Passa ai contenuti principali

pasta agli scarti di carciofo e arancia, per un MTC ridotto

Dopo che la Giornata Nazionale della Carbonara ha visto in rete un proliferare di paste condite in modo assurdo (la mia compresa!), l'MTC, nelle persone di Alessandra giudice titolare e di Greta giudice aggiunto, ha deciso di riparare allo scempio della pastasciutta improvvisata con il lancio di una nuova, piccola sfida adatta al periodo di restrizioni che stiamo vivendo: per modalità sceglie tempi brevi, regolamento snello e pubblicazione non sul sito MTC ma nel gruppo Facebook di appassionati dell'MTChallenge, mentre per il tema stimola a ragionare su un piatto di pasta con un condimento (ovviamente da mantecare) ricavato dagli scarti.

Il tempo che la mia mente partisse per un viaggio di ispirazione molto italiana, di cui parlerò in un altro post, e si è fatta Pasqua, così mi sono istintivamente ritrovata a non buttare nulla degli scarti prodotti cucinando per il pranzo festivo. Ci ho poi ragionato sopra il giorno di Pasquetta, esaminando criticamente i vari scarti pasquali con l'intenzione di trascorrere la giornata in relax creativo, magari senza pensare troppo alla splendida giornata di sole che, per la solita legge di Murphy, ci ha visti tutti blindati in casa.

La mia prima proposta per questo MTC ridotto parte quindi da una meditata selezione:
1) le foglie esterne e dure (va bene, ok, tecnicamente sono brattee o petali... ma stiamo easy) che avevo eliminato quando ho fritto i carciofi al sale di rose dell'aperitivo. NB: i gambi dei carciofi a casa mia non sono mai stati considerati scarti ma una prelibatezza e, ben pelati, hanno fatto parte del fritto.
2) Le due fette terminali, quelle quindi senza polpa, dell'arancia che ho affettato per farmi in casa i canditi e l'aroma d'arancia della pastiera.
3) Infine, e qui vedo già le risate delle due giudici, ho deciso di riutilizzare gli avanzi "esausti" di konbu e katsuobushi: sono un tipo di alga e delle scaglie di tonnetto secco tipici della cucina giapponese, che mi sono rimasti dalla  preparazione e filtraggio del brodo dashi che ho usato la sera di Pasqua per una zuppetta giapponese con uovo e soba come cena leggera.
Non mi sono inventata granché: in Giappone è costume, dopo aver preparato un ichiban dashi, ovvero il primo brodo nobile, destinato a zuppe e brodini eleganti, riciclare i suoi scarti di preparazione nel niban dashi, il brodo secondario, quello che non si serve mai in purezza ma viene usato per cucinare. Tecnicamente il mio non è un vero niban dashi perchè qui rinuncio, nella logica dei soli scarti, all'immancabile aggiunta di ulteriore katsuobushi fresco. Il brodo jap in questo caso non viene rinforzato nel suo sapore tipico ma integrato da aromi decisamente differenti e, per un cuoco giapponese, imprevedibili.

Se infatti in Italia l'abbinamento carciofi burro è tranquillo, almeno al nord, e quello carciofi e arance assolutamente sdoganato al sud, in Giappone (e non solo) dashi-burro è la nuova tendenza della cucina contemporanea... ma il vero azzardo è l'accoppiata dashi-carciofi, perchè in Giappone i carciofi non si conoscono molto, non si coltivano ne' si apprezzano, nonostante il loro sapore sia simile a quello dell'amato chorogi, un parente locale del topinambur. Non esiste dunque una storia di abbinamento dei carciofi con gli insaporitori classici della cucina nipponica. Ma, ho pensato, se in Italia funzionano benissimo insieme carciofi e bottarga... perchè non potrebbe succedere lo stesso tra carciofi e katsuobushi?

Per il resto vado di ricordi familiari e di storia dell'autarchia: le foglie dure dei carciofi lessate a lungo e poi spolpate con il cucchiaino riprendono una pratica che mia nonna veneta ha continuato anche a guerra finita e benessere raggiunto; la lessatura della pasta nel brodo deriva dall'insegnamento della mia nonna svizzera (per la verità lei lo faceva con le patate o con il riso) ad insaporire un piatto quando non aveva grassi per condirlo.
L'uso del burro, deciso già in partenza quando il pensiero è approdato a "giapponesizzazione" degli scarti di carciofo, mi ha dato non so perché la sensazione di facilitare la mantecatura (forse semplicemente lo visualizzo più "morbido e cremoso" rispetto all'olio), lega maggiormente il mio cuore nostalgico al ricordo delle nonne e mi permette di raccontare che in Giappone, superata la tradizionale diffidenza da baata-kusai, il burro è ultimamente di gran moda. Il burro sta  anche nel brodo, per profumare da subito le foglie, aiutare ad ammorbidirne la polpa (anche questa una fissa senza reale logica?) e per ottenere un brodo "grasso" che contribuisca alla mantecatura.

La scelta della pasta tra quelle che avevo in casa è caduta su dei rigatoncini di grano duro bio Saragolla di Rustichella d'Abruzzo per l'immediatezza del sapore di questo grano antico, adatto ad una ricetta semi-nipponica dove il condimento deve trovare anche nella pasta un equilibrio di aroma, oltre che di texture. Tecnicamente poi, nel formato del rigatone trovo accoglienza per la cremosità della salsa, nel colore bruno del Saragolla un legame con quello del carciofo, fusi visivamente a contrastare arancia, sesamo e pepe, e nella cottura relativamente breve di questo formato in versione Saragolla una possibilità che gli aromi di brodo e condimento vengano assorbiti fino nell'anima della pasta.
RIGATONCINI ALLE FOGLIE DI CARCIOFO E SCORZA D'ARANCIA, CON SESAMO E KATSUOBUSHI

ingredienti per 2 persone:
180 g di rigatoncini di Saragolla
le foglie dure di 2 carciofi (circa una quarantina in tutto)
2 fette di arancia non trattata tagliate alle estremità, dove non c'è polpa ma solo scorza
2 spicchi di aglio
1 pezzo di zenzero fresco grande come uno spicchio di aglio
1 pezzo di alga kombu già usata (in origine, prima del primo brodo, misura 7x7 cm e peso circa 8 g)
1 bel cucchiaio di katsuobushi già usato (peso da secco, prima del primo brodo, 15 g)
1 cucchiaino di katsuobushi secco
1 cucchiaio di salsa di soia
1 cucchiaino di semi di sesamo bianchi
40 g di burro
sale
pepe nero al mulinello

Disporre le foglie di carciofo in un tegame con 10 g di burro, 1 spicchio d'aglio e lo zenzero, prima sbucciati e pestati, la salsa di soia, 2 grani di pepe e 1 l di acqua. Portare a bollore, cuocere a fuoco basso per 20 minuti, poi spegnere e lasciar freddare tutto insieme.

 Filtrare il brodo di cottura (circa 800 ml) e versarlo in una pentola adatta alla cottura della pasta. Grattare la polpa dall'interno delle foglie di carciofo con un cucchiaino (meglio dalle punte verso il cuore, diceva mia nonna, così si prendono meno fibre) e radunarla in una ciotola: se ne ricavano circa 80 g.

Per il niban dashi mettere alghe e fiocchi usati in 600 ml di acqua fresca e scaldare a fuoco medio fino a che si formano le bollicine sul fondo. Levare l'alga e lasciar sobbollire piano per 3 o 4 minuti, poi spegnere, far riposare altri 5 minuti, filtrare ed unire al liquido dei carciofi.

Levare l'albedo da una delle due fette di arancia e metterne la scorza intera in un tegame con 30 g di burro e il secondo spicchio di aglio, spellato e schiacciato.

Fare ben insaporire un paio di minuti poi unire la polpa dei carciofi, regolare di sale se serve, e cuocere a fiamma vivace per 5 o 6 minuti, fino a che la polpa si è asciugata ed insaporita.

Intanto portare a bollore il doppio brodo e calarvi la pasta, cuocendola per 2/3 del tempo indicato sulla confezione (nel mio caso rispetto agli 8-10 minuti previsti ho cotto 6 minuti).

Tostare i semi di sesamo in un padellino antiaderente ben caldo, levandoli quando cominciano a scoppiettare.

Scolare la pasta e versarla nel tegame del condimento; spadellare un paio di minuti con l'aggiunta di una mestolata del brodo di cottura, fino a che la pasta è ben mantecata.

Levare la scorza d'arancia e l'aglio, completare con una bella grattata di pepe, mescolare bene e dividere nei piatti individuali.
Spolverizzare con la scorza d'arancia dell'altra fetta grattugiata fine, i semi di sesamo tostati, volendo un ultimo giro di pepe e, una volta a tavola, il katsuobushi secco: la foto non rende ma dal vero i fiocchetti di tonno che con il calore si muoveranno, danzando nel piatto di ciascuno in onore di questo virtuosismo del riciclo yoshoku.
  • rivoli affluenti:
  • credo abbia tutto il senso di questo mondo imperfetto aggiungere: con questa ricetta partecipo all'MTChallenge ridotto di aprile 2020 sulla pasta condita con gli scarti.
  • i rigatoncini di Saragolla e tutti gli altri ottimi prodotti di Rustichella d'Abruzzo si trovano facilmente on line qui

Commenti

  1. La descrizione di come sei giunta a elaborare questo condimento è poesia pura; la realizzazione è tecnica fatta poesia. Il risultato è invitante al massimo e contrasta con la mia misera e totale mancanza di idee.
    Grandissima Annalena!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mapi! Riprendere i tortuosi sentieri personali per un appuntamento MTC mi mancava come in questi giorni mi manca un balconcino...

      Elimina
  2. Quando passo dalla tua cucina, ci lascio gli occhi!!! Grazie per aver aperto le danze, e che danze. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vera difficoltà per me arriva ora che mi vado a confrontare con una seconda ricetta dove cercare la assoluta semplicità.

      Elimina
  3. Sembra buona... buonissima!!!! Ciao!
    (Dei carciofi non butti mai via nulla, troppo buono!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In qualsiasi modo si usino i carciofi il risultato è sempre una bontà, secondo me.

      Elimina
  4. Pensavo:pura poesia!
    Poi scendendo ho letto il commento di Mapi
    Che dirti? Mancavo da tanto tempo che quasi avevo dimenticato la sensazione di viaggiare quando ti leggo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo: viaggiare con la mente è per fortuna possibile e sempre motopiacevole

      Elimina
  5. Mi piace troppo. E ora che ho letto anche di più, come sempre. Accostamenti inusuali ma che mi hanno fatto venire l'acquolina e voglia di assaggiare il tuo piatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in fin dei conti gli accostamenti non sono poi così insoliti, se pensi olio invece di burro...

      Elimina
  6. Per questa sfida ho avuto solo idee banali. Poi vengo qui e trovo questa poesia culinaria. Quindi tanto di cappello (come al solito!) e vado a spremere meglio le meningi, perché il tempo è poco e concorrere con questi piatti non è uno scherzo. Complimenti davvero! Sono ammirata!

    RispondiElimina
  7. wow... solo a leggere la ricetta aumenta la salivazione. Adoro i brodi con questi gusti e la pasta con il contrasto carciofo e arancio deve essere spettacolare. Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena.. provaci! E se non trovi alghe e tonnetto secco magari trovi dashi in polvere, da diluire un pochino di più rispetto alle istruzioni sulla confezione. Oppure fai un brodo leggero di pollo con l'aggiunta di un fungo secco. E al posto dei fiocchetti finali... una spolverata di bottarga grattugiata.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  9. Sul konbu e katsuobushi ammetto di aver sogghignato, anche di sollievo (esiste un sogghigno di sollievo? se no, l'ho inventato poco fa) perché iniziavo a preoccuparmi, visto un esordio troppo occidentale. Poi però ho apprezzato immensamente l'azzardo perché è vero che. i carciofi non esistono, né in Giappone né qui. Per cui è un po' come il ghigno di sollievo: hai inventato qualcosa che prima non c'era e che, dal risultato, sembra reclamare un bell'atto di nascita e magari anche qualcosa di più: perché se già nella seconda prova hai lavorato in modo egregio, qui ti sei davvero superata. Complimenti, ma tanti.

    RispondiElimina
  10. e pensare che non ci vediamo da 1 anno e lavoriamo pure vicino!!! ora non importa perche siamo a casa ma il calenradio orientale del 2019 che ho conservato per te te lo porto lo stesso anche se andiamo a finire nel2021!!! Magari mangiando della pasta con degli "scarti" come i tuoi!!! lovvoti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lavoro più lì da giugno... ma vengo sotto il tuo ufficio quando vuoi, appena si ricomincia. E po ti invito pure a cena, questa volta organizzati prima con i cani e non cercare scuse!

      Elimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!