Passa ai contenuti principali

l'importanza di essere (e basta)

Una puntatina al mare di giugno. Non per il sole o la spiaggia, ma per quella sensazione di vacanza, di luogo speciale, di essere in un deciso "altrove". E per stare fuori dalle convenzioni chi meglio di Oscar Wilde?

Prima di tutto bisogna assistere alla sua commedia L'importanza di Chiamarsi Ernesto, o almeno leggerne con grazia e cura il testo. Il resto viene da sè, niente di impegnativo: basta prendere una capiente borsa di cuoio, riempirla di fogli di appunti (oppure deporci un bambino, a scelta), recarsi a Victoria Station a Londra, acquistare un biglietto per la linea diretta a Brighton, dimenticare naturalmente la borsa al deposito bagagli, accomodarsi in treno e ricordarsi di scendere alla fermata di Worthing...


Si dice che soggiornasse proprio qui Oscar Wilde  mentre scriveva L'Importanza di Chiamasi Ernesto (la traduzione che preferisco perchè non perde il doppiosenso è la molto più sottile Importanza di Essere Franco), il cui protagonista prende rocambolescamente il nome proprio da questa località balneare della costa meridionale inglese... Ed è proprio in omaggio a questo capolavoro dell'ironia che ho scelto di scendere dal treno qui, a Worthing, invece che nella più blasonata Brighton.

Un'atmosfera perfetta, in questo giorno qualsiasi, infrasettimanale, fuori stagione (già, perchè qui gli Inglesi vengono prevalentemente a luglio ed agosto). Niente di malinconico, di elegiaco, di romantico. Neppure nessun profumo di mare, stranamente, forse perchè il vento proviene da terra.

Silenzio puro, aria come lucida, qualche stridìo di gabbiani, coppie di vecchietti che passano senza notare altro, totalmente immersi nel loro modo di vivere queste gocce di vita preziosa.

La perfezione. Da godersi lentamente, ad occhi sgranati, a bavero alzato, a capelli sciolti. Con l'Ernesto di Wilde sottobraccio, naturalmente.

Non ho altre parole per oggi. Parla meglio di me la luce di questo fantastico cielo inglese che domina su tutto.
Sopra le case vittoriane


sopra la voglia di ammirare il mare rimanendo riparati


sopra quei moli di inizio secolo senza cui perderebbero completamente senso tanti meravigliosi romanzi (so che il mio è prevalentemente un ricordo visivo, ma non posso non pensare alla breve passeggiata  di Emma Thompson e Antony Hopkins  nella versione cinematografica di Quel che resta del giorno...),



sopra i fasti dei grandi alberghi


e sopra i giochi dei piccoli abitanti


e poi sopra i preparativi per la stagione a venire, con ritocchi e luminarie


e sopra tutte quelle profonde sensazioni di appartenenza e benessere che non hanno assolutamente niente di razionale ma ti fanno sentire "a posto" in un luogo mai visto prima.

Sensazioni talmente potenti che ti fanno pure passare la fame, come se in quel momento si potesse assolutamente vivere d'aria. Così di cibi locali non ho memoria al momento. In attesa che mi si schiariscano le idee, anche se la ricetta non è  per niente anglosassone, oggi almeno mi tengo sul pesce...


Insalata di coda di rospo e cannellini al timo
ingredienti per 2 o 3 persone come secondo, per  6 come antipasto:
180 gr. di polpa di coda di rospo a dadini
125 gr. di cannellini cotti
1 bel pomodoro cuore di bue
1 spicchio d'aglio
4 rametti di timo
4 cucchiai di vino bianco secco
1 cucchiaio di maionese soda
2 cucchiai di olio
sale, pepe bianco al mulinello

Ridurre la polpa di pesce a dadini non più grandi di 1 cm. ed asciugarli bene con carta da cucina; schiacciare l'aglio non sbucciato con un colpo deciso di coltello tenendo la lama di piatto; sfogliare il timo raccogliendone le foglioline in un piattino.

Scaldare l'olio in un largo tegame e saltarci velocemente i dadini di pesce insieme all'aglio dfino a quando la coda di rospo non è diventata bianca su tutti i lati e l'aglio comincia a dorare.

Eliminare l'aglio, spolverare con metà del timo, salare leggermente e sfumare con il vino, lasciandolo restringere un minuto o due, quindi pepare leggermente, spegnere e lasciar intiepidire.

Nel frattempo tagliare il pomodoro a dadini, eliminare i semi e lasciar scolare leggermente salato su un tagliere inclinato; se si usano fagioli in scatola scolarli e risciacquarli dal liquido di conservazione.

Diluire la maionese con due o tre cucchiai di fondo di cottura del pesce fino ad ottenere un salsa fluida, regolare se serve di sale, unirvi il timo rimasto ed un'altra macinata di pepe.

Miscelare i dadini di pesce scolati del resto del loro fondo con i cannellini ed i pomodori, condire con la maionese aromatizzata e servire in ciotole individuali o in bicchieri di vetro, eventualmente accompagnando (o miscelando, se serve "far volume") con foglie di insalata verde.
  • rivoli affluenti:
  • in qualsiasi lingua capiti sottomano, assolutamente imprescindibile: Oscar Wilde, The Importance of Being Earnest, 1895
  • tra Giappone e Gran Bretagna (come il mio mood più recente): Kazuo Ishiguro, The Remains of the Day, 1989 e film omonimo di James Ivory, 1993.

Commenti

  1. Aaaaaaaaaaah questo post me lo tatuo!
    Torno più tardi a commentare meglio, ma sappi che mi hai toccato il cuore :-)

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Sentirsi cittadini del mondo in terra straniera è una sensazione piacevole, fin troppo come sottolineavi prima...da levare anche la fame. Istantanea pressochè perfetta di uno stato d'animo che poi a posteriori suscita sempre sorrisi lenti e confortevoli.
    Almeno lo è stato per me.
    Adoro la coda di rospo ma mai l'ho preparata all'insalata. Grazie per l'ottimo spunto :)

    RispondiElimina
  3. sei tornata :-)
    e a quanto pare è stato un bel we!
    brava :-)
    tornate pure noi da una 6 giorni di mare 4 e mezzo sotto il diluvio....
    meglio, molto meglio il tuo mini viaggio, la prossima volta mi aggrego!
    bacione :-)

    RispondiElimina
  4. ah l'Inghilterra, ma non è che sono io quello seminascosto dal separé? la rotondità mi sembra uguale...

    RispondiElimina
  5. Wilde mi ricorda tantissimo l'università e il mio periodo a Bristol...grazie per avermi fatto ricordare ed emozionare!

    RispondiElimina
  6. Che bella insalata, che bellissimi accostamenti di sapori :)
    E che bella prosa.
    (Ti leggo sempre con piacere)

    RispondiElimina
  7. @muscaria: certo che... tra me che scrivo alle tre di notte e tu che leggi alle cinque del mattino siamo proprio conciate bene!!!

    @mi piaciono da matti questi stati d'animo che tardano a passare...

    @babs: sì, ho letto ed ammirato... nel tuo caso direi molto più la figlia che il panorama!

    @enrico: ti sapevo su altri lidi ma in effetti il mondo è talmente piccolo che non ci sarebbe da stupirsi...
    (PS e se continuo così non è detto che le raggiunga pure io certe rotondità...)

    @blueberry: grazie a te. Wilde comunque potrebbe quasi essere una fede...

    @corradoT: grazie della pazienza!!!

    RispondiElimina
  8. England in my heart...so far, so near, even here.

    RispondiElimina
  9. @glu.fri: certo che se te vai via così, dall'altra parte del mondo...
    Facciamo che cerco di compensare con qualche altro piccolo post in tema, prossimamente. Può aiutare?

    RispondiElimina
  10. Si dai organizziamoci..!!.questi giorni sono stata sul mare atlantico, esperienza non esaltante dal punto di vista gastronomico, ma l'oceano e' stato emozionante...Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. deve essere stato proprio un bel viaggetto!
    e quest'insalata sembra deliziosa =)
    dai un occhio a
    www.modemuffins.blogspot.com

    RispondiElimina
  12. Come disse qualcuno,e' difficile vivere all'altezza delle proprie porcellane,ma tu ci riesci senza sforzo...
    Wilde era un genio e quell'angolino di terra dove si trova adesso,a Pere Lachaise,e'un luogo che io considero magico.Per quanto riguarda il commento lasciato nel mio blog,ti rispondo qui:
    ne sarei onorata!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  13. @mmm: fatto...

    @edith pilaff. tu ci credi che la prima volta che ho visto Parigi, con due soli giorni a disposizione, uno l'ho dedicato al Pere Lachaise?!! E non per i Doors...

    RispondiElimina
  14. Struggente il tuo lato british...

    RispondiElimina
  15. @virò: e tu che aspetti a venirci con me?!

    RispondiElimina
  16. Quei paesi sulla costa... che avventure, in una vacanza-studio ormai fuori dal tempo!
    Grazie del tuo bel racconto che ha risvegliato cari ricordi :-)

    RispondiElimina
  17. Tu mi colpisci al cuore... con questo post, parole, foto, ricordi... luoghi... tutto evoca... muove emozioni!!!
    :)
    la mia amata Inghilterra....ahhh sospiro!!!

    Bella la ricettina... un bel finale che sa di mare!!!:)

    RispondiElimina
  18. @stef: pensa che ne avevo sempre letto ma sulla costa inglese non ero ancora stata. Devo dire che mi è sembrato un buon inizio. Credo che ora che sei cresciuto la vedresti con occhi diversi anche tu...

    @terry: e che, non lo sapevo?! Ti aspettavo al varco...

    RispondiElimina
  19. favorevole alle uscite, ai momenti rubati e al fuori stagione sempre...mi sono immaginata in questi colori con grigi e bianchi predominanti, meravigliosi. mai avrei pensato al mare inglese. invece dovrò...e poi quel film!

    RispondiElimina
  20. E' vero, siamo messe davvero bene come orari!!!! :-D

    RispondiElimina
  21. @mogliedaunavita: il mare inglese è una vera e propria una categoria di pensiero...
    Come "Quel che resta del giorno!, daltronde...

    RispondiElimina
  22. Borsa nasıl oynanır merak mı ediyorsunuz? Tıklayın: borsa nasıl oynanır

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!