Passa ai contenuti principali

galleggiare

Luigi è sospeso tra l'andare ed il restare, tra stasi e cambiamento. Ha condotto una vita serena fino ad ora, densa di emozioni ma fondamentalmente priva di reali scelte: la scuola adatta per prepararsi alla professione di famiglia, il militare vicino a casa, il lavoro ereditato, in società con il figlio del socio di suo padre, la fidanzatina del liceo che diventa serenamente moglie e madre dei suoi figli. La sua vita sembra un manuale di regolarità e predestinazione.

Una famiglia di tradizione sportiva naturalmente l'ha portato ad appassionarsi al movimento all'aria aperta e ogni domenica mattina, estate ed inverno, che piova o tiri vento, come ha fatto per tanti anni con suo padre anche oggi Luigi si ritrova ora con i due amici di una vita, quelli che ha contagiato con il ciclismo già dai tempi della scuola. Ogni volta fanno "il giro del fiume" in bicicletta, risalendo una riva del torrente che taglia in due la loro cittadina fino al Ponte di Monte, una ventina di chilometri più su, e riscendendo poi sulla sponda opposta.

Uno dei due amici è proprietario di un autosalone, l'altro cardiologo. Da oltre vent'anni la domenica mattina i tre condividono pedalando le esperienze di lavoro, gli aneddoti curiosi capitati in settimana, le piccole liti coniugali e l'orgoglio per le conquiste quotidiane dei loro figli in crescita.

E naturalmente si scambiano favori professionali, così uno è il fornitore ufficiale di automobili per le loro famiglie fino ai rami più estesi, un altro tiene sotto controllo i cuori di entrambi gli amici e dispensa paternamente consigli medici d'emergenza ad ogni ora del giorno e della notte alle mogli allarmate da un'improvvisa febbre del bambino o da un calo di voce che proprio non vuole passare.

Luigi fino ad ora con la sua attività, oltre a tenere alto in nome della famiglia d'origine nella tradizione manifatturiera locale e mantenere materialmente la sua famigliola, ha raccontato agli amici le future tendenze moda, procurando alle loro signore con una stagione di anticipo i tessuti da lui prodotti e scelti dai più noti stilisti per le future collezioni. La moglie del commerciante in particolare ha una sarta bravissima che con quei tessuti di campionario ha sempre confezionato modelli tra i più ricercati, rendendo il loro gruppetto particolarmente soddisfatto ed elegante.

Luigi oggi galleggia, invece. Pedana e non se ne accorge neppure. Pensa e non se ne rende conto. Per calo verticale delle commesse negli ultimi tempi ma soprattutto per mancanza assoluta di prospettive future si sta preparando all'idea che prima o poi l'azienda di famiglia andrà chiusa o ceduta.

Una evenienza su cui medita da tempo, anche se di fatto ha sempre cercato di restare sospeso sopra al problema, agganciandosi al tempo che passa a vuoto, sperando che rimandare servisse, attendendo un colpo di fortuna oppure un deus ex machina che gli porgessero con grazia una comoda soluzione. Nella sua vita di fatto è sempre successo così, in fondo.

Non ha idea di come salvare il buon nome dell'azienda e della famiglia da vergognosi pettegolezzi. E neppure sa come eventualmente trasformare le sue conoscenze in materia oppure qualcuno dei suoi pacati hobby in una professione alternativa, che gli consenta di continuare a mantenere i figli con uno standard dignitoso.

In un colloquio serio con l'amico cardiologo, preoccupato dai distrurbi fisici che gli sta causando lo stress di questi inaspettati eventi, è stato messo in guardia sugli esiti degli ultimi esami, per niente rassicuranti. Anche quella una tradizione di famiglia d'altronde, con un padre morto di infarto dopo ripetute trombosi ed una madre da sempre fragile per un soffio al cuore...

La salute più incerta del previsto non aiuta, perché il problema principale di Luigi è sempre stato l'ignavia: il sommarsi di pensieri per lui completamente fuori scala invece che spingerlo a reagire con lucidità ed energia tende ad affossarlo. La mente gira e rigira tra toni cupi e borbottii, inconcludente, sorda a tutto, ora anche con la paura di sentire il cuore accellerare il ritmo in petto senza preavviso. Dovrà decidere anche per il cuore se continuare o meno con la bicicletta domenicale.

Ha ricevuto qualche settimana fa un'offerta di collaborazione da un'azienda sua omologa. Invece di farsi concorrenza su un mercato nazionale che sta languendo il collega gli propone di unire le forze e produrre insieme per un nuovo cliente estero, il quale esige quantità e finiture che da solo non riuscirebbe a garantire.

Cliente nuovo. Mercato profondamente diverso. Potenzialmente buono. Potenzialmente... Operazione in cui condividere gli evidenti rischi in prospettiva di un possibile  ma concreto comune vantaggio. Viaggiare spesso, decidere velocemente, rischiare che vada tutto all'aria per fattori di quel mercato che lui conosce troppo poco. Certo, se questa collaborazione non risolve la situazione in assoluto certamente permette almeno di tirare in là con del lavoro concreto per il prossimo paio di anni. Sempre che funzioni.

Gli altri due amici pedalano al suo fianco per risalire il fiume e tacciono. Sanno di non poterlo consigliare. Il mercato tessile non è materia loro ma soprattutto conoscono il carattere placido di Luigi, sanno che non ha alcun senso pressarlo, che ha sempre lasciato accadere le cose, che la sua vita è stata decisa dal corso degli eventi, da un naturale fluire praticamente mai disturbato da una decisione importate, determitata, contro corrente. Presa in prima persona.

Il socio in azienda sarebbe favorevole a correre il rischio ma la maggioranza delle quote appartiene a Luigi. Sfortunatamente, pensa Luigi, perché ora  sta solo a lui, in ultima analisi, decidere che direzione prendere. Per la loro attività, per le famiglie loro e dei dipendenti, per la sua vita personale. Tocca a Luigi l'indeciso, l'ignavo. A Luigi galleggiante sulla vita, che sta lasciando scorrere il tempo.

Luigi che oggi saluta gli amici, sistema la bici in garage, si leva con calma i guanti sudati e ciabatta con le scarpette slacciate su per le scale in direzione di una bella doccia calda. Luigi. Che anche oggi non decide. Che probabilmente nemmeno domani farà nulla.

Oggi invece qui si sfogliano gli appunti dietetici dell'occasione light di questa estate. Con ritmo lento, su musica che fa galleggiare. Si decide per una piccola ricetta leggera, senza quasi condimenti. Anche questa a suo modo con qualcosa di galleggiante.


Bottoni di manzo, ricotta e fiori di zucca su crema di zucchine e salvia
ingredienti per 6 persone (circa 40 pezzi):
300 gr. carne trita di manzo
200 gr. di ricotta
3 zucchine (circa 600 gr.), qui sono trombette
8 fiori di zucca
1 uovo
2 cucchiai di grana grattugiato
1 cucchiaio di farina
4 foglie di salvia
1 cucchiaio scarso di olio extravergine saporito
sale
pepe al mulinello

Tagliare le zucchine a dadini e saltarle nell'olio caldo con due foglie di salvia fino a che cominciano a dorare.

Spolverizzare con la farina e lasciarla tostare, quindi salare e versarvi un bicchiere di acqua, lasciando cuocere le zucchine per un'altra decina di minuti, fino a che sono morbide ed il fondo di cottura si è ridotto ad una crema molto densa.

Nel frattempo mondare i fiori di zucca privandoli del pistillo, lavarli e tamponarli bene e ridurli a julienne grossolana.

Frullare le zucchine cotte fino a ridurle ad una crema liscia, incorporare le altre foglie di salvia fresche tritate finissime, pepare e mettere un terzo del composto in un'ampia terrina, tenendo da parte il resto e mantenedolo possibilmente tiepido.

Quando la crema di zucchine nella terrina si è intiepidita unirvi la carne, la ricotta ben scolata dall'eventuale siero, la julienne di fiori, il formaggio grattugiato, l'uovo, una bella macinata di pepe e regolare, se serve, di sale.

Impastare bene il tutto e suddividere in stampini antiaderenti per tartellette da 4 cm. bombando un po' la superficie superiore, quindi infornare a 160° ventilato (o 180° statico). Il tempo di cottura dipende dal formato degli stampini e dallo spessore delle polpette: così circa 15 minuti.

Per la versione fingerfood distribuire un cucchiaio o due della crema di zucchine rimasta in ogni ciotolina individuale e adagiare un bottone di carne a galleggiare su ciascuna,


Per un servizio a tavola dividere i bottoni sformati nei piatti individuali su un letto di crema di zucchine, oppure servire la crema a parte. Ugualmente buono se tutto è caldo, è tiepido o è a temperatura ambiente.

  • rivoli affluenti:
  • la colonna sonora della giornata è quella galleggiante, elegante e sommessa di: Erik Satie, Gymnopédies, 1888.

    Commenti

    1. LA ricetta come sempre qui da te è deliziosa....ma un in bocca al lupo grandissimo a Luigi.... a volte è bello galleggiare...ma raggiungere la rive.... è tutta un'altra cosa....baci, Flavia

      RispondiElimina
    2. In bocca al lupo a Luigi, cui spetta un compito molto difficile; complimenti a te per l'appetitosissima ricetta, invece. E' l'esempio concreto di cosa può fare l'amicizia. :-9

      RispondiElimina
    3. ottima ricetta, galleggiare....galleggiare....., quante persone galleggiano? ciao

      RispondiElimina
    4. Sicuramente le cose cambieranno per Luigi.
      L'importante è non arrendersi mai e sperare sempre nel meglio.
      Incupirsi a volte può solo peggiorare le cose.
      Luigi sono sicura che ce la farai come hai sempre fatto fino ad ora, devi crederlo ancora.

      RispondiElimina
    5. @eli.fla: deliziosamente sagge le tue parole!

      @mapi: l'amicizia... ed il pensiero creativo quando devi trovare profumi nuovi per sostituire l'aroma goloso del fritto!

      @flavio: il problema è che non hai certezze sul dove ti porti l'abbandonarti alla deriva...

      @annamaria: non agire mai affidandosi solo alla speranza del cambiamento rischia però di farti finire in guai peggiori. D'accordo, non serve a nulla adombrarsi, ma magari darsi una mossa in una qualche direzione potrebbe agevolare l'evolversi della situazone. Sempre ceh non si voglia ristagnare come stato permanente.

      RispondiElimina
    6. bella scrittura, bella ricetta,povero Luigi....

      RispondiElimina
    7. Complimenti per il blog!! davvero originaleee ^_^ Passa a trovarci,ti aspettiamo ;)

      RispondiElimina
    8. @poverimabelliebuoni: un piccolo spunto di riflessione con un tentativo di sprone. E una consolazione nella ricetta!

      @fava.pasiòn: molto carine le vostre opere, complimenti a voi.

      RispondiElimina

    Posta un commento

    post più popolari

    MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

    Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

    una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

    Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

    MTC giugno 2011... verso Oriente!

    Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

    riso Otello: un nero integral(ista)

    Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

    Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

    Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

    a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

    Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

    precisazione:

    Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
    Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
    Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!