martedì 29 giugno 2010

rivisitazioni a catena...

Appena letto l'invito di Sigrid alla Festa del Cavolo mi sono detta: mi ci ficco subito! L'unico dubbio rimaneva la scelta della ricetta, visto che tutte quelle giapponesi sarebbero state da parte mia troppo scontate, quelle ungheresi mi facevano venir da ridere solo a nominarle (tutta colpa di Giu, naturalmente) e quelle dolci tendevo a scartarle per sottili motivi di difficile compatibilità personale con il mondo zuccherino.

Il tempo passa e penso: ok, ora che vado in Gran Bretagna coglierò qualche spunto per ribaltare al salato qualche bocconcino del tea-time, come da corretta tradizione inglese.  Poi gli eventi si accavallano, il tempo passa in altre operazioni, il viaggetto è in realtà un lampo iperfarcito ma, appunto, brevissimo ed infine non ho più la testa per mettermici come si deve.

Mi accorgo che avrei fatto meglio a sfruttare prima del viaggio risorse già esistenti, tipo il  riso cotto alla giapponese ( in sostanza come questo), che mi preparo comunque quasi quotidianamente e con cui avrei nel frattempo potuto facilmente riproporre una versione personale di uno dei piatti giapponesi di Sigrid... Ma detto riso ha finito più volte per essere regolarmente consumato con voracità invece di essere riservato a variazioni sul tema. Così mi ritrovo da capo.

Mi assale la tentazione di recuperare per l'occasione un qualche mio post esistente. Sarebbe facile: questo edamame gohan in variazione al riso bianco di pag. 210, la zuppetta di seppie allo zafferano al posto di quella sigridiana di cozze di pag. 50, le polpettine di salmone in alternativa a quelle di spada di pag. 124, oppure questa pasta con prosciutto e fichi speziata a modificare quella sua di pag. 106. Però non credo abbia davvero un senso, in fondo: gli ingredienti coincidono solo per caso, non si tratterebbe di "vere rivisitazioni" pensate partendo dai suoi testi. E poi alcune ricette sono addirittura presenti qui sul blog da prima dell'uscita del tuo libro di Sigrid! Che figura ci farei?!

Così, dopo aver accuratamente raccolto tutte le mie alternative qui sopra  mi sono guardata dentro seriamente... ed ho rinunciato, pensando che questo sarebbe stato un post intriso di rimpianti, oppure neanche mai pubblicato...

Fino a stamattina, quando mi chiama un'amica del Cavolo e mi chiede di preparare a quattro mani e poi pubblicare una sua rielaborazione del Pane Ripieno, una delle ricette dei lettori, pubblicato da Sigrid a pag. 158, nel capitolo dedicato ai picnic.

La mia amica si chiama Paola, non ama scrivere ne' fotografare e non ha uno spazio virtuale tutto suo, anche se la sapienza delle sue mani napoletane nel realizzare capolavori della cucina mediterranea  tradizionale meriterebbe assolutamente di essere più conosciuta...

Piccoli esempi della sua grande maestria presenti in rete sono questi ravioli di genovese e la confezione casalinga di vari tipi di salsicce, pubblicati su un blog di amanti della planetaria Kitchen Aid a cui lei partecipa con entusiasmo.. sempre che trovi una spalla che trascriva le sue ricette, tutte rigorosamente fatte "a occhio", da brava regina del "q.b."!

Mi sento tranquillamente di inserire d'autorità questo post, nonostante lei non sia una professionista, nella categoria "chef veri", indipendentemente dalle sue vibrate proteste...

Dunque mi scuso della lunga introduzione grondante di protagonismo (avrei potuto evitare tutto questo sfoggio di bloggaggine, vero?! Ok, nessuno ne tenga conto, 'che il bello viene adesso!) e da questo momento lascio completamente campo libero a

Paola che prende spunto dalla versione di Sigrid della ricetta di Marinella prepreparare il suo "Pane Ripieno", alias "Casatiello Napoletano alle Verdure"


La profonda anima napoletana di Paola infatti ha visto subito nascere in questo pane ripieno un casatiello, che oggi le piace immaginare farcito di verdure, grazie allo spunto del libro di Sigrid, anzichè con i tradizionali formaggi, salumi e uova sode coma vuole la più pura tradizione napoletana. Sarà perchè, come ha notato lei, "il libro è bellissimo, anche se manca qualcosa... non ci sta niente di napoletano!"

Ha cominciato dunque dall'impasto per il pane:
500 gr. di farina 00 (+ quella per la spianatoia)
250 gr. di manitoba
37 gr. di lievito di birra fresco
250 ml. di latte
2 cucchiai scarsi di strutto
1,5 cucchiaini di sale

Intiepidire appena 200 ml. di acqua (definizione tecnica: "appena di temperatura") e sciogliervi il lievito.

Setacciare le due farine con il sale ed unirvi il lievito sciolto, il latte e lo strutto, lavorare energicamente (meglio nella planetaria) fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico e mettere a lievitare in luogo tiepido ed umido coperto da un panno per un paio d'ore.

Nel frattempo ha preparato il ripieno:
1 grossa zucchina
1 grossa carota
1/2 bicchiere di piselli freschi sgisciati
70 gr. fagiolini
2 melanzane lunghe e sottili
10 pomodorini secchi
80 gr. di provolone dolce
50 gr. di parmigiano
1 cucchiaio di strutto
5 foglie di basilico
1 tuorlo
olio extravergine di oliva
sale
pepe
peperoncino in fiocchi
farina per spianatoia e stampo

Mettere i pomodorini a bagno in un bicchiere di acqua per un paio d'ore.

Ridurre carote e zucchine a dadini, saltare le carote in un cucchiaio di olio e, dopo qualche minuto, unire le zucchine, lasciando ammorbidire bene il tutto e salando verso la fine.

Cuocere i fagiolini a tocchetti in 3 o 4 cucchiai di acqua ed un paio di olio, lasciando consumare il liquido e salando leggermente e fare lo stesso con i piselli.

lavare bene le melanzane, eluminare la parte di polpa centrale con i semi e risurre la parte con la buccia a dadini, saltandoli poi in un paio di cucchiai d'olio caldo, coperti con una reticella senza rimestare per il primo paio di minuti in modo che assorbano e poi rilascino il condimento. Poi salare e portare a cottura.

Mentre tutte le verdure intiepidiscono tagliare il provolone a dadini, grattugiare il parmigiano e stracciare con le mani le foglie di basilico in pezzetti minuti.

Stendere l'impasto su una spianatoia infarinata in un rettangolo di circa 20 x 50 cm. con uno spessore non superiore ai 2 cm (in effetti qui paola l'ha stesa un po' più spessa, ma poi aveva l'impressione che "ci fosse troppo pane" ed il ripieno si fosse un po' troppo disperso...).


Spolverare la pasta con pepe e peperoncino e distribuirvi sopra tutte le verdure ben scolate dai loro condimenti, il basilico ed i formaggi, terminando con 1/2 cucchiaio di strutto in fiocchetti, lasciando ben liberi i bordi.


Arrotolare con cura la pasta sopra il ripieno da un lato lungo con le mani ben infarinate, quindi sovrapporgli l'altro lato, in modo da ottenere una sorta di cilindro ripieno. Sigillare l'ultimo lembo inumidendo l'impasto con qualche goccia dell'acqua di ammollo dei pomodori.


Attorcigliare su se stesso il cilindro, curvandolo nel frattempo in modo da formare un anello con le due estremità a contatto.


Ungere uno stampo a ciambella con lo strutto rimasto, infarinarlo leggerissimamente ma con cura e trasferirvi il casatiello raccogliendolo con mani ed avambracci ("perchè il cibo va abbracciato, come tutte le cose belle"), badando che si inserisca tutto perfettamente ed in modo uniforme, eventualmente livellandolo poi con le mani.


Spennellare la superficie con il tuorlo sbattuto e rimettere a lievitare per un'oretta. Poi accendere il forno a 180° ventilato.


Infornare il casatiello sul piano più basso del forno, cuocendo per circa 5 minuti.


Abbassare la temperatura a 170°, cuocere per 25 minuti quindi con uno stecchino verificare l'umidità dell'impasto, contuinuando poi la cottura di nuovo a 180° per altri 10/15 minuti, fino a che il tutto è ben gonfio, la superficie dorata e l'interno dell'impasto asciutto.


Levare dal forno, lasciare leggermente intiepidire e sformare il casatiello, capovolgendolo prima su un piatto e rovesciandolo poi sul vassoio da portata. Aspettare che sia tutto tiepido o freddo prima di affettare (... anche se resistere è difficile!)
[PS: come si nota, la preparazione non è stata a quattro mani: quelle inquadrate sono solamente le mani di Paola! Solo a lei va dunque tutto il merito della ricetta, dell'effettiva nascita del post e della partecipazione concreta  sul filo di lana (pant pant!) alla Festa di Sigrid...]
  • rivoli affluenti:
  • ovviamente: Sigrid Verbert, Il Libro del Cavolo, Cibele.

17 commenti:

  1. Rivisitazione geniale!
    Ciao e in bocca al lupo per la riffa.
    Una tua avversaria!

    RispondiElimina
  2. @francesca: macchè avversaria...
    E poi io non c'entro niente, qui la colpa è tutta solo di Paola! Fai a lei auguri e complimenti...

    RispondiElimina
  3. grande paola!!!!! per camilla sei un mito :-) brave ragazze! io invece non ce l'ho fatta... vediamo se domani riesco al volo... ma dubito :-(
    belle donne e care amiche, un abbraccio!
    b

    RispondiElimina
  4. @babs: come ti capiamo, cara la nostra donna super-impegnata...

    RispondiElimina
  5. Quante belle emozioni in questo post : 2 splendide amiche , una cucina con un tavolo a quadretti bianchi e rossi , dove ho trascorso davvero dei bei momenti .Grazie ! un abbraccio a tutte due , brave .

    RispondiElimina
  6. Che bellezza di ricetta!! Complimenti a entrambe :)

    Su lungaggini e protagonismo: ma vogliamo scherzare? Nei blog almeno possiamo esternare un po' di noi. Personalmente non amo i blog "nudi", con la sola descrizione di ingredienti e metodo. Dietro alla ricetta c'e' sempre qualcuno e, quale che sia la ragione, offrire qualcosa di se' ai lettori e' un modo per comunicare. In un mondo dove ci si parla sempre meno.
    (vabbe', sono andato fuori tema... mi succedeva anche a scuola, dove mi dicevano "veramente interessante e ben scritto, ma *che c'entra?*)

    RispondiElimina
  7. @chiara: ribadisco che quella brava, qui, non sono io... Parla con chi di dovere!

    @corradoT: tu sei andato sul raffinato con il profumo dei limoni, Paola qui ha invece giocato sul popolare, credo che i complimenti ve li meritiate pienamente tutti!
    In quanto ad andare fuori tema... secondo me se una volta ci mettiamo davvero noi a parlare non ci ferma più nessuno!

    RispondiElimina
  8. Per "colloro" che partecipano alla "loteria" sarà un verò sballo pescare uno dei premi così poco pubblicizzati nel blog, libro incluso ahahahahahahaha
    Scusa ma non mi sono proprio trattenuto e tra l'altro anche se dalle due righe sopra non si evince credimi che non è malizioso il tono...tutt'altro solo divertito anche perchè pensavo che puntavi al kit di alghe! ehehhehehe
    Torno serio e dico che il Casatiello Napoletano alle Verdure è SPETTACOLARE!
    Qui veramente mi sono commosso :)

    RispondiElimina
  9. senti questa cosa e' bella e impossibile...bravissime chi l'ha fatta materialmente e chi l'ha pensata...besos

    RispondiElimina
  10. appero... tanti pensieri-direttamente proporzionale tanta produzione!!! e tanta intesa anche in qualità e gusto... come ha detto glu.free...bello e impossibile!! complimenti ragazze:)
    Besos
    Pat

    RispondiElimina
  11. dopo vari infruttuosi tentativi di inserire un commento dall'iphone, finalmente, rientrata a casa, vi riesco dal computer.
    Mitica Acquaviva che riesce a costruire intorno ad un piatto,anche il meno elaborato,un post che trasmette emozioni descrivendo episodi reali ripescati nello sguardo, nel cuore, nel passato remoto o recentissimo suo o di chi ha avuto la fortuna di incontrarla o anche solo di passarle accanto. A lei vanno perciò tutti, ma proprio tutti anche i miei Brava!Sei un mito!
    P.s. Non lo dico per falsa modestia, ma io in cucina sono proprio quella del q.b. Chi mi conosce può confermarlo. E mo' ci stava sul blog il post con la ricetta del casatiello "arrevutato" senza acquaviva!
    Paola
    p.s.p.s.
    non risco a postarlo con il mio account Google... ed allora vado con "anonimo"

    RispondiElimina
  12. @gambetto: a dir la verità non sono io che punto alle alghe, è Paola che punta a divertirsi cucinando... e come napoletana-inside mi sento pienamente di condividere la tua commozione!
    Il puro divertimento è comunque lo spirito dell'intero gioco, a cui mi fa piacere partecipare "nonostante" ci siano premi in palio, dato che di carattere davvero aborro la competizione (vero motivo per cui forse sotto sotto non mi sono davvero impegnata a proporre una ricetta mia).
    Poi giustamente ognuno fa le proprie scelte, sia di visibilità del blog che di collaborazione con aziende, scelte che non mi sento assolutamente di giudicare quando diverse dalle mie, se non sono dannose alla salute di nessuno...
    E poi ho amici che commettono errori nel parlare e nello scrivere senza essere neppure stranieri (!) ma mi restano simpatici lo stesso, anzi: i loro modi di dire sono diventati oramai una sorta di gergo che identifica il gruppo.
    Che dici: dovremo perdonare anche lei, "missà"...

    @glu.fri: in che senso impossibile?! certo tu devi girare al gluten free la parte "panosa", ma per il ripieno basta usare qualsiasi verdura ti capiti sottomano cotta come ti pare, avanzi del frigo compresi. Come credi nasca la cucina popolare altrimenti?!

    @patricia: l'intesa è stata puramente operativa: lei inventava e cucinava ed io fotografavo... e le sottraevo gli ingredienti di mano per pesarli!

    @paola: ma va là... il mito (napoletano) sei assolutamente tu. E guarda che sono i risultati a parlare...

    RispondiElimina
  13. Complimenti a tutte e due, meravigliosa ricetta. . . meravigliosa l'amicizia!
    Comunque mi piacerebbe conoscere anche la ricetta originale!!!
    A presto carissime

    RispondiElimina
  14. Wow...una ricetta napoletana sul tuo blog!

    Che mito 'sta donna!

    RispondiElimina
  15. @monica: concordo, senza la complicità nel divertirsi a pasticciare credo la ricetta avrebbe avuto un altro sapore...
    La ricetta originale del casatiello prevede, al posto delle verdure qui sopra, dadini di salame napoletano e spicchi di uova sode, oltre a provolone, parmigiano e pepe, presenti anche qui. Poi in realtà ogni famiglia ha la propria ricetta segreta. Il procedimento è grossomodo analogo, mentre per le dosi... inutile chiedere a Paola, lei va a occhio. Comunque la prima volta che lo facciamo insieme misuro tutto e poi ti riferisco!

    @virò: vedi? Uno viaggia, viaggia... e poi quello che gli interessa davvero lo trova anche sotto casa!

    RispondiElimina
  16. Grazie già leggendo gli ingredienti, se non fosse questo caldo tropicale, mi verrebbe voglia di provarla subito!!
    A presto molti abbracci

    RispondiElimina