Passa ai contenuti principali

torta salata di riso al limone... e salsiccia, tra Armenia e napoletanità!

Tra i tanti spunti derivati della mia esperienza insieme a Rustichella d'Abruzzo c'è il confronto con  le persone che, provenienti dalle zone più disparate del pianeta, hanno viaggiato con me alla scoperta di quello splendido territorio.

Uno degli incontri per me più rivelatori, è stato quello con l'armena Naira: nelle ore trascorse a parlare con lei mi sono resa conto di conoscere molto superficialmente la storia del suo popolo, antichissimo, fiero e martoriato. Di ritorno, quindi, parallelamente all'approfondimento della cultura gastronomica abruzzese ho intrapreso anche un viaggio in quella armena, che racconta usanze e territorio ma anche  le tragedie e le vittorie del popolo armeno.

Come lo scorso anno avevo pensato ad un menù di Pasqua a colpi di ricette marocchine per l'agnello e per i suoi tre contorni, il mio Natale a tavola è stato totalmente abruzzese (sì, lo so, qui non ne ho parlato. Ma questo fa parte del silenzio del blog su moltissime cose che più avanti invece riemergeranno prepotenti). Ed ora la mia pasqua 2019 diventa un rispettoso omaggio alla tavola ed ai rituali della Pasqua armena.

Ne racconterò i dettagli ovviamente a Pasqua conclusa, come lo scorso anno, perchè io sono più da reportage della realtà che da "cucina per il blog". Ma il piatto di oggi è testimonianza di quanto l'incontro con Naira e con la storia del suo popolo mi abbia coinvolto anche in cucina... e pure di quanto le golosità dell'essere napoletano che mi vive a fianco riesca sempre a ribaltare i piani meglio costruiti!

La ricetta parte dal tentativo di riprodurre in casa la sfoglia da borag, un involtino armeno dai ripieni molteplici e dal guscio croccante di quella che qui comunemente conosciamo come pasta phillo.

Sorvolo per ora sui tentativi andati a vuoto e sul risultato appena decente che credo si aver ottenuto nell'ultima prova prima del banco di prova dei futuri borag pasquali. Una delle sfoglie più tristi ottenute, visto che non si butta mai via niente, è stata usata per questa torta salata, stesa in teglia a mo' di crostata invece che avvolta attorno ad un ripieno, visto che il suo eccessivo spessore avrebbe compromesso le rituali pieghe dell'involtino armeno.

Nei borag andrebbe formaggio fresco acido ed erbe fresche, oppure carne mescolata a verdure. E nei piatti tradizionali della Pasqua armena esistono anche involtini di lavash (pane sottilissimo) farciti di riso speziato. Sapendo che questa torta non sarebbe mai stata ne' l'uno ne' l'altro ho pensato di farcirla sia con riso che con carne che con formaggio acido... ma a quel punto entra in gioco l'essere, appena rientrato da Napoli con salsiccia locale e provola affumicata verace. E che gli devo dire?!

Così la mia pseudo-sfoglia diventa la base per un sorprendente connubio tra logiche armene e sapori napoletani, in cui il limone fa da perfetto legame. Risultato: se si dimenticano Armeniua e Campania e ci si concentra sul sapore direi che ci si può decisamente esaltare!

PS: per la sfoglia da borag  mal riuscita non serve dannarsi con il delicato procedimento di preparazione (che spero di riuscire a documentare in un apposito post)... basta qualche foglio di phillo oppure un rotolo di pasta sfoglia industriale, a cui la mia pseudo-sfoglia assomiglia terribilmente!
TORTA DI RISO E BIETE AL LIMONE... CON PROVOLA AFFUMICATA E SALSICCIA NAPOLETANA!
ingredienti per 4-6 persone:
1 quadrato di pasta da borag a 8 strati c.a 30x30 cm (oppure una confezione di phillo o un rotolo di sfoglia pronta)
200 g di riso originario
400 g di biete da costa
250 g di ricotta
200 g di salsiccia napoletana
100 g di provola affumicata
1 uovo grande
1 limone
sale
pepe nero

Portare a bollore abbondante acqua. Intanto pulire le biete da costa e tagliarne a tocchetti sia i gambi che le foglie.

Salare l'acqua bollente, versarvi il riso, cuocere 4 minuti dal bollore e poi unire anche le biete. Quando il riso è cotto e le coste delle biete morbide: ci vorranno circa altri 8 minuti) solare e lasciar intiepidire riso e verdure ben allargati su un vassoio.

Spellare ed aprire la salsiccia; scaldare una piastra o una padella antiaderente a fuoco medio-alto e farla rosolare a secco in modo che rilasci il grasso, rimanga leggermente dorata all'esterno e sia uniformemente chiara all'interno. Non ha bisogno di essere salata. Una volta pronta tritarla grossolanamente e lasciarla intiepidire.

Spremere il succo e grattugiare finissima la scorza di mezzo limone, conservandone l'altra metà per la decorazione. Unire succo e scorza alla ricotta e lavorarla con l'uovo, sale e pepe. Ridurre a piccoli dadini la provola. Unirla alla ricotta insieme al riso e la salsiccia, mescolando bene.

Stendere la sfoglia in una pirofila tonda leggermente unta (se si usa la pasta phillo disporne 8 strati ungendoli uno per uno con poco olio o con burro fuso), ritagliarne i bordi in eccesso con le forbici e, se è sfoglia pronta o comunque spessa come la  mia (sic!), bucherellarne il fondo.

Versare la farcitura sulla sfoglia, livellarla bene e distribuire sulla superficie il mezzo limone rimasto, tagliato prima a fettine sottili e poi a spicchi.

Cuocere in forno statico a 180 °C per 30 minuti, fino a che la superficie del ripieno è bella dorata ed il limone asciutto.
Levare dal forno e lasciare intiepidire. Servire tiepida o a temperatura ambiente.
Detto questo: Naira se per caso mi stai leggendo... perdonami! All'essere non serve chiedere scusa, invece. Lui mi conosce e si è rassegnato da tempo. Peccato solo i limoni non fossero di Amalfi...
  • rivoli affluenti:
  • adoro il limone nelle ricette salate:  qui parte del mio repertorio. 

Commenti

  1. Conosco un pò la cucina armena perchè qui a Trieste serbi,croati,bulgari,bosniaci, gli armeni ovviamente anche se in minoranza e altri ceppi dell'est fanno parte del territorio triestino. Ottima vermanente e penso che la provola affumicata si sentira a basso ...volume.... lui non sopporta l'affumicato ma io lo ..ombreggio.. e lui nemmeno se ne accorge (risata) La pasta sfoglia perchè la fillo decedente non è facile trovare, l'assotiglio io con il mattarello per cui diventa una ..falsa fillo... ma riesce bene poi come croccantezza. Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti la provola affumicata napoletana qui non è facilmente reperivbile ed è molto più lieve della scamorza affumicata che a volte si usa, errando, come sostituto. Mi hai messo curiosità di stendere la sfoglia con il mattarello! Secondo me alla fine somiglia un po' proprio a questa strana pasta che mi è venuta fuori qui...

      Elimina
  2. Da napoletana, non posso che trovare golosissima questa torta salata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariella, anche la parte di famiglia partenopea qui in effetti non era per niente dispiaciuta

      Elimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!
In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa …

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!