peel and skin.

Pour the rice into a pot, slightly sink in peeled chestnuts, cover with as much dashi as needed to exceed the rice level by 0,25 inches, then add the sake and a small pinch of salt.

Cover, bring to a boil and, without removing the lid, lower the heat and let it cook for 10 minutes; turn off the heat and, still without opening, let it rest for another 15 minutes.

Leave 2 or 3 cooked chestnuts in the rice, cover again  and keep warm. Mash all other chestnuts into a rough and compact puree; cut ham into strips, set aside a dozen of them and add the rest to the puree, then pepper generously.

With wet hands (and a bowl of water next to you, to re-moisten at each step), take about 2 ounches of rice and form a compact ball; form a hollow in the center, place a spoonful of the filling on it, cover with a little more rice and compact everything well.

Give the rice the triangular shape using the space between your thumb and forefinger (or shape it as you prefer), arrange it on a slightly moistened serving dish and prepare other onigiri in the same way.

Decorate the tip of onigiri with a strip of ham and a small piece of chestnut obtained from those kept, sprinkle with freshly ground black pepper and serve.

You can eat your onigiri the Italian way with slightly moistened hands or the Japanese way with the help of a small sheet of nori seaweed. 
  • Hints:
  • my other (not always) Japanese onigiri recipes: here
  • Italian version of this post: here
  • picture credits: macch herenigiri shapes here; classical onigiri here; fancy onigiri here 

Commenti

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

storia di un addio e di fidelin saraceni ai finferli

Molti dicono che sia impossibile ma lei ne è convinta: il primo ricordo di cui Alissa ha sempre avuto memoria è di se stessa piccolissima, sdraiata nella carrozzina sulla strada davanti alla vecchia Baita in quel paesino di montagna. E' di lei che guarda in su, verso il cielo, mentre nevica. La carrozzina è di sky blu fuori e di tessuto bianco dentro; un telo di sky blu abbottonato sulla struttura copre le coperte in cui lei è avvolta ed una visierina di plastica trasparente a mezza altezza la ripara dai fiocchi, che scendono lenti. Vero che la carrozzina poi venne usata anche quando nacque la sorella, ma all'epoca Alissa aveva 14 mesi. Dicono che i ricordi si formino dai tre anni ma per allora la carrozzina era già stata data via. A lei non pare di averne mai vista una foto e, anche se fosse, sarebbe stata in bianco e nero, da dove spunta il ricordo del blu? Forse è per questa strana visione che si è sempre sentita a casa in quel paesino. O forse perché ci ha trasc

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!