Passa ai contenuti principali

risotto anni '70 alla banana, che adoro

Quando Il Clan del risotto del venerdì ha proposto come tema il risotto d'epoca sono istintivamente partita con la ricerca del prima citazione di un piatto che potesse somigliare al risotto come lo intendiamo oggi. Se pure il riso era conosciuto dai Romani, coltivato in Italia, soprattutto a partire dal XVI secolo ed appariva come ingrediente sulle tavole dei ricchi, lo si è cominciato a cuocere con il metodo della risottatura solo verso metà '800, quindi non occorre andare poi così indietro nel tempo.

Poi mi sono detta: ma perchè complicarmi sempre la vita quando ho memoria diretta di piatti anni '80 tranquillamente citabili come "d'epoca" in risotti improbabili quanto gustosi? Vogliamo scordarci ingredienti iconici e onnipresenti come pompelmo, rucola, salmone affumicato, palmito o pepe verde? E che dire della panna, il cui utilizzo "in qualsiasi salsa" per la verità inizia nei primi anni '70 e scema solo con gli albori del 2000?

Poi ho pensato che mi interessavano in verità di più le mode specifiche legate al riso, quelle ancora timide nel dopoguerra ma  poi dilagate negli anni '70 (per i precursori) e '80 (per gli emulatori) in quella voglia dell'osare in cucina che ricalcava la sensazione di potersi permettere di tutto che sava cominciando a permeare anche la vita quotidiana il generale. 

Durante i dialoghi nel Clan ne ho già citato esempi di famiglia, come il risotto mele e salsa Worcestershire o quello al blue curacao, ma in quella fase avevano grande successo in famiglia anche i risotti fragole e panna o quello arance e taleggio, per non farsi mancar niente.

Più di tutto però, per chi non lo ricordasse, la vera moda dei più glamour in quegli anni per il riso era darsi all'esotico e cuocerlo pilaf. Ovviamente la mia discendenza svizzera non mi può far ignorare in tal senso il riso Kasimir con pollo curry e frutta, di cui ho raccontato già essere un piatto delle feste della mia adolescenza, ne' quei pranzi della domenica sul lago di Como con il riso pilaf dell'allora ristorante del cuore, rosso di pomodoro e colorato con piselli e mais!

Così ho deciso che la giusta via era quella di mezzo cercare un pilaf d'epoca tra quelli più curiosi e trasformarlo in un risotto. Sarà che l'abbinamento del curry con la frutta è per me, come dicevo, un sapore d'infanzia, ma ci ho messo un po' a capire che il Riso alla banana da pagina 256 del numero di marzo del 1973 de La Cucina Italiana poteva non apparire tanto normale a qualcun altro almeno quanto la ricetta a fianco, quella di un risotto nasello e mascarpone...
D'altro canto che io usi banane nei piatti salati non è una novità, vista la loro capacità di fondersi con altri sapori senza spesso nemmeno farsi riconoscere ma personalizzando meravigliosamente il piatto. Ne sono esempi riusciti la quiche banane e funghi, i muffin banane e zola, abbinamento perfetto anche per un risotto, lo stufato di pollo pomodoro e banane, o la zuppa fredda di banane e avocado, solo per citarne alcuni. 

All'epoca con la parola "curry" si indicava quel misto inglese di spezie indiane in polvere che in realtà non c'entra nulla o quasi con il concetto indiano di curry (ne accennavo qui); la miscela cominciava ad apparire nelle cucine italiane, spesso usata a sproposito, per quella voglia di evadere dai confini che ha decretato, negli stessi anni, i primi successi dei ristoranti cinesi. Ma nella cucina della mia mamma svizzera, abituata a cucinare con le bustine pronte, il curry era di casa.

Ecco perchè a me è pasta subito una ricetta "normale". Quando però l'ho proposta (quella volta in versione originale "da rivista") all'essere napoletano che mi vive a fianco, lui si è stranito parecchio. E ho capito che sono io quella anormale. Quindi questo è il risotto che presento per la categoria "d'epoca" ma probabilmente avrei dovuto inserirlo in quella "famolo strano" della settimana scorsa!

Sostanzialmente la ricetta del '73 era, appunto per la moda del momento, un riso cotto con il metodo pilaf, anche se ancora non veniva citato per nome e la presenza del vino bianco ad ammorbidire le banane era quantomeno singolare. Qui ne riporto solo l'elenco degli ingredienti, con alcuni piccoli ritocchi miei, che ho indicato tra parentesi, così come ho segnato le dosi mancanti nell'elenco originale che però erano riportate nel testo della ricetta. 

Mi incuriosiva molto la nota aspra della guarnizione, che nell'esperimento con l'essere avevo evitato perchè lui non ama i sottaceti, così oggi decido di portarla anche all'interno del risotto, in cui inserisco anche un po' dei colori dei decori visto che mi ero ripromessa di smetterla con i risotti beige! 

Altra variante, rispetto alla presentazione della rivista, opto per un impiattamento decisamente più "anni '70". Per ottenere un risotto stravolgo infine il procedimento di cottura ma non perdo l'occasione di riportare qui due chicche d'epoca: le ultime righe della ricetta ed il successivo  commento della mitica signora Olga.

Al termine del procedimento si scriveva: Può essere servito anche tiepido o freddo. E’ altresì adatto quale accompagnamento a vari piatti di carne; in quest’ultimo caso le dosi saranno più che sufficienti per 6-8 persone. Mi piacerebbe capire a cosa ci si riferisse, dei "piatti di mezzo" proposti sullo stesso numero: manzo alla birra, coda ai peperoni, pollo coi piselli o forse bianco costato alle erbe?

Questo invece... Il parere della signora Olga: eliminando il curry e il decoro, questa prima portata diviene particolarmente adatta alle persone anziane ed i bambini, perché è un piatto “dolce” e molto nutriente. In verità il sapore finale non è affatto dolce. L'essere può confermare,
RISTOTTO ALLA BANANA (E PEPERONE) COME NEL 1973
ingredienti per 4 persone:
350 g riso Vialone (io Carnaroli Riserva San Massimo)
1 cipolla, circa 100 g
30 g burro (usato nel soffritto insieme all'olio, io invece solo per mantecare)
1 banana matura
(1) spicchio di aglio
(1 cucchiaio di) curry (raso, che carico qui con un pizzico aggiuntivo di curcuma, sempre per il colore)
(½ bicchiere di) vino bianco secco
750 ml brodo anche di dado (il mio vegetale vero di carota, cipolla, sedano e zucchina)
(2 cucchiai di) olio di oliva
(sale)

per guarnire:
½ peperone rosso sott’olio (che veniva sbollentato col cipollotto, io parto da 1/2 peperone fresco)

1 cipollotto (come tocco di verde ho preferito coriandolo fresco tritato, coerente con gli altri sapori)
(1 cucchiaino di aceto bianco e 1 pizzico di zucchero, per il mio peperone) 
Ridurre una parte del di peperone in 12 listerelle e scottarle per 5 minuti in 5 o 6 cucchiai di acqua portati a bollore con aceto e zucchero. Quando i peperoni sono morbidi ed il liquido è ridotto ad una cucchiaiata levare i peperoni dal tegame, conservando il loro fondo.
Tritare finemente cipolla e aglio e grossolanamente il resto del peperone. 

Lavare molto bene la banana intera con acqua e bicarbonato. Inciderne la buccia su un fianco lungo le coste di una delle sue falde, asportare il lembo tagliato come un coperchio e scavare fuori la polpa dalla "vaschetta" di banana, tritandola grossolanamente. Irrorare la polpa e l'interno della vaschetta con il liquido dei peperoni, in modo che non anneriscano e insieme si insaporiscano.

Appassire nell'olio cipolla, aglio e peperone tritato. Quando sono morbidi unire la banana tritata, insaporire un minuto, unire il vino e lasciar cuocere per 4 o 5 minuti, mescolando spesso, fino a che la banana si è quasi spappolata ed il liquido si è asciugato.

Unire il curry e il riso, crogiolare e unire un po' di brodo bollente, portando poi gradualmente a cottura con il resto del brodo, aggiunto poco per volta, mescolando spesso. Attenzione che lo zuccherino della banana tenderà ad attaccare sul fondo abbastanza facilmente.

Regolare di sale se serve, mantecare con il burro a dadini ben freddo, unire quasi tutto il coriandolo tritato e lasciar riposare un paio di minuti.

Disporre parte del risotto sul piatto e parte nella barchetta di buccia di banana (in verità: o si  preparano 4 vaschette o si dispone una banana unica su un piatto unico da portata). Guarnire con le listerelle di peperone agrodolci e un'ultima spolverata di coriandolo e servire, magari su tovaglia d'epoca stampata con vari cibi, tra cui un risotto... 
Assicuro che il risotto alla banana è migliore ben caldo. E che la banana, come suo solito, non si sente!
  • rivoli affluenti:
  • per chi fosse interessato alla storia del risotto (che, no, non ho ancora scritto, grazie!) qui un buon articolo. 

Commenti

  1. Davvero particolare, non lo ricordo ma ad onor del vero mia mamma ha sempre cucinato pietanze tradizionali. Sarei curiosa di assaggiare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per la verità anche la mia di mamma cucinava tradizionale... però svizzero! I risotti erano il campo sperimentale di mio papà, ma questo alle banane devo dire che non l'ha mai osato nemmeno lui. Buttati, che la banana davvero lascia una traccia particolare ma non sa di banana!

      Elimina
  2. Mi sono divertita tantissimo a leggere la tua presentazione: in particolare mi hanno emozionato i riferimenti al risotto taleggio e arance, a quello alle fragole e, su tutti, a quello al curaçao! Ancora oggi, per dire, ogni tanto propongo come aperitivo una miscela di un verdastro indefinito di prosecco, pompelmo e curaçao che ha le sue radici proprio nella zona spazio temporale a cui ti riferisci tu. Mi stupisco ogni volta di quanto siamo tutti profondamente figli della nostra storia!
    Il risotto alle banane non credo che lo farò ma la foto delle pagine della Cucina Italiana del 73 valgono da sole l'intero post! Bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti: oggi si parla di risotti vintage ma se ci facessero aprire il capitolo dei cocktail anni '80...
      PS: e pensa che qualcuno mi ha pure regalato una Cucina Italiana del mio mese e anno di nascita... E' la prima cosa che ho guardato, ma c'erano sono ricette poco rappresentative di un'epoca: risotto ai piselli e pancetta, risotto pomodori e acciughe e un minestrone col riso. In compenso già appariva il cocktail di scampi e con le banane c'erano delle crepes flambate al cognac, da servire su vassoio d'argento.

      Elimina
  3. Mi ispira ma tanto, tanto, tanto.
    Fa venire voglia di mangiarlo; mi piacerebbe farlo ma dovrei mandare la Manu a fare un giretto mentre lo cucino-
    Brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo tu con il tuo risotto alle fragole, che mi ha tentato fino all'ultimo (se non che quello di mio padre era mantecato con frullato di fragole e panna e mi sembrava troppo "scorciatoia"). Per la Manu non ti preoccupare: il sapore che lascia la banana non è quello di banana e l'essere qui, a cui l'ho servito impiattato senza la "barchetta", ha prima apprezzato e poi si è sconvolto quando gli ho elencato gli ingredienti... ma glielo ho detto dopo che l'aveva mangiato! Comunque in questo caso contribuisce anche il curry a sviare, come nel risotto che ho linkato sopra aiutava il gorgonzola...

      Elimina
  4. Effettivamente sarebbe stato più da "famolo strano" 😁😁😁 mai provata la banana nei piatti salati, con calma ci arriverò, devi studiarmi tutti i tuoi link!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse quando mi hai invitato in mezzo a tutti quegli chef non ti eri resa conto cosa ti stavi portando in casa e di che magre figure ti avrei fatto fare...

      Elimina
  5. Per me non è terribile l’idea di banana nel riso, ha un suo senso in linea con l’idea dell’esotico più hawaiano e polinesiano che asiatico di moda in quegli anni tra club med e USA. Mi chiedo se la CI non abbia semplicemente usato una comoda banana al posto di un platano di difficile reperimento. L’entrata nel mercato europeo dei giganti USA del commercio alimentare aveva reso comuni prodotti un tempo carissimi come le banane appunto. Il marito di mia mamma ricorda quando in Francia da ragazzo aveva comprato un casco di banane che in Italia non c’erano, era l’inizio degli anni Cinquanta e le banane erano maturate troppo nel suo zaino mentre in bici tornava verso Firenze. Venti anni dopo le banane erano diventate una merenda o un fine pasto alla moda. Nel riso la banana poteva fare l’occhiolino ai piatti che in vacanza esotica i più ricchi tra gli italiani cominciavano a conoscere.
    In fin dei conti una fusion di zone diverse: meno Africa e più Polinesia.
    Mi piacerebbe vedere tutta la ricetta originale, anche.

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!